Connect with us
Pubblicità

Piana Rotaliana

Lavis: consegnate le chiavi della casa della solidarietà alla nuova associazione di volontariato «Nessuno escluso»

Pubblicato

-

Domenica pomeriggio 8 settembre si è svolta a Lavis la consegna delle chiavi della sede della casa della Solidarietà “don Paride Chiocchetti”

Presenti le associazioni D.S.A. Lavis, ACAT gruppo di Lavis, Figli per Sempre e la neo costituita «Nessuno Escluso» Odv (organizzazione di volontariato) insieme al sindaco Andrea Brugnara, l’assessore alle politiche sociali Isabella Caracristi e il presidente del consiglio comunale Paolo Facheris.

«Nessuno Escluso» è una nuova associazione Odv nata dall’unione delle sensibilità dei soci fondatori (presidente Giorgio Varignani, Vanessa Valtorta, Mauro Baldo, Enrico Afilani) accomunati da una maturata esperienza personale sul tema delle fragilità umane. 

Pubblicità
Pubblicità

«Affronteremo vari momenti di ascolto a 360° aperti a tutti,  – spiegano i fondatori – proponendo serate di gruppo di auto mutuo aiuto, sessioni individuali, proponendo eventi ed incontri anche con esperti nel campo delle dipendenze, delle disabilità,  come aiuto per il lutto o altre situazioni delicate in cui la relazione umana può essere d’aiuto reciproco».

La nuova associazione segnala inoltre che proprio per sostenere il progetto ed offrire un serio supporto personale, la psicologa dottoressa Marica Malagutti ha dato la sua disponibilità agli associati per delle consulenze gratuite ogni primo giovedì del mese.

Fra breve in previsione anche l’apertura di una sede a Terre dell’Adige. 

Per eventuali informazioni o approfondimenti è stata aperta  anche la pagina facebook

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Piana Rotaliana

FEM: in Trentino 56 nuovi imprenditori agricoli. A San Michele oggi la consegna degli attestati e la partenza del nuovo corso

Pubblicato

-

E’ partito oggi il corso di formazione per l’ottenimento del brevetto professionale per imprenditore agricolo. 2300 le persone formate ad oggi

In Trentino 56 nuovi imprenditori agricoli. A San Michele oggi la consegna degli attestati e la partenza del nuovo corso

Dal 1986, anno di attivazione, ad oggi, il corso per la qualificazione professionale dei giovani imprenditori agricoli ha registrato circa duemilatrecento partecipanti. Con una presenza femminile in costante crescita e ormai stabilizzata mediamente intorno al 30% delle adesioni.

PubblicitàPubblicità

Oggi alla Fondazione Edmund Mach, sono stati consegnati i brevetti a 56 giovani che hanno concluso il percorso di formazione biennale 2017-2019 e ha aperto i battenti il nuovo corso di formazione per giovani imprenditori agricoli che si concluderà nell’ottobre 2021. All’evento hanno preso parte in apertura l’assessore provinciale all’agricoltura, foreste, caccia e pesca, Giulia Zanotelli, il direttore generale, Mario Del Grosso Destreri, il dirigente del Centro Istruzione e Formazione, Ivano Artuso, il responsabile della sezione qualificazione professionale agricola, Michele Covi, il coordinatore del corso Paolo Dalla Valle con il docente Carlo Micheli e i componenti della commissione di gestione.

Il direttore generale Mario Del Grosso Destreri ha sottolineato l’importante ruolo di FEM per l’agricoltura trentina e le necessarie ricadute sul territorio delle sue attività di formazione, ricerca e trasferimento tecnologico. Ha evidenziato, altresì, l’unicità di questo ente augurando ogni successo sia a coloro che oggi iniziano il percorso di formazione sia a coloro che ricevono il brevetto di imprenditore agricolo. Con un appello ad entrambi: “contate su FEM nei momenti di sfida e difficoltà e affidatevi ai nostri docenti”.

L’assessore Giulia Zanotelli ha premiato i sette imprenditori più meritevoli, che hanno ricevuto una votazione superiore a 90/100. Ha evidenziato che “quello di oggi è un momento importante perché mette al centro la formazione, elemento che abbiamo trattato anche con i giovani nel Tavolo AgriYoung. L’auspicio è che i giovani si avvicinino al mondo dell’agricoltura non per seconda scelta, ma per passione, dedizione, preservazione della storia e della tradizione che contraddistinguono il nostro territorio”.

Pubblicità
Pubblicità

L’iniziativa si inserisce nell’ambito dell’attività di qualificazione professionale agricola programmata dal Centro Istruzione e formazione grazie al finanziamento del Programma di Sviluppo Rurale 2014-20 della Provincia Autonoma di Trento.

Il percorso formativo è rivolto ai giovani di età compresa tra 18 e 40 anni che intendono insediarsi in agricoltura, e quindi ottenere il premio di primo insediamento in azienda agricola, ma che non sono in possesso di un titolo di studio rilasciato da una scuola superiore o da un’università di carattere agrario. L’obiettivo è garantire l’acquisizione di una serie di competenze mirate alla corretta gestione di un’azienda agricola ed il conseguimento del brevetto professionale di imprenditore agricolo.

I 56 partecipanti, selezionati da un’apposita Commissione tra 75 richiedenti, hanno un‘età compresa fra 18 e 40 anni.

I numeri del corso BPIA: 40 % donne – 60 % uomini, 35% già insediati in azienda – 65% insediamento futuro, 40% età > 30 anni – 60% età < 30 anni, 14% Laurea – 50% Diploma superiori – 22% Qualifica professionale – 14% Licenza media, 35% allevamento vari – 20+20% melo+vite – 5% ortaggi+PF – 20% attività varie, 25% Val d’Adige/Cembra – 15+15+15% Valli Non/Sole+Valsugana+Sarca/Laghi e 11+11% Giudicarie+Fiemme/Primiero– 8% Vallagarina

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Piana Rotaliana

Le Olimpiadi vitienologiche aprono l’anno scolastico e accademico a San Michele

Pubblicato

-

E’ in programma martedì 19 novembre, alle ore 11, presso l’aula magna l’inaugurazione dei corsi di studio in campo vitienologico della Fondazione Edmund Mach e del Centro Agricoltura Alimenti Ambiente (C3A) dell’Università di Trento, alla presenza del presidente FEM, Andrea Segrè, del rettore Paolo Collini e dell’assessore provinciale all’agricoltura, foreste, caccia e pesca, Giulia Zanotelli.

Alle 11.30 interverrà Franco Marzatico, Soprintendente per i Beni Culturali presso la Provincia di Trento con la Lectio Magistralis “ La cultura del vino nel mondo antico”. Alle ore 12.15 è prevista la premiazione dei vincitori “Olimpiadi Viti Enologiche” e l’intervento di Ilaria Pertot, direttrice del Centro Agricoltura Alimenti Ambiente (UniTrento-FEM) e Ivano Artuso, dirigente del Centro Istruzione e Formazione FEM.

Quest’anno l’evento sarà preceduto da una iniziativa unica nel suo genere: le Olimpiadi vitienologiche che vedranno sfidarsi dalle ore 8 alle 10.45 presso il Palazzo della Ricerca e della Conoscenza gli studenti del Centro Istruzione e Formazione e del Corso di laurea in una serie di prove di conoscenza e abilità in ambito viti-enologico.

PubblicitàPubblicità

I ragazzi dovranno risolvere sei quesiti. Le squadre, miste, sono composte da 8 studenti e studentesse del corso di laurea in Viticoltura ed Enologia – C3A e corso enotecnico della Fondazione Mach.

Tutti i partecipanti avranno diritto ad un viaggio per conoscere le tecniche più avanzate in ambito viti-enologico. Ai vincitori una cassetta professionale di accessori per la degustazione del vino.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Piana Rotaliana

Arrestati con 2,2 chili di eroina. Due cittadini albanesi condannati a 2 anni e 8 mesi di reclusione

Pubblicato

-

I due albanesi erano caduti nella rete della Guardia di Finanza l’undici maggio 2018 quando nel corso di un servizio di controllo del territorio su strada all’altezza di via Stenico, a Trento, le unità cinofile della Compagnia di Trento li avevano fermati trovando all’interno della loro macchina con targa italiana 1 chilo di eroina purissima. 

La susseguente perquisizione nelle rispettive abitazioni in via Stoppani nel capoluogo e in via Trento a Mezzolombardo  avevano permesso di scovare, ben occultate dietro un armadio della stanza da letto, altri due panetti per un totale di un altro chilo di eroina, simili a quelli rinvenuti nell’automobile.

Nel corso delle perquisizioni erano stati anche trovati 250,00 euro in contanti, della cui legittima provenienza entrambi gli occupanti dell’abitazione non hanno saputo fornire giustificazioni e che sono, pertanto, stati ritenuti provento di spaccio.

Pubblicità
Pubblicità

T.E., 33 anni disoccupato residente nel capoluogo e T.R., 39 anni, residente a Mezzolombardo con regolare contratto di lavoro sono stati condannati a 2 anni e 8 mesi di carcere per possesso di droga.

Lo stupefacente sequestrato era pari a 2,2 chilogrammi ed aveva un valore sul mercato di oltre 100 mila euro.

 

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza