Connect with us
Pubblicità

Trento

La risposta delle generazioni accusate dai «Gretini» in una lettera diventata virale. Kornelia Kirchweger scrive a Greta Thunberg

Pubblicato

-


Sta spopolando ed è diventata virale sui social e sui media tedeschi la lettera di Kornelia Kirchweger che ha voluto rispondere a Greta Thunberg dopo il rabbioso discorso pronunciato all’ONU dove l’eroina dell’ambiante ha accusato le generazioni degli anni ’60 ’70 e ’80 e di aver rubato i sogni dei giovani di oggi.

Una lettera aperta di Kornelia Kirchweger a Greta Thunberg. La pubblichiamo integralmente sotto: 

«Cara Greta: investi il tuo impegno e la tua forza nella convinzione in una presunta crisi climatica che distrugge tutto ma in risposta al tuo recente – appena scritto dal tuo discorso di rabbia alle Nazioni Unite, respingo decisamente le tue accuse qui. Questo anche in nome di molti altri che mi hanno raccontato la loro indignazione al riguardo.

PubblicitàPubblicità

… ha rubato la mia infanzia dici.
Con le lacrime agli occhi, ci accusi “tutto sommato”, che abbiamo rubato i tuoi sogni e la tua infanzia. Il fatto è che non dovresti nemmeno essere qui, ma alla tua età essere a scuola.

Non smetterai di combattere e ci terrai d’occhio. Wow! Le tue parole scaturiscono da una sconfinata ignoranza. Perché, è la tua generazione che mantiene viva questa società usa e getta. Tu e i tuoi pari infatti vivete in un’abbondanza di materiale senza precedenti che date per scontato e chiedete con insistenza ai vostri genitori.

Non avevamo nulla da buttare via….
Appartengo alla generazione cresciuta negli anni ’60. Cara Greta, noi vivevamo più rispettosi del clima di quanto tu e i tuoi ignoranti figli devoti potreste persino immaginare. Indossavamo i vestiti dei nostri fratelli maggiori, collant e calzini imbottiti, i vestiti che non venivano mai gettati via ma riciclati: tutto ciò che era utile, come bottoni o cerniere, veniva ritagliato e conservato. Il resto era usato come patch o panni. Tutte cose che ormai sono dimenticate.

Pubblicità
Pubblicità

La scuola per noi durava ore in più perché allora non c’erano scuolabus e i nostri genitori non ci accompagnavano in classe perché molti non avevano neppure la macchina. I libri di scuola ai nostri tempi erano  passati da una classe all’altra.

… sporco ma sano
Le nostre biciclette avevano una marcia sola ma noi ne eravamo orgogliosi. Andavamo a fare la spesa  a piedi e non nei centri commerciali.

La carta da imballaggio era accuratamente aperta e riutilizzata. Non ci lavavamo una volta al giorno, e spesso non avevamo un bagno o una doccia e non tutte le famiglie avevano una lavatrice o addirittura un’auto.

Le nostre stanze non erano piene di giocattoli di plastica. Non avevamo giochi elettronici né smartphone. Abbiamo trascorso la nostra giovinezza sui prati e nei boschi, non su WhatsApp o Instagram. Eravamo sporchi ma sani e non soffrivamo di obesità, allergie e depressione.

La gioventù non è un modello….
Quanto sono ipocrite le tue proteste! I bambini della tua età producono più CO2 di tutte le generazioni della storia del pianeta. I tuoi armadi sono pieni di vestiti, cuciti da bambini schiavi in ​​Asia. I tuoi fantastici smartphone e tablet finiscono regolarmente per essere realizzati nei paesi poveri da persone sfruttate e sottopagate. Tutto ciò che hai in abbondanza è prodotto con emissioni di CO2 e per lo più importato. Ecco perché non sei un modello per una società rispettosa del clima.

Pertanto, cara Greta, porta i tuoi coetanei in piazza e dedica a loro la tua ira che è totalmente fuori posto per la nostra generazione e non incolpare gli altri per qualcosa che fai tu

Sotto la vignetta di alfio krancic come sempre incisiva e pragmatica

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Coronavirus: Paziente Virtuale evita i test sugli animali
    Grazie alle diverse ricerche ed ai numerosi studi dell’Università di Catania, si rafforza il filo della comunicazione tra il clinico e il laboratorio, dando vita al progetto del Paziente Virtuale. Un progetto completamente italiano che potrebbe finalmente evitare la sperimentazione animale, necessaria per testare farmaci e vaccini anche contro il più recente Coronavirus. Infatti, per […]
  • Sconti e voli gratis ai viaggiatori se bambini piangono o disturbano in aereo, l’idea di una compagnia aerea americana
    Sembra incredibile, ma il binomio aereo – neonato, si posiziona tra i primi posti come motivo di fastidio e disturbo per molti viaggiatori, portando una compagnia area alla decisione di far volare gratis i passeggeri che si trovavano a viaggiare con bambini piangenti a bordo. Ad ovviare questo il problema è JetBlue Airways la compagnia aerea […]
  • Russia registra il primo vaccino al mondo contro il coronavirus
    Dopo mesi di test e di attesa è la Russia a battere tutti e registrare Sputnik il primo vaccino al mondo contro il Coronavirus. Sputnik, il vaccino sviluppato dall’Istituto Gamaleya di Mosca ha ricevuto il via libera dal Ministero della Sanità russo. Citando i media russi, Putin avrebbe rivelato che anche alla figlia è stata […]
  • Piccoli sottomarini privati, il nuovo sogno degli esploratori
    Dalle tranquille avventure sulla superficie dell’acqua all’eccitante esplorazione delle profondità dei fondali marini a bordo dell’ultimo e più sensazionale giocattolo marino: il sottomarino personale. Leggero da trasportare in macchina e comodo da tenere nei garage dei superyatch, il nuovo trend subacqueo prenderà il posto dei numerosi sport d’avventura fin’ora sperimentati. Costruito per esplorare i fondali […]
  • Prima lo adotti poi raccogli i suoi frutti, a Milano nasce la Food Forest, la foresta edibile
    Oltre 2.000 tra piante, ortaggi, piante officinali, alberi, arbusti da frutto e da legno ospitati nel cuore dell’immensa città metropolitana di Milano, con l’obbiettivo di ristabilire il rapporto primitivo tra l’uomo e i prodotti che Madre Natura gentilmente offre. Questo, starà alla base della nuova Food Forest, la foresta edibile  che in autunno prenderà vita all’interno […]
  • Ponte Tibetano e Cascate di Saent: che bella la Val di Rabbi!
    Costruito nel 2016 sopra il torrente Ragaiolo in Val di Rabbi, il ponte tibetano è ormai diventato una tappa fissa per tutti coloro che amano la montagna e la Val di Rabbi. Costruito in ferro e con una pavimentazione di grate di ferro, il ponte tibetano è adatto a grandi e piccini grazie anche alle […]
  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]

Categorie

di tendenza