Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Gli orari della Trento-Malé e i disagi di una famiglia di Fondo: «Possibile non esistano corse da Trento a Dermulo in orario serale?»

Pubblicato

-

nella foto la numerosa famiglia di Fondo in Val di Non

In un’epoca in cui la mobilità sostenibile è una risorsa da sfruttare a pieno, per il bene del pianeta e di tutti i suoi abitanti, capita che l’incentivo a utilizzare l’automobile arrivi – indirettamente – proprio da chi offre un servizio di mobilità alternativa (e, per l’appunto, sostenibile).

Il caso riguarda una famiglia di Fondo, composta dalla madre Martina Casari, dal padre Renato Endrizzi e dai loro sette figli, che in mattinata hanno inviato una lettera alla nostra testata per segnalare, volendo utilizzare le loro parole, un “disservizio assurdo”

Martina è piuttosto severa nei confronti di Trentino Trasporti:Per questa azienda la popolazione locale conta meno di zero, visto che nella stagione turistica c’è una corsa ogni ora da e per Trento, mentre nella stagione invernale gli abitanti vengono penalizzati con solo tre corse al giorno. Chi crea l’indotto di Trentino Trasporti non sono i turisti “mordi e fuggi” ma gli abitanti delle valli con i loro abbonamenti e i loro titoli di viaggio”.

Pubblicità
Pubblicità

Il riferimento è in particolare alla zona dell’alta Valle di Non, dove la famiglia abita.

È possibile che non esistano corse della Trento-Malé che coprano (almeno!) la tratta Trento-Dermulo in orario serale?” si chiede Martina Casari, che prosegue: “Io che devo portare cinque figli a Lavis per tre volte alla settimana potrei scendere senza problemi sfruttando la ferrovia ma, non essendoci corse dopo le 20.30, per il rientro dovrei prendere il pullman delle 20.45 e restare bloccata a Mezzolombardo, o aspettare quello delle 22.25, arrivando a casa a mezzanotte se va bene

L’unica alternativa possibile pare proprio essere l’automobile, con relativo aumento di rischio personale, consumi e inquinamento. “Sono sicura di non trovarmi solamente io in questa situazione – scrive ancora –. Non è accettabile che in estate ci sia una corsa all’ora (e comunque una corsa serale che dopo le 20 copra tutta la tratta non esiste!), mentre in inverno esistano così poche corse della ferrovia che colleghino Trento alle Valli di Non e di Sole. Ma soprattutto che non ne esista una serale che copra tutta la tratta”.

Pubblicità
Pubblicità

A rimetterci sarebbero quindi in tanti. “Con questa situazione – si legge nella lettera – si penalizzano le famiglie, i ragazzi che svolgono attività sportive ed extrascolastiche e anche i lavoratori che non finiscono nel tradizionale orario 9-18, e che si trovano costretti a ricorrere alle automobili per svolgere le proprie attività creando, oltre ai problemi di cui sopra, un notevole aumento del traffico”.

Pubblicità
Pubblicità

Secondo Martina Casari, inoltre, sarebbe ora che gli orari della ferrovia si adeguassero a quelli scolastici. “I nostri due figli più grandi, e sicuramente in futuro anche gli altri cinque, hanno dovuto chiedere permessi di entrata in ritardo permanenti per tutti gli anni scolastici che hanno frequentato a Trento, perché i trasporti arrivavano sempre con una decina di minuti di ritardo rispetto all’orario scolastico – spiega –. Per arrivare puntuali avrebbero dovuto prendere la corsa precedente, restando ad aspettare sulle strade per almeno un’ora prima di poter accedere alle strutture scolastiche”.

“Facciamo presente che non tutte le famiglie sono disposte a coprire o possono permettersi le spese di un convitto, che comunque va a bloccare qualsiasi attività extrascolastica dei ragazzi – si conclude la lettera –. Sarà mia cura raccogliere altre voci nelle comunità delle valle di Non e di Sole che si uniscano alla protesta, oltre a far presente il problema all’associazione nazionale delle famiglie numerose (ANFN) per avere la massima diffusione possibile e poter sperare in una soluzione”.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Sconti e voli gratis ai viaggiatori se bambini piangono o disturbano in aereo, l’idea di una compagnia aerea americana
    Sembra incredibile, ma il binomio aereo – neonato, si posiziona tra i primi posti come motivo di fastidio e disturbo per molti viaggiatori, portando una compagnia area alla decisione di far volare gratis i passeggeri che si trovavano a viaggiare con bambini piangenti a bordo. Ad ovviare questo il problema è JetBlue Airways la compagnia aerea […]
  • Russia registra il primo vaccino al mondo contro il coronavirus
    Dopo mesi di test e di attesa è la Russia a battere tutti e registrare Sputnik il primo vaccino al mondo contro il Coronavirus. Sputnik, il vaccino sviluppato dall’Istituto Gamaleya di Mosca ha ricevuto il via libera dal Ministero della Sanità russo. Citando i media russi, Putin avrebbe rivelato che anche alla figlia è stata […]
  • Piccoli sottomarini privati, il nuovo sogno degli esploratori
    Dalle tranquille avventure sulla superficie dell’acqua all’eccitante esplorazione delle profondità dei fondali marini a bordo dell’ultimo e più sensazionale giocattolo marino: il sottomarino personale. Leggero da trasportare in macchina e comodo da tenere nei garage dei superyatch, il nuovo trend subacqueo prenderà il posto dei numerosi sport d’avventura fin’ora sperimentati. Costruito per esplorare i fondali […]
  • Prima lo adotti poi raccogli i suoi frutti, a Milano nasce la Food Forest, la foresta edibile
    Oltre 2.000 tra piante, ortaggi, piante officinali, alberi, arbusti da frutto e da legno ospitati nel cuore dell’immensa città metropolitana di Milano, con l’obbiettivo di ristabilire il rapporto primitivo tra l’uomo e i prodotti che Madre Natura gentilmente offre. Questo, starà alla base della nuova Food Forest, la foresta edibile  che in autunno prenderà vita all’interno […]
  • Ponte Tibetano e Cascate di Saent: che bella la Val di Rabbi!
    Costruito nel 2016 sopra il torrente Ragaiolo in Val di Rabbi, il ponte tibetano è ormai diventato una tappa fissa per tutti coloro che amano la montagna e la Val di Rabbi. Costruito in ferro e con una pavimentazione di grate di ferro, il ponte tibetano è adatto a grandi e piccini grazie anche alle […]
  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]
  • Perserverance, la missione Nasa in cerca di vita su Marte
    Fa parte della natura umana esplorare, conoscere e spingersi sempre oltre i limiti terrestri, fino a Marte ad esempio, diventata ormai una delle migliori alternative alla Terra. Trovare tracce di una vita passata o presente sul pianeta rosso, raccogliendo campioni di suolo e studiando la superficie di Marte. Questo è il motivo che ha spinto […]

Categorie

di tendenza