Connect with us
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Pergine: Furti alla Conad, individuate e denunciate le due ladre

Pubblicato

-

I militari della Compagnia Carabinieri di Borgo Valsugana, impegnati in servizi coordinati del territorio, disposti dal Comando Provinciale di Trento, a conclusione di indagini, hanno denunciato in stato di libertà all’Autorità giudiziaria  due persone, per furto aggravato in esercizio commerciale.

I carabinieri della Stazione di Pergine Valsugana, a conclusione di due distinte indagini, hanno individuato le due persone, responsabili di furti aggravati, commessi lo scorso  mese di Agosto 2019, all’interno del Supermercato “Conad” a Pergine.

La prima, B.J. ventinovenne, con precedenti di polizia, residente in quel Comune, nei giorni tra il 18-20 di agosto scorso, si è resa responsabile di furto generi alimentari per un valore complessivo di 150,00 euro.  La seconda persona, M.F., 47 enne, pregiudicata, anch’essa residente in quel territorio, nella settimana dal 22-26 Agosto scorso, sempre all’interno del medesimo supermercato, ha rubato vari generi alimentari, per un danno economico complessivo di 150,00 euro

PubblicitàPubblicità

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Valsugana e Primiero

La Provincia mette in vendita l’ex Compendio Villa Rosa

Pubblicato

-

La Provincia autonoma di Trento mette in vendita l’ex Compendio Villa Rosa di Pergine Valsugana. L’annuncio lo ha dato stamane, alla conferenza stampa sui lavori della Giunta provinciale, l’assessore alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia Stefania Segnana. Entro fine anno l’avvio delle procedure di legge che porteranno al bando pubblico di gara.

Il compendio ex Villa Rosa, sito in località Vigalzano di Pergine Valsugana e costituito da una serie di edifici e terreni, è da tempo chiuso ed inutilizzato dopo il trasferimento, avvenuto nel 2013, della struttura ospedaliera Villa Rosa nella nuova sede di Pergine Valsugana e la contestuale restituzione degli immobili alla Provincia.

Il complesso è attribuibile a periodi diversi. La parte originaria è composta dal villino di pertinenza e dal nucleo storico della villa, che assieme ad alcune particelle fondiarie (il pendio sottostante alla villa e la strada di accesso) risultano vincolati dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici della Provincia. Nel 1952, contestualmente alla trasformazione di Villa Rosa in Convalescenziario, fu ampliato con la costruzione di nuovi corpi a uso sanitario e la nuova cappella.

Pubblicità
Pubblicità

Il nucleo originario del complesso edificiale di Villa Rosa venne realizzato nel 1912 dall’architetto Eduino Maoro di Pergine (1875 – 1950), maestro costruttore ed impresario che si applicò nella sperimentazione delle tecnologie costruttive d’avanguardia in cemento armato e nella produzione di materiali da costruzione innovativi.

La totale libertà nell’accostamento e nella reinterpretazione degli stili storici, propria del movimento dell’Eclettismo internazionale diffusosi in Europa a partire dall’inizio del 1900, fanno coesistere nell’edificio di Villa Rosa elementi neogotici, rinascimentali, neoclassici, settecenteschi ed infine liberty. Una ricchezza e commistione di linguaggi unificata e controllata dall’impianto architettonico rigidamente simmetrico, che rivela i saldi principi di funzionalità e razionalità. La villa, realizzata su committenza del Marchese Dalla Rosa sul fianco meridionale della collina in località Maso Grillo, segue il declivio del terreno impostandosi a valle su imponenti muri di contenimento.

In seguito al trasferimento avvenuto nel 2013 nel compendio vi sono state incursioni da parte di saccheggiatori. Lo stato di abbandono e quindi di mancanza di manutenzione e gli atti vandalici hanno portato le strutture in oggetto alle condizioni attuali. Ovunque si notano danneggiamenti.

La decisione di mettere sul mercato l’intera struttura – è stato spiegato  – nasce dopo la manifestazione d’interesse all’acquisto da parte di un soggetto privato.

Pubblicità
Pubblicità

Si tratterebbe di una proposta che tende a valorizzare l’immobile come struttura sanitaria, integrando l’offerta presente sul territorio. In ogni caso, la manifestazione d’interesse va letta come una positiva premessa al buon esito dell’operazione che la Provincia si appresta a fare mettendo il compendio sul mercato tramite un’asta pubblica, secondo le procedure di legge che regolano la dismissione degli immobili di proprietà.

Pubblicità
Pubblicità

Si tratta di un’operazione che va nel senso di valorizzare il patrimonio immobiliare pubblico non più in uso, favorendone il recupero e la riqualificazione attraverso l’apporto di risorse dell’economia privata. Entro la fine dell’anno sarà reso pubblico l’avviso di vendita.

Una parte del compendio, la strada di accesso e una parte dei terreni, sarà ceduta al Comune di Pergine Valsugana, che provvederà a modificare la viabilità esistente.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Valsugana e Primiero

Le celebrazioni per Luigi Negrelli a 150 anni dalla progettazione del Canale di Suez

Pubblicato

-

Ricorre nel 2019 il 150° anniversario dell’apertura del Canale di Suez, che avvenne il 17 novembre del 1869.

Progettato da Luigi Negrelli, il Canale, che unisce il Mediterraneo al Mar Rosso, è divenuta un’arteria centrale e strategica nel sistema-mondo, un fulcro di passaggio di rotte commerciali e flussi di traffico.

Per celebrare l’evento e la figura di Negrelli, la Comunità di Primiero e il Comune di Primiero S. Martino di Castrozza hanno organizzato una serie di iniziative presentate oggi alla stampa dall’assessore provinciale alla cultura Mirko Bisesti, dal presidente della Comunità di Primiero, Roberto Pradel e dall’assessore alla cultura del Comune di Primiero San Martino di Castrozza, Francesca Franceschi.

PubblicitàPubblicità

“La figura dell’ingegner Luigi Negrelli – ha detto l’assessore Bisesti – deve far parte della conoscenza collettiva e soprattutto deve diventare stimolo ed esempio per le future generazioni. Grazie alle iniziative messe in campo e soprattutto a due strumenti – video e pubblicazione – abbiamo la possibilità di raccontare la storia di una persona straordinaria, nata in un piccolo paese di montagna, ma capace di progettare una delle opere strategiche del Novecento“.

“La Comunità di Primiero ed il Comune di Primiero San Martino di Castrozza – ha spiegato il presidente Pradel – si sono uniti nel ragionare sul cosa fare e da subito è stato deciso di delineare Luigi Negrelli come figura non solo primierotta ma patrimonio di tutti. La giornata delle celebrazioni, in programma il 23 novembre, è un insieme di tante attività messe in campo grazie al contributo di molte realtà tra le quali la Provincia, la Regione, l’Università di Trento, l’ordine degli ingegnere e degli architetti. L’obiettivo è quello di diffondere e valorizzare il suo operato”.

In occasione della celebrazione dell’evento, peraltro oggetto di iniziative analoghe a valenza internazionale in Europa, ma anche in Egitto – con la partecipazione di una delegazione trentina – la Comunità di Primiero intende promuovere una serie di eventi per onorare l’opera e l’illustre concittadino, la cui figura rappresenta ancora oggi un esempio di impegno profuso per l’abbattimento delle barriere fisiche e culturali.

Le iniziative a Primiero – Sabato 23 novembre 2019 si svolgerà a Fiera di Primiero il convegno dedicato al 4° Premio Internazionale Luigi Negrelli. Dalle ore 9.00 presso il Palazzo delle Miniere apertura del convegno “Il SOGNO DI NEGRELLI” con l’incontro sulla Mobilità sostenibile e connessioni del terzo millennio nei territori alpini, riservato a numero chiuso per docenti e professionisti. Dalle ore 14 Inaugurazione del nuovo Giardino LUIGI NEGRELLI a Fiera di Primiero e proseguimento del convegno “Il SOGNO DI NEGRELLI” all’Auditorium intercomunale dalle ore 15.00, appuntamenti liberi aperti a tutti gli interessati.

Pubblicità
Pubblicità

Premio Negrelli – Per la 4^ edizione del Premio Negrelli verrà indetto un concorso di idee riguardante la mobilità sostenibile. Il bando sarà reso disponibile e pubblicato sul sito della Comunità, in italiano e in lingua tedesca, dal prossimo 20 Novembre. L’annuncio ufficiale avverrà durante il convegno in programma sabato 23 Novembre.

Pubblicità
Pubblicità

Negrelli e le scuole – Per tutti gli Istituti scolatici trentini sarà disponibile da novembre una pubblicazione divulgativa (scaricabile anche online) che racconta la vita e le opere di Luigi Negrelli. Commissionata dal Comune di Primiero San Martino di Castrozza e pubblicata dalla Regione Trentino Alto Adige – Südtirol, risulterà essere uno strumento adatto ai vari ordini di scuola che saranno invitati ad approfondire la figura e le opere dell’ingegnere in occasione delle celebrazioni previste in autunno. (gz)

Per altre informazioni sulla vita di Luigi Negrelli: www.negrelli.primiero.tn.it

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Valsugana e Primiero

Borgo: lite tra fratelli, 53 enne accoltellato

Pubblicato

-

nella foto Teddy Cipriani l'aggressore che da ieri sera è in carcere per tentato omicidio

Le forze dell’ordine e i soccorsi sono stati allertati poco prima delle 17.00 di oggi pomeriggio per una lite in centro a Borgo Valsugana.

Due fratelli dopo una feroce lite sarebbero passati alle vie di fatto.

Il più giovane, Teddy Cipriani di 50 anni (nella foto) ha atteso il fratello Fulvio Cipriani di 53 anni sotto casa colpendolo con un fendente al collo. 

Pubblicità
Pubblicità

È il giaccone dell’uomo che probabilmente gli ha salvato la vita.

Il colpo inferto dal coltello da caccia, con lama di 10 cm., prima di piantarsi dentro la carotide è stato infatti attutito dal colletto del pesante giaccone che indossava l’uomo.

L’uomo è stato subito trasportato all’ospedale di Borgo in codice rosso, sarebbe grave ma non in pericolo di vita.

Apprese le prime notizie dalla vittime, i Carabinieri in pochi minuti, rintracciavano l’autore, che stava rientrando a casa, portandolo in caserma.

Pubblicità
Pubblicità

Dopo la prima rapida ma precisa ricostruzione, lo dichiaravano in stato di arresto per tentato omicidio. I motivi dell’irragionevole gesto sono riconducibili a vecchi e perduranti contrasti familiari. Al termine delle operazioni di rito, l’uomo è stato condotto presso il carcere di Trento, a disposizione dell’autorità giudiziaria per tentato omicidio.

Pubblicità
Pubblicità

Nel paese tutti conoscono le frequenti litigate dei due fratelli che perdurano da anni.

In particolare il più giovane dei fratelli era conosciuto come persona violenta e rissosa.

Oltre un anno fa il maggiore dei due fratelli, Fulvio laureato in teologia, aveva denunciato il fratello per maltrattamenti nei suoi confronti e alla fine aveva ottenuto un ammonimento da parte della Questura di Trento.

Per l’ammonimento Teddy aveva perso la patente, con conseguenze molto pesanti per la sua attività di camionista. Forse questa è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso.

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza