Connect with us
Pubblicità

Trento

Caso Mohammed El Barji: le precisazioni del comune che s’inventa il «solito» caso di razzismo

Pubblicato

-

In merito all‘articolo scritto ieri sul nostro quotidiano inerente alle lamentele di alcuni cittadini sull’operato dell’agente della polizia municipale Mohammed El Barji il comune di Trento replica precisando in una nota alcune cose.

Nel comunicato diffuso dall’ufficio stampa del Sindaco di Trento vengono però prese “lucciole per lanterne” e non vengono per nulla prese in considerazione le vere tematiche riportate dai cittadini.

La nota del Sindaco infatti è infarcita di molte inesattezze, l’impressione è che chi ha scritto il comunicato non abbia nemmeno letto l’articolo. 

Pubblicità
Pubblicità

Nell’articolo infatti l’origine dell’agente di polizia municipale viene riportata una sola volta all’inizio.

Totalmente sbagliato e strumentale quindi da parte del comune scrivere «della sottolineatura ostentata del colore, della nazionalità e dell’origine come se colore, nazionalità e origine rappresentassero una colpa in sé». Come tutti possono leggere nell’articolo la nazionalità è stata citata una sola volta.

Come ben ampiamente spiegato nell’articolo i cittadini hanno denunciato i modi e non il metodo.

Pubblicità
Pubblicità

Un uomo delle forze dell’ordine può essere intransigente, pignolo e pure antipatico, come invece pieno di buon senso e simpatico. Questa è una sua libera scelta.

I cittadini che hanno denunciato la cosa hanno sottolineato i comportamenti dell’agente e non le eventuali sanzioni.

E per rispondere al Sindaco: «Non è che perché un agente ha superato con merito il concorso ed è preparato si può permettere di bestemmiare ed avere comportamenti arroganti con chi vuole».

Ed inoltre va precisato che non si tratta di 3 sole e-mail come viene scritto nella nota, ma anche di altre segnalazioni.

Che al nostro giornale non interessi la nazionalità, il colore della pelle o quant’altro è dimostrato anche da due precedenti articoli scritti “criticando” le forze dell’ordine.

Il primo che aveva riguardato l’agente della municipale che se ne andava a fare la spesa durante le ore di lavoro non rispondendo nemmeno alle chiamate di allerta da parte dei colleghi (qui ampio articolo) e l’altro, clamoroso, di un militare che durante la malattia se ne andava in giro per l’Italia a correre le maratone.

In questo caso entrambi i soggetti erano bianchi, italiani e pure trentinissimi. Quindi respingiamo al mittente le subdole accuse di razzismo da parte del Sindaco Andreatta.

Ma ci chiediamo però: come mai nel precedente caso riguardante il collega della municipale trentino il Sindaco non ha scritto nulla a riguardo e in questo caso a tempo di record sono arrivate le precisazioni e le accuse infondate?

Ebbene, tutti i cittadini hanno diritto ad avere voce se ritengono si aver subito degli abusi. Non importa se siano, 1, 10, 100 o mille. Il nostro giornale ha dato voce a delle lamentele certificate e registrate. 

Onestamente appare ironica la chiusura della nota del sindaco dove dice: «L’Amministrazione comunale respinge qualsiasi attacco strumentale che propagandi pregiudizi e intolleranza ».

Come dire, il Trentino e l’Italiano sono criticabili quanto vogliamo, mentre invece lo straniero a priori non va mai criticato perché se no è intolleranza.

Caro Sindaco nella sua nota emerge come nel nome dei diritti civili vengano penalizzati gli italiani. È un razzismo alla rovescia.

Siamo invece felici che le segnalazioni dei cittadini siano in corso di verifica. Ci risulta infatti che il Sindaco risponda raramente alle e-mail e alle lettere dei contribuenti trentini. Ed è misterioso che cominci a farlo dopo l’uscita dell’articolo su un giornale.

Ma la cosa che amareggia ancora di più è che prima ancora di fare delle verifiche a priori dia dei bugiardi ai cittadini. 

È altresì ancora più strumentale che nella nota del sindaco si usi il 90% dello spazio per gridare «al razzismo, al razzismo» che nell’articolo non esiste proprio e invece mezza riga per dire che le segnalazioni saranno verificate. Come sempre ai posteri e ai lettori l’ardua sentenza.

Come sempre ci coprono le magagne inventandosi casi di razzismo che non esistono. E purtroppo nel fare questo una parte politica è maestra ed insegna.

IL COMUNICATO DEL COMUNE – In merito all’articolo dedicato oggi da un quotidiano on line a Mohammed El Barji, agente della polizia locale del Comune di Trento, si precisa che i superiori dell’agente in questione non hanno mai ravvisato alcunché di scorretto nel suo comportamento. L’agente, che ha superato con merito un concorso, si è sempre contraddistinto per preparazione e professionalità. Il riferimento da parte del sito on line alle origini marocchine dell’agente è del tutto inappropriato e fuori luogo per un Comune che nella sua “Carta dei valori” si professa “luogo d’incontro e della convivenza” e che ripudia ogni tipo di discriminazione. Le tre mail di protesta di cui racconta l’articolo, arrivate all’Amministrazione comunale nel giro di pochi giorni e riferite, a quanto pare, a un unico episodio, sono in corso di verifica. Certo è che la loro attendibilità è compromessa dalla sottolineatura ostentata del “colore”, della “nazionalità” e dell’ “origine” dell’agente, come se colore, nazionalità e origine rappresentassero una colpa in sé. L’Amministrazione comunale respinge qualsiasi attacco strumentale che propagandi pregiudizi e intolleranza .

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Il mega – yacht a forma di cigno: la straordinaria opera futurista dell’industria navale italiana
    La sintesi tra i confini della tecnologia e i massimi livelli di design applicati alla nautica è stata svelata e prende il nome decisamente caratteristico di “Avanguardia”, il nuovo yacht che nei prossimi mesi si farà sicuramente notare nei mari di tutto il mondo. Quest’opera avveniristica dell’industria navale salta agli occhi per la sua inconfondibile forma […]
  • Pacchetti “antistress “ in hotel di lusso: giornate alla ricerca del benessere
    Alternare il lavoro con il riposo, mettendo in pausa la routine quotidiana aggiunge una diversione alla vita e permette la splendida occasione di fare esperienze insolite, conoscere luoghi, persone e sopratutto non avere un’agenda giornaliera. In una società iperattiva è quindi indispensabile la ricerca dell’equilibrio perduto anche solo attraverso esclusivi pacchetti antistress in hotel di […]
  • Un solo tavolo al ristorante stellato, l’elegante genialità della ristorazione
    Il meglio delle esperienze che Venezia possa offrire è racchiuso in un luogo dove la declinazione dell’esperienza sarà il miglior servizio. Un posto non convenzionale che può essere scelto solo da coloro che accettano di non porre condizioni. Con geniale eleganza, Il Ristorante “Oro” dell’hotel Cipriani a Venezia rinasce mettendo in luce un dettaglio unico […]
  • A Bologna l’economia circolare in edilizia diventa realtà: arriva il nuovo asfalto 100% riciclato
    Un’edilizia circolare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale risulta una strada imprescindibile per il futuro dello sviluppo economico. Il riciclo dei materiali promette infatti oltre ad una sensibile riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, anche un’ottima soluzione per ottimizzare costi e ricavi. In un simile contesto risulta fondamentale lavorare sulla ridefinizione del ciclo produttivo […]
  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]

Categorie

di tendenza