Connect with us
Pubblicità

Sport

A Lavis la quarta tappa del Round of Challengers Nord-Est

Pubblicato

-

Nella foto il presidente de «La Trentina» Fabrizio Varani

Sedici atleti delle categorie BC1, BC2 e BC3, portacolori di cinque squadre venete, friulane e trentine, hanno preso parte alla quarta tappa del ‘Round of Challengers Boccia Nord-Est’, disputata a Lavis, centro della Val d’Adige, in provincia di Trento.

Diversi i partecipanti all’esordio in una competizione ufficiale.

A vincere la medaglia d’oro nella categoria BC1 è stato il quindicenne Riccardo Zanella dell’Orange Bowl di Padova, il quale ha preceduto la dodicenne Giada Socco dell’ASD Sport Assi di Belluno (argento) e Jessica Stocco dell’Orange Bowl (bronzo).

Pubblicità
Pubblicità

Podio dominato dall’Orange Bowl nella categoria BC2 con il successo di Elia Vettore che, ha superato, al termine di una finale tiratissima, la compagna di squadra Claudia Targa.

Terza posizione per Samuele Fabian, che è anche il presidente della formazione veneta.

Matteo Muriani dell’Orange Bowl ha trionfato nella categoria BC3.

Seconda posizione per Alexandra Sovin dell’ASD Sport Assi, gradino più basso del podio per Francesco Rampogna, portacolori della Polisportiva Spilimberghese.

In gara a Lavis anche il 16enne atleta locale, Gabriele Zendron, unico giocatore della categoria BC4, protagonista di una buona prestazione, fuori classifica, nella BC2.

“La cittadina di Lavis e il territorio trentino hanno avuto modo di prendere contatto, per la prima volta, con la Boccia Paralimpica – ha affermato, a margine dell’evento, Maria Rita Cattani, capo arbitro del torneo e volontaria del gruppo sportivo ‘La Trentina’ – Una disciplina che consente a tanti ragazzi di appassionarsi e praticare uno sport, vivere momenti di socializzazione e allenarsi per un obiettivo, che è quello di vincere le competizioni agonistiche. Sul campo, infatti, ci si dimentica della propria condizione fisica, perché i ragazzi si concentrano solo sul gesto sportivo”.

L’ultima tappa della prima edizione della rassegna di Boccia Paralimpica del Nord-Est è in programma il 23 novembre a Belluno.

«Siamo molto felici di aver organizzato per la prima volta in Trentino Alto Adige una manifestazione così particolare – spiega Fabrizio Varani presidente della società la Trentina-  perché la boccia è una nuova attività paralimpica e noi siamo l’unica società in tutta la regione che svolge questo sport. L’aver organizzato in casa nostra una competizione allargata a tutto il nord est ci rende orgogliosi». 

Quest’anno la società si è presa l’impegno di allenare e seguire un atleta paralimpico ed è per il momento l’unica in Trentino Alto Adige ad avere fatto questa precisa scelta.

La gara effettuata a Lavis è stata inserita come risultato nella federazione italiana e questo è un bel traguardo per questo Varani passa ai ringraziamenti di rito.

«Ringrazio la federazione che ci ha sempre sostenuto, il responsabile provinciale del settore paralimpico Giorgio Guarniero, il nostro atleta Gabriele Zendron e i loro genitori, la mamma in particolare in quanto capo arbitri della manifestazione  e lo sponsor che quest’anno proviene da Reggio emilia» (Progettiamo Autonomia)

E ancora conclude il presidente Varani: «Un ringraziamento sentito va al comune Lavis che ci ha dato la location gratuita per la la gara e a tutti gli atleti che hanno partecipato». 

La boccia paralimpica è uno sport per persone con disabilità fisica grave e gravissima ed e’ un gioco simile alle bocce classiche ma ovviamente il materiale è adattato alle particolari esigenze di questi tipi di giocatori, quindi sono più morbide e facilmente impugnabili. Si gioca in palestra su un campo di 12 metri e mezzo e largo 6; l’obiettivo è avvicinare quante più bocce possibile del proprio colore al cosiddetto boccino che invece nella boccia è uguale a tutte le altre come dimensioni, però è bianco.

Sull’attività tradizionale delle Bocce Varani spiega anche come sia sbagliata l’idea che questo sport sia solo alla portata di persone anziane: «Ci sono molti giovani che si avvicinano a questo sport e che sono anche molto preparati e motivati. L’attività però credo debba essere iniziata fin dalla scuola. L’ideale  -come ho anche spiegato al presidente del Coni Giovanni Malagò nell’ultimo incontro – è aiutare i ragazzi a crescere creando un connubio fra scuola e sport e dove i genitori devono stimolare fin da piccoli i propri figli ad avvicinarsi al gioco delle bocce»  

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Gli oceani potrebbero tornare puliti in soli 30 anni
    Nonostante la grave crisi climatica mondiale che cerca soluzione e aiuto negli studi e nelle università di tutto il mondo, ogni tanto sembra che nella speranza di fare sempre meglio si stia imboccando la strada giusta. A confermarlo è un report condotto da un gruppo internazionale di ricercatori della King Abdullah Univeristy of Science and […]
  • Che Pasqua sarebbe senza la torta di carote?
    Conosciuta negli Stati Uniti come “Carrot Cake”, la torta di carote e noci è sicuramente uno di quei piatti che tuti dobbiamo assaggiare almeno una volta nella vita. E quale periodo può essere il più adatto, se non le vacanze di Pasqua? Adorata da grandi e piccini, in realtà, la torta di carote non ha […]
  • Dalla città al bosco: Gli incredibili benefici di vivere con la natura
    Nelle città le persone vivono in condizioni artificiali, più o meno distanti da tutto ciò che sarebbe ideale per loro, circondati da un paesaggio interamente costruito caratterizzato da luci, folla e rumore, in cui tutto richiede scelte, decisioni e velocità. Nonostante la vita urbana comporti in sé anche numerosi vantaggi, sempre più persone tendono ad […]
  • Scuole chiuse e Coronavirus: Carabinieri consegnano i libri a casa
    Da qualche settimana sono in atto i severi controlli lungo le strade e nei centri città di tutta Italia da parte delle forze dell’ordine per il rispetto delle prescrizioni imposte dal Governo per il contenimento della diffusione del Covid – 19. In particolare, i Carabinieri della Provincia di Sondrio, oltre a sorvegliare gli automobilisti e […]
  • Plasma dei pazienti guariti per guarire dal Coronavirus: la prima sperimentazione a Pavia
    Ogni giorno da settimane ormai, la Protezione Civile oltre a citare i nuovi casi positivi da Coronavirus, comunica anche il numero ultimamente sempre più crescente delle persone guarite dal Covid- 19. Avendo la consapevolezza che il vaccino è ancora lontano e in fase di sperimentazione, fino ad ora le cure adottate negli ospedali italiani, si […]
  • Coronavirus: gli italiani si aiutano con la “spesa sospesa”
    Le giornate difficili che l’Italia sta percorrendo, vengono straordinariamente vissute e affrontate con spirito di comunità da tutto il Paese, sia attraverso donazioni di privati ed aziende per alleggerire il carico economico della sanità, sia attraverso particolari iniziative solidali per aiutare le famiglie che si trovano in maggiore difficoltà. La nuova frontiera della solidarietà fonda le […]
  • Da Valentino ad Armani: la moda italiana unita contro il Coronavirus
    In un momento in cui tutte le attività commerciali ed economiche del Paese risultano paralizzate, sono molte le iniziative solidali per fronteggiare la difficile situazione causata dall’epidemia sanitaria. Da Valentino a Gucci fino ad Armani: ora, anche i grandi nomi del mondo della moda, uniti da obbiettivi comuni, hanno deciso di reagire mobilitandosi per lavorare […]
  • Ricette di Pasqua: golosità per grandi e piccini
    Per non passare le giornate nella noia, lavorando o cercando di far passare il tempo ai bambini, sul web sono presenti moltissime ricette adatte a chiunque abbia voglia di passare un pomeriggio in cucina, divertendosi e magari senza dimenticare di mostrare un pizzico di spirito pasquale! ARANCINI PROSCIUTTO E MOZZARELLA Con il fritto sta bene […]
  • Torino: l’evento è annullato, ma la primavera regala i 100 mila protagonisti
    Da nord a sud l‘effetto del Coronavirus in Italia e, quindi, delle misure restrittive adottate dal Governo per contenere la pandemia, mostrano intere città, strade, paesi e stazioni completamente deserte, costringendo a casa milioni di persone e lasciando la primavera l’unica ad essere libera di proseguire indisturbata il suo naturale percorso. Come molte attività commerciali, […]

Categorie

di tendenza