Connect with us
Pubblicità

Trento

Cia sulle affermazioni di Faustini: “Scorretto. Io ho espresso un pensiero politico, lui mi attacca a livello personale, dimostrando disonestà intellettuale e di non essere informato”

Pubblicato

-

È scontro violento fra il consigliere provinciale di Agire Claudio Cia e il direttore dell’Adige Faustini.

Tutto nasce dalla pubblicazione di una lettera di Claudio Cia sul media diretto da Faustini dove vengono criticate le parola dell’arcivescovo Tisi dopo la pubblicazione del sondaggio della Diocesi sull’accoglienza in Trentino. (abbiamo riportato sotto l’articolo la lettera)

Quella che pareva essere una semplice lettera, un parere, come tanti, ha scatenato una vera guerra fra Cia e Faustini. Gaglioffa è stata un’altra lettera che il direttore dell’Adige ha voluto pubblicare dove veniva criticata la scelta del direttore di pubblicare la lettera di Cia definita troppo lunga.

Pubblicità
Pubblicità

Faustini risponde al lettore, ma le sue parole – secondo Cia – non raccontano la verità dei fatti.

Il consigliere provinciale allora replica senza peli sulla lingua.

IL COMUNICATO DI CLAUDIO CIA – Ho letto con delusione la risposta che il direttore del quotidiano “l’Adige”, Alberto Faustini, somministra oggi ad un lettore che, nello spazio dedicato alle lettere, critica la pubblicazione di una mia lettera il giorno precedente, a suo dire troppo lunga.

Faustini scrive che il lettore ha ragione, che “la lettera era troppo lunga e andava tagliata”, e aggiunge: “Ho pensato che Cia mi avrebbe accusato d’essere un censore e mi sono trattenuto”. No caro direttore, lei è scorretto. Io ho chiamato il suo giornale, chiedendo espressamente di lei, per avvisare che avrei spedito una lettera più lunga del normale, chiedendo cortesemente di valutarne la pubblicazione su l’Adige. Questa è la verità. Perché a differenza di altri politici, magari ex direttori di quotidiani, io non ho mai chiamato in redazione per lamentarmi della non pubblicazione di quanto invio, o per contestare articoli di altri.

Pubblicità
Pubblicità

Ma il direttore va oltre e, dopo aver vantato la sua risposta contro il sottoscritto, si inerpica a rispondere al lettore in merito a quella che è una vera e propria leggenda metropolitana: Cia che rincorre e fa “arrestare un innocente solo perché di pelle nera”. Faustini scrive che il ragazzo “non aveva colpe” ma, gli “pare di ricordare” che alla fine venne archiviata anche la presunta diffamazione di Cia, “consigliere che avrebbe comunque potuto gestire in modo diverso la vicenda, se non altro cospargendosi il capo di cenere. Niente meno! Caro direttore, anche qui si dimostra scorretto. Invece che nascondersi dietro ai “pare di ricordare” le riassumo io la vicenda: il procedimento è stato archiviato perché gli elementi acquisiti non sono stati ritenuti idonei a sostenere l’accusa. Addirittura il P.M. ha evidenziato come il soggetto aveva una situazione già compromessa per una precedente denuncia di spaccio e per alcuni comportamenti di violazione delle regole cui seguì l’arresto, e non certo per la pubblicazione di alcune foto su Facebook da parte del sottoscritto, che non hanno in alcun modo danneggiato l’imputato, ma addirittura, scrive il P.M., “aumentarono il suo prestigio criminale”. Lei difenda pure queste persone, ne ha tutto il diritto e ha fatto la sua scelta, ma non si permetta di dirmi che dovrei anche cospargermi il capo di cenere.

Ma non è finita qui, Faustini chiude la sua replica scrivendo che “Cia, per quanto possa sembrare assurdo, ha una certa coerenza in merito: ce l’ha da sempre con gli stranieri e persino con la Chiesa che osa accoglierli, mi par d’aver capito”. Anche qui, nascosto dietro un “mi par d’aver capito”, Faustini spara la sua sentenza, il suo giudizio, forse più un pregiudizio: Cia ce l’ha con stranieri e Chiesa, da sempre. Non ci si scappa, così ha sentenziato. Ovviamente è una sua considerazione personale, non sostenuta da alcun elemento oggettivo, che però ferisce e infastidisce. Io nella mia lettera del giorno precedente e nei miei interventi esprimo un pensiero politico, lui mi attacca invece a livello personale, dimostrando disonestà intellettuale e di non essere informato, e questo preoccupa, perché dalla sua posizione di direttore di giornale contribuisce con le sue uscite a fare “opinione”, facendo passare un messaggio non veritiero.

LA LETTERA DI CLAUDIO CIA DEFINITA TROPPO LUNGA DAL LETTORE – Mercoledì 25 settembre è stata presentata alla stampa da Mons. Tisi un’indagine commissionata dalla Chiesa trentina e denominata “Accogliere per crescere”, la quale ha avuto il proposito
di raccogliere le impressioni di Comuni e Parrocchie che hanno ospitato dei soggetti richiedenti protezione internazionale (RPI). Durante la presentazione gli oratori hanno parlato di pregiudizi e di paura del diverso dipingendo, forse accidentalmente, la gente trentina come un popolo gretto e impaurito, distante dai doveri di solidarietà ai quali siamo tutti chiamati.

È bene ricordare che l’istinto di solidarietà è essenza stessa del popolo trentino il quale, ben prima dell’esplosione dei flussi migratori, si è sempre prodigato per l’assistenza ai bisognosi, come nel caso di calamità naturali o progetti con paesi in via di sviluppo.

L’arcivescovo Tisi, accogliendo forse le istanze di chi lo vorrebbe più politicamente impegnato (al punto da chiedere “un intervento diretto” “come ama fare papa Francesco”), nel corso della presentazione ha ripetuto il suo mantra: “Chi non accoglie va contro il Vangelo”.

E’ bene quindi prendere in mano quelle fonti di Autorità che sono i Vangeli, e leggerli. Chi aprirà il Vangelo di Luca, troverà la nota “Parabola del buon Samaritano”, che ci invita a ragionare sul significato di “prossimo tuo”.

Contrariamente a ciò che si fa di solito, io credo che grande attenzione andrebbe posta sul sacerdote e sul levita. Essi, nella visione tradizionale, non aiutano l’uomo e passano oltre: chissà magari quante persone hanno aiutato sulla via di Gerico, oppure chissà quali emozioni li hanno spinti a scegliere di non aiutare l’uomo. Essi potrebbero essersi diretti verso Gerico per cercare aiuto, ma questo – e altre cose – non è dato sapersi.

Io credo che la Chiesa di oggi si stia comportando come il sacerdote e il levita: avendo lo sguardo rivolto a chi viene da lontano, finisce per non accorgersi di chi è qui, al ciglio della strada, ed ha bisogno di aiuto. Non è detto che sia un approccio sbagliato, chissà quante persone sta aiutando, tuttavia non volge lo sguardo al suo “prossimo”.

Non credo sia quindi corretto parlare di “popolazione trentina con pregiudizi verso il diverso”. Penso sia più giusto parlare di “popolazione trentina che vuole vederci chiaro e che pretende una gestione trasparente ed oculata del fenomeno migratorio”. Non si può pensare di continuare secondo la logica del “più siamo e meglio stiamo”, perfettamente consci di come questo modo di gestire i flussi migratori (che coinvolgono indistintamente RPI, immigranti economici e climatici) abbia creato povertà, sofferenza e delinquenza.

Un’accoglienza oculata permetterebbe di dare dignità alla persona, così come richiesto dalla Carta costituzionale e dalle convenzioni internazionali, e libererebbe chi è giunto in Trentino molto tempo fa, ed oggi è perfettamente integrato, da quell’equivoco di sentirsi estraneo, solo perché associato al recente flusso migratorio che travolge e annulla l’idea stessa di integrazione. In questa situazione il compito della Chiesa è sicuramente quello di ispirare alla bontà e ai sentimenti cristiani ma è compito della politica, e della politica sola, adottare le misure che si ritengono necessarie per regolare il fenomeno migratorio, promuovendo politiche equilibrate che non diano adito a conflitti e ad ingiustizie sociali.  È poi incontrovertibile che un’immigrazione incontrollata, di quantità e non di qualità, non porti altro che braccia da sfruttare e malcontento sociale, con una notevole diminuzione dei diritti dei lavoratori, soppiantati da una manodopera a basso prezzo. Quella dell’immigrazione è, per il sottoscritto, la sfida che la politica dovrà affrontare nei prossimi anni, mettendo al centro le persone, perseguendo fini concreti e ambiziosi, ma con la consapevolezza che solo la collaborazione, la mutualità e il rispetto dei ruoli ci permetteranno di raggiungere quei risultati che i trentini ci chiedono.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

È morto Stefano Tabarelli de Fatis, il vice comandante dei vigili del fuoco di Baselga del Bondone

Pubblicato

-

Sgomento e tristezza in tutti i corpi dei vigili del fuoco della provincia di Trento per la morte di Stefano Tabarelli de Fatis vicecomandante dei vigili del fuoco di Baselga del Bondone.

Stefano è morto ieri alle 15.30 del pomeriggio a soli 29 anni dopo un malore improvviso.

Tutto era cominciato con un banale mal di testa terminato purtroppo con la tragica morte del giovane vigile del fuoco.

Pubblicità
Pubblicità

Lascia la fidanzata Arianna la sorella di 28 anni Debora e due genitori con i quali viveva.

Lavorava come macchinista sui treni ma era sempre pronto all’azione quando il pericolo chiamava.

Gli amici lo descrivono come una persona fantastica, allegra, tranquilla, buona ed educata.

Era entrato nei vigili del fuoco da giovanissimo nel 2009. 

Pubblicità
Pubblicità

In una nota il Corpo dei vigili del fuoco provinciale rivolge le più sentite condoglianze ai familiari e alla sua ragazza Arianna.

«Abbiamo tutti perso un amico…Un grande amico, Ciao Taba Il tuo comandante e amico Gianluca» – Queste le ultime parole del comunicato lanciato dalla caserma dove operava ormai da anni con professionalità e dedizione.

Da ore sulla pagina facebook dei vigili del fuoco di Baselga del Bondone arrivano messaggi di cordoglio da tutte le caserme del Trentino e da semplici cittadini.

«Che brutto scherzo ci hai fatto… Stavolta invece delle nostre tante risate, ci hai fatto piangere tutte le nostre lacrime… Guida i nostri treni dal cielo adesso… I nostri cuori daranno sempre il pronti al tuo ricordo… Ciao, Maestro!»Scrive un’amica

Arriva anche la vicinanza del consigliere provinciale Devis Moranduzzo e del presidente del consiglio regionale Roberto Paccher che sulla loro pagina social scrivono: «Tra ieri e oggi Trento piange due giovani, il primo, Stefano Tabarelli De Fatis (29 anni) vicecomandante dei vigili del fuoco di Baselga del Bondone è deceduto in seguito ad un malore e Silvio Maestrello, anche lui giovane, volontario e istruttore della Croce Bianca di Trento è spirato dopo aver combattuto una brutta malattia. Alle famiglie e ai loro amici le mie più sentite condoglianze».

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

Tre ore di lingue straniere in più alla settimana nelle scuole trentine

Pubblicato

-

Approvate oggi dalla Giunta provinciale le direttive per il potenziamento dell’insegnamento delle lingue straniere, obiettivo prioritario in tema di politiche scolastiche per la corrente legislatura.

L’intento è quello di assicurare un profilo di maggiore autonomia e flessibilità alle istituzioni scolastiche per permettere di perseguire lo scopo senza vincoli o imposizioni che possano condizionare in senso negativo il perseguimento dell’obiettivo.

In questa direzione le nuove linee guida consentono alle istituzioni scolastiche provinciali di potenziare l’insegnamento delle lingue, non solo attraverso l’apprendimento integrato di lingua e contenuto (CLIL), ma anche mediante un repertorio di attività definite e programmate dalle singole realtà di scuola, nell’esercizio della propria autonomia e in coerenza con gli obiettivi di competenza linguistica specificamente previsti dai Piani di studio provinciali.

PubblicitàPubblicità

Un’attenta ricognizione nella scuola trentina di ogni ordine e grado in tema di apprendimento delle lingue straniere ha messo in evidenza alcune difficoltà, soprattutto per ciò che concerne l’assetto organizzativo. Nel confronto tra addetti ai lavori è emersa pertanto la necessità di apporre alcuni correttivi al sistema organizzativo, che vengono ora regolamentati attraverso le nuove direttive approvate oggi dalla Giunta provinciale.

L’obbiettivo delle nuove disposizioni rimane quello di assicurare un’offerta didattica capace di migliorare significativamente le competenze linguistiche di tutti gli alunni.

La volontà di migliorare l’autonomia delle scuole e l’esigenza di rispondere alle criticità emerse, ha reso però necessario prevedere più ampie possibilità di intervento, nell’ottica della diversificazione delle modalità didattiche e di un più mirato impiego della flessibilità riconosciuta, pur salvaguardando tutte le fruttuose esperienze maturate nel passato.

Nello specifico le nuove disposizioni stabiliscono che nella scuola primaria, per l’intero primo ciclo, vengano assicurate almeno tre ore settimanali di potenziamento linguistico, che si aggiungono al monte ore quinquennale esistente pari a 500 ore da suddividere tra tedesco e inglese, come previsto dai Piani di studio provinciali.

Pubblicità
Pubblicità

Nella scuola secondaria di primo grado inoltre viene stabilito un potenziamento linguistico con un livello minimo di tre ore settimanali per ogni anno di corso che vanno ad aggiungersi alle 198 ore annuali previste per l’insegnamento del tedesco e dell’inglese.

Infine nella scuola secondaria di secondo grado, dove l’insegnamento delle lingue straniere si articola in modo diverso rispetto ai vari indirizzi, la nuova normativa stabilisce che il potenziamento linguistico nel secondo grado si sostanzi in 60 ore per ciascun anno di corso e che nel quinto anno, al fine di garantire coerenza con quanto previsto dalla normativa nazionale vigente, l’attività didattica venga realizzata in CLIL per il 50% dell’orario annuale di una o più discipline non linguistiche, fermo restando, comunque, il limite di 60 ore annuali.

Il potenziamento linguistico sarà sostenuto dall’amministrazione scolastica con specifiche attività di supporto alle scuole, tra esse rientrerà anche la formazione di sistema del personale docente garantita da IPRASE, sia per quanto attiene al miglioramento delle competenze linguistiche sia sotto il profilo didattico-metodologico.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

È eccellente la qualità delle acque dei laghi balneabili trentini

Pubblicato

-

I laghi trentini confermano anche per quest’anno l’eccellenza della qualità delle loro acque e i bagnanti potranno tranquillamente tuffarsi e nuotare in tutti e venti gli specchi d’acqua monitorati dall’Azienda provinciale per i servizi sanitari a partire dal primo maggio prossimo e fino al 30 settembre 2020.

Il provvedimento proposto oggi dall’assessore alla salute Stefania Segnana, infatti, aggiorna l’individuazione delle acque lacuali idonee alla balneazione nel territorio della provincia di Trento e fissa la durata della prossima stagione balneare.

Le vigenti disposizioni in materia impongono alle Regioni ed alle Province autonome di effettuare il monitoraggio delle acque lacuali utilizzate per la balneazione, avvalendosi dei competenti Uffici di Igiene e Sanità Pubblica; sulla base dei campionamenti effettuati nel corso del 2019 e delle risultanze fornite dalla relazione di Apss, lo stato delle acque con prelievi da aree prospicienti le spiagge trentine ha registrato il punteggio massimo: eccellente.

PubblicitàPubblicità

Nessun valore anomalo, ma altissima qualità, dunque, per i laghi di Caldonazzo, Canzolino, Cei, Garda, Idro, Lagolo, Lamar, Lases, Lavarone, Ledro, Levico, Molveno, Piazze, Santo, Serraia, Tenno, Terlago, Cavedine, Nembia e Roncone.

Il provvedimento approvato oggi, con i dati delle rilevazioni 2019, viene trasmesso al Ministero della Salute e al Ministero dell’Ambiente, della tutela del Territorio e del Mare, all’Apss e ai Comuni interessati, competenti ad adottare idonei strumenti di informazione alla cittadinanza sullo stato di balneazione dei laghi che rientrano nel proprio territorio.

 Il monitoraggio, compiuto in genere mensilmente durante la stagione primaverile ed estiva, prevede che siano effettuate, ad ogni controllo, rilevazioni di parametri ambientali (temperatura aria, temperatura acqua, vento, corrente, onde), ispezioni di natura visiva (residui bituminosi, vetro, plastica, gomme, altri rifiuti) e prelievi di campioni di acqua per l’analisi batteriologica in laboratorio.

I risultati delle rilevazioni confluiscono in una banca dati europea, che registra lo stato delle acque nelle regioni dei diversi Paesi.

Pubblicità
Pubblicità

I laghi del Trentino rappresentano un patrimonio ambientale prezioso e una meta turistica di grande interesse: l’eccellenza delle loro acque è sicuramente un aspetto significativo per le 39 spiagge complessivamente monitorate del nostro territorio.

I risultati di tutte le attività di controllo effettuate nel corso del 2019, con l’indicazione dei punti di prelievo, sono visibili a questo link 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza