Connect with us
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Torcegno: forte preoccupazione per il colore dell’acqua che sgorga dai rubinetti

Pubblicato

-

Malumori e disagi fra i cittadini di Torcegno, paese della Valsugana.

Una residente evidentemente stremata dalla situazione scrive al governatore della provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti attraverso il suo profilo di facebook.

Il contendere è l’acqua che sgorga dai rubinetti delle case del paese che invece di essere bianca, trasparente e cristallina, è arancione e in alcuni casi addirittura gialla e molto somigliante all’urina.

Pubblicità
Pubblicità

La cittadina in questione se la prende con il sindaco Ornella Campestrini (foto sotto) che a suo dire sarebbe interessata solo alla sua poltrona invece che ai cittadini del paese.

Pare anche che l’acqua  di Torcegno – sempre secondo la cittadina – sia anche la più costosa in Trentino. Vengono inoltre fatte anche delle allusioni secondo le quali ci sarebbero anche dei favoritismi nei confronti dei parenti presumiamo del sindaco. Il pericolo secondo i cittadini è di una possibile intossicazione. In effetti dalle fotografie il colore dell’acqua appare quantomeno inquietante e somiglia più a qualche succo di arancio che all’acqua che scorre dal rubinetto che in Trentino è sicuramente una delle migliori d’Italia.

Torcegno purtroppo pare non essere un paese molto fortunato con l’acqua.

Nell’incantevole territorio di Torcegno, tra mucche e asini, piccoli pascoli, larici svettanti e un torrentello che ci berresti, tanto è cristallina la sua acqua, esiste uno sbocco fognario che è stato scoperto gettarsi dentro direttamente all’impianto di depurazione della fognatura, chiamato “Imhoff” dal nome della ditta tedesca che l’ha progettato negli anni ‘80.

Pubblicità
Pubblicità

Il Comune di Torcegno era stato autorizzato temporaneamente, nel luglio del 2000, a scaricare nel Ceggio le acque reflue dell’impianto di depurazione a sedimentazione meccanica in questione, fino all’entrata in funzione del collegamento con l’impianto di depurazione biologico di Villa Agnedo.

Pubblicità
Pubblicità

La cosa era stata denunciata dal consigliere provinciale Claudio Cia che si era recato di persona sul posto a raccogliere dei campioni poi risultati inquinati. Il sindaco di Torcegno allora dichiarò di essere a conoscenza della situazione.

Claudio Cia nel merito nel 2016 aveva presentato anche un’interrogazione dove chiedeva alla giunta provinciale di centro sinistra se non fosse ipotizzabile una migliore organizzazione della manutenzione dell’impianto, e con maggiore frequenza e che cosa intendesse fare la giunta per fermare ciò che ha ridotto il Ceggio in una “fogna a cielo aperto”.

I risultati sui campioni raccolti dal consigliere provinciale confermarono  «la presenza di Escherichia coli, indicatore primario di contaminazione fecale, che a monte dello scarico è inferiore a 10 UFC su 100 ml (unità formanti colonie), mentre a valle dello scarico è di 250 mila UFC su 100 ml». Per gli scarichi in acque superficiali viene consigliato un limite non superiore ai 5 mila UFC su 100 ml, limite superato di 50 volte nel torrente Ceggio»

Un altro indicatore confermò la grave situazione di inquinamento, come il livello di azoto ammoniacale, che a monte risulta inferiore al limite di rilevabilità, mentre a valle dello scarico in questione è vicino a 32 mg di azoto ammoniacale per litro. Si pensi che per lo scarico in pubblica fognatura di acque reflue industriali il valore limite considerato è pari a 30.

Nel merito il Sindaco Ornella Campestrini  tento di minimizzare  la cosa dichiarando  in sostanza che era tutto sotto controllo e che nessuno si è mai lamentato

 

Pubblicità
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Precipita dalla Cima Ziolera per 50 metri, 69 enne muore sul colpo

Pubblicato

-

Un escursionista di Trento di 69 anni, Marco Guadagnini ha perso la vita sulla cima del Monte Ziolera (gruppo del Lagorai).

L’uomo si trovava poco sotto la vetta in compagnia di altre due persone quando in fase di discesa è scivolato sull’erba finendo duecento metri più a valle. Fatali per lui le ferite riportate nella caduta.

La chiamata al Numero Unico per le Emergenze è arrivata verso le 12.50.

PubblicitàPubblicità

Il coordinatore dell’Area operativa Trentino orientale del Soccorso Alpino e Speleologico ha chiesto l’intervento dell’elicottero, il quale ha portato sul luogo dell’incidente l’equipe medica e, in una seconda rotazione, due operatori della Stazione Bassa Valsugana. Per l’uomo purtroppo non c’era ormai nulla da fare e il medico non ha potuto fare altro che constatarne il decesso.

Una volta ottenuto il nulla osta delle autorità, la salma è stata recuperata e portata alla camera mortuaria di Borgo Valsugana.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Valsugana e Primiero

Borgo: escavatore prende fuoco nella notte

Pubblicato

-

Credits foto © vigili del fuoco Borgo Valsugana

Nella prima mattina di Lunedì 21/10/2019 un principio d’incendio ha interessato un escavatore cingolato all’interno del sito siderurgico di Borgo Valsugana.

Il mezzo d’opera, solitamente utilizzato per la manutenzione delle siviere, era parcheggiato all’interno del capannone nei pressi del portone d’ingresso e per cause in corso di accertamento è stato avvolto dalle fiamme.

Gli operai presenti, accorgendosi dell’emergenza, sono intervenuti con gli estintori carrellati in dotazione allo stabilimento, ma nonostante l’intervento precoce, i tentativi di spegnimento sono risultati vani.

Pubblicità
Pubblicità

È stato quindi lanciato l’allarme al numero unico d’emergenza il quale ha attivato i Vigili del fuoco permanenti e il corpo di Borgo Valsugana per incendio macchinario industriale.

I vigili del fuoco alle 5.00 sono arrivati sul posto con l’autobotte e l’autoscala mentre, considerato il complesso industriale, anche da Trento è  partita un’autobotte per dare supporto alle squadre già dispiegate sul luogo dell’evento.

Accertata l’assenza di feriti, subito sono iniziate le operazioni di spegnimento che hanno visto l’impiego del CAFS (Compressed Air Foam System ndr) per ricoprire di schiuma il macchinario ormai divorato da un potente focolaio.

Pubblicità
Pubblicità

Fortunatamente il mezzo risultava posteggiato lontano da strutture ed impianti che non sono stati intaccati e danneggiati dal rogo.

Pubblicità
Pubblicità

Il lavoro dei pompieri si è protratto per circa un’ora.

Dopo aver bonificato il macchinario ed eseguito i controlli del caso, con l’ausilio della termocamera, i vigili del fuoco hanno dichiarato l’emergenza conclusa. Le squadre hanno quindi potuto far rientro in caserma attorno alle 06:30, lasciando il campo ai carabinieri giunti per i rilievi di rito.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Valsugana e Primiero

A Caldonazzo festa in “Famiglia” per i 120 anni della cooperazione di consumo

Pubblicato

-

Un compleanno festeggiato in “Famiglia” e una occasione per ripercorrere un cammino che unisce la fine del Milleottocento all’avvio del terzo millennio.

Il 15 agosto 1899, nella località dell’Alta Valsugana, nasce la Famiglia Cooperativa.

Questo modello cooperativo aveva piantato la sua prima radice nove anni prima a Santa Croce di Bleggio, quando e dove don Lorenzo Guetti era stato l’ispiratore di quella prima iniziativa che assunse il nome di “Famiglia” per sottolineare lo spirito di famiglia che albergava al suo interno.

Pubblicità
Pubblicità

Ieri, a mezzogiorno, alla Caserma dei Vigili del Fuoco di Caldonazzo, le socie e i soci della Famiglia Cooperativa Alta Valsugana hanno risposto all’invito e hanno partecipato a un compleanno diventato festa di comunità.

“Centoventi anni fa – ha ricordato il presidente Giorgio Paternolli – seguendo le direttive del curato don Emanuele Conci, 84 capifamiglia, diedero inizio a questa realtà cooperativa. Con piacere e riconoscenza, ricordiamo la figura di questo curato, che tanto si prodigò per Caldonazzo e che, nella nostra Cooperativa, assunse il ruolo di controllore garante, carica che oggi potremmo equiparare a presidente del Collegio Sindacale. Primo presidente della Famiglia Cooperativa fu Emanuele Gasperi. Inizialmente la zona di competenza, si estendeva fino a Luserna e Casotto in Valdastico. Le cose non sempre sono state facili in questi 120 anni, ma i momenti difficili sono sempre stati superati”.

LA STORIA – E’ stato Andrea Curzel, presidente onorario della cooperativa di consumo, a ripercorrere le tappe principali di un percorso lungo centoventi anni. Un decennio, quello che unisce il 1890 al 1899, particolarmente vivace per la cooperazione di consumo di questo territorio: il 15 novembre 1895 vede la luce la Famiglia Cooperativa di Centa, il 23 marzo 1896 quella di Levico, il 2 aprile 1897 la cooperativa di Calceranica e il 15 agosto 1899 la Famiglia di Caldonazzo.

Pubblicità
Pubblicità

Il cammino della Famiglia Cooperativa prosegue fino alla metà degli anni Novanta quando la cooperativa di consumo di Caldonazzo incorpora, nel 1994, la cooperativa di consumo di Calceranica e, nel 1995, le Famiglia di Centa San Nicolò e la Vezzena-Panarotta di Levico Terme assumendo la nuova denominazione di Famiglia Cooperativa Alta Valsugana.

Pubblicità
Pubblicità

Oggi la cooperativa di consumo mantiene fede ai principi ispiratori e ai valori che ne caratterizzano l’azione di ogni giorno: solidarietà, partecipazione, uguaglianza, radicamento sul territorio, salvaguardia dell’ambiente. Infine, Curzel, ha citato le parole “di monsignor Severino Visintainer, vicario vescovile di Trento per molti anni. In occasione del centenario della Famiglia Cooperativa di Caldonazzo disse: cooperare è un processo umanizzante sia per il singolo e sia per la società. Ma cooperare non è un fatto spontaneo, è un fatto di cultura, è una risposta concreta ai valori, ai principi indispensabili per la promozione umana. Se ci fosse più cooperazione nelle famiglie nella società tra le nazioni staremmo meglio tutti. Cooperando diventiamo virtuosi”.

PRESIDENTI E DIRETTORI – L’occasione ha offerto lo spunto per ricordare i presidenti ei direttori che hanno guidato la “Famiglia” dalle origini a oggi.

I presidenti: Emanuele Gasperi, Giuseppe Mittempergher, Francesco Ianeselli, Fiorenzo Marchesoni, Oreste Campregher, Luigi Agostini, Giuseppe Teccilla, Giulio Ciola, Antonio Murara, Andrea Curzel, Cesare Ciola e Giorgio Paternolli.

I direttori: Roberto Campregher, Oreste Betti, Lino Strada, Giovanni Franeschini, Carlo Bonfante, Luciano Pallaver, Mauro Casotti, Manlio Tomaselli, Giuseppe Mattedi che, nel suo intervento, ha evidenziato “un concetto fondamentale del nostro impegno cooperativo: chi lavora e chi fa la spesa in cooperativa è consapevole che il suo impegno non serve ad arricchire qualcuno ma a migliorare le condizioni dei soci e dei cittadini e lasciare un patrimonio utile alle prossime generazioni”.

GLI INTERVENTI – All’evento celebrativo sono intervenuti, complimentandosi con i vertici della Famiglia Cooperativa per il significativo traguardo raggiunto: i sindaci di Caldonazzo, Giorgio Schmidt, e di Calceranica al Lago Cristian Uez; il presidente del Consiglio Regionale del Trentino-Alto Adige Roberto Paccher, il presidente del Consiglio Provinciale di Trento Walter Kaswalder e don Emilio, parroco di Caldonazzo.

In rappresentanza degli organismi centrali della Cooperazione Trentina hanno partecipato il presidente di Sait. Roberto Simoni, che ha espresso un forte richiamo al senso di appartenenza dei soci e della comunità alla propria Famiglia Cooperativa, fondamentale per poter tenere aperti anche i piccoli punti vendita della cooperazione di consumo, e Walter Facchinelli, vicepresidente della Federazione Trentina della Cooperazione per il settore del consumo. “E’ un compleanno molto speciale quello che stiamo vivendo – ha osservato Facchinelli – Centoventi anni di gratitudine nei confronti delle amministratrici e degli amministratori, delle collaboratrici e dei collaboratori, delle socie e dei soci. Con il loro impegno hanno caratterizzato centoventi anni di storia e di attività e hanno permesso il raggiungimento di un traguardo così significativo. Fondamentale è che lo spirito di appartenenza si rinnovi nella quotidianità per poter continuare a tenere aperti, attivi, questi negozi che non sono solamente un punto di riferimento commerciale ma rappresentano un luogo che crea socialità, comunità”.

Concluso il suo intervento, Facchinelli, ha donato e apposto lo stemma della Cooperazione Trentina all’occhiello della giacca di Giorgio Paternolli, presidente della Famiglia Cooperativa Alta Valsugana.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza