Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

L’imprenditore trentino ottiene giustizia contro la “Banda dei Rolex”

Pubblicato

-

È cominciata nell’ottobre 2018 la vicenda dell’imprenditore trentino truffato per un Rolex. Era, infatti, di sua proprietà il costoso orologio che ha venduto alla persona sbagliata.

L’uomo viene contattato su internet dopo aver aveva messo in vendita un proprio Rolex di notevole valore. Il truffatore propone un accordo di compravendita dopo aver visto l’offerta online, e stabilisce con la vittima il luogo dell’incontro, l’istituto bancario di quest’ultima, con sede a Rovereto, suggerendo quale metodo di pagamento un assegno circolare.

L’imprenditore, ignaro di essere finito nella pericolosa rete della “Banda dei Rolex”, una vera e propria organizzazione criminale, accetta di incontrarsi con l’interessato acquirente per mostrargli l’orologio e concludere quello che sembrava essere un buon affare.  Presso la banca, viene affidato a un funzionario il controllo circa l’autenticità del titolo.

Pubblicità
Pubblicità

L’impiegato si muove su due diversi fronti: revisiona l’assegno, e poi contatta telefonicamente la banca emittente, ricevendo positivo riscontro. Tutto regolare quindi, il venditore avrebbe dovuto solo aspettare i consueti tempi tecnici per l’effettivo accredito della somma.

Tuttavia, qualche giorno dopo l’incasso, la vittima si avvede che l’assegno è stato stornato. A quel punto chiede informazioni alla banca. Quello che scopre lo sconvolge non poco: il titolo è contraffatto.

Pubblicità
Pubblicità

Cosa accade dopo lo spiega il difensore della vittima, l’avvocato Massimo Mazzola, docente di diritto privato e delle assicurazioni nell’Università di Trento: «Il primo obbligato passaggio è stato quello di sporgere querela per l’accaduto affinché venisse avviato un procedimento penale nei confronti dell’autore materiale della truffa. In seconda battuta, ho consigliato al cliente di avanzare un’istanza di risarcimento per inadempimento contrattuale nei confronti degli intermediari coinvolti, presso l’A.B.F., ovvero l’Arbitro Bancario Finanziario.

Si tratta di organismo alternativo di soluzione delle controversie, istituito presso la Banca d’Italia, suddiviso sul territorio della Penisola in diversi Collegi, che si occupa delle controversie che possono sorgere tra i clienti e le banche.

Pubblicità
Pubblicità

L’eventuale inottemperanza ad una decisione che dovesse rivelarsi favorevole al cliente dà luogo alla pubblicazione del nome dell’istituto nel Registro degli intermediari inadempienti, cui chiunque può accedere consultando il sito dell’A.B.F.: si tratta di una sanzione assai rilevante sul piano reputazionale, e nella maggioranza dei casi costituisce un valido stimolo ad una pronta adesione alla decisione».

La strada intrapresa dell’avvocato risulta essere quella corretta.

L’A.B.F., con una recentissima pronuncia, ha condannato all’integrale risarcimento del danno la banca della vittima, presso cui era stato negoziato l’assegno.

In primis, viene messa in discussione la professionalità del funzionario che si è limitato ad effettuare una mera telefonata all’apparente istituto bancario del truffatore, piuttosto che inviare una richiesta di verifica all’indirizzo PEC (posta elettronica certificata) fornito da quest’ultimo, che a suo tempo aveva già segnalato le truffe in atto, invitando tutte le banche a non utilizzare le utenze telefoniche delle proprie filiali.

In secondo luogo, emerge che ci si è trovati davanti ad un caso di palese negligenza del funzionario, della quale, ovviamente, risponde l’istituto, se si considera che l’assegno riportava evidenti segni di contraffazione: sull’assegno mancava addirittura, nella parte riservata alla firma, la denominazione della banca emittente.

Assolta”, invece, la banca presunta emittente, che aveva diramato ufficialmente, e prima del fatto, il rischio di truffe collegate alla negoziazione di assegni circolari falsi, perpetrate mediante l’illecita intromissione nelle proprie linee telefoniche.

 «Le banche convenute – chiarisce l’avvocato – avevano d’altronde eccepito che sussistesse un concorso di colpa del mio cliente, il quale avrebbe dovuto utilizzare un altro metodo di pagamento, per esempio un bonifico, o comunque non avrebbe dovuto concludere la transazione prima che fosse definitivamente accreditata la somma sul suo conto».

Fortunatamente, il Collegio ha escluso tale possibilità. La vittima non aveva fatto nulla di sbagliato, si era solo fidata della propria banca e della relativa professionalità.

Il ricorso è stato inoltrato nell’ ottobre 2018 e la decisione è stata emessa il 6 settembre 2019. Accedere a questo sistema di soluzione delle controversie costa solo 20 euro per le spese di procedura, e per i casi più semplici non richiede l’assistenza di un legale.

È un procedimento accessibile e sicuro.

Si è sentito parlare spesso della “Banda dei Rolex”, caso ripreso anche recentemente dalla trasmissione televisiva “Le Iene”. La sfortunata situazione dell’imprenditore lagarino non può che avere la doppia funzione di campanello di allarme e rassicurazione.

Se da un lato dimostra che l’attenzione non è mai troppa e che certi malaugurati eventi possano colpire chiunque, dall’altra porta alla consapevolezza che ci sono diverse modalità, anche veloci e non onerosi, per ottenere giustizia.

Pubblicità
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Migranti abusivi nel campo di Marco: la provincia decide lo smantellamento dei container per evitare ingressi abusivi

Pubblicato

-

Nella foto Maurizio Fugatti, il questore Garramone e il prefetto Lombardi

L’utilizzo abusivo di alcune casette nell’area di addestramento a Marco di Rovereto è noto alla Provincia che anzi ha attivato in più occasioni le forze dell’ordine e, considerando il ripetersi degli episodi, sta adottando ulteriori misure.

Nello specifico –  si legge nel comunicato della provincia di Trento –  è stato deciso di smantellare le strutture utilizzate abusivamente (e non più utili alle attività del centro di addestramento) all’interno dell’area di Marco di Rovereto e di predisporre i presidi per un controllo degli ingressi.

Lo precisa il Dipartimento di protezione civile della Provincia, in seguito ad un articolo apparso su un quotidiano locale secondo cui l’ex polveriera sarebbe tornata ad ospitare migranti che penetrano nell’area nottetempo.

Pubblicità
Pubblicità

La situazione è oggi controllata dalle forze dell’ordine e costantemente monitorata dalla Provincia: le persone che occupavano la struttura – circa una decina – sono state identificate e accompagnate in Questura per i necessari accertamenti, in occasione di un incontro che si è svolto lo scorso 15 dicembre a Marco di Rovereto alla presenza dei rappresentanti di Cinformi, Croce Rossa, forze dell’ordine (polizia e vigili urbani), l’associazione Unità di Strada e l’Assessorato ai servizi sociali del Comune di Rovereto.

Nel tardo autunno, gli operatori della Protezione civile avevano notato la presenza di alcuni persone nell’area del campo. Si trattava di soggetti che penetravano all’interno dell’area dopo aver praticato un taglio alla rete di recinzione per trovare riparo nei container che erano stati utilizzati per la ospitalità ai migranti.

Pubblicità
Pubblicità

È stato accertato che si trattava di persone che avevano goduto dell’ospitalità nell’area e che non avevano voluto adattarsi alla nuova destinazione. Anche per garantire la loro sicurezza, ai migranti che utilizzavano gli spazi nei container per passare le notti, è stato chiesto più volte di allontanarsi informando contestualmente il Commissariato del Governo e il Questore.

Nel corso della prima settimana di dicembre, alla luce della permanenza e della pericolosità della situazione (danni ai due caseggiati presenti) è stata sporta denuncia ai carabinieri.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Trovati migranti abusivi dentro l’ex centro di accoglienza di Marco

Pubblicato

-

È stato l’arresto da parte degli uomini della Polizia di Stato di un ragazzo 20 enne del Gambia per spaccio di droga che ha fatto emergere un nuovo allarme presso l’ex campo profughi di Marco.

Si è infatti scoperto che l’uomo abitava abusivamente ancora nell’ex campo profughi tornato nelle mani della protezione civile dopo lo smantellamento voluto dalla giunta Fugatti.

Ma sembra che il suo caso noi sia isolato, dentro il campo infatti sono state trovate altre persone.

Pubblicità
Pubblicità

Dopo che nella primavera scorsa erano stati sgomberati gli ultimi richiedenti asilo, il fatto che il campo profughi sia ancora allacciato alla rete elettrica e idrica ha fatto sì che altre persone si stabilissero all’interno.

Non si sa con certezza chi siano le persone all’interno ma da prima di Natale è stato notato un via vai sospetto che è aumentato di giorno in giorno

Pubblicità
Pubblicità

Sono state fatte delle segnalazioni di questo nuovo fenomeno che vede il flusso di stranieri che dopo essere scesi alla fermata dell’autobus si dirigono verso il campo.

Il flusso maggiore arriva verso sera.

Pubblicità
Pubblicità

Finora non c’è stato nessun incidente o episodio controverso, ma dei controlli andranno fatti sicuramente.

Ricordiamo che la primavera scorsa su richiesta della Giunta di Fugatti tutti i richiedenti asilo dei vari centri d’accoglienza sparsi per il Trentino sono stati trasferiti a Trento.

Nonostante non ci fossero mai stati episodi fastidiosi, i residenti erano comunque soddisfatti della decisione. Pensavano però che il campo fosse quindi deserto, ma in realtà pare che la cosa non sia proprio così.

Non sapendo quanta gente c’è all’interno e soprattutto chi siano coloro che hanno occupato la struttura, a breve saranno attivati dei controlli anche perché durante la perquisizione delle forze dell’ordine dopo l’arresto del gambiano è stato trovato un coltello e 600 euro in contanti proventi dallo spaccio di droga dentro il campo

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Si è spento all’età di 75 anni Sandro Borghetto, ex sindaco di Avio

Pubblicato

-

Sandro Borghetti si è spento all’età di 75 anni. Lottava da tempo contro un male incurabile, che alla fine ha avuto la meglio di su lui.

Borghetti è nato in campagna e proprio dal mondo rurale è iniziata la sua ascesa come imprenditore agricolo. Dopo quel mondo, lasciato ben presto in mano al figlio Marco, si è dedicato alla collettività e in particolare alla cooperazione.

Era un uomo che aveva simpatie verso la destra, ma come lui stesso affermava, l’unica tessera che possedeva era quella delle Acli.

Pubblicità
Pubblicità

E’ stato presidente della Cassa Rurale di Ala dal 1995 al 2007. Durante il suo mandato è avvenuta la fusione con Serravalle ed è stata aperta una filiale in Lessinia, in territorio veneto.

Dopo la fine del mandato in Cassa Rurale, si è reinventato politico nella sua città Avio e nel 2007 la sua lista, complice una faida interna al centro sinistra fra Amadori e Salvetti, vinse al primo turno diventando quindi sindaco del paese ed è stato confermato anche per il mandato successivo.

Pubblicità
Pubblicità

Non fu però semplice perché successivamente aveva avuto delle frizioni con la Lega sulla cessione dell’Azienda Elettrica e da lì in poi il suo percorso ha iniziato a farsi strada fra le minoranze.

E’ stato presidente del consorzio «Terra dei Forti» riguardante il vino Doc Valdagide Terradeiforti e cooperatore della cantina di Avio.

Pubblicità
Pubblicità

E’ stata una persona che nella vita si è data parecchio da fare allo scopo di migliorare e sviluppare il suo paese, di cui era tanto affezionato.

«La notizia della scomparsa di Sandro Borghetti mi ha lasciato un profondo senso di tristezza – scrive il governatore Maurizio Fugatti sulla sua pagina facebook – ero a conoscenza che negli ultimi giorni le sue condizioni si erano profondamente aggravate, ma la speranza di vederlo riprendersi era comunque forte, così come avvenne qualche anno fa quando riuscì a recuperare dopo l’aggravarsi della stessa malattia. Porto con me un grande senso di riconoscenza per l’esperienza amministrativa vissuta con lui in Comune ad Avio e per quanto da lui insegnatomi, soprattutto sul piano dell’approccio ai problemi e alle persone. Sandro era un uomo che non portava rancore e che cercava sempre e comunque una via di mediazione, anche quando le cose sembravano imboccare un percorso irreversibile. Era un uomo di equilibrio, che riusciva a risolvere i problemi partendo anzitutto dalla regola del “buonsenso”. Ha dato tanto ad Avio e alla Vallagarina nei vari ruoli che ha ricoperto, amando il suo territorio e la sua gente. Era un uomo di visione, capace di scelte lungimiranti nel credito cooperativo locale che ancora oggi producono grandi benefici per la nostra terra».

I funerali si svolgeranno lunedì alle 14:30 alla Pieve di Avio.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza