Connect with us
Pubblicità

Trento

Resilienti e produttive: il ritratto delle cooperative trentine nel 1° Rapporto Euricse

Pubblicato

-

Le cooperative trentine hanno resistito meglio alla crisi, vedendo aumentare l’occupazione tra il 2012 e il 2017 del 26,6% contro l’1,7% delle altre imprese private locali, e continuano ad avere un impatto molto rilevante sull’economia, con un valore aggiunto di 2,35 miliardi pari al 13,6% del Pil provinciale.

Inoltre in Trentino il 17,4% dei posti di lavoro risulta attivato dal settore cooperativo. Sono queste le principali evidenze del primo Rapporto “La cooperazione in Trentino”, curato da Euricse con il sostegno della Provincia autonoma di Trento e presentato ieri in un convegno nella sala della Cooperazione.

“I numeri contenuti nel Rapporto cooperazione 2019 – ha spiegato l’assessore provinciale alla cooperazione Mario Tonina – ci confermano la straordinaria importanza del sistema cooperativo trentino per lo sviluppo sociale ed economico del nostro territorio. Per garantire una crescita del movimento cooperativo coerente con i suoi principi fondanti, anche la Provincia deve fare la sua parte. Stiamo infatti lavorando alla definizione di un Protocollo d’intesa tra Provincia e Federazione Trentina della Cooperazione. Esso stabilirà gli obiettivi e le linee di intervento di medio e lungo periodo. Nel contempo dobbiamo dare luogo a politiche di sostegno capaci di premiare la capacità imprenditoriale, le aggregazioni tra imprese, la capacità di sapersi innovare salvaguardando i caratteri distintivi delle imprese cooperative. Una formazione di eccellenza, la centralità del socio, il legame con il territorio e una vigilanza attenta sono alcune parole chiave – ha concluso Tonina – sulle quali dovrà poggiare la sinergia tra Provincia e cooperazione“.

Pubblicità
Pubblicità

La ricerca, oltre a misurare la diffusione e la rilevanza delle cooperative attive sul territorio, analizzandone la performance economico-finanziaria e i livelli occupazionali, ha approfondito l’evoluzione recente e le sfide di cinque settori: produzione e lavoro, agricolo, sociale, consumo e credito. “Non è la prima volta che Euricse interviene con una ricerca sulla cooperazione locale”, ha spiegato il presidente della fondazione di ricerca, Carlo Borzaga. “In questo caso siamo voluti andare oltre utilizzando nuove fonti che ci hanno permesso di mettere ulteriormente a fuoco la nostra fotografia. L’auspicio è che questo rapporto dia il là ad altri lavori ad hoc su singoli aspetti di interesse”. Nei prossimi mesi il rapporto sarà presentato anche in un tour con diversi appuntamenti sul territorio trentino.

Il focus sulla ricerca è stato presentato dal ricercatore di Euricse, Eddi Fontanari, che assieme alla collega Chiara Carini ha curato il lavoro. “La corretta quantificazione dell’impatto delle cooperative sull’economia trentina deve tener conto di tutti i fattori di attivazione, quindi anche dell’indotto creato nelle altre imprese. La produzione e l’occupazione sono state costantemente sostenute anche durante la crisi economica grazie alla funzione anticiclica esercitata dalle cooperative”, ha sottolineato Fontanari.

Durante il dibattito, moderato dal direttore di Euricse Riccardo Bodini, i risultati sono stati commentati dal teologo don Marcello Farina, dalla presidente della Federazione trentina della cooperazione, Marina Mattarei, dall’assessore provinciale alla cooperazione, Mario Tonina e dal responsabile del Centro studi Legacoop Mattia Granata.

“Il valore della ricerca scientifica è quello dell’obiettività – ha commentato la presidente della Federazione – per questo il lavoro di Euricse ci aiuta ad avere sul nostro movimento uno sguardo consapevole, non autoreferenziale e quindi capace di assumere orientamenti possibilmente più efficaci. Di più: la ricerca è fondamentale per esportare conoscenza anche verso chi non è addetto ai lavori e per aumentare il livello di comprensione delle peculiarità identitarie di un sistema rilevante dell’economia trentina come quello cooperativo”.

Pubblicità
Pubblicità

Di seguito i principali risultati del Rapporto.

LA DIMENSIONE ECONOMICA – Nel 2017 – comprese aziende agricole socie, imprese controllate ed effetti di attivazione sulle altre imprese provinciali – il valore aggiunto totale della cooperazione trentina è risultato di 2,35 miliardi di euro, pari al 13,6% del Pil provinciale. L’agricoltura, l’industria alimentare e l’intermediazione monetaria si confermano i settori a maggior peso cooperativo, rispettivamente con il 76,2%, il 43,7% e il 41%. Per quanto riguarda le risorse investite dalle cooperative trentine non finanziarie, il capitale investito è risultato pari a 2,6 miliardi di euro e il patrimonio netto di poco inferiore al miliardo. L’accantonamento degli utili ha svolto una funzione strategica per la cooperazione trentina, perché con esso le cooperative hanno raggiunto un livello di patrimonializzazione (36%) superiore a quello delle Spa (31%) e in linea con quello delle Srl (37%).

L’OCCUPAZIONE – Le cooperative hanno creato 31 mila posizioni lavorative pari a 17 mila lavoratori equivalenti full-time. Se, oltre a questi, si considerano anche gli impiegati nelle aziende agricole socie e nelle imprese controllate dalle cooperative e gli effetti di attivazione sulle altre imprese provinciali, i lavoratori equivalenti full-time salgono a 43 mila, con un contributo all’occupazione trentina del 17,4%.

Tra il 2012 e il 2017, l’occupazione è aumentata del 26,6% contro l’1,7% nelle altre imprese private trentine; la crescita è stata del 3,5% rispetto al 2016 (contro il 3,1% del privato). È interessante notare che lo sviluppo dell’occupazione nelle cooperative trentine è risultato superiore non solo a quello delle altre imprese private, ma anche a quello registrato dalle cooperative italiane. Le cooperative trentine hanno dimensioni medie nettamente superiori a quelle delle altre imprese private: nel 2017 il numero medio addetti era di 43,9 contro 20,4.

Il reddito imponibile medio di un lavoratore equivalente full-time occupato in una cooperativa trentina era, nel 2017, di 30.500 euro. Il dato è di poco superiore a quello delle altre imprese trentine (30.090), ma ben superiore al dato medio delle cooperative italiane (24.700 euro).

I FOCUS SETTORIALI – Cooperative di lavoro: Se inizialmente le coop di lavoro si sono sviluppate grazie alle politiche pubbliche per l’inserimento lavorativo (il “Progettone” anni ’80), nel tempo queste realtà si sono consolidate raggiungendo livelli di autonomia e dimensionali degni di nota. A dimostrazione di ciò, nel 2017 delle 92 cooperative di produzione e lavoro attive e associate alla federazione, solo 27 risultavano coinvolte nel “Progettone” (nessuna delle 18 nate tra il 2008 e il 2017).

Cooperative sociali: Se è vero che il legame di natura economica tra cooperative sociali e pubbliche amministrazioni territoriali è forte, l’81,1% degli acquisti delle cooperative sociali è fatto da imprese trentine e il 68,8% del valore della produzione è utilizzato per coprire il costo del personale e, quindi, distribuito a favore dei lavoratori che al 98% risiedono in provincia di Trento.

Cooperative di consumo: Nel 2018 le Famiglie Cooperative erano 71, per un totale di 362 punti vendita, più di 100 mila soci e un fatturato di 344 milioni. Il 60% dei punti vendita rappresenta l’unico esercizio commerciale per la vendita di generi alimentari di prima necessità a servizio della popolazione e possono quindi rappresentare dei veri e propri “presidi di comunità”. Sono 52 i punti vendita (appartenenti a 20 Famiglie cooperative) che hanno ottenuto la qualifica di SIEG (Servizi di interesse economico generale).

Cooperative di credito: La crisi economica e i mutamenti legislativi hanno determinato, a partire dal 2013, importanti mutamenti nella struttura del sistema creditizio provinciale con un ridimensionamento del credito cooperativo sia in termini di numero di intermediari sia di credito accordato alle imprese. Nel 2018, le Casse rurali sono scese a 20, mentre gli sportelli si sono ridotti a 318 (75,7% del totale degli sportelli bancari). Il numero di soci è, invece, aumentato da 125.153 nel 2013 a 128.672 nel 2018 (23,8% della popolazione). Le operazioni di fusione hanno però rafforzato la solidità degli intermediari coinvolti.

Cooperative agricole: La cooperazione agricola controlla oltre i tre quarti della produzione lorda vendibile del comparto primario. Il valore aggiunto provinciale attivato complessivamente dalla filiera agroalimentare cooperativa è di oltre il 6%; in termini occupazionali la percentuale sale all’8,1% degli occupati trentini. Le cooperative agricole gestiscono in modo proficuo il flusso di conoscenza che ruota attorno alla pratica agricola.

LE SFIDE –  Il Rapporto “La cooperazione in Trentino”, partendo dall’analisi scientifica dei dati, propone anche delle sfide per stimolare il settore cooperativo nella sua parabola di sviluppo. In breve, secondo i ricercatori Euricse, la cooperazione locale deve puntare sulla valorizzazione del capitale umano (cooperative di lavoro), trovare nuove forme di co-progettazione con la pubblica amministrazione e nuovi interlocutori (cooperative sociali), aprire la governance alla popolazione (cooperative di consumo), rafforzare il rapporto con il socio (cooperative di credito e agricole).

Fonte: Ufficio stampa Euricse

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Palazzo Thun: il presidente Mattarella rende omaggio alla memoria di De Gasperi

Pubblicato

-

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha visitato questa sera la mostra dedicata ad Alcide De Gasperi a palazzo Thun.

Dopo aver partecipato alle celebrazioni per il centenario della nascita di Chiara Lubich a Mariapolis, (qui articolo) il presidente ha voluto rendere omaggio alla memoria dello statista trentino accompagnato dalla figlia di De Gasperi, Maria Romana, dal sindaco Alessandro Andreatta e dal commissario di Governo Sandro Lombardi.

Nella breve visita, il presidente si è soffermato sugli oggetti personali, le fotografie, i documenti che compongono l’esposizione permanente e ha firmato il Libro d’onore del Comune di Trento, (vedi sotto) riservato agli ospiti illustri della città, terzo presidente a porre la firma dopo Giuseppe Saragat e Carlo Azelio Ciampi.

Pubblicità
Pubblicità

Al termine della visita con una breve ma intensa cerimonia il Sindaco Alessandro Andreatta ha consegnato al Presidente il Sigillo maggiore, la massima onorificenza concessa dalla città di Trento. L’antico sigillo maggiore è appeso ad una pergamena che porta la data 27 giugno 1422.

Si tratta di un sigillo di 36 millimetri che reca l’iscrizione “ Silgillum secretum comunis Tridenti” e rappresenta la conferma dell’autonomia goduta dal comune di Trento nei confronti del principe vescovo tridentino.

Ad attendere, all’esterno di Palazzo Thun, una piccola folla di persone che ha applaudito con affetto il Presidente.

La mostra, promossa dalla Fondazione Museo storico del Trentino in collaborazione con il Comune di Trento, ricostruisce la dimensione pubblica e privata di De Gasperi ed è aperta al pubblico tutti i giorni dalle 9 alle 18. L’allestimento restituisce l’idea di un archivio familiare in una forma stilizzata, contemporanea, che valorizza i documenti esposti in originale.

Pubblicità
Pubblicità

Oggetti, biglietti, appunti, donati alla Fondazione Museo storico del Trentino da Maria Romana De Gasperi, trovano posto nella sala, dove è visibile, tra l’altro, l’edizione originale della Carta Costituzionale.

Le fotografie vengono mostrate nel loro formato originale, alcune stropicciate, altre con i promemoria dei familiari, per diventare oggetti a loro volta capaci di far entrare il visitatore, quasi fisicamente, all’interno della casa di Alcide, della moglie Francesca e delle loro figlie.

Il montaggio di alcuni filmati ufficiali dell’Istituto Luce, uniti ad altri girati da trentini che con le loro cineprese amatoriali hanno documentato un conterraneo diventato famoso, dà nuova vita ad Alcide De Gasperi, e restituisce al pubblico il sapore degli anni cinquanta del XX secolo.

Separata ma ben visibile ai visitatori, è possibile ammirare la scrivania personale utilizzata quotidianamente da Alcide De Gasperi nell’abitazione di via Bonifacio VIII a Roma (ora via Alcide De Gasperi) fino alla sua scomparsa.

Oltre alla tradizionale visita guidata per tutte le fasce d’età, l’Area educativa della Fondazione Museo storico del Trentino valorizzerà lo Spazio De Gasperi inserendolo in più ampi progetti per le scuole, relativi alla storia dell’autonomia trentina e della costituzione della Repubblica italiana. Le attività si svolgeranno nella sala interrata, dove sono predisposte delle grandi riproduzioni fotografiche e un montaggio di interviste a storici che ricostruiscono la vicenda biografica e politica di Alcide De Gasperi.

Libro d’onore con dedica presidente Mattarella

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Mattarella a Cadine: “Mitezza e apertura al mondo la forza di Lubich”

Pubblicato

-

Foto Davide Buzzi

L’omaggio di Sergio Mattarella al Trentino comincia da Cadine. L’ingresso cordiale e silenzioso nella Sala Marilen, cuore della grande casa del movimento dei Focolari, il Centro Mariapoli, è avvenuto pochi minuti dopo le 16, dando il via a un evento unico che proprio quest’anno, il 2020, onora la memoria di Chiara Lubich nel centenario dalla sua nascita.

Accompagnati dai canti del Coro della Sat, sono seguiti i saluti delle istituzioni intervallati a  scorci di vita di Chiara narrati tra gli altri dall’attore cubano Arnaldo Galbàn Rivero, conduttore di questo evento unico, diffuso in streaming mondiale.

Le dobbiamo un ringraziamento speciale“, ha detto il Sindaco di Trento Alessandro Andreatta in apertura.

PubblicitàPubblicità

Siamo convinti che, per i trentini e per il Trentino, l’occasione del Centenario rappresenti un’occasione unica per riscoprire questa figura che esprime al meglio l’essere figlia di questo nostro territorio, della sua cultura, del suo essere comunità – ha detto il presidente della Provincia Fugatti – . Lei ha portato, con la sua straordinaria energia, dovunque in tutto il mondo la nostra impronta”.

Trento incontra Chiara Lubich” non vuole essere un convegno – è stato sottolineato dai Focolarini trentini – ma un momento per far conoscere Lubich in tutte le sue dimensioni. La storia della fondatrice del movimento e le esperienze portate sono testimonianza di come ogni azione trovi forza e senso in quanto inserita in un contesto di relazione e di reciprocità.

Anche attraverso la lettura di stralci delle sue lettere, amici e testimoni di diversi Paesi e continenti assieme ai giovani focolari hanno raccontato la ‘via’ e il carisma della fondatrice, il cuore delle vicende che nei decenni hanno reso grande la figura di colei che ha portato una nuova spiritualità che è ‘abbraccio del mondo” e incontro tra le culture.

Le idee di Chiara, come anche ha ricordato Fugatti, hanno potuto raggiungere tutti gli angoli della terra tanto che oggi il suo movimento è presente in 182 nazioni.

Pubblicità
Pubblicità

Presenti in sala anche il governatore dell’Alto Adige Arno Kompatscher e l’ex Sindaco di Trento Alberto Pacher, ulteriore testimone di come a Trento, già da molti decenni, il percorso della Pace non abbia mai smesso di essere ricercato come via di apertura al mondo, sull’esempio di Lei.

Una donna che varca i confini della religione cristiana che apre al mondo, perché il Dio dei cristiani non è il Dio che chiude, ma è il Dio che ti dice di andare, incontrare, abbracciare per vivere”, ha sottolineato l’arcivescovo di Trento Lauro Tisi.

Il contributo di Maria Voce, presidente del movimento dei Focolari, precede la chiusura dell’incontro che celebra questo importante anniversario e appone il sigillo del testamento che Lubich ha lasciato nei suoi ultimi giorni di vita: “Siate sempre una famiglia”.

Ha ricordato Voce che “la luce donata a Chiara supera i confini del movimento. Lei ci ha donato il carisma dell’unità che non passa. Ci ha lasciato il patrimonio inestimabile della sua vita esemplare. Occorre rispondere ad ogni chiusura con la radicalità del dialogo che porta al futuro dell’umanità, che è l’unità”.

Mattarella, in ultimo, ha esternato parole di grande ammirazione.

A Chiara Lubich non è mai sfuggita l’importanza dei riflessi sociali della spiritualità. Proprio il carisma dell’unità è uno dei tratti fondamentali della sua spiritualità, la cui urgenza è riuscita a trasmettere a tanti uomini e a tante donne.  Si può essere forti pur esseno miti e aperti alle ragioni degli altri. E in realtà solo così che si diventa forti realmente“.

Sotto, il governatore del Trentino accoglie il presidente Mattarella al suo arrivo al Centro Mariapoli.

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Incendio Villazzano: 89 enne muore intossicata nella sua casa

Pubblicato

-

Incendio nella tarda serata di ieri, venerdì 24 gennaio in un appartamento di Villazzano in via Villa

Una donna di 89 anni, Maria Teresa Galante, purtroppo è morta intossicata dal fumo.

A dare l’allarme, la badante e una conoscente che abitano al piano di sopra nella stessa palazzina.

Pubblicità
Pubblicità

Sul posto sono arrivate diverse squadre dei Vigili del Fuoco, le forze dell’ordine e le ambulanze del 118 ma purtroppo per donna non c’è stato scampo.

Secondo una prima ricostruzione l’incendio sarebbe partito dalla sua camera da letto per colpa di un cortocircuito in un interruttore posizionato vicino al letto dell’anziana.

 

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza