Connect with us
Pubblicità

Io la penso così…

La nuova dittatura globalista ha già trovato i docili supporter – di Claudio Forti

Pubblicato

-

Caro Direttore,

chi conosce solo un po’ la storia recente sa quanto ogni regime dittatoriale, per affermarsi, abbia rivolto la sua seducente propaganda al mondo giovanile. Il fascismo, con i suoi balilla, cercava di contendere i giovani persino all’Azione cattolica che però si faceva paladina di valori ben più costruttivi.

Il nazismo aveva nella sua Hitler-Jugend, la Gioventù hitleriana, il suo punto di forza.

Pubblicità
Pubblicità

Il socialismo reale, o comunismo, aveva i suoi giovani Konsomol o giovani pionieri.

Per non parlare della Rivoluzione Francese, madre e matrice di tutte le altre, che aveva nei giacobini i più spietati maestri ed esecutori di terrore rivoluzionario, anche se subdolamente supportato da belle parole come libertà, fraternità e uguaglianza.

Ero un giovane di 26 anni quando anche a Trento arrivò il “vento rinnovatore” della rivoluzione sessantottina. Ricordo che allora, pur essendo giovane, non mi feci accalappiare da quella seducente propaganda, e quando entravo nei cortei giovanili per dire il mio motivato dissenso, i miei interlocutori non avendo argomenti, se non degli slogan, mi chiudevano la bocca dandomi del fascista. Poi anche il 68 produsse il suo terrorismo.

Questa sera, guardando in Tv le moltitudini di giovani e giovanissimi radunati nelle piazze per gridare il loro sdegno e la loro collera contro altri fantomatici colpevoli dei cambiamenti climatici e delle catastrofi che ne seguiranno, mi sono venuti i brividi e confesso di essere stato colto dalla paura.

Pubblicità
Pubblicità

Perché? Perché, come ho cercato di spiegare più sopra, dietro a cause molto nobili che da sempre affascinano i giovani, spesso si celano oscure trame per creare nuovi e sempre peggiori totalitarismi che hanno bisogno di nuovi nemici da sconfiggere, in questo caso l’uomo stesso, considerato il cancro del pianeta.

Per ottenere questo risultato è necessario ridurre drasticamente la popolazione mondiale – sempre cominciando naturalmente dagli altri -, favorendo anche nelle nazioni povere e prolifiche le leggi abortiste, e in quelle occidentali, ricche di anziani malati, «amministrare il sacramento dell’eutanasia», come profetizzava Robert Benson nel 1907 nel suo romanzo distopico “Il padrone del mondo”.

Ma in questa dittatura del pensiero unico e del politicamente corretto è compresa la teoria del gender, dei capricci che diventano diritti e una rivoluzione antropologica che ha per obbiettivo la decostruzione dell’essere umano e della famiglia, non più – come ai tempi bui -cellula fondante della società.

 Ma che ne sanno ormai tanti giovani, tanti genitori ed educatori, di questi seducenti e diabolici inganni? Debbo constatare purtroppo con tanta tristezza che anche alti vertici della Chiesa – invece di essere un argine di Verità contro la menzogna -, si sono lasciati acriticamente incantare dalla teoria del riscaldamento globale causato dall’uomo.

Con questa mia riflessione storica ho cercato di dimostrare come sia vero che i diabolici inganni ideologici ti uccidono con quel che ti offrono. Si parla di progresso, ma è regresso; si parla di luce, ma è tenebra fitta; si parla di libertà, ma è fonte di nuove schiavitù.

Se questo è ciò che ci prepara il nuovo ordine mondiale, attenti ragazzi, attenti genitori, attenta Chiesa, perché verrà un giorno in cui chi scrive o afferma queste cose, verrà portato nei nuovi e ancor più terribili centri di rieducazione!

Claudio Forti – Trento

Pubblicità
Pubblicità

Io la penso così…

Elezione Presidente Consulta degli studenti, Cia (AGIRE): “Meno male che Ghezzi ha partecipato al corso per la comunicazione non ostile”.

Pubblicato

-

Egregio Direttore,

Puntuale e non richiesto, esattamente come una cartella esattoriale, è arrivato il commento del Consigliere “Essere umano” Paolo Ghezzi sull’elezione del giovane Leonardo Divan a Presidente della Consulta degli studenti. Leonardo, la cui unica colpa è quella di essere tesserato con la Lega, viene apostrofato nel seguente modo: “Dai divanati al divan. E l’asinello per tutti” .

Questa è meravigliosa. La Presepizzazione del Trentino di marca fugattian-bisestiana avanza”. E meno male che il Consigliere era in prima fila al corso per una comunicazione “non ostile“!

Pubblicità
Pubblicità

Tralasciando i litri di bile che il Consigliere Ghezzi (e i suoi seguaci, visti certi commenti) avrebbe risparmiato se fosse stato eletto uno studente militante all’interno delle file di “Democrazia proletaria” vorrei sottolineare, da “presepista”, l’intrinseca contraddizione della sinistra: pronta a fare le barricate in nome della “laicità dello Stato” salvo poi rientrare nei ranghi pur di raccogliere i voti “confessionali”.

E’ infatti noto che nel periodo natalizio si risveglia nella sinistra nostrana un forte sentimento cristiano che spinge, anche chi è contrario alla presenza del presepe, alla sua realizzazione, purché la Famiglia santa sia ritratta nei panni di una famiglia di profughi.

E’ bene però ricordare, come ha ben fatto Papa Benedetto XVI nella collana di libri “Gesù di Nazareth”, che al momento della nascita di Gesù, Giuseppe e Maria stavano rientrando dal censimento, disposto non solo per valutare l’entità della popolazione, ma anche per censire i possedimenti così da far pagare i tributi. Non mi risulta che i flussi migratori siano causati da persone con possedimenti in Europa, né tantomeno che esse stiano tornando a casa per pagare le tasse.

Si ricordi poi, la nobiltà di un animale come l’asino: instancabile lavoratore, animale molto intelligente, trasportatore della Famiglia Santa, presente al momento della nascita di Gesù (riscaldato nella mangiatoia da un bue ed un asinello) e, poco prima della Passione, cavalcato da Gesù per entrare a Gerusalemme. Io da Lei, caro consigliere Ghezzi, non mi farei trasportare neanche al supermercato.

Pubblicità
Pubblicità

Claudio Cia – Consigliere provinciale

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Io la penso così…

85 milioni di morti attendono giustizia: abbattiamo il muro di omertà sui crimini del comunismo. – di Antonio Coradello

Pubblicato

-

Spett.Le Direttore,

a trent’anni dal crollo del muro di Berlino e dopo la successiva caduta dell’Unione Sovietica, occorsa nel 1991, con l’apertura degli archivi sovietici agli storici di tutto il mondo abbiamo conosciuto il bilancio agghiacciante delle vittime del comunismo in Russia, in Cina, in Corea del Nord, in Vietnam, in Cambogia, in Polonia, nelle repubbliche baltiche, in Bulgaria, in Cecoslovacchia, in Romania, in Jugoslavia, in Ungheria ed in generale nell’Europa dell’est, a Cuba, in Nicaragua, in Etiopia, in Angola, in Mozambico, in Afghanistan, ed in altri paesi ancora.

Gli archivi sovietici ci hanno documentato in dettaglio le circostanze, gli strumenti, l’estensione, la premeditazione e la sistematicità nello sterminio di popoli interi da parte del comunismo nel mondo, con un bilancio di vittime di almeno 85 milioni di morti dal 1917 al 1986.

Pubblicità
Pubblicità

Si tratta indubbiamente del più grande crimine nella storia dell’umanità, di proporzioni tali che certamente verrà ricordato nei secoli e nei millenni futuri.

Per avere un termine di paragone è da ricordare che la seconda guerra mondiale causò circa 50 milioni di morti, mentre la prima guerra mondiale ne costò poco più di una decina.

Dunque il comunismo, non in tempo di guerra e tra popoli diversi che si combattono tra di loro, ma in tempo di pace e contro gli stessi popoli su cui comandava, ha causato un numero di morti molto superiore rispetto a quello provocato dalle due guerre mondiali messe assieme, che sono ricordate come i più grandi conflitti nella storia dell’umanità. Ciò che è agghiacciante è che fino ad oggi è mancato un processo di Norimberga, almeno morale, per il comunismo nel quale si riconoscano i crimini comunisti e quanto meno vi sia, di conseguenza, il ricordo e la riabilitazione delle sue vittime.

Oltre ai morti va inoltre ricordato il mare di violenza, di miseria materiale e morale, di repressione e di terrore in cui ha vissuto mezzo pianeta per oltre settant’anni, senza contare quanti ancora oggi vivono sotto il giogo di qualche satrapo comunista, che magari, come in Cina, ha visto bene di coniugare il materialismo marxista con quello liberista.

Pubblicità
Pubblicità

La beffa più atroce è che il comunismo ha decimato popoli interi in nome della libertà, della giustizia sociale, dell’ uguaglianza, del progresso morale e materiale dell’umanità, insomma in nome della realizzazione concreta dell’utopia.

Ad oltre un secolo dalla rivoluzione comunista sovietica c’è da chiedersi come mai in Occidente si sia parlato sempre così poco dei crimini comunisti che hanno toccato quasi un terzo dell’ umanità su quattro continenti.

Non vi è dubbio che i partiti comunisti occidentali abbiano sempre minimizzato o messo in dubbio o addirittura denunciato complotti di destra o semplicemente negato o liquidato il tutto come “incidenti di percorso“, ma come mai – nonostante l’ampia documentazione maniacalmente precisa contenuta principalmente negli archivi del comitato centrale del PCUS (partito comunista sovietico), in quelli del KGB e di altri uffici dell’apparato sovietico – manca ancora la coscienza del fenomeno criminale comunista?

Alcuni storici hanno indicato come causa il metodo della menzogna ripetuta, lo stravolgimento sistematico del linguaggio da parte di intellettuali e di giornalisti ideologicizzati e servili – non di rado sul libro paga sovietico, grazie all’ “oro di Mosca”– i quali hanno sempre presentato il volto luminoso del comunismo che si richiamava all’emancipazione sociale ed umana, all’utopia della uguaglianza e della felicità per tutti.

Vladimir Bukowskij, un professore russo rimasto 12 anni nei Gulag sovietici e scomparso pochi giorni fa, ha indicato nella intolleranza e nel settarismo violento degli utopisti una delle cause della tragedia comunista che ha definito “un’ utopia messa in pratica e l’utopia messa in pratica non può che generare mostri”.

Ebbene, la grande cortina fumogena storiografica sui crimini del comunismo continua! Anche a Trento! Infatti nel 30° anniversario della caduta del muro di Berlino e con essa, a ruota, con la caduta dei regimi comunisti sovietico e dell’Europa dell’est, il “Forum Trentino per la pace e i diritti umani”, in collaborazione con la “Fondazione Museo storico del Trentino”, anziché inaugurare un esame approfondito e una riflessione sulla utopia e sugli 85 milioni di morti causati dal comunismo, ci propina invece una serie di “incontri, spettacoli, proiezioni, mostre e presentazioni di libri” su “il muro di ieri, i muri di oggi” e… buona notte ai crimini comunisti che hanno causato la più grande ecatombe di morti della storia dell’umanità.

Tali iniziative appaiono come una coltre di nebbia per nascondere la verità dei fatti sugli orrori di un secolo di comunismo e per strumentalizzare ancora una volta la storia da parte dei soliti maestrini di ieri e di oggi, con il ditino alzato, i quali magari, sino a pochi anni orsono, sedevano tra le file del Pci-Pds-Ds-Pd.

E’ per rimediare a questa grave omissione che Civica Trentina dedicherà una serata e un ricordo storico serio e non fazioso, con il contributo dello storico Francesco Agnoli, responsabile della cultura del partito, proprio perché fare politica è anche fare cultura, che va affrontata con serietà e desiderio di capire senza utopie e ideologie. Insomma, un contributo per abbattere un muro non ancora caduto: il muro di omertà sui crimini del comunismo.

Ci sono 85 milioni di vittime che aspettano.

Antonio Coradello – Civica Trentina

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Io la penso così…

Elezioni comunali del maggio 2020: i democratici, i liberal, i riformisti, i moderati promuovano un New Deal per Rovereto

Pubblicato

-

Spett.Le direttore,

i mormorii sulle prossime elezioni comunali del maggio 2020 crescono in città di settimana in settimana. Nei bar, lungo le strade, ma pure in vari salotti “privati”, il toto Sindaco è un giochetto molto amato dai roveretani in queste giornate di ormai metà autunno.

Ritengo e spero che anche nelle segreterie dei partiti, quelli che sono più o meno egregiamente rimasti, siano iniziati i confronti necessari sulle idee, sui programmi e sui futuri protagonisti dell’amministrazione della nostra amata Città della Quercia.

Pubblicità
Pubblicità

Veniamo da cinque anni di governo cittadino del Sindaco Francesco Valduga, che si narra, ma è un suo giusto sacrosanto diritto, si riproporrà a noi cittadini per un nuovo mandato. Il bilancio di questo suo quinquennio, lui e la sua attuale maggioranza, ce lo presenteranno sicuramente e doverosamente nei prossimi mesi.

Personalmente, da cittadino che ha avuto l’onore di ricoprire la carica di Assessore comunale e altre in ambiti vicini alla amministrazione della città, do, seppur con una certa generosità, al Sindaco uscente e alla sua Giunta la sufficienza, in quanto, accanto all’egregiamente fatto, parecchie sono state le occasioni perse, i progetti lasciati a metà e le ombre rimaste sulla nostra amata città, che invece abbisogna oggi più che mai di una luce rinnovata.

In queste ultime settimane, inoltre, la maggioranza in Consiglio comunale ha più volte presentato alcune insofferenze se non chiare divisioni su alcuni importanti progetti per la nostra comunità.

Peraltro, le attuali minoranze in Consiglio comunale, in primis il Partito Democratico e la Lega, hanno svolto un ruolo di opposizione ritengo correttamente e con le giuste determinazione e puntualità, dando spesso loro proposte alternative alla visione e alle volontà del Sindaco Valduga.

Pubblicità
Pubblicità

Ma in città, tra la gente, anche di diversa sensibilità politica e delle più varie attività professionali, si coglie un “vuoto”. In altre partole si cerca di capire tra chi e tra quali alternative a maggio 2020 si potrà democraticamente scegliere.

In Italia viviamo, nella politica e non solo, una tale quotidiana litigiosità che stanca le persone e le allontana sempre più da quella nobile attività che, ciononostante, ritengo sia ancora la politica.

Rovereto è certamente comunità assai vivace, ma per ora il clima rimane tranquillo e rispettoso. Ciò non toglie che i cittadini si interroghino e abbiano giustamente desiderio di capire cosa succederà.

Mi permetto, a questo punto, alcune osservazioni.

Sull’onda dei successi nazionali la Lega certamente esprimerà un suo candidato al prestigioso ruolo di Sindaco, magari convincendo pure l’intero centro-destra, ovvero chiamando a sé quali alleati Forza Italia e Fratelli d’Italia.

Per contro il Sindaco Valduga, ne ha pieno sacrosanto diritto, si presenterà prevedibilmente a capo di alcune liste civiche, peraltro diverse da quelle del 2015, in quanto orfane di coloro che, mi si dice non saranno pochi, seguiranno il progetto del centro-destra. Ecco spiegato, pertanto, il tentativo dello stesso Francesco Valduga di farsi alleato il sempre da lui osteggiato Partito Democratico. Sappiamo che ormai in politica, in questi anni, abbiamo visto di tutto e il contrario di tutto.

Qui stiamo entrando in un terreno valoriale e politico che mi vede amico e attivo fin dalla mia giovane età studentesca: io socialista da sempre e oggi ormai oltre i sessant’anni.

Ecco perché giungo convintamente a dire che a quanto abbiamo visto in questi ultimi anni e all’ipotesi di un Sindaco di centro-destra, i protagonisti, vecchi e auspicabilmente nuovi, dell’area politica e valoriale a me vicina, devono saper proporre per Rovereto, come pure per l’intera Vallagarina, un’alternativa credibile, fortemente aggregante, coraggiosa, nuova e capace di scuotere trasversalmente tutti i cittadini.

Mi rivolgo ai democratici, ai liberal, ai riformisti, ai moderati, alla grande area cattolica di Rovereto.

La città ha bisogno di un suo New Deal, di un suo Rinascimento, deve recuperare il suo inderogabile ruolo di capoluogo della Vallagarina, dialogando costantemente con gli altri comuni e condividendo con loro una nuova visione di sviluppo dell’intera valle e dell’intero Basso Trentino.

Il tutto costruendo o rigenerando una forte alternativa politica e partitica.

Qui devono prevalere i valori propri dei gruppi politici e delle singole persone: rispetto, libertà, uguaglianza, fratellanza, sostenibilità. Valori declinati politicamente negli ambiti dell’istruzione, della sanità, del lavoro, dell’impresa, delle infrastrutture, della cultura, dell’associazionismo, del volontariato.

Questi valori sono indiscutibilmente e storicamente propri di tutte e tutti coloro che si sentono vicini ai filoni di pensiero cattolici, liberali, socialisti, riformisti, ambientalisti. Per tutti questi la laicità della politica è il principio fondamentale.

Ecco che per le comunali di Rovereto del maggio 2020, volendo essere più concreto, mi rifaccio allo schema europeo. Una proposta che mi piace, che ha vinto e che ha saputo fermare sin qui le forze populiste e nazionaliste: ovvero Popolari, PSE-Democratici, ADLE o Liberal-Democratici e Verdi. Un’alleanza che voglio definire naturale e che può dare a Rovereto e alla Vallagarina un grosso impulso di sviluppo e di benessere equo e diffuso.

Un’alleanza di un centro-sinistra moderato che, se ben ragionata e ben proposta, anche con il necessario entusiasmo, ritengo possa tornare a vincere in città Non solo, ma ritengo possa anche acquisire il consenso di almeno la metà di quel quasi 40% di persone che hanno deciso da tempo di non recarsi più al voto.

Il Partito Democratico, partito di maggioranza di questa coalizione, non deve più tergiversare. Ma, nel pieno rispetto delle altre forze politiche, ha il dovere di fare la prima mossa. Una mossa chiara, determinata, coraggiosa, che la maggioranza dei cittadini di Rovereto si aspetta. Ma deve farlo ora. Chi ha tempo non aspetti tempo. Una non decisione è peggio di una decisione sbagliata, o apparentemente tale. Ha esso, il PD, il coltello dalla parte del manico, è lui il mazziere in questa situazione. Altrimenti prevarrà l’accodarsi infausto e pigro ad un progetto già visto, poco produttivo e poco coinvolgente, correndo il serio rischio di veder progressivamente intaccato, e non poco, il suo consenso in città. Il PD, e con esso l’intera coalizione non deve accettare di essere trainata da treni già passati, non deve accettare una foto-copia quando può offrire alla città di Rovereto l’originale. Un originale prezioso, che sappia e può dare fiato ad un New Deal della città.

Lo schema europeo, a cui affido la mia riflessione e la mia proposta, a Rovereto anche nelle varie ultime elezioni ha mostrato numeri interessanti, attestandosi ben oltre il 40%.

Numeri che sono una base importante e decisiva da cui partire. Un progetto elettorale richiede tempo per affinarsi e per farsi apprezzare dagli elettori.

Una crisi non si affronta con la paura, ma con il coraggio e la volontà delle idee. Nella lingua cinese la parola crisi nasce dall’unione di due ideogrammi, aventi l’uno il significato di rischio e l’altro di opportunità. Orbene, se Rovereto e la Vallagrina soffrono indiscutibilmente ancora la profonda crisi iniziata nel 2007/08, ora devono saper reagire e investire. Alla diffusa e comoda obiezione: non ci sono soldi! Rispondo che mai come adesso è il momento di investire, e non solo per il più basso livello dei tassi d’interesse che la storia italiana ed europea abbia vissuto (!). Ma per dare fiato alle nuove opportunità. Non tergiversiamo. La storia le opportunità ce le offre con una certa frequenza. Sta a noi coglierle. Il rischio è insito in ogni decisione, ma la non decisione è anticamera di sospetti, di sfiducia, di apatia, di indifferenza e di sicura sconfitta.

Alla pigrizia e all’apatia, anche e soprattutto della politica, bisogna rispondere con il rinnovamento, con idee coraggiose e giovani, con azioni che diano nuova speranza alla gente. Del resto, nella vita, nella scuola, nel lavoro a primeggiare sono solo coloro che sanno rinnovarsi, guardando al futuro con fiducia.

Chiedo, pertanto, a chi oggi è ai vertici dei partiti di questa ampia area politica e di pensiero, come pure ai miei molti concittadini di buona volontà, di non abbandonare i sogni, ma di scuotersi, di riflettere e di mettersi in gioco con generosità e con le loro riconosciute capacità e virtù.

Dobbiamo riconquistare la fiducia della gente, innanzitutto, stando tra la gente, ascoltandola, dialogando con essa e proponendo una visione e un progetto comunitario con intelligenza, umiltà, rispetto e determinazione.

Rovereto non deve temere una nuova inevitabile fase storica.

Rovereto e la Vallagarina, la valle che più soffre oggi in occupazione, devono attuare politiche e scelte che rilancino il sistema produttivo, la vera prerogativa di questo territorio.

Impresa e Cultura, Istruzione e Lavoro, sono e saranno sempre i temi fondamentali per la costruzione del futuro benessere di Rovereto e della sua valle.

In conclusione, i roveretani non devono e non dovranno più chiedersi cosa può fare il Trentino per Rovereto, ma bensì cosa Rovereto può e potrà fare per il Trentino, per la Vallagarina e, soprattutto, per sé stessa.

Ragioniamo e decidiamo non contro qualcuno, ma per amore di Rovereto.

Paolo Farinati – già Assessore comunale di Rovereto

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza