Connect with us
Pubblicità

Trento

Truffa anziani Aldeno: condannato un napoletano a 1 anno e 8 mesi di reclusione

Pubblicato

-

Un 29enne napoletano è stato condannato a 1 anno e 8 mesi di reclusione per truffa.

L’uomo, spacciandosi per un avvocato, ha raggirato svariate persone anziane.

Il modus operandi era stato sempre lo stesso:  Nella tarda mattinata del 21/06/2018 era arrivata una strana telefonata a casa di una anziana di Aldeno«Buongiorno, sono l’avvocato XX e la chiamo perché suo figlia è rimasta coinvolta in un incidente ed è in stato di fermo presso la Caserma dei Carabinieri di Trento»

Pubblicità
Pubblicità

Ad Aldeno in quel solo giorno erano state contattate sette donne. Il copione era sempre lo stesso: la vittima riceveva un telefonata in cui l’uomo le raccontava che un componente della famiglia (la figlia, il figlio o il marito) aveva avuto un incidente e servivano i soldi per pagare la cauzione e tirarlo fuori dai guai.

Alcune vittime hanno resistito e non sono caduti nella trappola, ma altre hanno consegnato la fede della madre o del marito defunti pur di aiutare il figlio o la figlia in difficoltà.

Ieri si è concluso il processo con rito abbreviato e il napoletano Marco Cosentino è stato condannato solo per tre capi d’imputazione sui sette contestati, limitando la pena ad un 1 anno e 8 mesi anzichè 3 anni e 2 mesi.

Il giovane aveva un complice che però non è stato ancora identificato.

Pubblicità
Pubblicità

I due truffatori hanno iniziato a chiamare gli anziani il 21 giugno 2018. Quel giorno è stata adescata un’anziana di 85 anni dicendole che avrebbe dovuto sborsare mille euro per pagare la cauzione della figlia.

Il complice non ancora identificato ha portato a termine la chiamata, mentre il 29 enne si è presentato a casa della signora per riscuotere il denaro.

La donna ha consegnato 400 euro e svariati gioielli, ma i due malviventi non contenti hanno deciso di alzare il conto a 5.900 euro.

Le condizioni di salute della donna non le hanno permesso di recarsi in banca e l’occasione di guadagnare di più è sfumata.

I carabinieri dopo la truffa erano stati avvisati dalla donna resasi conto del raggiro ed avevano cominciato ad indagare per individuare i soggetti, i militari hanno analizzato le celle telefoniche ubicate ad Aldeno e Provincia di Trento individuando i telefoni cellulari presenti sul suddetto territorio monitorato.

Un lavoro certosino, ma che alla fine ha portato il suo risultato.

L’attività investigativa svolta dal Comando Stazione Carabinieri di Aldeno, e sapientemente coordinata dal Comandante della Stazione Maresciallo Maggiore Erminio Paternuosto, riusciva a individuare un sodalizio criminale composto da più persone: in particolare gli inquirenti accertavano che gli organizzatori delle truffe, risultavano telefonare da Napoli e Provincia, contattando telefonicamente le vittime, creando loro un evidente stato di soggiogazione psicologica volta ad estorcere la dazione di contanti e gioielli, fornendo contestualmente, poco dopo, indicazione ai correi, già presenti in loco, a raggiungere le residenze degli anziani parti offese.

L’attività investigativa permetteva di appurare che il suddetto sodalizio criminale composto da pregiudicati residenti in Provincia di Napoli, avevano posto in essere analoghe truffe in tutto il nord Italia, tanto che nel corso dell’attività investigativa venivano accertate ulteriori truffe similari consumatesi a Trieste, Belluno, Udine e Provincia di Vicenza, successivamente ai fatti avvenuti ad Aldeno.

Il quadro probatorio già allora appariva molto chiaro a tal punto che l’Autorità Giudiziaria competente emetteva subito  a carico dei presunti truffatori tre decreti di perquisizione e alla persona individuata quale capo dell’organizzazione veniva emessa apposita ordinanza di custodia cautelare in carcere.

I militari della stazione di Aldeno coadiuvati dall’Arma territoriale partenopea nella giornata del 09/04/2019 notificavano i decreti e la misura cautelare a carico di C M residente in Provincia di Napoli, quale soggetto presentatosi presso l’anziana di Aldeno per riscuotere la “cauzione” e contemporaneamente venivano eseguite le perquisizioni domiciliari agli altri componenti del sodalizio criminale che davano esito positivo procedendo a sequestro di 2 telefoni cellulari, 2 SIM Card e ben 10 Bancomat utilizzate dai rei per la commissione dei reati.

Ieri la sentenza di condanna in primo grado. 

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Trento: da lunedì il lavaggio strade. Ecco il calendario per evitare le multe

Pubblicato

-

A partire da lunedì 16 settembre e fino a giovedì 24 ottobre, dal lunedì al giovedì dalle ore 20.15 alle 4, il venerdì dalle 20.15 alle 2.30, Dolomiti Ambiente provvederà alle operazioni di spazzamento e lavaggio notturno delle strade.

Almeno quarantotto ore prima dell’intervento, nelle zone interessate verrà posizionata la segnaletica indicante il divieto di sosta e fermata dalle 19 alle 5 del giorno successivo all’intervento.

La polizia locale ricorda che la segnaletica collocata in via temporanea per imporre prescrizioni, come quelle previste in occasione del lavaggio delle strade, hanno priorità rispetto alla segnaletica esistente e collocata in via permanente.

PubblicitàPubblicità

Nella precedente tornata dei pulizia in primavera sono stati quasi 1.500 gli automobilisti sbadati che sono incorsi nella multe. Oltre 60 mila l’introito incassato dal comune in quel caso.

L’invito agli automobilisti quindi è pertanto di fare attenzione alla presenza di segnali temporanei e alle indicazioni riguardanti il giorno e l’ora in cui i divieti entrano in vigore e hanno efficacia.

La sanzione prevista ai sensi dell’articolo 7, commi 1 e 14 del codice della strada è di 41 euro. È possibile il pagamento con la riduzione del 30 per cento (28,70 euro) entro 5 giorni dall’accertamento.

Il calendario completo è pubblicato qui e sull’app Trento pulizia strade, in grado di mostrare giorno per giorno le strade interessate dalla pulizia e dai divieti di sosta e di inviare una notifica nei giorni che coinvolgono le vie di proprio interesse.

Pubblicità
Pubblicità

Le informazioni saranno visibili anche in «La mia Trento», la nuova app ufficiale del Comune di Trento pensata sia per residenti che per turisti, che verrà rilasciata il 20 settembre e presentata in occasione di Trento Smart City Week lo stesso giorno alle 17.20 nella Sala 2 del Villaggio Digitale in piazza Duomo.  Prenotazioni disponibili su www.eventbrite.it

Per vedere il calendario totale delle pulizia delle strade cliccare qui.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Calcio senza frontiere, il 21 settembre a Egna l’Euregio Cup

Pubblicato

-

Torna sabato 21 e domenica 22 settembre, alla zona sportiva di Egna, l’appuntamento con la Kerschdorfer Euregio Cup, il quadrangolare di calcio che vede affrontarsi le formazioni che hanno vinto le coppe provinciali di Alto Adige, Trentino, Tirolo del Nord e Tirolo dell’Est.

La novità di quest’anno è l’allargamento della manifestazione, che si disputa sotto l’egida del GECT Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino, anche alle squadre femminili.

Per quanto riguarda il torneo maschile, le squadre partecipanti sono Thal/Assling (Tirolo dell’Est), Schwaz (Tirolo del Nord), Termeno (Alto Adige) e Dro Alto Garda (Trentino), mentre tra le donne si sfideranno Rapid Lienz (Tirolo dell’Est), Stubai/Matrei (Tirolo del Nord), Red Lions Tarces (Alto Adige) e Azzurra S. Bartolomeo (Trentino).

Pubblicità
Pubblicità

Le semifinali di entrambe le categorie, che si disputeranno in contemporanea sui due campi della zona sportiva di Egna, inizieranno alle 14.30 e alle 16.45, le formazioni vincitrici si sfideranno domenica alle ore 11 per aggiudicarsi la Kerschdorfer Euregio Cup 2019.

All’inizio del torneo, i presidenti dei tre territori dell’Euregio, ovvero Arno Kompatscher, Günther Platter e Maurizio Fugatti, daranno il via alle prime semifinali, che si svolgeranno in contemporanea con la Festa Euregio “Dis-Egna le idee”.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

Domani l’incontro fra il presidente Fugatti e il ministro Boccia

Pubblicato

-

Si terrà martedì prossimo – 17 settembre a Roma – l’incontro fra il Presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti e il Ministro per gli Affari regionali e le autonomie Francesco Boccia.

L’incontro era stato richiesto nei giorni scorsi dal Governatore del Trentino e costituirà l’occasione per iniziare ad impostare la collaborazione fra Ministero e Provincia autonoma, nel quadro generale disegnato dallo Statuto di Autonomia.

Si parlerà anche di Minoranze linguistiche.

PubblicitàPubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza