Connect with us
Pubblicità

Io la penso così…

Bambini speciali a scuola: «Privilegiamo il rapporto umano alla burocrazia». La denuncia di una mamma

Pubblicato

-

Egregio Direttore,

sono la mamma di una bambina disabile, che frequenta la scuola materna.

Tralascio, per la tutela della privacy il nome di mia figlia e quello della scuola, precisando che si trova in un paesino a sud del capoluogo.

Pubblicità
Pubblicità

Mi trovo a comunicare a Lei e quindi rendere pubblico il mio disagio.

Questo è condiviso con altri genitori, di “bambini speciali“.

Confesso di essere molto amareggiata e preoccupata, perchè nella scuola materana frequentata, dal 2017 da mia figlia, che purtroppo ha difficoltà motorie e cognitive, è stata sostituita l’insegnate di sostegno.

Pubblicità
Pubblicità

Questa insegnate ha seguito la bambina fino al giugno scorso, per due anni di seguito e grazie alle sue competenze, mia figlia ha fatto dei notevoli progressi, instaurando un rapporto di conoscenza e fiducia, sostenendola nei momenti crisi e nel rapporto con gli altri coetanei.

E’ stato un grande lavoro, se così lo possiamo chiamare, anche se c’è di più nei rapporti umani con questi “bimbi speciali”, che ha portato mia figlia ad avere autostima e serenità.

L’anno appena iniziato è per la bambina l’ultimo della scuola d’infanzia.

Lo ritengo particolarmente importante per il consolidamento delle sue conoscenze e delle relazioni, per prepararla ad affrontare il passaggio alla scuola elementare.

Con mio grande dispiacere a fine agosto sono stata informata che mia figlia non sarà più seguita dall’insegnate dei primi due anni, ma da una nuova maestra.

Mi sono preoccupata.

La comunicazione è avvenuta con i moderni mezzi: un messaggio via WhatsApp alle ore 21 del 28 agosto.

Su questo modo di comunicare affermo di trovarlo vergognoso.

Considero che una nuova insegnate deve ricominciare tutta da capo, studiando da zero le problematiche che presenta la bambina e stabilire con lei e noi genitori un rapporto di fiducia.

Questo per la bambina, purtroppo comporta un ulteriore motivo di disagio. Il contratto dell’insegnate precedente era legato alla continuità didattica, fondamentale in queste situazioni, di cui la nuova insegnate non era a conoscenza.

La nuova insegnante, mi è stato detto, ha la precedenza perchè ha la specializzazione rispetto alla precedente, che ha una quasi trentennale esperienza.

Assieme a tanti altri genitori ci troviamo a fare i conti con questa triste realtà, che rispetta le norme, ma non tiene conti dei bisogni e dei disagi che creano questi cambiamenti nei “bambini speciali”.

Quello che ribadisco è la necessità, per i bambini con disabilità, di essere seguiti dal primo all’ultimo anno di scuola d’infanzia dallo stesso insegnate, privilegiando il rapporto umano alla burocrazia, perchè si tratta di persone che necessitano di maggiori attenzioni.

Sara Osti 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]

Categorie

di tendenza