Connect with us
Pubblicità

Trento

Festival dello Sport: Olimpiadi invernali Milano-Cortina 2026. Una manifestazione tutta italiana

Pubblicato

-

Fra le numerosissime attività del Festival dello Sport venerdì mattina al Teatro Sociale di Trento si è parlato delle Olimpiadi invernali del 2026. È una manifestazione che parla solo italiano.

La candidatura Milano-Cortina è riuscita a battere la concorrenza della favorita Svezia e a portarsi a casa un risultato straordinario.

Il 24 giugno 2019 il Comitato Olimpico di Losanna ha deciso che l’Italia ha qualcosa in più rispetto alla Svezia, affidando al Belpaese la più grande manifestazione internazionale sugli sporti invernali.

Pubblicità
Pubblicità

Prima che la conferenza racconti in dettaglio tale evento e spieghi i motivi che hanno portato alla vittoria della candidatura italiana, hanno sfilato sul palco grandi atletici olimpici del presente e del passato. Stefania Belmondo (ex fondista 2 ori a Albertville 1992 e Salt Lake City 2002), Giacomo Bertagnolli (sciatore alpino paralimpico 2 ori a Pyeongchang 2018), Daniela Ceccarelli (ex sciatrice alpina 1 oro a Salt Lake City 2002),

Pietro Piller Cottrer (ex fondista 1 oro a Torino 2006), Manuela di Centa (ex fondista 2 ori a Lillehammer 1994), Enrico Fabris (ex pattinatori di velocità su ghiaccio 2 ori a Torino 2006), Claudia Giordani (ex sciatrice alpina 1 argento a Innsbruck 1976), Gunther Huber (ex slittinista ed ex bobbista 1 oro a Nagano 1998),

Paola Magoni (ex sciatrice alpina 1 oro a Sarajevo 1984), Franco Nones (ex fondista 1 oro a Grenoble 1968), Gabriella Paruzzi (ex fondista 1 oro a Salt Lake City 2002), Gustavo Thoeni (ex sciatore alpino 1 oro Sapporo 1972),

Gerda Wissensteiner (ex slittinista ed ex bobbista 1 oro a Lillehammer 1994 , Cristian Zorzi (fondista 1 oro Torino 2006), Sofia Goggia (sciatrice alpina 1 oro a Pyeongchang 2018) e Michela Moioli (snowboarder 1 oro a Pyeongchang 2018) .

Pubblicità
Pubblicità

Il presidente del Coni Malagò non aveva ancora digerito la sconfitta di Roma nella candidatura ai giochi estivi del 2004 e del 2024, e stavolta si è preso una bella rivincita. Per la terza volta le Olimpiadi invernali saranno ospitate nel nostro paese: dopo Cortina 1956 e Torino 2006 stavolta toccherà all’alleanza Milano-Cortina.

Le varie discipline saranno svolte anche in Valtellina (Livigno e Bormio), in Val di Fiemme (Predazzo e Tesero), a Baselga di Pinè, in Val Pusteria (Anterselva) e a Verona.

La manifestazione si svolgerà dal 6 al 22 febbraio e parteciperanno 92 paesi in 15 discipline sportive e 102 gare. Il costo totale si aggira sui 1.300 milioni di euro, anche se ¾ del totale sono immessi dal CIO (Comitato Olimpico Internazionale). Si presume ci sia una vendita di 2 milioni di biglietti.

Il fatto che sia stata scelta Milano, non proprio una città montana, ormai non stupisce più. Nelle ultime edizioni infatti nessuna delle città che ha ospitato la manifestazione era una località sciistica: Torino, Vancouver, Soci, Pyeongchang e nemmeno Pechino nel 2022. Soci è addirittura considerata un luogo di villeggiatura estivo, anche se ovviamente vicino alle stazioni sciistiche.

Il fatto che l’Italia abbia scavalcato un paese come la Svezia, in prima linea per gli sport invernali, stupisce anche il presidente del Coni Malagò: «Avevamo contro un paese che per definizione è un paese nordico e di sport invernali. Era l’ottava volta che si candidava senza mai ospitare un’Olimpiade invernale. Noi invece a soli tredici anni da Torino 2006 siamo tornati nuovamente ad organizzare la stessa manifestazione».

Nella prima parte della conferenza si è cercato di ripercorrere proprio quei momenti che hanno portato alla vittoria italiana. Secondo lo stesso presidente del Coni ciò che ha influenzato maggiormente è stato il fattore umano.

Il giorno della candidatura è stato diviso in due atti: nella prima parte della giornata c’è stata  una presentazione a porte chiuse, mentre nella seconda parte sono stati presenti anche i media.

Benchè gli italiani avessero circa 40 voti dalla loro parte, erano ancora troppo pochi. Bisognava prendersi anche i voti degli indecisi. Racconta Malagò: «In questa seconda presentazione ho deciso di stravolgere tutto e con questa scelta mi sono preso una grossa responsabilità. Ho chiesto anche a tutti di essere più naturali possibili».

Rispetto al didascalico e monotono intervento svedese, gli italiani hanno portato sul palco la sciatrice Sofia Goggia e la snowboarder Michela Moioli (che si sono lasciati andare ad una Dab Dance davanti al Comitato CIO), e le pattinatrici Arianna Fontana ed Elisa Confortola.

La freschezza giovanile e l’importanza data alle atlete ha fatto sicuramente la differenza. Cosa non scontata è stato anche l’intervento del presidente paralimpico Luca Pancalli, le cui parole straordinarie che ha riportato anche ieri mattina sono state oggetto di un lungo applauso. «La paralimpiade va a toccare l’indice di qualità della vita dei cittadini rispondendo in termini di accessibilità.

È molto importante inoltre il modello culturale. Una paralimpiade è capace di stravolgere schemi, sistemi, pregiudizi e barriere mentali poichè mostra l’aspetto più bello di ragazzi e ragazze paralimpiche. Tutti i progetti che verranno portati avanti con le scuole e con i volontari farà sì che alla fine dei giochi Olimpici e Paraolimpici del 2026, tanti giovani saranno diventati adulti e saranno dei cittadini migliori, ai quali avremmo trasferito un modello culturale per costruire un paese migliore».

Per fare chiarezza sui reali motivi che hanno portato alla vittoria della candidatura italiana è salito sul palco anche il presidente della Commissione Cio di Valutazione per i Giochi Olimpici Invernali 2026 Octavian Morariu.

L’elemento fondamentale, come accennava proprio il presidente Malagò, sono state le persone: «Per la candidatura Milano-Cortina abbiamo trovato persone eccellenti, professionisti mossi da una grande passione che si volevano dedicare a questo tipo di progetto.

Gente che aveva unione, conoscenze, competenze e soprattutto  la volontà di riuscirci. Oltre a ciò sono entrati comunque in ballo altri fattori come l’importanza storico-culturale di Milano e Verona e l’efficienza dei servizi».

Sul palco si sono poi susseguiti altri interventi:

il presidente del Torino Calcio Urbano Cairo«Credo che l’Olimpiade Milano-Cortina sia una grandissima opportunità. Io ricordo che avevo preso il Torino nel 2005 e nel 2006 ci fu l’Olimpiade proprio a Torino.

Torino era in un momento di difficoltà per motivi legati all’industria e l’Olimpiade diede uno slancio incredibile alla città. Sono quindi convinto che l’Olimpiade rimanga una manifestazione molto importante, anche perchè in questo caso abbiamo avuto un investimento contenuto».

Il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti: «Sapere che il Trentino nel 2026 sarà parte di questa  Olimpiade è un profondo orgoglio. Inoltre c’è una consapevolezza in più per quello che dovremmo fare in quei territori che accoglieranno tali discipline.

Sono realtà dove già sono state organizzate grandi manifestazioni come i Campionati del Mondo, la Coppa del Mondo e le Universiadi e di conseguenza c’è una forte consapevolezza di mettere a disposizione già una preparazione organizzativa. Siamo convinti che dalla nostra parte faremo tutto il possibile per una buona riuscita».

Il presidente della regione Lombardia Attilio Fontana: «Io credo che sia una grandissima opportunità per Milano, per la Lombardia e per tutto il paese. La cosa bella è che Milano stia portando avanti dei grandi cambiamenti e miglioramenti.

Sta diventando l’unica città italiana che può competere con le più grandi capitali mondiali. Tutto è iniziato dall’attività svolta dai sindaci del passato e cheFE ha trovato il suo equilibrio nell’Expo. Da lì la città è esplosa e ha mostrato il meglio di sé. Io spero che ci sia una continuità tra quello che è stato e quello che sarà con le Olimpiadi del 2026».

L’assessore allo Sport Regione Veneto Cristiano Corazzari: «Questa Olimpiade rappresenta un’opportunità per tutto il paese e in particolar modo per noi come regione Veneto.

Vogliamo che sia un’Olimpiade all’insegna della sostenibilità, senza sprechi e con un’efficienza che è tipica della nostra gente.

Vogliamo che sia anche un’Olimpiade della trasparenza, con un giusto impiego delle risorse. Per noi la vera sfida è far sì che le Olimpiadi contribuiscano alla crescita di questo territorio meraviglioso e unico».

Il sindaco di Cortina Gianpietro Ghedina:  «Sono convinto che Cortina in questa Olimpiade se la caverà molto bene. Noi siamo la storia e la tradizione degli sport invernali, ma siamo anche il futuro. Cortina è un cantiere a cielo aperto, si sta rinnovando e dopo i Mondiali del 2021, poter ospitare i Giochi Olimpici per noi è un’occasione straordinaria».

Pubblicità
Pubblicità

Trento

È morto Stefano Tabarelli de Fatis, il vice comandante dei vigili del fuoco di Baselga del Bondone

Pubblicato

-

Sgomento e tristezza in tutti i corpi dei vigili del fuoco della provincia di Trento per la morte di Stefano Tabarelli de Fatis vicecomandante dei vigili del fuoco di Baselga del Bondone.

Stefano è morto ieri alle 15.30 del pomeriggio a soli 29 anni dopo un malore improvviso.

Tutto era cominciato con un banale mal di testa terminato purtroppo con la tragica morte del giovane vigile del fuoco.

PubblicitàPubblicità

Lascia la fidanzata Arianna la sorella di 28 anni Debora e due genitori con i quali viveva.

Lavorava come macchinista sui treni ma era sempre pronto all’azione quando il pericolo chiamava.

Gli amici lo descrivono come una persona fantastica, allegra, tranquilla, buona ed educata.

Era entrato nei vigili del fuoco da giovanissimo nel 2009. 

Pubblicità
Pubblicità

In una nota il Corpo dei vigili del fuoco provinciale rivolge le più sentite condoglianze ai familiari e alla sua ragazza Arianna.

«Abbiamo tutti perso un amico…Un grande amico, Ciao Taba Il tuo comandante e amico Gianluca» – Queste le ultime parole del comunicato lanciato dalla caserma dove operava ormai da anni con professionalità e dedizione.

Da ore sulla pagina facebook dei vigili del fuoco di Baselga del Bondone arrivano messaggi di cordoglio da tutte le caserme del Trentino e da semplici cittadini.

«Che brutto scherzo ci hai fatto… Stavolta invece delle nostre tante risate, ci hai fatto piangere tutte le nostre lacrime… Guida i nostri treni dal cielo adesso… I nostri cuori daranno sempre il pronti al tuo ricordo… Ciao, Maestro!»Scrive un’amica

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Tre ore di lingue straniere in più alla settimana nelle scuole trentine

Pubblicato

-

Approvate oggi dalla Giunta provinciale le direttive per il potenziamento dell’insegnamento delle lingue straniere, obiettivo prioritario in tema di politiche scolastiche per la corrente legislatura.

L’intento è quello di assicurare un profilo di maggiore autonomia e flessibilità alle istituzioni scolastiche per permettere di perseguire lo scopo senza vincoli o imposizioni che possano condizionare in senso negativo il perseguimento dell’obiettivo.

In questa direzione le nuove linee guida consentono alle istituzioni scolastiche provinciali di potenziare l’insegnamento delle lingue, non solo attraverso l’apprendimento integrato di lingua e contenuto (CLIL), ma anche mediante un repertorio di attività definite e programmate dalle singole realtà di scuola, nell’esercizio della propria autonomia e in coerenza con gli obiettivi di competenza linguistica specificamente previsti dai Piani di studio provinciali.

Pubblicità
Pubblicità

Un’attenta ricognizione nella scuola trentina di ogni ordine e grado in tema di apprendimento delle lingue straniere ha messo in evidenza alcune difficoltà, soprattutto per ciò che concerne l’assetto organizzativo. Nel confronto tra addetti ai lavori è emersa pertanto la necessità di apporre alcuni correttivi al sistema organizzativo, che vengono ora regolamentati attraverso le nuove direttive approvate oggi dalla Giunta provinciale.

L’obbiettivo delle nuove disposizioni rimane quello di assicurare un’offerta didattica capace di migliorare significativamente le competenze linguistiche di tutti gli alunni.

La volontà di migliorare l’autonomia delle scuole e l’esigenza di rispondere alle criticità emerse, ha reso però necessario prevedere più ampie possibilità di intervento, nell’ottica della diversificazione delle modalità didattiche e di un più mirato impiego della flessibilità riconosciuta, pur salvaguardando tutte le fruttuose esperienze maturate nel passato.

Nello specifico le nuove disposizioni stabiliscono che nella scuola primaria, per l’intero primo ciclo, vengano assicurate almeno tre ore settimanali di potenziamento linguistico, che si aggiungono al monte ore quinquennale esistente pari a 500 ore da suddividere tra tedesco e inglese, come previsto dai Piani di studio provinciali.

Pubblicità
Pubblicità

Nella scuola secondaria di primo grado inoltre viene stabilito un potenziamento linguistico con un livello minimo di tre ore settimanali per ogni anno di corso che vanno ad aggiungersi alle 198 ore annuali previste per l’insegnamento del tedesco e dell’inglese.

Infine nella scuola secondaria di secondo grado, dove l’insegnamento delle lingue straniere si articola in modo diverso rispetto ai vari indirizzi, la nuova normativa stabilisce che il potenziamento linguistico nel secondo grado si sostanzi in 60 ore per ciascun anno di corso e che nel quinto anno, al fine di garantire coerenza con quanto previsto dalla normativa nazionale vigente, l’attività didattica venga realizzata in CLIL per il 50% dell’orario annuale di una o più discipline non linguistiche, fermo restando, comunque, il limite di 60 ore annuali.

Il potenziamento linguistico sarà sostenuto dall’amministrazione scolastica con specifiche attività di supporto alle scuole, tra esse rientrerà anche la formazione di sistema del personale docente garantita da IPRASE, sia per quanto attiene al miglioramento delle competenze linguistiche sia sotto il profilo didattico-metodologico.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

È eccellente la qualità delle acque dei laghi balneabili trentini

Pubblicato

-

I laghi trentini confermano anche per quest’anno l’eccellenza della qualità delle loro acque e i bagnanti potranno tranquillamente tuffarsi e nuotare in tutti e venti gli specchi d’acqua monitorati dall’Azienda provinciale per i servizi sanitari a partire dal primo maggio prossimo e fino al 30 settembre 2020.

Il provvedimento proposto oggi dall’assessore alla salute Stefania Segnana, infatti, aggiorna l’individuazione delle acque lacuali idonee alla balneazione nel territorio della provincia di Trento e fissa la durata della prossima stagione balneare.

Le vigenti disposizioni in materia impongono alle Regioni ed alle Province autonome di effettuare il monitoraggio delle acque lacuali utilizzate per la balneazione, avvalendosi dei competenti Uffici di Igiene e Sanità Pubblica; sulla base dei campionamenti effettuati nel corso del 2019 e delle risultanze fornite dalla relazione di Apss, lo stato delle acque con prelievi da aree prospicienti le spiagge trentine ha registrato il punteggio massimo: eccellente.

PubblicitàPubblicità

Nessun valore anomalo, ma altissima qualità, dunque, per i laghi di Caldonazzo, Canzolino, Cei, Garda, Idro, Lagolo, Lamar, Lases, Lavarone, Ledro, Levico, Molveno, Piazze, Santo, Serraia, Tenno, Terlago, Cavedine, Nembia e Roncone.

Il provvedimento approvato oggi, con i dati delle rilevazioni 2019, viene trasmesso al Ministero della Salute e al Ministero dell’Ambiente, della tutela del Territorio e del Mare, all’Apss e ai Comuni interessati, competenti ad adottare idonei strumenti di informazione alla cittadinanza sullo stato di balneazione dei laghi che rientrano nel proprio territorio.

 Il monitoraggio, compiuto in genere mensilmente durante la stagione primaverile ed estiva, prevede che siano effettuate, ad ogni controllo, rilevazioni di parametri ambientali (temperatura aria, temperatura acqua, vento, corrente, onde), ispezioni di natura visiva (residui bituminosi, vetro, plastica, gomme, altri rifiuti) e prelievi di campioni di acqua per l’analisi batteriologica in laboratorio.

I risultati delle rilevazioni confluiscono in una banca dati europea, che registra lo stato delle acque nelle regioni dei diversi Paesi.

Pubblicità
Pubblicità

I laghi del Trentino rappresentano un patrimonio ambientale prezioso e una meta turistica di grande interesse: l’eccellenza delle loro acque è sicuramente un aspetto significativo per le 39 spiagge complessivamente monitorate del nostro territorio.

I risultati di tutte le attività di controllo effettuate nel corso del 2019, con l’indicazione dei punti di prelievo, sono visibili a questo link 

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza