Connect with us
Pubblicità

Sport

Tina Maze e Sofia Goggia, la bellezza della velocità

Pubblicato

-


Le donne jet dello sci, Tina Maze e Sofia Goggia, sono prima di tutto amiche perché molto hanno in comune: la determinazione, la grazia e la passione per lo sci.

Al Teatro sociale di Trento sono state protagoniste ieri mattina le due sciatrici che hanno dominato la scena internazionale dell’ultima decennio: Sofia Goggia, oro nella discesa libera a PyeongChang 2018 (prima italiana nella storia dello sci), e Tina Maze, slovena, gigantista, vincitrice di quattro mondiali e due ori olimpici.

Le campionesse hanno dato vita ad un incontro che è andato oltre lo sport. “Di Tina – ha esordita l’atleta italiana – ho sempre ammirato la forza e la determinazione. In camera custodisco ancora oggi i ritagli della Gazzetta che parlano di lei e delle sue imprese. La prima volta che l’ho incontrata è stata un’emozione”. La stima è tutta ricambiata dalla slovena:

Pubblicità
Pubblicità

“Sofia l’ho incontrato alla sua prima gara di Coppa del mondo quando ha condiviso il podio con me. Mi aveva sorpreso il suo esordio ma non ci ho messo molto a capire che non sarebbe stata una meteora”.

Tina Maze e Sofia Goggia sono le ultime due campionesse olimpiche della discesa, ma nella vita sono molto di più. Tina Maze, talento ed eclettismo anche fuori dalle piste — è stata cantante, ora fa la commentatrice —, è la donna che un giorno ha deciso di crearsi un team tutto suo e che ha firmato la stagione dei record, quel 2012-13 che la vide 24 volte sul podio e prima con 2414 punti in classifica generale.

Pubblicità
Pubblicità

A Trento ha incrociato, una volta tanto lontano dalle piste, Sofia Goggia, una polivalente della vita che sugli sci va velocissima e fuori dal circuito coltiva le passioni per la musica e la letteratura. Perché non si vince solo con gli scarponi ai piedi.

Per loro parlano i numeri. La consacrazione sportiva di Sofia Goggia arriva nel 2016-17 con 13 podi in Coppa (in 4 discipline, record per un’italiana) e due vittorie, entrambe nelle preolimpiche di Jeongseon, oltre al bronzo iridato in gigante.

Ai Giochi di PyongChang 2018 è diventata la prima italiana a vincere l’oro in discesa, 66 anni dopo Zeno Colò. Sempre nel 2017-18 ha vinto la Coppa del Mondo di discesa, con 3 punti di vantaggio su Lindsey Vonn.

Tina vanta quattro ori mondiali, più 5 argenti, e due ori olimpici, più due argenti. Ha vinto la Coppa del Mondo generale del 2012-13 con il record di punti conquistati, 2414, e di gare chiuse sul podio, 24; nella stessa stagione si è imposta anche nelle classifiche di gigante e si superG.

Nel circuito ha vinto 26 gare, con un totale di 81 podi. È una delle sette sciatrici ad aver vinto lmeno una gara di Coppa del Mondo in ciascuna delle 5 specialità. Esordì in Coppa del Mondo nel gennaio 1999 in gigante a Maribor; tre anni dopo nella stessa gara ottenne il primo podio, mentre nell’ottobre 2002 firmò la prima vittoria nel gigante di inizio stagione a Soelden.

Tina Maze racconta i suoi successi partendo dal personale:In gara non vedevo altro che la pista, ero concentrata sulla vittoria e temevo le mie emozioni perché per vincere devi essere fredda. Solo oggi, quando riguardo le mie gare, provo quelle emozioni che allora non potevo assaporare”. Determinazione, quindi, ma anche coraggio. Non solo fuori dalle piste. “Quando ho dato vita al mio team mi sono ritrovata contro la Federazione di sci slovena. E’ stata una battaglia fin dall’inizio e ci è voluto tempo prima che accettassero la mia scelta ma io non ho mai mollato”.

Tina è stata una delle poche atlete a vincere in tutte le discipline alpine dello sci. Rivolta a Sofia, che proprio non sopporta i paletti, la Maze si è lasciata andare ad un consiglio: “In slalom occupavo la posizione numero 300 ma dopo molti allenamenti sono risalita al secondo posto. Questi obiettivi sono possibili e li raggiungi non da sola ma ti serve anche la squadra”. Consiglio ricevuto ma i dubbi per Sofia restano: “Al cancellato provo più paura vedere davanti a me quattro porte su un muro di ghiaccio, che lo stesso muro da affrontare in libera, tranquillamente, con la mia velocità. In ogni caso Tina ha ragione e da qualche tempo ho capito che, se voglio migliorare devo allenarmi anche tra i pali, perché lo sci è uno sport d’equilibrio”.

La chiave dei successi di Tina, oltre allo straordinario talento, passa proprio per l’allentamento: “L’estate è un momento importante perché costruisci la stagione. Le sedute in palestra e di atletica di consentono di migliorare il tuo fisico, di rafforzare il tuo corpo. Per me sciare era un gioco dopo la preparazione atletica. Andrea, il mio allenatore (e oggi suo compagno di vita, ndr.) mi diceva sempre che in gara non andavo mai al massimo e che avevo sempre del margine. Aveva perfettamente ragione perché quel margine era la garanzia contro gli infortuni”. 

Entrambe hanno fatto la storia delle Olimpiadi. “A Sochi – ricorda la Maze – ho incominciato conio quarto posto in Super G. Ero arrabbiata, però sapevo di avere altre gare in cui potermi giocare l’oro. E così è stato. Ho vinto il primo oro in discesa e il secondo in slalom. Alla vigilia ero certa della vittoria e mentre sciavo mi vedevo già con la medaglia. Dovevo solo concentrarmi e non pensare ad altro”.

Sofia Goggia non aveva certezza: “No, non ero affatto sicura di vincere. A PyeongChang ho sciato tranquilla. Conoscevo la pista e dovevo solo divertirmi. Alle Olimpiadi volevo fare la sciata perfetta e ci sono riuscita. La vittoria è stata un’emozione fortissima perché quando gareggi non lo fai solo per te stessa ma rappresenti un’intera nazione”.

L’ultimo passaggio è per Cortina e le Olimpiadi 2026. “Cortina è un luogo fantastico – svela Sofia Goggia, ambassador di Milano Cortina 2026 -. Tempo fa le Fis realizzò un sondaggio sulla tappa più bella del circuito mondiale e Cortina vinse all’unanimità. Quando arrivi e vedi Cortina con le Tofane illuminate dal sole e un po’ impolverata di neve, è pura poesia”. Una dichiarazione di amore che anche Maze fa propria: “Svegliarsi alle 4 del mattino non è proprio bello ma quando sali sulla funivia e vedi quel paesaggio, pensi che sei fortunata ad essere lì”.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]
  • Parco giochi per anziani: l’incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
    All’arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo sport: una perfetta occasione di interazione e socializzazione che permette di mantenersi attivi non solo nel corpo ma anche nello spirito. Per aiutare gli anziani […]
  • Il dipinto ritrovato: torna a casa il “ritratto di signora” di Klimt
    22 febbraio 1997: presso la Galleria Ricci Oddi di Piacenza scompare il “Ritratto di Signora”, una delle opere dell’artista austriaco Gustav Klimt risalente al 1916/17. La cornice abbandonata sul tetto dopo il furto era tutto ciò che restava di una delle splendide e più discusse opere di Gustav Klimt. La tela originale, si suppone infatti […]
  • Regno Unito: dal 2035 vietata la vendita di auto diesel e benzina
    Il settore delle auto elettriche è nella sua piena espansione, sebbene le quote di mercato rimangono ancora a livelli inconsistenti. Infatti, i principali costruttori stanno investendo cifre immense per crescere ulteriormente ed accompagnare la produzione verso uno sviluppo ed un acquisto di massa. Il problema delle emissioni derivanti dalle automobili, è stato preso di petto […]

Categorie

di tendenza