Connect with us
Pubblicità

Trento

Insulti, minacce di morte e danneggiamenti a «La Voce del Trentino»: rivoluzionari rossi all’esercizio della democrazia

Pubblicato

-

Vetri infranti nella notte in via Milano, alla sede de La Voce del Trentino. Sulla matrice vandalica del gesto ci sono purtroppo pochi dubbi.

I vetri antisfondamento non hanno ceduto e si sono incrinati. Secondo i primi rilievi delle forze dell’ordine, si fa strada l’ipotesi che chi ha colpito abbia usato fucili o pistole ad aria compressa con piombini.

Anche avessero usato un oggetto contundente, ma ci penserà la polizia scientifica che effettuerà il sopralluogo nel pomeriggio ad accertarlo, ignoti hanno pensato bene di infierire con l’ennesimo sfregio sulla redazione del nostro quotidiano, il secondo più seguito della provincia di Trento con i suoi quasi 30 mila lettori giornalieri.

PubblicitàPubblicità

Quanto successo stanottte è soltanto l’ultimo degli episodi legati a minacce di morte, insulti, lettere anonime, mail minatorie che la nostra redazione riceve da tempo e che a questo punto decidiamo di rendere pubblici.

Una Voce scomoda, la nostra, che soprattutto in concomitanza con il cambio della guardia al governo è diventata bersaglio, ancora una volta, dell’ideologia violenta di chi applica quello che ci piace chiamare “fascismo al contrario” come arma di lotta sociale contro un nemico non meglio identificato o identificabile, se non dalla sciocca ottusità di chi crede di riportare la democrazia attraverso quella lente distorta del mercenarismo da vili che obbedisce, crede, combatte sotto l’egida delle bandiere rosse o delle non bandiere.

Basta che il nemico sia abbattuto.

Pubblicità
Pubblicità

L’aggregato dittatoriale dell’antagonismo politico modernizza lo strumento dell’inquisizione che fa la spola tra il web e la dimensione reale, dirige il cannone dell’intimidazione con un’arroganza arricchita di quell’antico rancore da biennio rosso che rade al suolo tutto ciò che rappresenta la Voce fuori dal coro.

La sequela di minacce e insulti rivolte al nostro quotidiano, alla sottoscritta in qualità di direttore (vedi lettere) e al nostro editore minacciato di morte più di una volta in questi anni, ricorda tanto la storica consuetudine della raccolta nominativi dei nemici politici nelle famose liste di proscrizione.

Ma se la violenza non è “nera”, tutto è permesso.

Persino il rovesciamento del principio democratico e costituzionalmente garantito della libertà di espressione.

Gli stessi soggetti che descrivono altri come fascisti del terzo millennio, eleggono il medesimo sistema che verrebbe utilizzato dai supposti neofascisti da annientare.

L’antifa diventa fa” e rende proprio il metodo che denigra, rovescia i canoni di ciò che è considerato illecito se esercitato dall’avversario politico e lo rende lecito sotto l’ombrello di un supposto diritto di esercizio della democrazia, o della sua tutela, quando messo in atto dalla “parte giusta”.

Perché i fascisti al contrario usano da sempre una legge di imposizione che vale solo per loro e in virtù di una supposta violenza subita.

Per questo, lungi dall’imparare dalla storia quella lezione di pietà di cui vanno ciarlando in continuazione, quella stessa violenza la impongono agli altri; con il medesimo atteggiamento dispotico, con il livore revanscista tipico, lo abbiamo detto, del dittatore al contrario.

La utilizzano nella politica così come nella società, nella cultura, nell’economia: con la cantilena del “chiagni e fotti” la sedicente minoranza organizzata accerchia, silenziosamente ghettizza, depotenzia e infine uccide.

Non solo vetri infranti

Puttana e fascista. Lettere di minacce al direttore, puntuali, ogni lunedì, a confermare che il totalitarismo che censura il pensiero, quello vero, ha sede in ben altri luoghi, con ben altri padroni.

Ma i metodi, ahinoi, quelli sì che sono sempre gli stessi.

Puttana e fascista, finirai come la Petacci. Trattati di poesia moderna ricchi di quella supponenza così ideologicamente lurida, così strutturalmente compromessa dalla radice della sua genesi da far temere per il contagio da una sorta di malattia autoimmune della Repubblica. Il Lupus della Nazione.

Improvvisati, mediocri, modesti, cortigiani e papponi. Eccola qui l’Italia dei rivoluzionari rossi all’esercizio della democrazia che additano e minacciano servi e meretrici, filistei, ipocriti, retrivi, bottegai, nemici con e senza divisa, sempre e comunque dalla parte sbagliata.

Da donna e direttore di due quotidiani, La Voce del Trentino e La Voce di Bolzano, aspetto con ansia il sollevarsi del coro indignato delle femministe, la lunga lista delle interrogazioni parlamentari, gli infiniti girotondi e i cortei chilometrici di protesta delle magliette rosse.

Nulla di tutto ciò succederà, se la legge imperante impone di sparare, anche mediaticamente, sul supposto camerata.

Perché così il secolare sistema di indottrinamento ha loro insegnato, inculcando l’odio di classe nel grande alveo ideologico della lezioncina culturale post bellica.

A questi va il nostro ringraziamento più sentito. Perché la resistenza, quella autentica, ce la stanno insegnando loro.

«L’amarezza non sono i danni arrecati da questi poveri disgraziati disadattati e psicopatici ma la consapevolezza di non vivere più in una nazione democratica e libera. Ma quanto successo questa notte alla nostra redazione ci dà nuovo entusiasmo e forti motivazione per continuare su questa strada che è quella giusta. Non saranno certo 4 fanatici a fermare una voce dell’informazione trentina fuori dal coro e unica in regione che da sempre difende i valori del centro destra», dichiara il nostro editore Roberto Conci.

E ancora: «Quanto successo è figlio del buonismo e dell’eccessiva sopportazione nei confronti di persone notoriamente conosciute da tutti, che nonostante i danni arrecati alla città di Trento in questi anni, sono ancora liberi di danneggiare a piacimento qualsiasi attività o persona non la pensi come loro. Una vergogna questa, di cui Trento non aveva bisogno. Il mio appello è che tutti coloro che credono ancora nella democrazia e nella libertà si uniscano per dare un forte segnale di cambiamento, specie ora che nel Trentino governa il centrodestra da sempre baluardo dei valori legati alla libertà, alla sicurezza e alla democrazia.

Ancora di più gravi non sono le minacce di morte e gli insulti che giornalmente arrivano alla mia persona ma quelli che riceve la direttrice Elisabetta Cardinali in quanto donna. Dopo la pubblicazione di questa lettera, mi attendo l’intervento della commissione pari opportunità della provincia di Trento. Ma quanto successo è solo il normale epilogo di tutto l’impegno profuso da alcuni politici che aizzano questi psicopatici con tanto di megafono in mano, un giornale trentino che da anni ci attacca creando odio e rancore verso di noi, e certi gruppi social che fomentano odio e disprezzo. Non abbiamo iniziato noi questa guerra, ma la combatteremo senza paura alcuna fino in fondo».

I vandali hanno voluto colpire appositamente tutte le vetrine, non sapendo che all’interno degli uffici sono presenti 3 telecamere. Le immagini saranno fornite alle forze dell’ordine all’atto della denuncia. I danni sembrano stati effettuati con un fucile ad aria compressa. 

Sotto, le lettere di minacce ed insulti ricevute dalla direttrice Cardinali per le quali è stata sporta denuncia alla polizia postale

 

 

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]
  • Si viaggerà ad idrogeno anche in Italia: dal 2021 al via i nuovi treni
    Negli ultimi anni, le soluzioni green per il trasporto pubblico si sono moltiplicate e concretizzate sempre di più attraverso la produzione di treni riciclabili a basse emissione oppure con l’entrata in servizio di Bus ibridi. A questo si aggiunge l’ultimissimo accordo siglato tra uno dei maggiori colossi di infrastrutture energetiche, Slam e una delle più […]
  • La Nasa riprogramma la strada verso la Luna testando “il razzo più potente di sempre”
    Dopo l’ultima missione di Apollo del 1972, l’agenzia aerospaziale americana Nasa si prepara a riportare l’uomo sulla Luna, testando nel deserto di Utah quello che ha definito “ il razzo più potente di sempre”, lo Space Launch System. Questo razzo farà parte della missione Artemide che in un solo lancio riuscirà a portare l’equipaggio insieme […]

Categorie

di tendenza