Connect with us
Pubblicità

Trento

Cure intermedie: le precisazioni dell’assessore Segnana

Pubblicato

-

“Gli interroganti sono perfettamente al corrente della situazione venutasi a creare presso la struttura di via Piave, che ha visto fra l’altro le dimissioni presentate dal direttore Bottamedi alcune settimane or sono e delle quali siamo venuti a conoscenza dai giornali”.

A dichiararlo l’assessore alla salute Stefania Segnana, chiamata a rispondere al gruppo consigliare del Patt circa la scelta di spostare presso l’ospedale san Camillo il servizio di cure intermedie.

“Piuttosto – precisa Segnana – invito i consiglieri del Patt a domandare direttamente alla presidente Stenico nominata dalla precedente Giunta, come mai il suo predecessore aveva aderito a tale progettualità rendendo un servizio importante al capoluogo e ritenendo le tariffe e l’organizzazione coerenti con il bilancio dell’Apsp mentre lei – dopo solo pochi mesi dal suo insediamento – ha ritenuto tali attività, insostenibili dal punto di vista economico tanto da domandarne la chiusura e la riconversione in 20 posti letto di Rsa”.

PubblicitàPubblicità

La cronaca: dal luglio 2017 si era avviata una sperimentazione presso la struttura Beato de Tschiderer che prevedeva di destinare 20 posti letto alle cure intermedie, quelle cioè richieste da pazienti dimessi dagli ospedali ma che necessitano comunque di un periodo di convalescenza in ambiente protetto, soprattutto per quel che riguarda la somministrazione di farmaci e terapie adeguate. A luglio del 2018 è stata concessa una ulteriore proroga alla sperimentazione fissata in step successivi.

Per terminare la fase di sperimentazione, da parte dei servizi del dipartimento politiche sanitarie provinciali sono iniziati i confronti con la presidenza della casa di riposo al fine di determinare le tariffe per gli ospiti e la tipologia di servizi erogabili direttamente dall’Apsp al momento a carico dell’azienda sanitaria.

Il 24 luglio scorso la presidente Stenico ed i suoi collaboratori sono stati ricevuti presso il dipartimento provinciale ed hanno manifestato formalmente la difficoltà economica causata dalla presenza del reparto di cure intermedie valutando in circa 60 mila euro la perdita economica annuale. In tale sede veniva richiesto dalla presidente Eleonora Stenico l’incremento delle tariffe vigenti o la trasformazione dei 20 posti letto in altrettanti posti di Rsa e la contestuale  chiusura delle cure intermedie. Il dipartimento si riservava di verificare i conteggi economici esposti anticipando che non corrispondevano alle valutazioni economiche-organizzative elaborate in Provincia.

Il 6 agosto scorso Stenico veniva convocata presso il dipartimento per un nuovo confronto sulle tariffe al quale partecipava il solo direttore Bottamedi, che formalmente non ha accettato quanto proposto.

Il giorno successivo Bottamendi riferiva verbalmente dell’impossibilità del Cda dell’Apsp di riunirsi per esaminare la proposta formulata dal dipartimento il giorno precedente. In assenza di ulteriori comunicazioni da parte della stessa Apsp in data 27 agosto veniva quindi prorogata ulteriormente la sperimentazione fino al 31 ottobre per evitare interruzioni del servizio.

Il primo ottobre Stenico comunicava le decisioni assunte dal Cda nella seduta del 26 settembre 2019: si era deciso di non proseguire l’attività delle cure intermedie a fronte delle tariffe proposte e dei cambiamenti organizzativi richiesti. Prendendo atto con sorpresa della decisione del Cda maturata dopo molte settimane di silenzio, il dipartimento della salute ha immediatamente  convocato per il 2 ottobre una riunione per tentare un nuovo confronto sul tema.

Lo stesso 2 ottobre il direttore Bottamedi comunicava verbalmente l’impossibilità di partecipare all’incontro. Stante quindi la situazione venutasi a creare, e dopo un confronto con l’azienda sanitaria, volendo mantenere nel capoluogo tale servizio è stata quindi contattata la direzione del San Camillo che ha dato la sua disponibilità ad eseguire delle trasformazioni organizzative al suo interno atte ad aprire il servizio oggetto dell’interrogazione. Dai primi di novembre prossimo quindi  l’ospedale san Camillo sarà dotato di 11 posti letto destinati alle cure intermedie che aumenteranno a 20 posti entro fine anno.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]
  • Parco giochi per anziani: l’incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
    All’arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo sport: una perfetta occasione di interazione e socializzazione che permette di mantenersi attivi non solo nel corpo ma anche nello spirito. Per aiutare gli anziani […]

Categorie

di tendenza