Connect with us
Pubblicità

Benessere e Salute

Autunno senza stress, la soluzione è a tavola: ecco gli alimenti e le vitamine perfetti

Pubblicato

-

L’arrivo dell’autunno porta con sé giornate più brevi e una natura dai colori più caldi, con questa stagione si iniziano però a sentire gli effetti del cosiddetto “mal d’autunno” che, come sintomi, comporta stanchezza, ansia, irritabilità e malinconia.

Gli americani lo chiamano “back-to- school blues”, ma è un fenomeno diffuso in tutto il mondo e i dati ISTAT confermano che riguarda addirittura 4 italiani su 5.

Uno dei rimedi per combattere questo malessere è sicuramente quello di porre maggiore attenzione a ciò che portiamo ogni giorno in tavola, assumendo alcuni alimenti in particolare con alto contenuto di vitamine. Andiamoli a vedere.

Pubblicità
Pubblicità

L’AUTUNNO IN TAVOLA: GLI ALIMENTI E LE  VITAMINE CONSIGLIATE – I nutrizionisti consigliano di assumere i seguenti alimenti: la melagrana, ricca di sali minerali e vitamine A, C e K, l’uva, ricca di antiossidanti, le castagne che, oltre ad essere ricche di sali minerali e proteine, contengono anche carboidrati e quindi bisogna star attenti a non eccedere.

Continuando in questa lista troviamo anche la zucca, ricca di vitamine proprio come come i cavoli, i broccoli e gli spinaci.

Tra gli altri alimenti assolutamente consigliati in autunno troviamo molta della frutta di stagione: mele e pere contengono fibre e vitamine, i kiwi rafforzano il sistema immunitario grazie al loro alto contenuto di vitamina C, proprio come gli agrumi (come ad esempio limone, arancia e bergamotto).

DALLA C ALLA D, TUTTE LE VITAMINE DELL’AUTUNNO –  In autunno, come durante tutto l’anno, è dunque fondamentale avere il giusto apporto di vitamine e avere un’alimentazione bilanciata. In aggiunta ad un corretto piano alimentare si può anche scegliere di completare la propria dieta con alcuni integratori specifici, come quelli presenti tra i prodotti benessere dello store online di shop-farmacia ad esempio, così da assicurarsi di assumere il corretto apporto di vitamine e nutrienti per affrontare al meglio questa stagione.

Pubblicità
Pubblicità

Passando nello specifico alle vitamine ecco quelle più importanti:  

Vitamina C: rafforza le difese immunitarie e ha una funzione antiossidante sui nostri tessuti.

Vitamina B: rinforza i muscoli e regola i processi cognitivi.

Vitamina D: molto importante per il suo effetto sulle ossa, dato che ha il compito di aiutare il calcio a fissarsi sulle strutture ossee e a renderle più resistenti.

Stesso discorso vale anche per i carboidrati e le proteine, visto che sono molto importanti per il corretto funzionamento del nostro fisico.

I primi servono a darci l’energia per affrontare tutti gli sforzi giornalieri che aumentano maggiormente in autunno dopo il periodo estivo dedicato al relax, mentre le seconde costituiscono la struttura del nostro corpo.

Oltre all’alimentazione ricca di vitamine e proteine, per “vivere al meglio” l’autunno, è fondamentale dormire con regolarità, con un sonno di almeno sette ore.

Al contempo è molto importante non abusare di caffeina e teina, limitandone quindi l’uso, e aumentare l’assunzione di acqua: alcuni specialisti consigliano di bere almeno otto bicchieri d’acqua al giorno così da restare sempre idratati e di buon umore.

Insomma in autunno più che mai bisogna tenere sempre alte le difese immunitari e cercare sempre di prendersi del tempo per la cura della propria persona senza stressarsi troppo.

Pubblicità
Pubblicità

Benessere e Salute

Indagine sesso adolescenti: risultati preoccupanti per colpa dell’uso di droghe e alcool

Pubblicato

-

Cala il desiderio sessuale, ma aumenta l’uso dei sexy toys: li usano il 42,5 % degli italiani tra i 18 ed i 30 anni.

Nello specifico il 18,8% li usa sia per autoerotismo che per giocare col proprio partner; il 14,4% solo con il partner ed il 9,6% li utilizza unicamente per autoerotismo.

La fascia di età che ci gioca con maggiore frequenza è quella compresa tra i 18 ed i 24 anni.

PubblicitàPubblicità

Cala il desiderio e la causa più diffusa è la facilità di accedere a filmati porno in internet che va a creare una realtà virtuale che sostituendosi alla vita normale, appaga anche il desiderio sessuale.

Sempre più diffuso il sexting, ovvero lo scambio di immagini sessualmente esplicite che 6 ragazzi su 10 lo ha praticato almeno una volta nella loro vita.

Il limitato desiderio erotico interessa ormai il 46,2% mentre il 79,6% dei maschi tra i 16 ed i 21 anni dichiara difficoltà sessuali; il 47,9% riferisce una scarsa soddisfazione sessuale ed il 45,3% accusa disfunzioni erettili.

Dati decisamente preoccupanti che emergono da un’indagine promossa tra gli adolescenti italiani da Euromedia Research, tra i quali solo il 39,9% pratica sesso protetto: il 22% ritiene che la pillola protegga dalle malattie sessualmente trasmettibili e dalle infezioni, mentre per il 40% degli intervistati la prima volta è stata tra i 17 ed i 20 anni.

Pubblicità
Pubblicità

L’uso, ma anche l’abuso di alcool, droghe, fumo e farmaci è incontrollabile fino a quando non viene intaccata la sfera sessuale, solo che in moltissimi casi il quadro generale è già compromesso.

Più che dannose “ le canne” che oltre ai danni fisici indiretti, creano la sensazione di essere grandi, prendendo il posto delle prime fidanzatine delle passate generazioni.

Ma i risvolti sono anche psicologici perché ad esempio, il porno sul web cambia del tutto le concezioni affettive, creando un modello distruttivo del normale rapporto di coppia.

Allarme anche per l’acquisto diffuso in internet di viagra e farmaci simili, da parte di adolescenti che aggirano le prescrizioni mediche, ma che così pensano di poter superare la loro possibile fragilità nel rapporto sessuale, senza correre il rischio di fare brutte figure.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Benessere e Salute

«Movember», visite gratuite al centro prevenzione LILT per la diagnosi dei tumori maschili

Pubblicato

-

Novembre, mese d’impegno per la Lilt ( Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori) che aderendo all’iniziativa “ Movember” sensibilizzerà uomini e ragazzi perché prendano parte attiva nella protezione della propria salute, con azioni concrete per la prevenzione e diagnosi precoce dei tumori maschili: prostata e testicoli.

Per divulgare il messaggio sull’importanza di sani stili di vita unito ad un servizio di visite e consulenze.

In tutto il Trentino, Lilt offrirà visite gratuite alla prostata per gli uomini over 50 e i medici Lilt saranno disponibili anche per controlli ai più giovani (di età compresa tra i 20 e i 50 anni) o per consulenze a chi voglia saperne di più o conoscere gli eventuali segnali d’allarme, anche per capire cosa fare in caso di familiarità con questi tumori.

PubblicitàPubblicità

L’augurio è che specialmente i giovani approfittino del servizio che li facilita nell’approccio col medico.

Le visite sono prenotabili al Centro Prevenzione Lilt di Trento telefonando allo 0461-932758, o scrivendo a  centroprevenzione@lilttrento.it, oppure nelle delegazioni di Arco, Borgo, Cavalese, Cavedine, Cles, Mezzano, Pergine, Rovereto, Tione.

Aggiornamenti sugli eventi LILT si possono trovare sul sito www.lilttrento.it oppure sulla pagina Facebook “Lega Tumori Trento (Onlus)”.

Informazioni: info@lilttrento.it ed anche telefonando allo 0461.92273.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Benessere e Salute

Beato de Tschiderer: interrotto il servizio delle cure intermedie

Pubblicato

-

Da ieri l’Azienda Pubblica di Servizi alla Persona “Beato de Tschiderer” non eroga più il servizio di cure intermedie.

Scadeva infatti il 31 ottobre la proroga della convenzione stipulata nel 2017 fra la Apsp, la Provincia autonoma e l’Azienda provinciale per i servizi sanitari.

L’incontro programmato dall’Assessorato provinciale alla salute con i vertici della Apsp per ieri mattina (giovedì 31 ottobre) per cause di forza maggiore non si è svolto.

Pubblicità
Pubblicità

Pertanto non è stato possibile discutere circa la revisione della convenzione.

L’Assessorato, nel comunicare al Consiglio di Amministrazione della de Tschiderer la fine della sperimentazione per le cure intermedie, ha comunque ribadito la disponibilità a programmare a breve un ulteriore confronto per poter eventualmente riavviare il servizio – per un nucleo di 20 posti letto – alla tariffa definita dall’Assessorato.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza