Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

Centro servizi culturali Santa Chiara. Lucio Gardin in pole position per la direzione: «Le idee non mi mancano, abbiamo anche grandi artisti trentini, assistiamoli»

Pubblicato

-

Secondo l’assessore provinciale alla cultura Mirko Bisesti l’artista roveretano Lucio Gardin è tra i papabili per far parte del cda del Centro servizi culturali Santa Chiara.

Non si sa ancora se nella veste di direttore o di semplice consigliere facente parte del CdA

Ricordiamo che la carica dura cinque anni.

Pubblicità
Pubblicità

L’attuale consiglio d’amministrazione, presieduto da Enzo Bassetti e composto da Loreta Failoni, Paolo Dalla Sega, Maurizio Cau e Tommaso Sussarellu, durerà fino al 19 ottobre e verrà poi rimpiazzato con altri nomi.

I candidati hanno inviato il proprio curriculum negli uffici provinciali e nei prossimi giorni il consiglio provinciale, dopo un’attenta valutazione, invierà i curricula alla giunta, che sceglierà tre candidati sui cinque finora pervenuti.

Fra le domande arrivate negli uffici provinciali c’è anche quella di Agostino Carollo, produttore musicale roveretano che però per i più sarebbe persona troppo ingestibile e sovraesposto mediaticamente.

Silenzio assoluto invece per gli altri nomi.

Pubblicità
Pubblicità

L’unica indicazione riguarda il fatto che Bisesti ha in mente di designare  una figura femminile per il consiglio di amministrazione.

Gli altri posti rimanenti saranno individuati uno dal Comune di Trento e uno dal Comune di Rovereto.

L’unica domanda pervenuta per il Comune di Trento è quella di Carmine Ragozzino, già componente del cda per otto anni. Il suo curriculum verrà valutato sabato dal sindaco Andreatta.

Abbiamo sentito Lucio Gardin per sapere le sue impressioni su queste voci che lo vorrebbero come nuovo direttore del centro culturale santa Chiara.

«Grazie, il vostro giornale infatti è l’unico che mi chiama per conoscere la verità, gli altri hanno scritto sulla base delle percezioni sensoriali dei vari giornalisti. Per rispondervi – spiega Gardin –  ho appreso proprio oggi dai giornali che il CDA del S. Chiara è nominato dalla Giunta che ha competenza su tre nomi, mentre uno è su designazione del Comune di Rovereto e uno del Comune di Trento. Cosa che mi sembra corretta perché si coinvolgono le due principali città trentine ampliando così la rappresentatività del territorio. Questo significa che il direttore artistico sarà nominato dal CDA a maggioranza. Ma dal momento che il CDA non è ancora stato nominato, parlare di Gardin come direttore artistico è indubbiamente lusinghiero per me, ma è avveniristico. Siamo sulla Luna. Va bene che ci sono abituato perché sto girando col mio spettacolo sulla Luna. Anzi, magari nelle prossime repliche potrei inserirci questa vicenda»

Ma al di là delle voci saresti pronto per una carica così?

«Non difetto dell’esperienza o delle conoscenze necessarie per fare bene. Le idee non mi mancano, anche per supportare le risorse artistiche trentine. Perché a riempire il cartellone di grandi nomi si fa presto, basta pagare. Ma servono idee per aiutare gli artisti locali a crescere e trovare spazio tra quei grandi nomi. Oltre ai campioni di sci e ciclismo, abbiamo anche grandi artisti, assistiamoli. Ma parlarne adesso è pleonastico, stiamo discutendo del sesso degli angeli. Questo tempo sarebbe meglio utilizzarlo per cose più utili. Ad esempio discutere del sesso dei diavoli, che sono più intriganti»

 

 

Pubblicità
Pubblicità

eventi

«La culla delle mamme»: Michel Odent racconta 70 anni di parti naturali

Pubblicato

-

“ La culla delle mamme” è una conferenza pubblica che terrà venerdì sera a partire dalle 19,30 al Centro Santa Chiara.

Interverrà il medico di fama internazionale Michel Odent che con la traduzione di Chiara Scropetta, parlerà di quella che è stata una svolta nella storia della nascita.

Odent è stato il pioniere di un nuovo tipo di consapevolezza sull’importanza che hanno le prime esperienze di vita.

Le sue riflessioni, i suoi ragionamenti e le sue domande costituiscono il racconto di una straordinaria esperienza durata 70 anni.

La sua relazione offrirà interessanti spunti. La serata è stata organizzata col sostegno della Fondazione Caritro e pur essendo ad ingresso gratuito è gradita la prenotazione: 3388868249.

Odent dopo aver lavorato in Algeria e Guinea come chirurgo di guerra, dirige per 23 anni (dal 1962 al 1985) il servizio di chirurgia e ostetricia/maternità del piccolo ospedale di Pithiviers, nel dipartimento del Loiret nella Francia centrale.

Le esperienze connesse a questi anni sono fondamentali nell’influenzare il suo interesse verso la storia della neonatologia e la ricerca sulla nascita e la salute.

Odent è noto per aver creato, in ambito ospedaliero, la prima “salle souvage”, un ambiente simile a una stanza di casa, una mediazione tra parto in casa e parto medicalizzato in clinica.

Trasferitosi a Londra nel 1985, fonda il Primal Health Research Centre, dove sostiene le prassi del parto attivo, del parto nell’acqua e dei concetti collegati alla salute primale, anche in riferimento al concetto di “assistenza sanitaria primaria” contenuto nella Dichiarazione di Alma Ata del 1978.

Una delle tesi sostenuta nei suoi saggi è quella secondo cui il percorso culturale fino ad oggi manifestatosi ha trascurato l’importanza dell’amore come potenziale, e per certi versi rivoluzionaria, strategia per la sopravvivenza umana; Odent asserisce che lo stile di vita umano (che finora ha generalmente sostenuto la validità e l’importanza del dominio dell’Uomo sulla Natura e sugli altri gruppi umani e animali) è ormai superato e non più idoneo allo scopo della sopravvivenza stessa.

Dal 1989 al 2012 Michel Odent ha prodotto nove opere di grande successo:

Ecologia della Nascita, Red Edizioni, 1989.
L’acqua e la sessualità, Red Edizioni, 1991.
Abbracciamolo subito! I veri bisogni del bambino e della mamma, Red Edizioni, 2006.
L’agricoltore e il ginecologo. L’industrializzazione della nascita, Il Leone Verde, 2006.
Psiconeuroendocrinologia della nascita, Centro Studi il Marsupio, luglio 2007.
La scientificazione dell’amore. L’importanza dell’amore per la sopravvivenza umana, Urrà Edizioni, 2008.
Il cesareo, Blu Edizioni, 2009.
Le funzioni degli orgasmi, Terra Nuova edizioni, 2009.
Nascere nell’era della plastica, Terra Nuova edizioni, 2012.

Continua a leggere

Arte e Cultura

«Facciamo che eravamo»: al via il laboratorio teatrale per bambini

Pubblicato

-

“ Facciamo che eravamo” è la definizione di un laboratorio teatrale riservato ai bambini di età compresa tra i 6 ed i 10 anni condotto da Michele Torresani educatore teatrale e responsabile di Equipe Teatro di Progetto 92.

Saranno dieci incontri (95 euro Iva esclusa il costo dell’iscrizione) che saranno all’insegna del divertimento e della fantasia per favorire la libera espressività dei bambini.

Si giocherà con la magia di entrare e uscire dalle parti, costruendo tutti insieme un piccolo spettacolo teatrale. Le lezioni inizieranno domani dalle 16,45 alle 18,15 e si concluderanno il 7 aprile. La prima lezione sarà gratuita, mentre tutte le altre si svolgeranno sempre al martedì. Per maggiori informazioni prenotazioni@articoimpresasociale.it

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

eventi

Si chiude Idee Sposi, appuntamento alla prossima edizione

Pubblicato

-

Cala il sipario sulla manifestazione dedicata al matrimonio: stand affollati e visitatori incuriositi, in cerca di spunti e suggerimenti oppure dell’occasione perfetta per il grande giorno.

È giunta a conclusione la diciassettesima edizione di Idee Sposi, la fiera a Trento che da oltre tre lustri si dedica all’evento nuziale con uno sguardo a 360 gradi su quello che serve alle coppie per sciogliere lo stress organizzativo del giorno del matrimonio.

Anche oggi, ultimo dei tre giorni di fiera, sono stati numerosi i visitatori che hanno scelto di approfittare della cinquantina di espositori riuniti nei 2.500 metri quadrati del polo espositivo Trento Expo per trovare in un unico momento una vasta gamma di soluzioni, prodotti e servizi e magari confrontarsi con altre coppie nella stessa fase della vita che stanno affrontando il medesimo percorso.

La parola d’ordine, in via Briamasco, è sicuramente personalizzare: tutto, nella giornata del matrimonio, deve parlare degli sposi.

Ecco allora che i professionisti presenti a Idee Sposi sono pronti ad ascoltare: comprendere le esigenze di ognuno è la prima regola per indirizzare le coppie alla scelta più appropriata, si tratti di una baita o di un castello per il ricevimento, di un menù classico o delle isole tematiche per coppie – e invitati – più dinamici. E sempre più, rivelano gli espositori presenti alla fiera, i futuri sposi sono attenti all’ambiente: chiedono di non usare la plastica oppure dove vada a finire tutto il cibo non consumato nella giornata.

A Idee Sposi ci sono anche aziende che collaborano con il Banco alimentare del Trentino, che il giorno successivo al ricevimento recupera il cibo e lo dona alle strutture caritative. Chi ha deciso di fare visita alla fiera ha potuto spaziare dalla ristorazione agli abiti da sposa, sposo e cerimonia, dai fotografi alle gioiellerie, dai wedding planner agli specialisti dell’intrattenimento.

Ha potuto chiedere consigli per la luna di miele – gli Stati Uniti e il Giappone rimangono le destinazioni più gettonate anche per il 2020 – oppure suggerimenti per scegliere la torta nuziale più adatta: quella classica, con pan di spagna, crema chantilly e una copertura di cioccolato bianco rimane un evergreen in grado di accontentare tutti, ma la moda del momento, importata da Stati Uniti e Gran Bretagna, è la torta nuda, quella, cioè, che non prevede i tipici rivestimenti con creme, glasse, pasta di zucchero o altro.

I pasticceri presenti a Idee Sposi, però, realizzano anche torte a tema personalizzate su richiesta degli sposi.

«Non c’è dubbio che per gli innamorati che devono organizzare il matrimonio Idee Sposi costituisca una grandissima opportunità: a Trento Expo si può trovare davvero tutto ciò che serve, fornito dalle migliori aziende e dai professionisti più qualificati del settore – assicura il presidente di Keeptop Fiere Milo Marsili – il buon riscontro di pubblico e la soddisfazione diffusa fra espositori e visitatori sono ogni anno motivo di grande soddisfazione. Ho visto molte coppie lasciare il salone espositivo contente: la maggior parte arriva con le idee molto chiare e nella fiera riesce a trovare quello che cerca. Idee Sposi si conferma il punto di riferimento per il settore wedding in regione e da parte nostra c’è la voglia di continuare a crescere, rinnovarci e svilupparci per far sì che la manifestazione mantenga il ruolo di leader che ha saputo conquistarsi. Preannuncio già novità e sorprese per la prossima edizione».

Non resta dunque che guardare con fiducia al futuro. Prima, però, Keeptop Fiere invita a segnare in agenda un altro appuntamento importante: dal 14 al 16 febbraio 2020, infatti, Trento Expo ospiterà la sesta edizione di Idee Benessere.

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza