Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Al via a Rovereto la terza edizione del Festival di Informatici Senza Frontiere

Pubblicato

-

Iniziata il 17 ottobre la terza edizione del Festival di Informatici Senza Frontiere, in programma dal 17 al 19 ottobre a Rovereto (TN).

Sono oltre 40 i dibattiti, gli incontri e i laboratori che inviteranno gli spettatori a riflettere sull’impatto sociale delle nuove tecnologie, sviluppati attorno a quattro tematiche principali: sicurezza, educazione alla tecnologia, informatica come strumento per superare le barriere e collaborazione fra istituzioni e società.

La manifestazione si apre domani alle 20.30 con una prima riflessione sulla sicurezza informatica tramite la proiezione – e successivo dibattito – del film di Alex Gibney Zero Days, sul virus informatico Stuxnet creato da USA e Israele per sabotare il progetto nucleare iraniano e diffusosi in maniera incontrollabile.

Pubblicità
Pubblicità

L’inaugurazione ufficiale si è svolta oggi alle 10.00 al Teatro Zandonai, con un dialogo fra Dino Maurizio, Presidente di ISF, Luca Attias, Commissario Straordinario per l’attuazione dell’Agenda Digitale – Presidenza del Consiglio dei Ministri, Andrea NicoliniFondazione Bruno Kessler, e Marco Podini, presidente esecutivo e CEO di Dedagroup spa.

Durante il festival si parlerà del problema delle fonti dei dati, della loro affidabilità e del loro utilizzo, della necessità di identificare linee guida etiche e definire direttive che indirizzino l’Intelligenza Artificiale verso un impatto positivo per gli individui, la società e l’ambiente, del potere sociale, politico ed economico degli algoritmi alla base dei sistemi software che usiamo tutti i giorni come Google e Facebook, di cyberbullismo, ma anche di come si possa imparare a vivere meglio online.

Pubblicità
Pubblicità

Un’attenzione particolare è rivolta ai ragazzi con incontri, presentazioni di progetti e laboratori che spaziano dalla programmazione scratch, alle riflessioni sugli stereotipi, i pregiudizi, le discriminazioni e la violenza verbale nei confronti delle minoranze.

I ragazzi possono progettare i loro primi “oggetti intelligenti” con micro-controllori di semplice utilizzo e scoprire come funzionano i robot.

Pubblicità
Pubblicità

Informatici Senza Frontiere fin dalla sua fondazione è attenta alle potenzialità delle nuove tecnologie come strumento per includere e migliorare le condizioni di vita delle persone affette da disabilità.

Al Festival si discute di realtà virtuale e realtà aumentata come tecnologie per migliorare l’accessibilità dei luoghi, abbattendo barriere fisiche o sociali, dell’importanza degli strumenti compensativi digitali (sintesi vocale, programmi di videoscrittura, gestione di appunti o creazione di mappe mentali) per aiutare studenti con difficoltà di apprendimento e dei benefici dell’uso della robotica nel trattamento dell’autismo.

Pubblicità
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Si è spento all’età di 75 anni Sandro Borghetto, ex sindaco di Avio

Pubblicato

-

Sandro Borghetti si è spento all’età di 75 anni. Lottava da tempo contro un male incurabile, che alla fine ha avuto la meglio di su lui.

Borghetti è nato in campagna e proprio dal mondo rurale è iniziata la sua ascesa come imprenditore agricolo. Dopo quel mondo, lasciato ben presto in mano al figlio Marco, si è dedicato alla collettività e in particolare alla cooperazione.

Era un uomo che aveva simpatie verso la destra, ma come lui stesso affermava, l’unica tessera che possedeva era quella delle Acli.

Pubblicità
Pubblicità

E’ stato presidente della Cassa Rurale di Ala dal 1995 al 2007. Durante il suo mandato è avvenuta la fusione con Serravalle ed è stata aperta una filiale in Lessinia, in territorio veneto.

Dopo la fine del mandato in Cassa Rurale, si è reinventato politico nella sua città Avio e nel 2007 la sua lista, complice una faida interna al centro sinistra fra Amadori e Salvetti, vinse al primo turno diventando quindi sindaco del paese ed è stato confermato anche per il mandato successivo.

Pubblicità
Pubblicità

Non fu però semplice perché successivamente aveva avuto delle frizioni con la Lega sulla cessione dell’Azienda Elettrica e da lì in poi il suo percorso ha iniziato a farsi strada fra le minoranze.

E’ stato presidente del consorzio «Terra dei Forti» riguardante il vino Doc Valdagide Terradeiforti e cooperatore della cantina di Avio.

Pubblicità
Pubblicità

E’ stata una persona che nella vita si è data parecchio da fare allo scopo di migliorare e sviluppare il suo paese, di cui era tanto affezionato.

«La notizia della scomparsa di Sandro Borghetti mi ha lasciato un profondo senso di tristezza – scrive il governatore Maurizio Fugatti sulla sua pagina facebook – ero a conoscenza che negli ultimi giorni le sue condizioni si erano profondamente aggravate, ma la speranza di vederlo riprendersi era comunque forte, così come avvenne qualche anno fa quando riuscì a recuperare dopo l’aggravarsi della stessa malattia. Porto con me un grande senso di riconoscenza per l’esperienza amministrativa vissuta con lui in Comune ad Avio e per quanto da lui insegnatomi, soprattutto sul piano dell’approccio ai problemi e alle persone. Sandro era un uomo che non portava rancore e che cercava sempre e comunque una via di mediazione, anche quando le cose sembravano imboccare un percorso irreversibile. Era un uomo di equilibrio, che riusciva a risolvere i problemi partendo anzitutto dalla regola del “buonsenso”. Ha dato tanto ad Avio e alla Vallagarina nei vari ruoli che ha ricoperto, amando il suo territorio e la sua gente. Era un uomo di visione, capace di scelte lungimiranti nel credito cooperativo locale che ancora oggi producono grandi benefici per la nostra terra».

I funerali si svolgeranno lunedì alle 14:30 alla Pieve di Avio.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Brentonico: a teatro la “Serata romantica”

Pubblicato

-

Prosegue la stagione culturale di Brentonico che, sabato prossimo al Teatro Monte Baldo, con inizio alle 21, propone “Serata romantica” col “Balletto del sud”: spettacolo con musiche di Chopin, Adam, Schneitzhöffer, Brahms, Verdi, Minkus, Delibes e le poesie di Giacomo Leopardi.

Ideazione e regia di Fredy Franzutti, creazione n° 36 del 2018; coreografie di Michel Fokine, Arthur Saint-Léon, Jean Coralli, Marius Petipa, Jules Perrot, August Bournonville e Fredy Franzutti. Scene di Francesco Palma, testi di Giacomo Leopardi.

«La stagione culturale è iniziata molto bene – spiega l’assessore Quinto Canali 127 sono gli abbonamenti già sottoscritti e al primo appuntamento con Michele Serra il teatro era pieno».

Pubblicità
Pubblicità

Sabato 18, dunque, la “Serata romantica”. Il Balletto del Sud, rinomata compagnia di danza italiana, approda a Brentonico con uno spettacolo che riprende alcune tra le più belle pagine del repertorio romantico (Giselle, La Sylphide, La Bayadere, Les Sylphides), intervallandole con i brani di Chopin e le rime di Giacomo Leopardi, considerato il maggior poeta dell’Ottocento italiano.

Un intreccio di stili e artisti ben amalgamati tra loro. Sono molte infatti le qualità che accostano la poetica di Leopardi alle melodie di Chopin e la musica romantica, caratterizzate dal pessimismo degli autori: probabile effetto delle patologie di cui spesso soffrivano e sviluppatesi successivamente in un sistema complesso poetico e filosofico.

Pubblicità
Pubblicità

Chopin e il poeta di Recanati, ad esempio, nacquero a dodici anni di distanza ma furono coetanei nella morte, giunta per entrambi a soli trentanove anni. Nel corso della serata, i brani più celebri del balletto per antonomasia e del celebre poeta italiano dell’Ottocento rievocheranno le sempiterne suggestioni del Romanticismo, di cui furono tra i massimi rappresentanti.

A interpretare le poesie di Giacomo Leopardi ci sarà Andrea Sirianni, apprezzato dalla critica e spesso voce recitante degli spettacoli del Balletto del Sud.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Elezioni avio: «Progetto comune» sostiene il Sindaco Secchi

Pubblicato

-

In riferimento alle prossime elezioni comunali di AvioMoreno Salvetti, con la lista e tutto il gruppo di Progetto Comune conferma che sarà in campo a fianco del sindaco Federico Secchi.

«Un Sindaco che ha saputo ben governare questa terra,  – spiega Salvetti in una nota – con risultati importanti e sotto gli occhi di tutti. Crediamo che mai, in passato, sia stato fatto come in questi cinque anni, sulla sicurezza, sull’arredo urbano, sull’attenzione all’ambiente, sul lavoro – e ricordo con orgoglio la vicinanza agli allora lavoratori ex Paf con la sospensione delle pendenze nei confronti del Comune, unico Sindaco ad adottare un provvedimento come questo – nell’ideazione di importanti manifestazioni ed eventi, come “Agrifest”, Giochiamo ad Avio”, o “Natale al Castello”».

Salvetti nella nota è dispiaciuto per l’atteggiamento della Lega. «Niente contro il candidato sindaco della Lega, – aggiunge – ma per  quanto concerne i nostri principi, il  primo cittadino dovrebbe essere del luogo e residente nel nostro paese. Gli anni di Amministrazione hanno dimostrato e confermato l’importanza e il valore aggiuntivo dato dalla costante presenza del sindaco non solo nel suo lavoro in comune ( scegliendo di dedicare in toto il suo tempo a tale incarico) ma anche nel viversi la comunita, dimostrandosi parte attiva della vita di paese».

Pubblicità
Pubblicità

Secondo Salvetti rimane un punto cardine l’idea che il sindaco non debba essere assorbito da altri impegni lavorativi che possano inevitabilmente portarlo lontano e debba dedicarsi nella sua totalitá all’incarico che gli è stato assegnato, cercando di  rispondere al meglio ai bisogni della cittadinanza.

«Stupiscono, inoltre – conclude Salvetti – le affermazioni lette su qualche quotidiano del consigliere Anna Valli. La stessa che, dopo essere stata eletta nel maggio 2015 con una maggioranza a sostegno del sindaco Secchi nella fila di Forza Italia, è passata alla minoranza (e quindi con il centrosinistra), con una dichiarazione fatta addirittura nel consiglio comunale del 28 marzo 2018: “[…] l’unica persona che dalla maggioranza è passata alla minoranza sono io […]”, ed ora entra in coalizione con la Lega, dopo averla più volte criticata anche a mezzo stampa. Quindi ha di nuovo cambiato idea. Un’altra volta».

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza