Connect with us
Pubblicità

Sport Trentino

I tre punti diventano sempre più difficili da conquistare. Il Lavis pareggia anche sul campo del Termeno. E’ 1-1

Pubblicato

-

Neanche in Alto Adige il Lavis riesce a portare a casa i tre punti. Sul difficile campo del Termeno i ragazzi di Bandera inanellano un altro pareggio che smuove di poco la classifica.

Per la terza volta consecutiva (Comano, San Martino e Termeno) i lavisiani si fanno rimontare dopo l’iniziale vantaggio.

Questa volta l’allenatore Bandera smuove le carte: Tomaselli al posto di Giovannini squalificato, D’Amico retrocesso da trequartista di destra a terzino, Canali prima punta e Sebastiani difensore centrale al posto di Coppi infortunato.

PubblicitàPubblicità

Neanche il tempo di iniziare e il Lavis fa tremare i padroni di casa. Gorla dribbla in scioltezza il terzino Dissertori e dalla sinistra fa partire un cross sul quale si avventa Dalla Valle. Nonostante fosse a distanza ravvicinata calcia alle stelle.

Per vedere compiuta qualcosa di concreto da parte del Termeno bisogna aspettare il quarto d’ora. È in questo momento che la squadra di casa inizia a “silurare” il portiere Nervo. Pfitscher si porta al limite dell’area e calcia in porta.

Il gran tiro trova pronta un’ottima respinta del portiere. Pochi minuti più tardi il regista Dalpiaz pesca con il contagiri Baido, il cui stop a seguire lo proietta davanti alla porta. Un altro missile arriva dalle parti di Nervo, che anche questa volta si fa trovare pronto.

Dopo alcuni tiri al bersaglio altoatesini, il Lavis sale in cattedra. Un lancio dalla difesa scavalca tutto il centrocampo e trova Canali sulla trequarti.

Pubblicità
Pubblicità

L’appoggio per Dalla Valle sulla destra è splendido, e il trequartista destro calcia in porta mirando l’angolo lontano. La palla scavalca il portiere Scuttari e si insacca. Il gol pare essere tutto di Dalla Valle, ma Gorla sulla linea di porta gli ruba la paternità della rete.

La risposta del Termeno non si fa attendere. Alla mezz’ora Pfitscher preme sull’acceleratore e salta in velocità D’Amico. Il cross il mezzo è preciso per l’accorrente  Frotscher, ma quando tutto sembrava fatto l’intervento chirurgico di Tomaselli evita il pari.

Non c’è un attimo di respiro. L’andamento frizzante della gara fa divertire il pubblico sugli spalti. Al 35esimo D’Amico e Pfitscher si scontrano in area di rigore.

L’arbitro comanda la battuta dagli undici metri. Dal dischetto lo stesso Pfitscher è glaciale e non lascia scampo a Nervo. 1-1

Il primo tempo si è contraddistinto per un sostanziale equilibrio. Il Lavis leggermente superiore nel palleggio e nella tecnica dei singoli  non è riuscito però, come di consuetudine, a mantenere il vantaggio.

Se il primo tempo ha avuto un andamento frizzante, il secondo tempo è paragonabile all’acqua naturale. I ritmi sono lenti e compassati e per vedere qualche azione degna di nota bisogna aspettare il 25esimo.

Il Termeno ritorna con i tiri dalla distanza, e questa volta è il turno dell’ex Rotaliana Gasparini. Il mancino classe ’99 raccoglie il pallone dopo una mischia in area e lo scarica verso la porta.

Nervo si fa trovare per l’ennesima volta pronto. Si fa vedere anche il lavisiano Loyola, che prima pesca su punizione Gretter, ma  non centra la porta e poi scarica un gran sinistro sul quale Scuttari non si fa sorprendere.

Da queste poche azioni si arriva già nel finale. Canali tenta l’azione personale e cerca di farsi largo nella affollata area del Termeno. Emerge dalla giungla e tenta la conclusione.

La sfera viene rimpallata e finisce sui piedi di Dalla Valle, che tira una granata verso la porta. Scuttari miracolosamente respinge. Bandera tenta il tutto per tutto e inserisce anche la punta Donati, ancora convalescente, ma non produce gli effetti sperati.

Il Lavis benchè produca molto, cade spesso vittima di disattenzioni difensive. Gran merito va a Tomaselli e a Gorla che con interventi in extremis hanno evitato una deludente sconfitta.

Il Termeno ha giocato una partita molto guardinga, confidando soprattutto nella velocità di Pfitscher, che sulla destra ha spesso messo in difficoltà il terzino ex Sudtirol D’Amico.

ASV TRAMIN: Scuttari, Dissertori, Facchinelli (1°st Firler), Rellich, Dalpiaz, Duriqi, Frötscher S., Pomella, Pfitscher, Gasparini (38°st Spiess), Baldo (Frötscher M.). All: H.Pomella
US LAVIS ASD: Nervo, Amico, Tomaselli (37°st Sissoko), Caldato, Gretter, Sebastiani, Dalla Valle, Loyola (46°st Santuari), Canali (43°st Donati), Raffaelli, Gorla (21°st Dsiri). All: Bandera
Arbitro: Caresia (TN); Giannone (Arco)/Tincul (TN)
Reti: 18°pt Gorla (L), 37°pt rig. Pfitscher (T)

Pubblicità
Pubblicità

Sport Trentino

Dolomiti Energia Trentino, domenica sera la decima di campionato al Taliercio contro Venezia

Pubblicato

-

I bianconeri per la 26a volta da quando sono in Serie A affrontano la Reyer: partita delicata al Taliercio, dove i campioni d’Italia in carica sono ancora imbattuti in campionato. Palla a due domenica alle 20.30, diretta Eurosport Player anche in Clubhouse.

Quella contro la Reyer per Trento sarà la partita numero 17 della stagione: sette vittorie e nove sconfitte tra campionato e 7DAYS EuroCup per i bianconeri, capaci però nonostante gli alti e bassi di rendimento di queste prime settimane di rimanere nella parte sinistra della classifica di Serie A con quattro vittorie e altrettante sconfitte arrivando al “giro di boa” del girone di andata.

Ancora orfani di Aaron Craft, capitan Forray e compagni dovranno trovare il modo di mettere assieme i buoni momenti di pallacanestro mostrati nelle partite (seppur finite male) con Cremona e Oldenburg e assemblare 40′ di qualità e carattere per provare a strappare due punti pesanti su un campo a dir poco difficile da espugnare.

Pubblicità
Pubblicità

I campioni d’Italia in carica di Venezia giocano anche quest’anno per inseguire i massimi obiettivi stagionali in Serie A e in 7DAYS EuroCup, dove hanno ottenuto la qualificazione alle Top 16 grazie a sei successi consecutivi.

I ragazzi allenati anche quest’anno da coach Walter De Raffaele in questo avvio di stagione hanno costruito i propri successi sulla capacità di difendere il proprio campo, dove gli orogranata, eccezion fatta per la sconfitta in volata contro il Partizan nel Round 1 di coppa non hanno mai perso punti per strada. Quattro vittorie su quattro incontri in campionato, tre su quattro in EuroCup.

La forza trainante della Reyer, prima ancora delle qualità realizzative di giocatori di grande talento offensivo come Daye, Watt e Bramos, è la straordinaria difesa dei lagunari: un dato per riassumere la forza degli orogranata nella propria metà campo? Nei quattro successi casalinghi in campionato hanno vinto segnando “appena” 69 punti di media.

Quella fra Trento e Venezia è una sfida infinita, una rivalità che nel giro di pochissime stagioni ha resto le sfide tra bianconeri e orogranata fra le più attese non solo dalle rispettive tifoserie, ma da tutto l’ambiente della pallacanestro italiana. Inevitabile, quando due formazioni si affrontano per tre anni di seguito nel dolce inferno dei playoff scudetto. La finale 2017 vinta dalla Reyer 4-2, la semifinale del 2018 chiusa 3-1 per Trento nell’apoteosi della BLM Group Arena, i quarti 2019 risolti solo in un’infuocata gara-5 al Taliercio.

Pubblicità
Pubblicità

Dieci vittorie e 15 sconfitte per Trento nei 25 precedenti fra regular season e playoff in cinque stagioni di massima serie. L’ultimo successo dei bianconeri in trasferta a Mestre è quello arrivato dopo un tempo supplementare nel diciannovesimo turno di campionato lo scorso 10 febbraio: 22 punti, 12 rimbalzi e quattro assist a referto per Aaron Craft in una partita pazzesca risolta proprio da una tripla di quello che sarà il grande assente del match di domenica sera.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Sport Trentino

Muore a soli 54 anni Flavio Tavernano. Era l’allenatore della squadra di calcio del Primiero

Pubblicato

-

E’ scomparso a soli 54 anni Flavio Tavernaro, l’allenatore della squadra di calcio del Primiero.

Lunedì era stato ricoverato all’ospedale di Feltre per una peritonite, purtroppo mercoledì è arrivata notizia del suo decesso.

Domenica l’allenatore era regolarmente in campo per sostenere i suoi ragazzi contro il Porfido Albiano.

Pubblicità
Pubblicità

Sul campo del Mezzocorona la sua squadra aveva vinto per uno a zero.

Dopo essersi complimentato con tutti i giocatori, stava già pensando alla sua prossima sfida, che però non ci sarà.

Per questo fine settimana l’Us Primiero ha deciso di rinviare tutte le partite in casa. Sulla propria pagina Facebook la squadra ha deciso di ricordarlo così: “Avremo sempre un ricordo di te Flavio. Siamo orgogliosi di aver avuto la possibilità di conoscerti, di combattere le tue stesse battaglie e di vincere e perdere al tuo fianco.

Anche se le parole sono ben poca cosa in queste circostanze, siamo sicuri di una cosa: Da oggi in poi, in campo, scenderemo sempre in 12. Con te, per te. Grazie di tutto Mister“.

Pubblicità
Pubblicità

Flavio lascia i suoi ragazzi, la compagna Maria Grazia e la madre Orsolina a cui spesso dava una mano nella gestione dell’Hotel Sass Maor a Transacqua.

I funerali si svolgeranno domani alle 15 nella chiesa di Transacqua.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Sport Trentino

Dolomiti Energia Trentino sconfitta a Oldenburg: le speranze di Top 16 ora passano dalla trasferta a Gdynia

Pubblicato

-

I bianconeri impattano bene la partita ma non trovano contromisure allo scatenato attacco dell’EWE Baskets, che scappa via nell’ultimo quarto e vince 108-88 il Round 8 di 7DAYS EuroCup: per i trentini 25 punti di Blackmon e 15 di Knox

La Dolomiti Energia Trentino cede 108-88 all’EWE Baskets Oldenburg nel Round 8 di 7DAYS EuroCup: i bianconeri giocano una partita di personalità e di qualità per 30’ abbondanti, ma nell’ultimo quarto subiscono le folate offensive dei tedeschi che grazie ad una strepitosa performance offensiva colgono la quinta vittoria consecutiva e staccano un pass per le Top 16. Per continuare a inseguire il sogno qualificazione, Trento ora dovrà invece battere l’Arka Gdynia, con cui condivide il quarto posto in classifica, nel Round 9 in programma mercoledì 11 dicembre.

All’EWE Arena l’Aquila parte convinta sfruttando i 16 punti in coppia di Mezzanotte e Knox nei primi 18 della sua partita (9-18), ma con il passare dei minuti la partita si sviluppa sui binari dell’equilibrio: i bianconeri rispondono colpo su colpo all’ispirato attacco dei gialloneri, ma alla fine esce la forza mentale e l’esperienza dei padroni di casa che producono un secondo tempo da 64 punti a tabellone.

Pubblicità
Pubblicità

James Blackmon chiude la serata da miglior realizzatore dei suoi con 25 punti (7-12 al tiro), sei rimbalzi e tre assist; buona prestazione offensiva anche per il “solito” Justin Knox da 15 punti (6-7 dal campo) e nove rimbalzi. Impatto offensivo di alto livello anche per un pimpante Andrea Mezzanotte (12 punti) e per Ale Gentile, 13 punti – quattro rimbalzi – quattro assist in 31’.

A spaccare la partita nell’ultimo quarto sono sette punti in fila messi a segno da Tyler Larson, fra i migliori in campo nella serata: una tripla, un semigancio e un layup mancino in rapida sequenza che fanno scappare Oldenburg dal 74-71 all’81-71 e che innescano un break ad inizio ultimo quarto di 15-2 in favore dei padroni di casa.

«Abbiamo provato a giocare una partita solida e lo abbiamo fatto nella prima metà di match, con buone idee in attacco e alcuni stop difensivi. Poi nel secondo tempo abbiamo commesso troppi errori in difesa, nel terzo quarto abbiamo preso il break dei nostri avversari ma abbiamo reagito; poi però non abbiamo trovato il modo di restare incollati nel punteggio per giocarcela negli ultimi minuti. Andiamo avanti senza arrenderci, anche perché abbiamo ancora la chance di qualificarci alle Top 16 e proveremo a farlo continuando a lavorare a testa bassa». – Nicola BRIENZA, Allenatore Dolomiti Energia Trentino

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza