Connect with us

Io la penso così…

Bambini speciali a scuola: «Privilegiamo il rapporto umano alla burocrazia». La denuncia di una mamma

Pubblicato

-

Egregio Direttore,

sono la mamma di una bambina disabile, che frequenta la scuola materna.

Tralascio, per la tutela della privacy il nome di mia figlia e quello della scuola, precisando che si trova in un paesino a sud del capoluogo.

Mi trovo a comunicare a Lei e quindi rendere pubblico il mio disagio.

Questo è condiviso con altri genitori, di “bambini speciali“.

Confesso di essere molto amareggiata e preoccupata, perchè nella scuola materana frequentata, dal 2017 da mia figlia, che purtroppo ha difficoltà motorie e cognitive, è stata sostituita l’insegnate di sostegno.

Questa insegnate ha seguito la bambina fino al giugno scorso, per due anni di seguito e grazie alle sue competenze, mia figlia ha fatto dei notevoli progressi, instaurando un rapporto di conoscenza e fiducia, sostenendola nei momenti crisi e nel rapporto con gli altri coetanei.

E’ stato un grande lavoro, se così lo possiamo chiamare, anche se c’è di più nei rapporti umani con questi “bimbi speciali”, che ha portato mia figlia ad avere autostima e serenità.

L’anno appena iniziato è per la bambina l’ultimo della scuola d’infanzia.

Lo ritengo particolarmente importante per il consolidamento delle sue conoscenze e delle relazioni, per prepararla ad affrontare il passaggio alla scuola elementare.

Con mio grande dispiacere a fine agosto sono stata informata che mia figlia non sarà più seguita dall’insegnate dei primi due anni, ma da una nuova maestra.

Mi sono preoccupata.

La comunicazione è avvenuta con i moderni mezzi: un messaggio via WhatsApp alle ore 21 del 28 agosto.

Su questo modo di comunicare affermo di trovarlo vergognoso.

Considero che una nuova insegnate deve ricominciare tutta da capo, studiando da zero le problematiche che presenta la bambina e stabilire con lei e noi genitori un rapporto di fiducia.

Questo per la bambina, purtroppo comporta un ulteriore motivo di disagio. Il contratto dell’insegnate precedente era legato alla continuità didattica, fondamentale in queste situazioni, di cui la nuova insegnate non era a conoscenza.

La nuova insegnante, mi è stato detto, ha la precedenza perchè ha la specializzazione rispetto alla precedente, che ha una quasi trentennale esperienza.

Assieme a tanti altri genitori ci troviamo a fare i conti con questa triste realtà, che rispetta le norme, ma non tiene conti dei bisogni e dei disagi che creano questi cambiamenti nei “bambini speciali”.

Quello che ribadisco è la necessità, per i bambini con disabilità, di essere seguiti dal primo all’ultimo anno di scuola d’infanzia dallo stesso insegnate, privilegiando il rapporto umano alla burocrazia, perchè si tratta di persone che necessitano di maggiori attenzioni.

Sara Osti 

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Ricette di Pasqua: golosità per grandi e piccini
    Per non passare le giornate nella noia, lavorando o cercando di far passare il tempo ai bambini, sul web sono presenti moltissime ricette adatte a chiunque abbia voglia di passare un pomeriggio in cucina, divertendosi e magari senza dimenticare di mostrare un pizzico di spirito pasquale! ARANCINI PROSCIUTTO E MOZZARELLA Con il fritto sta bene […]
  • Torino: l’evento è annullato, ma la primavera regala i 100 mila protagonisti
    Da nord a sud l‘effetto del Coronavirus in Italia e, quindi, delle misure restrittive adottate dal Governo per contenere la pandemia, mostrano intere città, strade, paesi e stazioni completamente deserte, costringendo a casa milioni di persone e lasciando la primavera l’unica ad essere libera di proseguire indisturbata il suo naturale percorso. Come molte attività commerciali, […]
  • Ricette di Pasqua semplici e veloci, da fare in compagnia!
    Pasqua si avvicina e, molto probabilmente, in questo 2020 non ci saranno grandi ritrovi tra amici e parenti. Tuttavia, questo non è un valido motivo per impigrirsi e non cucinare niente di particolare. Soprattutto in queste giornate, per chi ha dei figli piccoli la vita non è proprio semplice: come far passare, quindi, il tempo […]
  • Coronavirus e stampanti 3D: Mercedes Benz pronta alla produzione di dispositivi medici
    Un periodo così instabile ed incerto come quello del recente allarme sanitario da Covid- 19, costringe ad una stretta coalizione internazionale che riesca a coinvolgere ed unire il maggior numero di forze e di aiuti possibili per riuscire contenere l’emergenza. Per questo, la nota casa automobilistica tedesca Mercedes Benz scende da protagonista in campo, mettendo […]
  • Fratellini soli a casa in quarantena: il Paese li aiuta “adottandoli”
    L’allarme sanitario che da settimane sta lasciando dolorose ferite, obbligando l’isolamento e la distanza dalle persone care, sta facendo riscoprire all’Italia un senso di vicinanza ed un’insaziabile bisogno di aiutarsi per riuscire ad arrivare il più velocemente possibile alla fine di un’emergenza che sta attraversando senza freni l’intero territorio nazionale. A confermare e dimostrare l’estrema […]
  • Dalle piume d’oca ai petali di fiori: La prima produzione di giacconi 100% naturali
    Esisteranno sempre alcuni capi di cui non se ne potrà mai fare a meno, e come non non si può affrontare il caldo estivo senza occhiali da sole e bermuda, così non si può superare il freddo invernale senza, il protagonista indiscusso dei mesi più gelidi: il piumino. Dalle classiche piume d’oca, alla più recente […]
  • Coronavirus: molto richiesti i saturimetri, a qualcuno servono davvero
    Dall’inizio dell’allarme coronavirus la corsa ai principali dispositivi di protezione individuale sembrava inizialmente limitarsi alle mascherine ed ai gel disinfettanti per le mani, diventati poi introvabili sia nelle farmacie che sui portali online, ma ultimamente il fenomeno parrebbe essersi allargato anche a strumenti prettamente sanitari come il saturimetro. Infatti, il particolare dispositivo a pinzetta facilmente […]
  • Coronavirus: L’Italia spegne i motori e i delfini tornano nei porti italiani
    La recente emergenza sanitaria ha reso l’Italia, Paese noto per la sua vivacità e il suo calore una penisola pressoché deserta obbligando negozi, centri commerciali e molte aziende a bloccarsi per intere settimane e costringendo milioni di italiani a guardare l’arrivo della primavera unicamente dalla finestra della propria abitazione. All’ombra di tutto questo, Madre Natura […]
  • Coronavirus: dalla Cina arrivano i caschi termoscanner per la polizia
    Da qualche mese, partendo dalla Cina e allargandosi come una macchia d’olio fino all’Italia, il mondo intero si è trovato improvvisamente a combattere una guerra contro un nemico veloce ed invisibile che non sta risparmiando niente e nessuno, colpendo non solo persone ma l’economia di interi Paesi, costringendo l’unione e l’impegno di tutte le forze […]

Categorie

di tendenza