Connect with us
Pubblicità

Spettacolo

Arriva dalla Val di Fassa la première ufficiale del nuovo film di Giacomo Gabrielli

Pubblicato

-

Mercoledì 23 ottobre, la Val di Fassa farà da cornice ad un evento unico. Il cinema di Canazei, la mattina, e il ‘PalaDolmites‘ di Mazzin, la sera, ospiteranno la première ufficiale del nuovo film di Giacomo Gabrielli, giovane cineasta di Moena, istruitosi a Roma, ora alla ribalta nel Regno Unito.

Il Cinema ‘Marmolada‘, durante un matinée dedicato a studenti, stampa e autorità, ospiterà la prima proiezione del giorno, dalle 9 del mattino.

Filmart e Giacomo Gabrielli presenteranno il nuovo film “A Journey” (Un Viaggio), progetto sull’Olocausto rimasto a lungo in lavorazione, creato dal regista fassano col supporto di Treno della Memoria, Terra del Fuoco Trentino, Auschwitz-Birkenau Memorial and Museum, Auschwitz Study Group, Comun General de Fascia e Scola Ladina de Fascia.

PubblicitàPubblicità

Progetto che, solo dopo il trasferimento di Giacomo in Inghilterra, a Londra, ha preso realmente forma. Ora infatti vede integrata alle riprese girate nel 2017 da Gabrielli tra Italia, Repubblica Ceca e Polonia, una rara e toccante intervista ad uno dei pochi che ancora oggi portano sul braccio il numero tatuato assegnatoli ad Auschwitz: Arek Hersh, ebreo polacco di 91 anni, protagonista del film assieme alla giovane Aurora Volcan, anch’essa di Moena e aspirante regista.

Arek Hersh, oggi residente a Leeds, in Gran Bretagna, è tutt’ora incredibilmente lucido e disponibile, come davvero altri pochi superstiti rimasti al mondo, a condividere la sua importante storia affinché non si cada nel tanto temuto errore di dimenticare e, quindi, di ripetere.

Nel Regno Unito e non solo, infatti, Arek partecipa ad eventi organizzati da scuole ed associazioni per portare a tutti, giovani in primis, un messaggio forte e ancora tristemente attuale, in un mondo sempre più minato dall’odio per le minoranze e la paura della diversità.

A Journey” è la storia di due percorsi, il racconto di due storie parallele così distanti nel tempo e nei fatti, eppure così complementari. Il viaggio dei ragazzi di oggi con il Treno della Memoria e quello di Arek Hersh, deportato ad Auschwitz dalle SS ad appena 11 anni, si intrecciano fino a raggiungere la meta di Birkenau, il più letale dei campi di sterminio del Terzo Reich.

Pubblicità
Pubblicità

Le potenti musiche di Marco Mattia, altro talento emergente fassano, fedele collaboratore di Gabrielli, accompagnano alla perfezione una sceneggiatura drammatica in costante crescita, che narra la storia vera di Arek e gli eventi che fanno parte del periodo più buio della storia recente, amalgamati con il punto di vista dei cosiddetti “millennials” e “post-millennials”.

Sin da ragazzino, quando ancora girava con in spalla una cinepresa fatta di cartone, il regista ladino ha tratto la sua ispirazione e formazione da ‘Schindler’s List’, capolavoro assoluto di Spielberg,

«Perché -così dichiara il regista- è il ritratto cinematografico perfetto e insuperato dell’Olocausto. Tutto ciò che una cinepresa sa dare per raccontare e documentare una storia vera e cruda, renderla viva e palpabile per il grande pubblico, lo si trova in Schindler’s List».

“A Journey” fa anche confluire costantemente due mondi: quello della grande storia dell’umanità e quello locale ladino fassano.

Gabrielli infatti spazia fra location di interesse storico di livello mondiale e la Val di Fassa, includendo anche dialoghi in lingua ladina, accreditandola, pur essendo lingua di minoranza, fra le grandi lingue del mondo.

Da qui parte anche il contributo concesso dalla Consulta Ladina che ha, con ragione, riconosciuto l’importanza culturale del film, che inoltre vede tra i protagonisti, attuali ed ex studenti della Scola Ladina de Fascia, dei quali la protagonista Aurora Volcan faceva parte fino all’anno scorso.

Un grande supporto quindi anche dalle istituzioni, in particolare dal Comun General de Fascia nelle persone di Matteo Iori, giovane assessore che sin da subito ha sostenuto e voluto la presenza di Arek Hersh, ma anche Franz Pitscheider, la senatrice e procuradora Elena Testor, Sabrina Rasom dei Servizi Culturali del CGF e la sorastanta delle scuole ladine di Fassa Mirella Florian.

Un’occasione unica nel suo genere per la rarità della testimonianza e per la qualità del film, che viene presentata in una location, la Val di Fassa, fortemente voluta da Giacomo Gabrielli, essendoci cresciuto ed avendoci la base della sua società di produzione Filmart S.r.l.

In coda alla proiezione del film vi sarà il privilegio di scambiare un Q&A (domande e risposte) con il superstite di Auschwitz in persona, ospitato in valle appositamente dall’Inghilterra assieme alla moglie Jean, che supporta il marito in tutti i suoi viaggi e incontri.

Il co-produttore e coordinatore delle riprese inglesi Vincent Frattini, inoltre, farà da interprete durante il dibattito e lo scambio di informazioni con gli studenti della Scola Ladina de Fascia, il pubblico e Arek.

Proprio la grande dimestichezza con la lingua d’oltre Manica dell’ormai anglo-italiano Vincent, e il suo ottimo lavoro di pubbliche relazioni, hanno reso possibile l’incontro tra la produzione del film e Arek.

Come preparazione alla proiezione, gli studenti fassani avranno la possibilità di confrontarsi innanzitutto con i loro professori durante le ore di lezione a scuola nei giorni precedenti all’evento, così da comprendere meglio ed essere pronti a guardare negli occhi chi quelle cose le ha vissute per davvero.

La sera dello stesso 23 ottobre, dalle 18.30, sempre grazie al Comun General de Fascia con la Cooperativa Sociale “Inout” e a Filmart, l’evento, stavolta aperto a tutti e con ingresso libero, viene replicato al teatro del “PalaDolomites” di Mazzin, con la speciale presenza di Arek alla quale seguirà la proiezione, alle 20, di quello che, come dice questo speciale testimone, è: «Un film che dovrebbe essere visto da tutte le generazioni».

Pubblicità
Pubblicità

Spettacolo

L’Orestea: al Teatro sociale un classico per il presente

Pubblicato

-

Martedì 19 novembre alle ore 20 e 30, al teatro Sociale di Trento, andrà in scena la versione della compagnia Anagoor dell’Orestea, la classica trilogia teatrale di Eschilo datata 458 a.C. Nelle parole della compagnia stessa, “un’opera sull’Orestea di Eschilo, prima che una riduzione o un trattamento della stessa”.

Presso gli antichi greci le singole tragedie erano parti di trilogie, e la saga degli Atridi è l’unica conservatasi integralmente fino ai giorni nostri.

La prima tragedia, Agamennone (che i drammaturghi Simone Dorai e Patrizia Vercesi presentano quasi integralmente) racconta del ritorno dell’eroe eponimo, re di Argo, dalla guerra di Troia e del suo assassinio da parte della moglie.

Pubblicità
Pubblicità

La seconda, Le Coefore (qui ribattezzata Schiavi), presenta il ritorno in patria di Oreste, dilaniato dalla necessità di vendicare il padre che si contrappone all’orrore di poterlo fare solo uccidendo la madre.

Infine, in Le Eumenidi (qui Conversio), Oreste è perseguitato per la sua colpa. Anagoor sostituisce l’originale impianto eschileo dedicato alla giustizia in favore di una soluzione originale alla tematica.

Questa Orestea ha inaugurato nel 2018 il 46° Festival Internazionale del Teatro della Biennale di Venezia, che aveva incoronato la compagnia vincitrice del Leone d’argento lo stesso anno.

Pubblicità
Pubblicità

Uno spettacolo di quattro ore, comprendente declamazioni, musica, danza, filmati, ambizioso in scala ed esecuzione, nel volersi far somma del teatro e delle discipline ad esso affini.

Simone Dorai, anche regista, spiega: “noi usiamo questa riduzione come un prisma attraverso il quale poter guardare la tragedia e percepire ancora quella scossa che agitava lo spettatore ateniese […]

Se l’Agamennone è recuperato integralmente, e in Schiavi ancora rimangono stralci di Coefore, in Conversio invece non compare alcuna parte testuale di Eumenidi.

Tuttavia, vengono rispettate la natura e la struttura concettuale delle tre tragedie, così come la loro natura musicale, il loro andamento […]

È stato raccolto il testimone di Eschilo, più che l’esito formale originario, che invece era rivolto all’Atene del quinto secolo, pensato da Eschilo per i propri concittadini. Così anche noi abbiamo desiderato rivolgerci ai nostri concittadini”.

Orestea / Agamennone, Schiavi, Conversio

sull’Orestea di Eschilo

drammaturgia e traduzione dal greco Simone Derai, Patrizia Vercesi

orizzonte di pensiero e parola S. Quinzio, E. Severino, S. Givone, W.G. Sebald, G. Leopardi, A. Ernaux, H. Broch, P. Virgilio Marone, H. Arendt, G. Mazzoni

con Marco Ciccullo, Sebastiano Filocamo, Leda Kreider, Marco Menegoni, Gayané Movsisyan, Giorgia Ohanesian Nardin, Eliza G. Oanca, Benedetto Patruno, Piero Ramella, Massimo Simonetto,

Valerio Sirna, Monica Tonietto, Annapaola Trevenzuoli

danza Giorgia Ohanesian Nardin

musica e sound design Mauro Martinuz

scene e costumi Simone Derai

video Simone Derai, Giulio Favotto

light design Fabio Sajiz

regia Simone Derai

produzione Anagoor 2018

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Spettacolo

È morto Fred Bongusto, aveva 84 anni

Pubblicato

-

È morto nella notte Fred Bongusto, il celebre artista che aveva compiuto 84 anni lo scorso 6 aprile (era nato a Campobasso) e da qualche tempo era alle prese con problemi di salute.

I funerali saranno celebrati a Roma lunedì 11 novembre, con inizio alle 15, nella Basilica di Santa Maria in Montesanto (Chiesa degli artisti), piazza del Popolo.

Popolare negli anni Sessanta e Settanta, Bongusto ha spopolato in quegli anni con una canzone straordinaria dal piglio internazionale: “Una rotonda sul mare“.

Pubblicità
Pubblicità

 Il celebre brano, composto da Aldo Valleroni, Francesco Migliacci, Bongusto e Pietro Faleni ha stregato diverse generazioni.

Dotato di una voce calda e sensuale, era diventato il cantante confidenziale (insieme a nomi come Nicola Arigliano, Teddy Reno, Emilio Pericoli, Johnny Dorelli e l’amico Peppino di Capri), una figura che rimanda a quella del crooner nella scena anglo-americana, di cui Frank Sinatra è l’esempio più celebre.

Dagli anni Settanta è stato anche autore di colonne sonore di film, soprattutto nel genere della commedia all’italiana.

Bongusto era stato sposato dal 1967 con Gabriella “Gaby” Palazzoli (scomparsa nel 2016) apprezzata soubrette degli anni cinquanta e sessanta che recitò in teatro con Macario e nel cinema a fianco di Alberto Sordi nel film Buonanotte… avvocato!

Pubblicità
Pubblicità

Bongusto nei primi anni 2000 ha continuato a svolgere di tanto in tanto attività canora mantedendo immutato il contatto con il Sudamerica, il Brasile in particolare: intenso il rapporto con artisti come Toquinho (anche lui di origini molisane) e Vinícius de Moraes.

Dal 5 al 16 dicembre 2007 la sua ultima tournée in Sudamerica, nel corso della quale si è esibito in Uruguay ed Argentina.

Il 18 marzo del 2005 l’allora presidente del Consiglio Silvio Berlusconi gli ha consegnato una targa d’argento per i 50 anni di carriera, festeggiati successivamente, il 30 maggio del 2007, al Gilda di Roma. Il 26 maggio dello stesso anno viene insignito dal presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi dell’onorificenza di Commendatore ordine al merito della Repubblica italiana.

L’ultima delle sue apparizioni pubbliche risale al 22 aprile 2013, in occasione del concerto in ricordo di Franco Califano, quando ha cantato il brano scritto per lui dallo stesso artista intitolato Questo nostro grande amore. Nel 2013 duetta in Amore Fermati con Iva Zanicchi nel disco della cantante In cerca di te.

Negli anni Novanta ha rivestito anche la carica di Consigliere Comunale a Bari, eletto nel Partito socialista italiano.

Da giovanissimo Bongusto ha giocato a calcio, mostrando buone qualità; tuttavia, il suo sport preferito è diventato successivamente il tennis, disciplina nella quale si è fatto apprezzare raggiungendo anche un buon livello agonistico.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Spettacolo

Rovereto: tutto esaurito per il debutto della Stagione Teatrale

Pubblicato

-

Tutto esaurito per lo spettacolo Massimo Lopez & Tullio Solenghnghi Show con il quale stasera, venerdì 8 novembre 2019, inizia la stagione teatrale 2019-2020 a Teatro Zandonai (ore 20.30).

Lo spettacolo scritto dagli stessi Lopez e Solenghi e da loro interpretato vedrà l’accompagnamento della Jazz Company diretta dal M°. Gabriele Comeglio che esegue dal vivo la partitura musicale.

Dopo due stagioni trionfali in cui si sono superate le 200 repliche, questa è per l’inossidabile duo la terza stagione.

Pubblicità
Pubblicità

Con questo show Massimo Lopez e Tullio Solenghi raccontano di due amici che tornano insieme sul palco dopo 15 anni e ne scaturisce una scoppiettante carrellata di voci, imitazioni, sketch, performance musicali, improvvisazioni ed interazioni col pubblico.

Tra i vari cammei, l’incontro tra papa Bergoglio (Massimo) e papa Ratzinger (Tullio) in un esilarante siparietto di vita domestica, o quello di Maurizio Costanzo con Giampiero Mughini; e poi i duetti musicali di Gino Paoli e Ornella Vanoni, e quello di Dean Martin e Frank Sinatra, che ha sbancato la puntata natalizia di “Tale e Quale Show” del 2016, dalla quale è scaturito il desiderio di tornare sulle scene insieme.

In quasi due ore di spettacolo, Tullio e Massimo, da collaudati maestri del palcoscenico si offrono alla platea con l’empatia spassosa ed emozionale del loro inconfondibile marchio di fabbrica, condividendo con il pubblico un coinvolgimento emotivo che tocca il suo apice nel ricordo di Anna, la cui presenza in scena c’è spiritualmente in tutte le due ore di spettacolo.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza