Connect with us
Pubblicità

Sport

Gigi Buffon, Ilaria D’Amico: un botta e risposta tra passato, presente, calcio e vita privata

Pubblicato

-

Per la prima volta sullo stesso palco, in occasione del Festival dello Sport, la coppia composta dal fenomeno del pallone e della parata, Gigi Buffon, e dalla celebre giornalista sportiva Ilaria D’Amico, si confronta e si mette a nudo, dopo qualche iniziale imbarazzo, ripercorrendo la storia calcistica di lui, i successi e le sconfitte, senza però tralasciare momenti di vita quotidiana e scelte dettate dalle necessità familiari.

Entrambi normalmente a proprio agio sotto i riflettori, entrambi riservatissimi in termini di vita privata, esordiscono così, tra qualche sorriso imbarazzato, Buffon e la compagna D’Amico, seduti faccia a faccia per una doppia auto-intervista.

Eppure, la magia del quotidiano si riversa ben presto anche in pubblico: la complicità scalda i motori, le battute si sprecano, i piccoli rimbotti, pure. Si va “a braccio”, nel provare a sviscerare passato e presente di entrambi, ma soprattutto di Gigi, che è stato ed è fenomeno nel suo campo e che, ironizza fin da subito, «sinceramente non saprei come fare, se non “a braccio”, nella vita».

Pubblicità
Pubblicità

Del resto la parata, svela la D’Amico, fa così parte della sua persona da essere diventata un gesto istintivo anche nel sogno: «Sono quelle che non ho mai fatto in campo», si scusa, scherzando ancora, lui. Eppure, Buffon, di colpi a segno ne ha messi davvero tanti: il mondiale nel 2006, 176 partite in nazionale, la non usuale carriera ancora attiva a 41 anni, il Pallone d’Oro più volte sfiorato.

«Diceva Yashin, che quel premio l’ha vinto, che “se non sei tormentato dopo aver fatto un errore, non sei un grande portiere”, e allora forse il mio segreto sta qui, nel tormentarmi sempre» – racconta Gigi – «io vivo col desiderio costante di diventare perfetto. Non credo di aver mai dato il 100% di me stesso, forse ho in serbo ancora un 15%, ed è quello che farò uscire adesso, dopo i 40. Ma questa mia insoddisfazione perenne» – aggiunge – «viene dal mio passato e dai suoi insegnamenti: il complimento più bello che mi fece mio padre fu “oggi non mi sei dispiaciuto”, e una delle prime cose che mi fu detta da uno dei miei primi allenatori fu “non essere mai ottimista in campo”».

Pubblicità
Pubblicità

E a proposito di allenatori e compagni, la chiacchierata tra i due tocca anche queste corde: da Conte, che per Buffon «resta, a prescindere dalla recente scelta professionale di guidare l’Inter, un uomo a cui, per passione e professionalità, non è possibile muovere alcuna accusa»; a Nevio Scala, che lo fece esordire, un po’ pazzamente, nel Parma; ad ancora Ancelotti, «che sarà sempre colui a cui devo tutto, per aver creduto in quel giovane arrogante me, facendomi scalare le gerarchie».

È un uomo sempre equilibrato (pertanto molto diverso dal passato, e lui stesso ci gioca, sul contrasto) e che dice di sé di “non conoscere l’odio”, questo Buffon seduto di fronte alla compagna al Festival dello Sport:

«Forse lo devo proprio alle figure più scomode della mia vita, questo atteggiamento, e parlo dei paparazzi» – spiega – «alla fine vivere sotto il loro occhio costante, perennemente preda di uno scatto, mi ha reso più educato e civile».

Meno concorde la D’Amico, che si ritaglia anche qualche minuto per accusare il giornalismo “torbido” e il gossip. Resta allora, prima di concedersi ai fan per selfie e autografi, in quest’ottica, un piccolo commento a un rivale di sempre, Cristiano Ronaldo, ora compagno di squadra:

«Se non puoi combatterli, unisciti a loro» – scherza Gigi – «o semplicemente: stai coi migliori, per imparare da loro. E per me, in chiusura di carriera, poter essere tornato alla Juve dopo l’anno a Parigi – scelta condizionata soprattutto dalla mia paternità – e poter giocare accanto a un campione come lui, è una grande soddisfazione».

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]
  • Parco giochi per anziani: l’incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
    All’arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo sport: una perfetta occasione di interazione e socializzazione che permette di mantenersi attivi non solo nel corpo ma anche nello spirito. Per aiutare gli anziani […]
  • Il dipinto ritrovato: torna a casa il “ritratto di signora” di Klimt
    22 febbraio 1997: presso la Galleria Ricci Oddi di Piacenza scompare il “Ritratto di Signora”, una delle opere dell’artista austriaco Gustav Klimt risalente al 1916/17. La cornice abbandonata sul tetto dopo il furto era tutto ciò che restava di una delle splendide e più discusse opere di Gustav Klimt. La tela originale, si suppone infatti […]
  • Regno Unito: dal 2035 vietata la vendita di auto diesel e benzina
    Il settore delle auto elettriche è nella sua piena espansione, sebbene le quote di mercato rimangono ancora a livelli inconsistenti. Infatti, i principali costruttori stanno investendo cifre immense per crescere ulteriormente ed accompagnare la produzione verso uno sviluppo ed un acquisto di massa. Il problema delle emissioni derivanti dalle automobili, è stato preso di petto […]

Categorie

di tendenza