Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

I World Cafè “La Novella che vorrei…” per costruire un Comune e una comunità partendo dal dialogo e dal confronto

Pubblicato

-

Un progetto per stimolare il dialogo, il confronto, la condivisione tra tutti gli attori coinvolti nella nascita del nuovo Comune di Novella, che sarà attivo ufficialmente a partire dal 1° gennaio 2020.

Nel dicembre 2017 nasceva il Consiglio Comunale dei Giovani di Novella, uno strumento di partecipazione dal basso e rappresentativo voluto dal Piano Giovani di Zona “Carez” in vista della fusione dei Comuni nel Comune unico.

In questi mesi i giovani si sono formati e confrontati spesso con le amministrazioni e hanno infine presentato proprio al Piano Giovani un progetto che li ha visti protagonisti dalla fase di ideazione fino alla realizzazione che sta per raggiungere la sua più bella espressione nelle prossime settimane con una serie di World Cafè sul territorio.

Pubblicità
Pubblicità

’La Novella che vorrei…’ è un progetto che nasce per stimolare il dialogo tra i cittadini, le associazioni, le imprese e le diverse realtà presenti sul territorio in vista della nascita del nuovo Comune di Novella – spiega il presidente del Consiglio Comunale dei Giovani Alberto Iori –. Quest’iniziativa ha come obiettivo il ‘capire’ cosa i cittadini si aspettano dal nuovo Comune e quali sono le loro idee, pensieri, proposte, critiche, esigenze a riguardo”.

Il nostro desiderio è quello di vedere i cittadini dei paesi di Cagnò, Revò, Romallo, Cloz e Brez sedersi sugli stessi tavoli e confrontarsi su temi fondamentali quali turismo, agricoltura, artigianato e imprese, associazionismo e sociale – aggiunge Iori – per iniziare a costruire assieme il futuro del nostro Comune e creare comunità, in maniera tale da arrivare alla fusione del 2020 con più consapevolezza e con una visione d’insieme del nostro territorio da proporre alla nuova amministrazione, alle associazioni e ai nostri concittadini”.

Pubblicità
Pubblicità

Al termine del progetto i ragazzi, guidati da un facilitatore e motivatore, raccoglieranno i risultati delle diverse serate in un documento che sarà chiamato “Manifesto di Novella” e che sarà nelle intenzioni consegnato alla prima amministrazione del nuovo Comune offrendo potenzialmente uno strumento interessante, specchio del pensiero dei cittadini, per muovere eventualmente le prime scelte strategiche.

La prima serata si terrà a Romallo dopodomani, giovedì 24 ottobre alle 20.30, nella Sala Civica San Vitale del Municipio e il primo tema prescelto da affrontare è “Turismo, paesaggio e sviluppo urbano”.

Pubblicità
Pubblicità

Di volta in volta i ragazzi comunicheranno la sede delle altre tappe del World Cafè. Non hanno voluto svelarle fin da subito proprio per favorire la partecipazione a tutti e stimolare i cittadini a seguire il percorso tappa per tappa.

Vorrei rivolgere un invito a tutti i cittadini di Novella – conclude il presidente Iori – a sostenere questo progetto, ideato da un gruppo di giovani tra i 16 e i 24 anni che per mesi hanno lavorato assieme per dare vita a questo processo partecipato che vuole ascoltare la voce di tutti e che offre ai cittadini la possibilità di mettersi in gioco attraverso la condivisione delle loro idee”.

Pubblicità
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Tuenno, un mese di grandi film per i 30 anni della videorassegna “Altreculture”

Pubblicato

-

Sette film dal 21 novembre al 21 dicembre, per un mese intero di grandi pellicole. Da trent’anni la rassegna “Altreculture” caratterizza i mesi freddi dell’autunno nel Comune di Ville d’Anaunia. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Il Consiglio Comunale dei Ragazzi di Cles partecipa alla Giornata Internazionale dei diritti dei Bambini

Pubblicato

-

Mercoledì 20 novembre in tutto il mondo si celebra la Giornata Internazionale per i diritti dei Bambini, ed anche quest’anno il CCR (Consiglio Comunale dei Ragazzi di Cles) vuole ricordare l’anniversario della nascita della Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, che quest’anno festeggia il suo trentennale, e la giornata Internazionale dei diritti dei Bambini con delle attività coinvolgenti per i compagni più piccoli.

I 18 studenti delle classi prime e seconde della Scuola Secondaria di Secondo Grado, eletti dai propri compagni in febbraio, allieteranno il pomeriggio degli alunni delle classi quinte della Scuola Primaria dell’Istituto Comprensivo di Cles con giochi pensati per affrontare il tema dei diritti umani.

Dalla caccia al tesoro, al maxi gioco dell’oca, dal memory al telefono senza fili: otto le attività per conoscere in modo divertente ed emozionante quali sono i diritti dei bambini ed i doveri ad essi collegati.

Pubblicità
Pubblicità

I giovani del CCR guideranno i diversi gruppi mercoledì 20 novembre 2019 dalle ore 14,00 alle ore 16,00. Un modo divertente e coinvolgente per ricordare che l’infanzia ha dei diritti ed è importante, anche per i più piccoli, conoscerli e rispettarli.

La giornata internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza celebra la data in cui la Convenzione Internazionale sui diritti dell’Infanzia venne approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, il 20 novembre 1989.

Pubblicità
Pubblicità

Ogni anno, il 20 novembre, si ricorda questa data in quasi tutti i paesi del mondo.

Tutti i paesi del mondo (ad oggi aderiscono alla Convenzione 194 Stati), ad eccezione degli Stati Uniti, hanno ratificato questa Convenzione.

Pubblicità
Pubblicità

La Convenzione è stata ratificata in Italia il 27 maggio 1991 con la legge n. 176; l’ultimo paese ad aver ratificato la Convenzione è stato la Somalia.

La Convenzione, che è composta da 54 articoli, è uno strumento giuridico e un riferimento ad ogni sforzo compiuto in cinquant’anni di difesa dei diritti dei bambini.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

I cittadini di Ossana e Pellizzano dicono no alla nascita del Comune unico di “Castel San Michele”

Pubblicato

-

L'abitato di Ossana con Castel San Michele, che avrebbe dato il nome al nuovo Comune

Questo matrimonio non s’ha da fare. I cittadini di Ossana e Pellizzano, chiamati alle urne nella giornata di domenica per il referendum consultivo, hanno manifestato la propria contrarietà rispetto alla nascita del Comune unico di “Castel San Michele” a partire dal 1° gennaio 2021. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza