Connect with us
Pubblicità

Sport Trentino

Il Lavis perde ancora. In casa con il Lana incassa altri due gol. E’ 2-0

Pubblicato

-

Per il Lavis la vittoria è assente come l’acqua nel deserto. Le oasi si sono ormai prosciugate così come si è prosciugata la brillantezza del gioco. Nella sfida in casa con il Lana ci si gioca già la salvezza.

La lotta per la Serie D è ormai solo un lontano ricordo. Come la proprietà commutativa, che Bandera cambi l’ordine dei giocatori il risultato non cambia.

L’unica modifica rispetto alla trasferta di Termeno riguarda la fascia sinistra: per una  contrattura  Tomaselli è stato costretto alla panchina e ha lasciato il posto al classe ’92 ex Comano Terme Giovannini.

Pubblicità
Pubblicità

I primi minuti vedono un Lavis abbastanza arrembante ma al decimo la vena propositiva si è già spenta. Il trequartista di destra Della Valle scarica un tiro potente diretto verso la porta, ma la mira non è delle migliori e la conclusione finisce alta.

Da lì in poi il Lavis sparisce dai radar. Il Lana prende coraggio e inizia a farsi vedere più spesso in fase offensiva. Saffiotti salta in scioltezza il terzino ex Sudtirol Amico e crossa in mezzo. Il traversone è preciso al millimetro ma la punta Gasser non inquadra la porta.

È solo il preludio a quello che succederà più avanti. Da una scorribanda offensiva altoatesina Amico spazza maldestramente con il braccio, l’arbitro fa proseguire e dopo una serie di batti e ribatti la palla finisce sui piedi di Basile. Il centrocampista classe 2000, solo davanti al portiere, non può fare altro che insaccare. 1-0.

Il Lana, che non ha ancora digerito i sette gol ricevuti dal Trento, stavolta inizia a prendere autostima e domina sul piano del gioco. La squadra di casa, con il morale a terra per l’ennesimo gol subito perde progressivamente fiducia e inizia a sbagliare passaggi elementari.

Per vedere una timida reazione lavisiana bisogna aspettare il 35 esimo. Caldato, protegge bene il pallone e calcia in porta. Il mancino è preda del portiere Tenderini.

L’impeto iniziale del Lavis è stato davvero poca cosa. La paura di non riuscire ancora a vincere ha preso il sopravvento e la sfiducia nei propri mezzi ha spianato la strada agli altoatesini.

La squadra ospite dopo un’iniziale atteggiamento guardingo, ha iniziato a macinare gioco e ha creato non pochi problemi. L’assenza dal campo del Lavis ha permesso al Lana di padroneggiare in tutte le zone del campo con relativa facilità.

Già nell’intervallo Bandera compie la mossa per acciuffare in qualsiasi modo il vantaggio. Via Della Valle e dentro la punta Donati. La squadra diventa iper offensiva (Gorla, Loyola, Canali e Donati) e inizia a spaventare gli ospiti. Dopo appena cinque minuti dall’inizio della ripresa Gorla dialoga con il mediano Raffaelli che conclude verso la porta.

Ancora una volta il portiere ex Virtus Bolzano mantiene intatto il risultato. Il Lavis inizia a giocare come sa fare e Gorla ancora una volta inventa per Loyola, che per pochissimo non inquadra la porta.

Proprio nel momento migliore della squadra di casa, il Lana decide di chiudere la partita. Nicoletti veleggia lungo la fascia e dalla sinistra fa partire un cross molto teso.

Gretter nel tentativo di anticipare Filippin, spina nel fianco della difesa lavisiana,  insacca nella propria porta. 2-0. Il gol taglia le gambe alla squadra rossoblu che da qui in poi non ci crederà più.

Il Lana torna ad amministrare il possesso palla come già fatto nel primo tempo. Alla mezz’ora Filippin è scatenato: sulle ali dell’entusiasmo salta i giocatori avversari come birilli e mette in mezzo un pallone che basta solo spingere in porta. Gruber non si fa però trovare pronto. Nel finale c’è spazio anche per il giovane Savoi, ma il risultato non cambia.

I pochi minuti arrembanti del primo e del secondo tempo sono stati solo una goccia nel mare. L’incontro di domenica con il Bolzano è già decisivo. Il Lavis è penultimo a soli tre punti.

Se vorrà risollevarsi dalle sabbie mobili non avrà scelta che la vittoria. Il Lana invece con i tre punti di oggi si rialza dal pantano e guarda alla classifica già con più tranquillità.

US LAVIS ASD: Nervo, Amico (43°st Sissoko), Giovannini, Caldato, Gretter (33°st Santuari), Sebastiani, Dalla Valle (1°st Donati), Loyola, Canali, Raffaelli, Gorla (43°st Savoi). All:Bandera
SV LANA : Tenderini, Holzner Daniel, Saffioti, Sorrentino, Auer, Ratschiller, Basile (37°st Gruber), Nicoletti, Filippin, Gasser (20°st Zandarco), Brugger. All: Forer
Arbitro: Perenzoni di Rovereto, Paglierani/Sartori di Trento
Reti: 21°pt Basile (Lana), 21°st Gretter autogol (Lavis)

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]
  • Parco giochi per anziani: l’incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
    All’arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo sport: una perfetta occasione di interazione e socializzazione che permette di mantenersi attivi non solo nel corpo ma anche nello spirito. Per aiutare gli anziani […]
  • Il dipinto ritrovato: torna a casa il “ritratto di signora” di Klimt
    22 febbraio 1997: presso la Galleria Ricci Oddi di Piacenza scompare il “Ritratto di Signora”, una delle opere dell’artista austriaco Gustav Klimt risalente al 1916/17. La cornice abbandonata sul tetto dopo il furto era tutto ciò che restava di una delle splendide e più discusse opere di Gustav Klimt. La tela originale, si suppone infatti […]
  • Regno Unito: dal 2035 vietata la vendita di auto diesel e benzina
    Il settore delle auto elettriche è nella sua piena espansione, sebbene le quote di mercato rimangono ancora a livelli inconsistenti. Infatti, i principali costruttori stanno investendo cifre immense per crescere ulteriormente ed accompagnare la produzione verso uno sviluppo ed un acquisto di massa. Il problema delle emissioni derivanti dalle automobili, è stato preso di petto […]

Categorie

di tendenza