Connect with us
Pubblicità

eventi

Stasera ouverture artistica a Gardolo con l’«aperitivo in serra»

Pubblicato

-

Nella foto Stefano Zanghielli

Originale “Aperitivo in serra” questo pomeriggio a partire dalle 18 in Via Canova 42 a Gardolo.

Si tratta di un ouverture artistica della serata Art Groove, come & have a chat with us !

L’evento inizierà alle 18.00 con un aperitivo proposto dalla Birreria Barbaforte di Folgaria e dalla Cantina Romanese di Levico.

A seguire la performance sonora di Lorenzo Zanghielli che si esibirà mixando musica utilizzando esclusivamente audiocassette.

Alle 20.00 sarà la volta di una selezione musicale a cura di Big House che proporrà musica urban e presenterà in esclusiva per Alchemica il suo nuovo album.

Per tutta la serata saranno esposti lavori eseguiti durante gli workshop di StArt 2019.

L’ingresso è riservato ai soci, ma sarà possibile iscriversi all’ingresso.

eventi

«L’altro Far West»: cinque mesi in bici agli antipodi della frontiera americana

Pubblicato

-

L’altro Far West:cinque mesi in bicicletta agli antipodi della frontiera americana” è il tema dell’incontro culturale promosso per questa sera a partire dalle 20,30 alla sede del Cai di via Manci 57.

A raccontare il viaggio in solitaria sarà Alessandra Villa che da sola in bicicletta ha attraversato gli altopiani desertici della puna argentina, i ghiacciai della Patagonia, lungo la mitica Ruta 40 e la Carretera Austral, seguendo le Ande dai Salares boliviani al Fitz Roy via Aconcagua.

Sarà il racconto di cinque mesi di viaggio attraverso alcuni dei più straordinari paesaggi del Sud America.

Alessandra Villa: “ La ricetta ideale per fare mille incontri, sperimentare l’ospitalità latina, immergersi nel silenzio profondo di sconfinate regioni di frontiera; ma anche per dimagrire a vista d’occhio, risolvere problemi meccanici in mezzo al deserto, accamparsi in chiesa, passare una breve convalescenza nel regno delle piogge eterne. Gli ingredienti ? Un robusto spirito di avventura, abbondante capacità di adattamento e un pizzico di senso dell’umorismo”.

Ma anche: “Dopo aver studiato la letteratura italiana del Rinascimento alla Scuola Normale, e dopo averla insegnata una decina d’anni in Francia, presa dalla crisi della quarantina decido di darmi all’erranza come i cavalieri del mio Ariosto, a cavallo però, io, di una bici. Nel frattempo, torno sui banchi dell’Università, a Losanna e a Grenoble, per studiare il turismo sostenibile, e mi preparo a far scoprire le bellezze del cicloturismo a tutti quelli che vorrebbero, ma ancora non osano.”

Una ricetta ideale per fare mille incontri, sperimentare l’ospitalità latina, immergersi nel silenzio profondo di sconfinate regioni di frontiera, ma anche per dimagrire a vista d’occhio, risolvere problemi meccanici in mezzo al deserto, accamparsi in chiesa, passare una breve convalescenza nel regno delle piogge eterne.

Gli ingredienti della ricetta? Un robusto spirito di avventura, abbondante capacità di adattamento e un pizzico di senso dell’umorismo.

Continua a leggere

eventi

ADMO Trentino a Moena, una serata di sensibilizzazione sulla donazione di midollo osseo con la testimonial Caterina Ganz

Pubblicato

-

Lunedì 14 ottobre alle 20.30, l’associazione donatori di midollo osseo dà appuntamento nella Sala Consiliare in Piaz de Sotegrava per parlare della donazione di midollo osseo come ultima speranza di vita

ADMO Trentino arriva in Val di Fassa con una serata di sensibilizzazione sulla donazione di midollo osseo a Moena, lunedì 14 ottobre alle 20.30, nella Sala Consiliare in Piaz de Sotegrava.

La responsabile della comunicazione di ADMO Trentino Monica Fantini spiegherà come un gesto semplice può diventare speranza di vita per un malato di leucemia o altre malattie del sangue in attesa di trapianto.

Il suo intervento sarà accompagnato da diverse testimonianze legate alla donazione e trapianto di midollo osseo. Alessia Zadra racconterà la sua esperienza di mamma e di come sua figlia è guarita grazie al trapianto a pochi mesi di vita, mentre Luana Pauletto farà rivivere attraverso le sue parole la sua personale rinascita e il suo percorso attraverso la malattia del figlio. Stefano Grassi, donatore effettivo, condividerà con il pubblico il racconto della sua donazione.

Parteciperà alla serata la testimonial ADMO Caterina Ganz, campionessa di sci di fondo, che parlerà dell’importanza di essere testimonial della donazione di midollo osseo e di come è diventata lei stessa aspirante donatrice e speranza di vita.

Dal 1992, ADMO Trentino sensibilizza i giovani sulla donazione di midollo osseo come ultima speranza di vita per un malato di leucemia o di altre malattie oncoematologiche: un impegno importante che ha permesso all’associazione di superare la quota di 9.600 iscritti.

 

ADMO non si occupa solo di sensibilizzazione. Le analisi genetiche indispensabili per l’iscrizione di un donatore nel registro nazionale, tipizzazioni, possono essere eseguite esclusivamente da laboratori certificati ad alta risoluzione con un aumento notevole di costi per l’Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari. ADMO, da molti anni, ha scelto di sostenere economicamente l’Apss e, in particolare, il laboratorio di tipizzazione dell’Ospedale Santa Chiara di Trento, unico in provincia.

Nel 2018, grazie alle campagne di raccolta fondi, ADMO Trentino è riuscita a devolvere 45.000 euro al Laboratorio Hla e Servizio di Immunologia e Trasfusionale di Trento: 20.000 euro per una borsa di studio ad un biologo che si occupa della tipizzazione dei donatori ed è di supporto allo staff medico, e altri 20.000 per l’acquisto di kit di tipizzazione, l’attrezzatura medica necessaria ad incrementare il numero annuo dei tipizzati, diminuendo la lunga lista di attesa di giovani, iscritti ad ADMO Trentino ma non ancora tipizzati. Un ulteriore contributo di 5.000 euro è stato versato per l’acquisto di frigoriferi termostatici per la conservazione del sangue.

ADMO, inoltre, sostiene l‘Azienda Sanitaria mettendo a disposizione la sua segreteria per effettuare le chiamate agli aspiranti donatori, così da fissare un appuntamento per la tipizzazione in base alle disponibilità comunicate dall’Apss.

Continua a leggere

eventi

A Trento appuntamento con la storia della città di Fiume. La Verità rende liberi.

Pubblicato

-

impresa di fiume

Evento culturale a Trento sabato 23 novembre alle ore 17:30 con il patrocinio della Provincia Autonoma di Trento presso la Sala Marangonerie del Castello del Buon Consiglio di Trento e con l’intervento di grandi esperti e graditi ospiti di prestigio. Vince la passione per la ricerca della verità.

Uno degli aspetti principali che si devono considerare quando ci si approccia ad ogni argomento è che le informazioni vengono trasmesse da delle persone.

Sia nella trasmissione verbale che scritta quindi ci possono essere degli errori voluti o non intenzionali, ed anche per lo studio delle informazioni del passato è opportuno tenere presente questo aspetto, in particolare che la storia è scritta dai vincitori.

Chiunque essi siano, quando vincono danno un impronta che non sempre però è destinata a durare, ogni persona ha infatti il dovere di informarsi e documentarsi nella giusta ricerca della Verità.

L’importanza degli archivi storici trentini nelle nuove ricerche legate alla storiografia fiumana, nell’anno del centenario, sarà uno dei temi che emergerà nella conferenza in programma sabato 23 novembre alle ore 17:30 presso la Sala Marangonerie Castello Del Buon Consiglio in Trento.

Per l’evento c’è anche il patrocinio della Provincia Autonoma di Trento richiesto tramite l‘Associazione Universal Diritto Salute Lavoro che interverrà con gli autori Silvia Luscia e Leonardo Malatesta, presentando i propri saggi storici legati all’impresa dannunziana.

La valorizzazione degli archivi regionali ha portato la ricercatrice Silvia Luscia a far emergere il forte legame tra l’Associazione Trento – Trieste, i legionari trentini impegnati al Comando a Fiume come Piffer, Castelbarco e Toeplitz, il Capo della Segreteria Speciale di D’Annunzio a Fiume, Fulvio Balisti, – di cui la ricercatrice ha curato proprio una monografia che ne ricostruisce il ruolo centrale nei rapporti tra D’Annuzio, De Ambris, la sinistra dannunziana milanese e Mussolini – e le insurrezioni repubblicane che, ispirate alla Carta del Carnaro, nel caldo autunno del 1920 si preparavano dal caffè Biffi di Milano a diffondersi in tutta Italia, per instaurare la repubblica 26 anni prima della sua effettiva proclamazione.

Un intreccio di storie personali, di valori comuni – cristallizzati nella firma del documento Il Rinnovamento del 10 dicembre 1919, avvenuta proprio nella sede dei legionari trentini a Fiume- , e di rispetto che continuerà anche anni dopo la fine dell’epopea dannunziana coinvolgendo Balisti, Adami, Gigino Battisti, Castelbarco in incontri che ebbero come teatro proprio la città di Trento.

L’associazione Universal e Trento-Trieste con i propri simpatizzanti sono impegnate nell’organizzazione dell’evento e ringraziano le Istituzioni, in particolare la Presidenza della Giunta Provinciale patrocinante, l’Assessore Provinciale alla Cultura e gli ospiti che saranno presenti. Invitato speciale l’Assessore Regionale Giorgio Leonardi e le fondatrici dell’associazione Mafalda Donne Trento.

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza