Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Predaia, il caso della consulenza da 45 mila euro approda alla Corte dei Conti: segretario e amministratori citati in giudizio

Pubblicato

-

L’ormai nota vicenda della consulenza da 45 mila euro affidata dal Comune di Predaia alla società CG2O S.r.l., portata alla luce da un’interrogazione depositata dai gruppi di minoranza di Predaia Futura e Predaia Unita, rischia di costare cara al segretario generale e agli amministratori comunali, citati in giudizio dalla procura regionale della Corte dei Conti su un’ipotesi di danno erariale.

Nello specifico al segretario generale Giancarlo Pasolli viene addebitato il 79% della responsabilità, al sindaco Paolo Forno e alla giunta comunale, composta allora dagli assessori Mirco Casari, Elisa Chini, Luca Chini, Maria Iachelini, Lorenzo Rizzardi e Massimo Zadra, il restante 21% di responsabilità.

La scorsa primavera la minoranza di Predaia aveva voluto approfondire la questione della consulenza per l’organizzazione del personale del Comune. Un progetto di sviluppo organizzativo risalente al 2017 che, per il sindaco Paolo Forno (qui l’articolo completo), “aveva l’obiettivo di creare una struttura efficiente ed efficace sia all’interno che, soprattutto, nei confronti del cittadino”.

Pubblicità
Pubblicità

La cosa aveva però sollevato le critiche della minoranza che, secondo la procura contabile, erano fondate. La riorganizzazione del personale, pagata alla società esterna 45.140 euro, poteva avvenire sfruttando le risorse interne.

Nel Comune di Predaia, infatti, non mancherebbero figure qualificate e competenze: oltre al segretario generale e ai suoi due vice, entrambi laureati in economia politica, gli uffici potevano contare su altri sette collaboratori laureati.

Pubblicità
Pubblicità

In sintesi, l’ottimizzazione della macchina amministrativa non necessitava di attingere a risorse esterne. Anche perché, come sostiene nell’atto di citazione il procuratore regionale Marcovalerio Pozzato, l’incarico affidato alla società emiliana CG2O S.r.l. non era un piano ad alta specializzazione.

Il segretario generale e gli amministratori di Predaia respingono le accuse di danno erariale, replicando tra le altre cose che, in seguito alla complessa fusione dei Comuni di Coredo, Smarano, Taio, Tres e Vervò, una radicale riorganizzazione era necessaria, e sottolineando come il solo possesso del titolo di studio non comporti automaticamente competenze manageriali in tema di organizzazione degli uffici.

Pubblicità
Pubblicità

C’era bisogno dunque di professionalità qualificate, da qui l’affidamento all’esterno dell’incarico. Segretario e amministratori sostengono infine che il danno erariale non sussisterebbe, visti gli effetti positivi prodotti dalla consulenza che avrebbe garantito un netto miglioramento dell’efficienza amministrativa.

Secondo la procura, però, non c’erano gli stringenti requisiti richiesti alle pubbliche amministrazioni per assegnare incarichi esterni. Le maggiori responsabilità sarebbero in capo al segretario Pasolli, che avrebbe omesso di dare indicazioni operative ai funzionari laureati del Comune, mentre “il comportamento gravemente colpevole degli amministratori – conclude il procuratore regionale Marcovalerio Pozzato – che hanno adottato la deliberazione dannosa, non può essere attribuito a particolari difficoltà ma alla grave e colpevole negligenza concretantesi nella sprezzante trascuratezza dei propri doveri”.

Il caso passa ora nelle mani dei giudici della Sezione giurisdizionale della Corte dei Conti.

Pubblicità
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Rallo, teatro sold out per lo spettacolo di domani “Agenzia matrimoniale”. Ci sono ancora posti, invece, per la replica di domenica

Pubblicato

-

Dopodomani, domenica 19 gennaio alle 21, al teatro di Rallo va in scena “Agenzia matrimoniale”, commedia comico brillante in tre atti in dialetto trentino della filodrammatica “Ral” di Rallo. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Campodenno, il rito della benedizione del sale è tornato alla “Famiglia d’origine”

Pubblicato

-

Un rito antichissimo, quello della benedizione del sale nella Giornata di Sant’Antonio Abate, è tornato alla “Famiglia di origine”. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

A Cles grande attesa per la serata su “Radioamatori: i pionieri della comunicazione wi-fi”

Pubblicato

-

Sarà una serata insolita quella che si svolgerà presso la sala Borghesi-Bertolla della Biblioteca di Cles in piazza Navarino, martedì 21 gennaio ad ore 20,30 ed intitolata “Radioamatori – I pionieri della comunicazione wi-fi”.

Radioamatori: ma chi sono? Cosa fanno di preciso? C’è chi dice che lo fanno per passione, chi dice che è una mania; a chi sembra un’inutile perdita di tempo, chi non ci capisce un’acca.

Ma la realtà è che i radioamatori sono stati ‘pionieri’ nel campo delle telecomunicazioni, e questo è inequivocabile.

Pubblicità
Pubblicità

Negli anni ’70 e ’80 sembrava una moda, tutti volevano la radio, il baracchino, bramavano per entrare in contatto con persone all’altro capo del mondo, o in qualche luogo remoto: era un po’ il Facebook del momento.

Su macchine e tetti imperavano antenne di qualsiasi lunghezza e dimensione; in giro spiccavano certi antennoni ben più lunghi delle automobili sulle quali erano piazzati.

Pubblicità
Pubblicità

Ma non è stata solo una moda, e mai lo sarà: i radioamatori hanno svolto e svolgono tuttora un fondamentale servizio di utilità sociale, aiutando civili e forze dell’ordine, captando richieste di aiuto che esclusivamente loro sono in grado di recepire.

E non lo fanno solo per divertimento: ottenere l’attestato di radioamatore richiede impegno, studio, competenze tecniche e scientifiche. I radioamatori hanno fatto la radiocronaca durante gare sportive, allertato in caso di pericolo, sono sempre stati e sempre lo saranno a disposizione di chi richiede i loro servizi, come volontari, come persone coese alla società nella quale vivono, consapevoli di maneggiare strumenti altamente specializzati.

Pubblicità
Pubblicità

Senza i radioamatori forse oggi non esisterebbero nemmeno internet, il web e quantomeno i social.

L’evento, organizzato in collaborazione con il Comune di Cles e la Biblioteca di Cles, è improntato come incontro/dibattito tra appassionati radioamatori ed esperti in telecomunicazioni e comunicazione nel contesto generazionale, evidenziando i seguenti argomenti: passione e socializzazione, ma anche importante attività al servizio di protezione civile, enti locali e forze dell’ordine.

Questa iniziativa è stata presentata in conferenza stampa mercoledì 15 gennaio scorso, con l’introduzione dell’Assessore alla Cultura Avv. Vito Apuzzo e la partecipazione dell’Avv. Massimiliano Debiasi e di Walter Corradini, rispettivamente moderatore e coordinatore della serata.

Nel pomeriggio dello stesso mercoledì, l’incontro è stato anche presentato in diretta attraverso i microfoni di Radio Anaunia, durante il programma “Tempo reale” condotto da Giulia Stringari e Alessandra Demagri, al quale hanno partecipato i coordinatori Walter Corradini e Orietta Coletti, il moderatore dell’evento Massimiliano Debiasi, accompagnati da Gianni Marzari, ‘storico’ radioamatore fin dagli esordi.

Ricordiamo che Corradini è autore del libro ‘Luciano Debiasi – Il camoscio del Peller’, che presentò il 2 maggio scorso, proprio nella medesima sala (qui l’articolo) riscuotendo un notevole successo. Anche in quel frangente il moderatore è stato Max Debiasi, pure lui radioamatore. Chi meglio di Max per riscaldare la platea? Sicuramente ci sarà da divertirsi con gli aneddoti che riuscirà a scucire (in italiano o in noneso) ai vari personaggi intervistati.

Presenzieranno numerosi ospiti, tra i quali radioamatori ‘senior’ ed attuali, forze dell’ordine, giornalisti ed editori (tra i quali anche il nostro editore Roberto Conci), appassionati, esperti, e molti altri.

Anticipiamo una grande sorpresa: nel corso della serata i soci dell’A.R.I. Cles, per mezzo di un impianto installato appositamente per l’occasione, ci offriranno un collegamento in diretta con altri radioamatori d’oltreoceano.

Questo appuntamento sarà seguito da una seconda serata, dal titolo “Social-mente insicuri. Sms – sos”, facente parte del ciclo di 4 incontri intitolati “La tua sicurezza ci sta a cuore”, organizzati dalla Biblioteca di Cles, che avrà luogo sempre in sala Borghesi-Bertolla martedì 25 febbraio prossimo; come per il primo appuntamento, il moderatore sarà l’Avv. Massimiliano Debiasi – coordinatori: Walter Corradini e Orietta Coletti

Questo progetto vuole dare risalto anche alla beneficenza. Durante le due serate di gennaio e febbraio, verrà effettuata una raccolta fondi a favore di Padre Sebastian Muthirenthikal, per la sua Missione ‘Divine Providence Home for disabled boys’ in India.

L’ingresso è gratuito

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza