Connect with us
Pubblicità

Sport

Esplorare l’Alaska con la superslitta “made in Trentino”

Pubblicato

-

Lo Sport Tech District, hub dell’innovazione di Trentino Sviluppo nell’ambito del Festival dello Sport di Trento, ha ospitato ieri mattina Maurizio Belli e Fulvio Giovannini, che hanno parlato della loro traversata dell’Alaska, avvenuta in 55 giorni durante l’inverno. Un’impresa resa possibile grazie a una slitta hi-tech, progettata dal Dipartimento di ingegneria industriale dell’Università degli Studi di Trento.

Un lungo e affascinante percorso di oltre 4.000 miglia attraverso il Canada e l’Alaska, affrontato con gli sci, in bicicletta, a piedi e in canoa per tornare sulle orme del nonno di Maurizio e degli emigranti trentini, che ad inizio Novecento si recarono in quei luoghi disabitati, inospitali, ma anche terribilmente affascinanti, alla ricerca dell’oro. A moderare l’incontro Alessandro Russello, direttore del Corriere dell’Alto Adige e del Corriere del Trentino.

Quando la passione per lo sport e l’avventura incontra la passione per la scienza e la tecnologia possono nascere cose molto belle. Una di queste è “3ska”, una slitta innovativa progettata da un gruppo di studenti del Dipartimento di Ingegneria industriale dell’Università di Trento. Vero e proprio transformer, 3ska è stata pensata per essere utilizzata sia sulla neve che su strada, come mezzo di trasporto della Spedizione Alaska 2018/2019 che ha visto impegnati Maurizio Belli e Fulvio Giovannini, oggi protagonisti allo Sport Tech District.

Pubblicità
Pubblicità

L’impresa dei due esploratori trentini diventerà presto un docufilm ed un libro. Ha spiegato Maurizio Belli: “25 anni fa da solo nell’artico la mia mente era proiettata su quello che vivevo, nessuna interferenza, pensavo solo a come andare avanti. Quest’anno, i social hanno aggiunto complessità. Abbiamo voluto portarci dietro la community ma non è stato sempre facile trovare la rete, usare le app e i dispositivi adatti all’outdoor. È stato importante coinvolgere chi ci seguiva da casa ma ha tolto poesia all’esperienza”.

I due hanno poi descritto le vie percorse con difficoltà nella prima parte della spedizione, soffermandosi a lungo nelle faticose ricerche di piste nella neve fresca. Il principale ostacolo incontrato durante il percorso, ad ogni modo, si è rivelato l’imprevedibilità del clima, non il freddo o i grandi mammiferi.

L’avanzato stato di scioglimento delle nevi invernali e del ghiaccio sui fiumi li ha infatti costretti a imprevedibili cambi di percorso e di assetto della slitta. L’ultima delle cinque spedizioni del progetto «TransCanada Alaska», ha quindi dovuto fare i conti, come mai prima, con temperature alte rispetto alle medie stagionali. Quanto rapidamente siano cambiate le condizioni negli ultimi trent’anni lo si percepisce soprattutto in regioni come l’Alaska: basti pensare che dagli anni Ottanta in poi la temperatura media di quest’area si è elevata di 1,5 gradi, un valore che è già oltre il limite di guardia

Pubblicità
Pubblicità

Stefano Rossi, professore del Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università di Trento, che insieme al prof. Luca Fambri ha coordinato il gruppo di studenti ai quali si deve la progettazione e la realizzazione delle due slitte gemelle senza le quali questa spedizione sarebbe rimasta nel libro dei sogni, ha ricordato le difficoltà incontrate sia in fase di ideazione sia in fase di produzione, ma anche il valore che questa attività ha assunto nella crescita dei sette studenti che vi si sono dedicati, sacrificando parte del proprio tempo libero. Non solo, l’ideazione della slitta è frutto di un progetto di didattica innovativa promosso dal Dipartimento di Ingegneria industriale (DII).

Lo sport, quindi, visto sempre più come driver di innovazione, come sottolineato anche dal delegato del rettore per lo sport Paolo Bouquet.  A partire dalle Universiadi Trentino 2013, si è aperta sul territorio una riflessione su tutte le declinazioni che l’innovazione nello sport può assumere – dall’industria all’economia, dal turismo alla salute – e hanno portato questi temi all’attenzione dell’Unione europea.

A Rovereto, presso Progetto Manifattura, è nato SPIN Accelerator, un acceleratore mondiale per startup dedicate allo sport promosso da Trentino Sviluppo e Università di Trento in collaborazione con Hype Sports Innovation. “Lo sport diventa uno stimolo e crea connessione tra persone che fanno ricerca in campi diversi” ha concluso Bouquet.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Isola in Irlanda cerca custodi: l’occasione per cambiare stile di vita per sei mesi
    La meta ideale per chi vuole entrare a contatto con la natura più incontaminata, allontanarsi dai ritmi frenetici della città, godendosi contemporaneamente un’esperienza di vita unica, si trova a Great Blasket Island, al largo della costa irlandese, dove è stata data l’opportunità attraverso un annuncio di lavoro, di cambiare stile di vita per sei mesi. […]
  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]

Categorie

di tendenza