Connect with us
Pubblicità

Alto Garda e Ledro

Palpeggia una donna, 54 enne arrestato dai Carabinieri di Arco per violenza sessuale

Pubblicato

-

La Stazione Carabinieri di Arco, ha arrestato un trentino responsabile di violenza sessuale nei confronti di una donna.

Le indagini dei Carabinieri sono iniziate nella serata del 9 settembre 2019, quando la donna ha richiesto l’intervento di una pattuglia dei Carabinieri arcensi, denunciando di essere stata avvicinata da uno sconosciuto, che tentava di approcciarla in maniera insistente.

La donna, visto l’atteggiamento dell’uomo, cercava di allontanarsi, ma questo le afferrava violentemente un braccio bloccandola e palpeggiandole il seno.

Pubblicità
Pubblicità

La vittima riusciva però a divincolarsi strillando, per richiamare l’attenzione, mettendo in fuga l’aggressore.

La descrizione minuziosa dell’uomo fornita dalla vittima, ha consentito ai Carabinieri di svolgere serratissime indagini raccogliendo gravi indizi di colpevolezza nei confronti di un uomo, già noto alle Forze dell’ordine, perché gravato da precedenti specifici.

L’acquisizione e l’analisi di video estratti dai sistemi di videosorveglianza, individuati nella zona dove era accaduta la violenza, ha permesso di individuare l’uomo e procedere alla sua identificazione certa.

Pubblicità
Pubblicità

I Carabinieri hanno quindi immediatamente avvisato la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Rovereto, ed il Pubblico Ministero Dott. Giorgio Valerio DAVICO ha richiesto l’emissione di una Misura Cautelare Personale, nei confronti dell’aggressore, per impedire la reiterazione del reato.

Pubblicità
Pubblicità

Il GIP del Tribunale di Rovereto Dott. ssa Monica Izzo, concordando in pieno con gli esiti delle indagini dalla Polizia Giudiziaria e con la richiesta del Pubblico Ministero, ha emesso una Ordinanza che dispone l’applicazione della Misura Cautelare degli Arresti Domiciliari nei confronti dell’uomo 54 enne, che, in data 18 settembre, è stata eseguita dai Carabinieri di Arco.

L’uomo dovrà rispondere delle accuse di violenza sessuale.

La vittima, appresa la notizia dell’arresto, ha evidenziato un immediato sollievo, ringraziando i Carabinieri e l’Autorità Giudiziaria per la tempestività con cui sono state svolte le indagini ed è stato adottato il provvedimento restrittivo.

Pubblicità
Pubblicità

Alto Garda e Ledro

Arco: fiamme all’ultimo piano di una palazzina di via Mantova

Pubblicato

-

L’allerta è scattata alle 12.40 dove in via Mantova ad Arco hanno cominciato ad alzarsi delle nubi di fumo denso dall’ultimo piano di una palazzina. Sono subito intervenuti i vigili del fuoco di Arco che dopo aver isolato la zona sono entrati nella palazzina per spegnere l’incendio

Non si registrano feriti. I vigili del fuoco supportati dalle forze dell’ordine hanno provveduto ad evacuare alcune famiglie dell stabile in attesa di mettere in sicurezza l’area interessata dalle fiamme.

Pubblicità
Pubblicità

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Alto Garda e Ledro

Bolognano: trovati quasi 100 detonatori in casa di Natalino Giovanazzi

Pubblicato

-

Natalino Giovanazzi, 85 anni di Arco, si era ferito gravemente durante un’esplosione nel cortile della sua abitazione a Bolognano (qui l’articolo).

Secondo la versione dell’uomo l’esplosione era stata causata dallo scoppio di un grosso petardo che stava cercando di aprire. In realtà nel suo piccolo magazzino in giardino possedeva quasi un centinaio di piccoli detonatori.

Si sarebbe trattato di materiale utilizzato nel Dopoguerera per la costruzione delle condotte nell’impianto idroelettrico di Santa Massenza e che per un tratto passano anche dal Monte Velo.

Pubblicità
Pubblicità

L’uomo non era interessato alla carica esplosiva dei detonatori, ma voleva ricavarne da essi dell’alluminio. Un’ipotesi molto probabile è che l’uomo non sapesse della loro capacità esplosiva. L’esplosione è infatti avvenuta casualmente.

I detonatori sono stati consegnati agli artificieri dell’Esercito che dopo averli raccolti, li hanno trasportati presso le cave Chiarani fra Moletta e Ceniga (due frazioni fra Arco e Dro) e li hanno fatti esplodere.

Nel frattempo l’anziano signore è ancora ricoverato all’ospedale Santa Chiara. Ha preso il pollice della mano destra e altre due dita sono lesionate.

Pubblicità
Pubblicità

 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Alto Garda e Ledro

Scontro auto – moto sulla Gardesana, ferito grave un 59 enne

Pubblicato

-

Questa mattina alle ore 8.45 il corpo dei vigili del fuoco di Riva del Garda è stato allertato per un incidente nei pressi dell’Hotel Pier sulla gardesana orientale.

L’incidente ha coinvolto una moto ed una autovettura.

La peggio è toccata al motociclista, un 59 enne, che dopo aver ricevuto le prime cure sul posto, è stato elitrasportato in codice rosso con l’elicottero dei vigili del fuoco trentini all’ospedale santa Chiara di Trento

Pubblicità
Pubblicità

Le sue condizioni sarebbe gravi.

A rimanere leggermente ferita anche la conducente 23 enne dell’autovettura che è stata medicata sul posto. Per lei non si è reso necessario nessun ricovero.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza