Connect with us
Pubblicità

Trento

«Le buone nuove dai Barbetta»: un progetto sociale e un ponte fra politica e cittadini

Pubblicato

-

Sono diventati ormai le «Barbette» più famose del Trentino.

Si chiamano Federico Zanotti e Lorenzo Lorandi,  43 e 46 anni, soprannominati appunto i «barbetta». 

Lorenzo ha lavorato nel campo immobiliare per anni e insieme alla sua fidanzata ha aperto 5 anni fa il negozio di gadget personalizzati in via Travai «Al Regalin», mentre Federico lavora come impiegato all’hotel Buonconsiglio di Trento.

PubblicitàPubblicità

Da alcuni mesi hanno realizzato una pagina facebook dove raccolgono i disagi, i malesseri, e le segnalazioni della gente che non ha voce, e che spesso non viene ascoltata da nessuno.  «Siamo stufi di sentire solo le buone notizie o i discorsi ipocriti di chi non vive la realtà, per questo ci pareva giusto riportare l’altra facciata di una città che negli ultimi anni è cambiata profondamente, e non certo per in meglio».

La pagina si chiama «Le buone nuove dai Barbetta» e serve anche per «far sapere quello che di buono sta facendo il governo trentino»

Loro si conoscono fin da piccoli quando giravano in bicicletta e combinavano parecchi marachelle, e sono originari entrambi di Aldeno.

Segni particolari: sono leghisti della prima ora dalla testa fino alla punta dei piedi. «Siamo in buona compagnia – sorridono sornioni i due – visto che quasi il 40% degli italiani votano il carroccio»

Pubblicità
Pubblicità

La fondazione della pagina di facebook la chiamano «esperimento sociale»: «Volevamo capire che succede quando si pubblicano storie reali che magari nessuno conosce e che sono spesso tristi e disperate. Sappiamo che uno studente universitario sta monitorando quanto succede sulla nostra pagina per alcuni passaggi della sua tesi»

I «Barbetta» sono partiti in maniera scanzonata e continueranno a farlo.

Il loro obiettivo è denunciare quello che non va in maniera moderata e magari anche ironica come testimoniano i numerosi video presenti sulla pagina. «Fin da subito hanno cominciato a seguirci in molti e questo ci ha stimolato a continuare, certo ci sono state anche le critiche, peccato che queste non siano state legate ai contenuti che pubblichiamo ma verso la nostra persona»

Gli avversari politici li hanno dipinti come la «coppia Gender», ma loro puntualizzano: «Siamo rigorosamente eterosessuali e felicemente sposati e rispettiamo i gusti sessuali di tutti, alcune critiche sono strumentali e fatte da chi a prescindere e sempre contro tutto e tutti».

I contatti e le segnalazioni sono in aumento per questo i due hanno deciso di costruire una vera e propria associazione.

Si chiama «Nova Tridentum», raccoglie persone di tutti i ceti ed ideologia politica, ed ha come obiettivo la soluzione dei problemi dei cittadini dal più piccolo al più grande. «Vogliamo essere un trait d’union fra i cittadini e la politica» 

Con la loro associazione hanno creato il progetto  «La foresta nel cuore» dove hanno raccolto e donato, attraverso la vendita di magliette, al corpo dei vigili del fuoco di Aldeno 2.500 euro che a sua volta saranno utilizzati per i danni causati dalla «tempesta Vaia».

«Il nostro obiettivo è quello di organizzare eventi per raccogliere dei fondi da devolvere in beneficenza, lo facciamo per passione, la nostra mission è quella di aiutare chi ne ha veramente bisogno» – sottolineano Lorenzo e Federico

Fra gli ultimi casi che i nostri amici «barbette» hanno fatto emergere ci sono anche il caso del Vigile Marocchino che bestemmia, gli odori di Trento Sud e le buche di via Aosta.

Ma pare che la loro esperienza non si fermi solo alla denuncia di casi sociali. I due infatti sono pronti a scendere in campo alle elezioni comunali del 2020.

Cosa chiedereste al Sindaco Alessandro Andreatta? 

«Se è soddisfatto del lavoro fatto e credo che non lo sia, e una nuova pianificazione della polizia Locale; meno turni la domenica mattina in piazza Fiera ma più controlli la sera e la notte e meno agenti negli uffici e di più sulla strada per dare una maggiore percezione di sicurezza ai cittadini e una minore libertà di azione ai delinquenti»

Perché la Barbetta?

«Perché sono pigro e non ho voglia di tagliarla, con una barba sfatta di tre giorni hai l’aria trascurata mentre di 3 anni fai tendenza» risponde Lorenzo ridendo. «Fino a 4 anni fa avevo il pizzetto  – replica Federico – poi piano piano è cresciuta, infine quando ho incontrato Lorenzo ho capito che era meglio farla crescere»

Oggi la Giunta Fugatti compie un anno di vita, un bilancio volete farlo?

«Faremo un video per riassumere quello che la Giunta Fugatti ha fatto in questi 12 mesi. Le promesse della campagna elettorale sono state tutte mantenute e non è poco di questi tempi»

Accoglienza e immigrazione, come la pensate? 

«Come dice Matteo Salvini, e viene qui per integrarsi e per lavorare diventa un nostro fratello, se invece viene qui per essere mantenuto e diventa un criminale deve essere espulso»

Giusto far cadere il governo secondo voi?

«Si giusto, e quello che è successo dopo lo ha ampiamente dimostrato. L’alleanza dei cinque stelle con il Pd ha dimostrato che Salvini aveva ragione. Ora la lega diventerà ancora più forte visto il voltagabbana di Conte e i cinque stelle. Il M5s diceva no a tutto escludendo di fatto la lega da ogni decisione».

Case Itea, cosa ne pensate del giro di vite di Fugatti?

«Per quanto riguarda i punti della nuova delibera era necessario per tutelare gli onesti. Per i 10 anni di residenza pienamente d’accordo».

E sull’ideologia Gender?

«Ognuno può fare quello che vuole, ma non deve andare nelle scuole ad insegnare delle cose che sono contro natura»

Sull’Europa?

«Meno Europa più Italia»

E sull’Euro? 

«Non possiamo più uscire, lo slogan “basta euro” vecchio cavallo di battaglia delle lega ora non è più attuale». 

Porti chiusi o porti aperti?

«Porti chiusi, inutile farli arrivare per poi rimpatriarli, si gettano montagne di soldi dei contribuenti facendo così. Aiutiamoli a casa loro»

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Trento

“I paesaggi del Trentino”: scienza, natura e cultura per spiegare il territorio

Pubblicato

-

“Un percorso di studio sul paesaggio del Trentino, che – siamo certi – rappresenterà un punto di riferimento per affrontare, nel prossimo futuro, le tematiche paesaggistiche della nostra provincia” così Mario Tonina, vicepresidente della Provincia autonoma di Trento e assessore all’Urbanistica, ambiente e cooperazione, ha presentato mercoledì pomeriggio nella sala conferenze del Muse il volume “I paesaggi del Trentino”, curato da Bruno Zanon, già docente dell’Università di Trento e attualmente nel comitato Scientifico di tsm-step Scuola per il Governo del Territorio e del Paesaggio.

“Il volume ha numerosi pregi, il primo dei quali è l’aver correttamente affrontato il tema della complessità” ha continuato Tonina. “Il paesaggio è infatti un entità estremamente articolata: è quello che vediamo del mondo in cui viviamo, ma è anche un insieme di valori simbolici ai quali si lega il nostro senso di appartenenza ad un territorio e alla comunità umana che lo abita. È la rappresentazione della nostra storia, ma anche lo scenario in cui si svolgerà il nostro futuro: è il nostro spazio di vita”.

Il vicepresidente ha ricordato che su queste tematiche, affrontate anche negli Stati Generali della Montagna, soprattutto nell’evento finale di Comano Terme, la Provincia autonoma, da anni, persegue l’obiettivo di una gestione innovativa e articolata attraverso strumenti diversi: da quelli classici della tutela e della pianificazione territoriale a quelli che più recentemente si sono consolidati nei campi della promozione della qualità delle trasformazioni, del coinvolgimento delle comunità e della cultura, formazione professionale e didattica paesaggistica.

PubblicitàPubblicità

“Sono certo, ha concluso Tonina, che il lavoro che stiamo presentando, nato nel contesto delle collaborazioni che Step ha da tempo in atto con il Muse e la Fondazione Museo Storico del Trentino, sarà apprezzato dalla nostra comunità e solleciterà quell’attenzione per il paesaggio che, auspichiamo, possa contribuire al dibattito che a partire dai prossimi mesi la programmata revisione del Piano urbanistico provinciale di certo alimenterà”.

Al tavolo della presentazione, coordinato dal direttore di tsm-step, hanno partecipato, oltre al vicepresidente Mario Tonina e a Bruno Zanon, Michele Lanzinger, direttore del Muse e Giuseppe Ferrandi, direttore della Fondazione Museo Storico del Trentino.

Il volume tratta la complessità del tema paesaggistico attraverso il coinvolgimento di specialisti di rami scientifici diversi: dagli storici, ai naturalisti, dai climatologi ai geologi, dagli architetti agli urbanisti. Anche Bruno Zanon, nell’illustrare l’articolazione del libro, ha evidenziato che si è voluto concretizzare un approccio multidisciplinare, che è l’unico possibile sul paesaggio.

“I paesaggi del Trentino” si confronta con la complessità e l’insieme di relazioni che legano le diverse componenti paesaggistiche.

Pubblicità
Pubblicità

Nel testo, questa complessità è trattata però in modo comprensibile e diretto, rendendo il volume un fondamentale strumento didattico, rivolto a chi vuole porsi interrogativi sul tema, centrale soprattutto per chi ha responsabilità nella gestione del territorio. Non a caso Zanon e gli autori che hanno contribuito alla stesura del volume, hanno inteso dare degli strumenti di comprensione sui quali basarsi per confrontarsi e far giungere così, assieme ad altri strumenti didattici come mostre ed elaborati per le scuole, ad una consapevolezza e capacità di approfondimento su queste tematiche.

I paesaggi del Trentino compongono un mosaico di ambienti naturali, seminaturali e trasformati dall’uomo di grande suggestione. I caratteri alpini del territorio definiscono una varietà di condizioni geomorfologiche, di altitudine e di esposizione che si accompagnano a una ricca biodiversità, mentre la lunga storia di antropizzazione è ben leggibile nei paesaggi umani. Il paesaggio, quale luogo di vita di una comunità, è carico di segni, di significati, di valori che devono essere compresi e trattati in modo appropriato.

Il testo nasce all’interno delle attività che la tsm-step svolge, in collaborazione con il Muse e la Fondazione Museo Storico del Trentino, per l’educazione al paesaggio e al governo del territorio delle giovani generazioni e ha visto i contributi di Marco Avanzini, Cesare Benedetti, Gianluca Cepollaro, Alessandro de Bertolini, Alessandro Franceschini, Lorenzo Giovannini, Lavinia Laiti, Emiliano Leoni, Paolo Pedrini, Annibale Salsa, Emanuela Schir, Furio Sembianti, Giorgio Tecilla, Bruno Zanon, Dino Zardi.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

I cicli quadriennali: strategie di innovazione nella scuola secondaria

Pubblicato

-

Sabato 25 gennaio 2020, a partire dalle ore 8.45 e per l’intera giornata, presso la sede di IPRASE a Rovereto si terrà il seminario dal titolo “I cicli quadriennali. Strategie di innovazione nella scuola secondaria”.

L’iniziativa rappresenta un momento di confronto, a livello nazionale, in merito all’esperienza dei cicli quadriennali nella scuola secondaria di secondo grado.

L’obiettivo è quello di recuperare le esperienze innovative di questi percorsi, per renderle patrimonio trasferibile a tutto il sistema scolastico. Alle testimonianze delle scuole trentine si aggiungeranno quelle di altri Istituti del contesto nazionale, per un approfondimento su temi specifici. Il seminario è rivolto a docenti e dirigenti scolastici impegnati nei percorsi quadriennali o comunque interessati alle innovazioni introdotte nell’ambito di tali cicli.

Pubblicità
Pubblicità

La giornata di studio inizierà con un incontro in plenaria dal titolo “L’origine dei cicli quadriennali nella scuola secondaria di secondo grado”, in cui Mario Giacomo Dutto, già presidente del Comitato tecnico scientifico di IPRASE, e il dirigente scolastico Anselmo Pietro Bosello presenteranno un quadro di riferimento storico-normativo. Interverranno inoltre: Ettore Accerra, dirigente tecnico MIUR; Roberto Ricci, dirigente di ricerca INVALSI; Roberto Ceccato, dirigente generale Dipartimento istruzione e cultura Provincia autonoma di Trento e Renato Troncon, presidente del Comitato tecnico scientifico di IPRASE.

A seguire i partecipanti saranno impegnati in quattro workshop, incentrati sulle esperienze di alcune scuole pilota provenienti da varie regioni d’Italia e sulla discussione di quattro temi chiave: il percorso quadriennale dalla prospettiva degli studenti; la progettazione del curricolo in verticale; le soluzioni metodologiche e tecnologiche; la valutazione e l’efficacia.

Le finalità dell’evento sono molteplici seppure integrate tra loro.

Il seminario intende infatti mettere a confronto le esperienze dei licei quadriennali a livello locale e nazionale; promuovere la comunicazione e lo scambio fra le scuole coinvolte; promuovere le conoscenze e la diffusione delle pratiche positive di innovazione che scaturiscono da questi percorsi sperimentali. Infatti, al di là dei risultati raggiunti in ambito scolastico, i percorsi quadriennali fanno da incubatore per sperimentazioni didattiche e soluzioni che possono essere d’interesse per tutto il sistema.

Pubblicità
Pubblicità

In Trentino, le esperienze dei licei quadriennali sono quelle del “Sacro Cuore” di Trento, del “Martino Martini” di Mezzolombardo e dello “STEAM” di Rovereto. Accanto a loro durante il seminario interverranno il Collegio San Carlo di Milano, il Liceo Galileo Ferraris di Varese, l’Istituto Superiore Telesi@ di Telese Terme (BN), l’Istituto Statale Superiore Carlo Anti di Villafranca (VR), l’I.S.S. Olga Fiorini di Busto Arsizio (VA), l’IISS Ettore Majorana di Brindisi, l’ITE Enrico Tosi di Busto Arsizio (VA) e il Liceo Guido Carli di Brescia.

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Scuola professioni per il terziario, Bisesti consegna i diplomi

Pubblicato

-

Non capita tutti i giorni che sia l’assessore in persona a consegnare i diplomi agli studenti che completano un ciclo di studio.

È accaduto ieri mattina in forma solenne nell’aula magna della sede di Trento della Scuola delle Professioni per il Terziario dell’Università Popolare Trentina.

L’assessore provinciale all’istruzione, Mirko Bisesti, ha consegnato agli studenti gli attestati di qualifica e i diplomi del IV anno dell’anno formativo 2018/2019. In totale 130 studenti appartenenti a otto classi sparse nelle sedi di Trento, Rovereto, Arco, Cles e Tione. I ragazzi hanno completato il loro ciclo di studi e oggi hanno ottenuto la qualifica di Tecnico dei Servizi di Impresa e Tecnico Commerciale delle Vendite.

Pubblicità
Pubblicità

L’assessore Bisesti si è complimentato con i ragazzi per il traguardo raggiunto augurando loro un percorso lavorativo e di vita sereno. “Siete arrivati al termine di un percorso formativo – ha detto l’assessore – ma vi invito a mantenere per sempre i contatti tra voi affinché siate, con la vostra amicizia e la vostra preparazione, i costruttori di una società nuova che dovrà farsi carico in futuro dell’intera comunità trentina”.

Un concetto che è stato ripreso anche dal presidente dell’Università Popolare Trentina, Ivo Tarolli, che ha ricordato come i ragazzi siano maturati culturalmente e umanamente frequentando le lezioni della Scuola delle Professioni per il Terziario.

“I vostri genitori – ha affermato Tarolli – devono essere orgogliosi del percorso fatto durante gli anni di permanenza nella nostra scuola”. Conclusi gli interventi i ragazzi sono saliti uno ad uno sul palco per ritirare il diploma. Per molti di loro è stata solo una formalità perché terminata la scuola hanno immediatamente trovato lavoro presso aziende trentine.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza