Connect with us
Pubblicità

Sport

Festival dello Sport: apoteosi per Roberto Baggio al teatro sociale

Pubblicato

-

Apoteosi Roberto Baggio nel pomeriggio di oggi, in un Teatro Sociale stracolmo, per uno degli eventi più attesi del Festival dello Sport.

Grande entusiasmo e applausi a scena aperta per uno dei fuoriclasse più amati di sempre del calcio italiano intervistato dal direttore de La Gazzetta dello Sport Andrea Monti. “Il divin codino”, com’è stato battezzato dai tifosi, ha ripercorso la sua carriera di calciatore raccontandosi in maniera diretta e con quella semplicità e sincerità che lo hanno fatto diventare un campione amato da tutti, al di là delle casacche indossate nel corso di una carriera straordinaria, quasi sempre con il magico numero “10 “ sulle spalle.

Vicentino, classe 1967, Boberto Baggio è cresciuto nel mito del fuoriclasse brasiliano Zico iniziando a giocare a calcio in strada.

Pubblicità
Pubblicità

I numeri della sua carriera sono impressionanti e parlano anche di dieci magliette indossate, se si considera anche quella dell’Under 21, 323 reti realizzata in 765 partire con 57 presenze con la maglia della Nazionale.

Due gli scudetti vinti, con la Juventus ed il Milan, un Pallone d’Oro ed un’idea di calcio e di vita che parte da un’idea precisa; “Credo che per avere successo – ha detto Baggio – sia sempre necessario essere umili, solo in questo modo non si ha paura delle sconfitte, delle cadute che ci attendono nella vita”.

Baggio non ha mai fatto le bizze delle star ma si è sempre posto in maniera diretta con i suoi tifosi: “Ho sempre voluto mettermi nei loro panni, di chi sta un’ora in fila a chiederti l’autografo perché lo facevo anch’io da ragazzino con giocatori e cantanti”.

La mission del campione veneto è stata sempre quella di far divertire la gente, di regalare gioia ed emozioni attraverso il gioco ed i gol.

E Roby Baggio lo ha fatto con diverse magliette a partire da quella del Lanerossi Vicenza: “Ho vissuto la mia prima esperienza importante con la squadra che tifavo e che andavo a vedere da bambino. Un sogno, il massimo”.

Pubblicità
Pubblicità

Poi l’esperienza, unica, profonda e insieme dolorosa con la Fiorentina: “Sono arrivato a Firenze rimanendo fermo per due anni a causa di un infortunio. In quel periodo la gente si era stretta intorno a me con un affetto incredibile che non ho mai dimenticato e per questo mi sono sentito in debito con questa città”.

Sul campo Baggio diventò l’idolo dei tifosi viola che accolsero con tre giorni di guerriglia urbana il suo trasferimento ai rivali della Juventus: “Con Firenze –  ricorda commuovendosi Baggio – ho un legame profondo. Non volevo andarmene ma la società aveva già fatto tutto. Per tanto tempo mi diedero del mercenario finchè il presidente di allora, dopo anni, ristabilì la verità delle cose”.

Chissà, magari Baggio sarebbe rimasto viola a vita ma le cose non andarono in quel modo e nella sua carriera arrivarono le vittore con la Juventus, proprio con la maglia della Vecchia Signora visse alcune degli anni più belli della sua carriera, con il Milan, per poi passare al Bologna, all’Inter in un periodo travagliato, per chiudere la sua carriera in provincia al Brescia dove incontrò Carletto Mazzone : “Un uomo semplice e saggio”.

Più tormentato il suo rapporto con la Nazionale: “Per me vestire la maglia della nazionale era qualcosa di incredibile e straordinario che sognavo sin da bambino. La casacca azzurra per me era qualcosa di unico”.

Purtroppo il destino ha trasformato Roberto Baggio in uno dei simboli della sconfitta ai rigori nei Mondiale del 1994 negli Stati Uniti nella finale di Pasadena persa contro il Brasile : “Quel rigore sbagliato in finale è il più importante episodio sportivo della mia vita che vorrei cancellare. Credo di non aver mai tirato alto un rigore e quella volta capitò, ci penso ancora qualche sera prima di addormentarmi, quel rigore mi tormenta”.

Altra delusione azzurra la mancata convocazione da parte di Trapattoni ai Mondiali del 2002: “Non ho mai digerito quell’esclusione, mi ha profondamente amareggiato, meritavo di essere tra i convocati, magari poi di non giocare, ma di essere considerato, quello sì”.

La vita sportiva di Roberto Baggio è stata condizionata da tanti infortuni che non gli hanno impedito di diventare un fuoriclasse mentre quella spirituale è stata segnata dal Buddhismo abbracciato nel 1988 proprio dopo il primo, grave, infortunio. L’ultima chiosa è sul calcio di oggi: “Mi piacerebbe molto – ha detto Baggio – giocare con le nuove regole. Credo che sia io che campioni come Zico, Platini e Maradona di gol, anche su punizione, ne faremmo molti di più e il pubblico tornerebbe a riempire gli stadi”.

La conferenza finale di Roby Baggio

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Giappone propone vacanze quasi gratis per rilanciare il turismo
    Negli ultimi mesi, il Giappone come tutti gli altri Stati del mondo, ha subito un forte rallentamento dal punto di vista turistico a causa dell’emergenza sanitaria da Covid – 19, arrivando ad un calo del 99.9% del turismo locale con neanche 3 mila arrivi durante il mese di aprile. Inoltre, considerando che il 2020 avrebbe […]
  • Coronavirus: distributori automatici di mascherine gratuite
    Nel periodo in cui la massima attenzione all’igiene e al distanziamento sociale sono la priorità principale per ogni Governo del mondo, la città di Singapore in stato di lockdown fino a giugno, ha deciso di contenere la diffusione da Covid – 19, garantendo a tutti i cittadini mascherine gratuite attraverso particolari distributori automatici. La caratteristica […]
  • NASA, progetta il sistema per prevedere alluvioni e siccità fino a 60 giorni prima
    Vista dallo spazio la Terra appare come un Pianeta Blu grazie alle grandi distese di acqua in continuo movimento che ricoprono il 70% dell’intera superficie. Da quando evapora, fino a quando cade pioggia alimentando le falde acquifere, l’intero ciclo dell’acqua dolce è così importante da essere al centro di alcuni programmi di ricerca internazionali volti […]
  • Borghi italiani dimenticati: incentivi, bonus e aste a partire da 1 euro per ripopolarli
    Da nord a sud l’Italia intera è costellata di Borghi che conservano, identità, mestieri e saperi di un patrimonio immateriale e materiale di una storia unica al mondo certificata dall’Unesco. Alcuni di questi, vengono chiamati “comuni a rischio scomparsa” a causa delle loro ridottissime dimensioni, eppure fanno parte del patrimonio storico e artistico italiano, rappresentando […]
  • Covid, oltre 60.000 perdono il lavoro: lo Stato li assume per un importante progetto
    L’emergenza sanitaria da Coronavirus con le misure preventive, indubbiamente necessarie al fine di contrastare la pandemia, hanno gravemente frenato i consumi mondiali, con pensanti ripercussioni sull’intero tessuto imprenditoriale. Tutto questo, ha portato inevitabili e devastanti conseguenze non solo per le abitudini sociali, ma anche e sopratutto per il settore produttivo ed economico. Nel mondo infatti, […]
  • Coronavirus: da nord a sud l’Italia ringrazia con vacanze gratis ai sanitari impegnati nella battaglia
    Nonostante l’emergenza sanitaria, lo abbia pesantemente logorato, esiste un pezzo del settore turistico italiano che vuole ringraziare tutti i medici, operatori sanitari e ausiliari che, durante questi mesi sono stati impegnati, spesso senza tregua per salvare le vite di moltissime persone affette da Coronavirus dedicando loro una splendida ed esclusiva vacanza gratuita. Infatti, in vista […]
  • Civita Bagnoregio: l’incredibile borgo sospeso sulla Valle dei Calanchi
    Tra il lago Bolsena e la Valle del Tevere, nel Comune di Bagnoregio in provincia di Viterbo, si estende un’ immensa area lunare che regala un paesaggio davvero particolare caratterizzato da una successione di rocce argillose in erosione per effetto degli agenti atmosferici detti “calanchi”. Quello dei calanchi è un ambiente decisamente unico che offre […]
  • La Vespa Samurai usata in agricoltura contro il “nemico”, la cimice asiatica
    Arrivata in Italia nel 2012, la cimice marmorata (Halyomorpha halys) detta anche cimice asiatica, è una specie invasiva aliena proveniente dalla Cina che, nel corso del 2015 dopo una rapida e capillare diffusione in quasi tutte le Regioni italiane, ha causato ingenti danni sopratutto alle produzioni ortofrutticole concentrandosi su meli, peri, peschi e ciliegi. A seguito […]
  • Australia in lockdown e senza turisti: i sub decidono di ripopolare la Grande Barriera Corallina
    Quando, a causa di un’emergenza sanitaria mondiale i turisti non ci sono, la natura risorge e ne approfitta per riappropriarsi degli spazi o, più incredibilmente concedere alla mano umana di rallentare il declino di alcune delle zone più belle del mondo. Si tratta della Grande barriera Corallina al largo delle coste australiane che, a causa […]

Categorie

di tendenza