Connect with us
Pubblicità

Politica

Unitn, contributi a pioggia e anomalie sui premi di merito: depositate tre interrogazioni

Pubblicato

-

In merito alle molte recenti ombre sollevate a livello pubblico sulle dinamiche che guidano l’operato dell‘università di Trento in merito alla determinazione di premi di merito e l’erogazione di borse di studio e contributi agli studenti, sono state depositate oggi tre interrogazioni aventi come primo firmatario il Consigliere provinciale della Lega Denis Paoli.

Questo perché l’ateneo trentino, a partire dal 2014, è stato inserito nel perimetro delle competenze provinciali e anche se gli argomenti oggetto delle interrogazioni fanno riferimento  ai periodi di competenza della precedente Giunta provinciale, non hanno perso la loro rilevanza perché ancora molto attuali.

Le prime due interrogazioni fanno riferimento proprio al cosiddetto “Premio di merito“, un riconoscimento in denaro per gli studenti laureati in UniTrento nato per premiare le loro capacità e il loro impegno nello studio e incentivarli a raggiungere determinati obiettivi (e.g. fare esperienze all’estero, laurearsi presto, ottenere voti superiori alla media).

Pubblicità
Pubblicità

L’importo del premio è assegnato valutando l’impegno nel percorso universitario, indipendentemente dalla condizione economica del laureato.

In particolare, l’interrogazione al consiglio provinciale si concentra sulle modalità di calcolo di questo premio che, come si legge in una nota “sembrano essere state liberamente interpretate dall’Ateneo, nonostante l’esistenza di un regolamento molto specifico a riguardo, con formule matematiche da applicare al fine di giungere all’importo del premio da erogare al singolo laureato premiato“.

Pubblicità
Pubblicità

Si cerca quindi in questo caso di capire se e per quale motivo questo regolamento sia stato eventualmente disatteso e, ad esempio, se siano state erogate somme calcolate con modalità ad esso non aderenti.

Sempre in riferimento al premio di merito, con la seconda interrogazione si vuole chiarire se è vero che da tale premio siano stati esclusi alcuni laureati di nazionalità italiana, residenti in Italia, con titoli precedenti conseguiti presso istituzioni italiane e che hanno intrapreso percorsi di studio all’estero, svolgendo quindi parte del proprio percorso universitario presso UniTrento e parte presso un’università straniera (come previsto dai percorsi doppia laurea – particolarmente premiati dal regolamento del premio di merito).

Ci si interroga infatti per quali motivazioni tali studenti sarebbero stati considerati “studenti stranieri” e quindi esclusi dalla possibilità di ricevere il premio stesso (si legga a questo proposito “Laureato trentino considerato “studente straniero”: l’Università di Trento gli nega il premio di merito”).

Considerare studente straniero chi ha conseguito la laurea presso l’Università degli studi di Trento effettuando un periodo di studi all’estero è in conflitto con uno dei target dichiarati che il Premio di merito mira a raggiungere, ossia esplicitamente l‘incentivo a fare esperienze di studio all’estero“, sottolinea il consigliere leghista.

Continua Paoli: “Si vuole inoltre appurare se è vero che, solo a seguito di richieste di chiarimento specifiche da parte di alcuni laureati non premiati, sia stato modificato ex-post il regolamento di assegnazione del Premio di merito, modificando i requisiti per risultare idonei e cancellando dall’intero documento la locuzione “studente straniero” e sostituendola con ‘studente’ senza alcuna ulteriore particolarizzazione“.

Vi è poi una terza interrogazione depositata che riguarda le borse di studio concesse tra il 2014 e il 2017 a favore dei figli dei dipendenti dell’Università.

Un argomento di cui proprio La Voce del Trentino si è recentemente occupata con un’inchiesta dedicata (“Borse di studio a bimbi di tre anni: contributi a pioggia a figli di dipendenti Unitn ma senza Icef né Ise“) per fare luce su una delle diverse “anomalie” che si rilevano soprattutto quando si ha a che fare con l’iter decisionale seguito da Unitn per la concessione del tanto agognato aiuto per il completamento del proprio percorso di studi.

L’interrogazione si prefigge in questo caso di capire se è vero che queste borse sono state erogate “a pioggia”, ovvero in modo indiscriminato a tutti i dipendenti con prole che frequentasse percorsi di studio, senza tenere in considerazione la condizione economico-patrimoniale dei loro nuclei familiari (Icef/Isee).

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Spotify crea playlist personalizzate per i propri animali domestici: l’obiettivo è alleviare stress e ansia
    A casa durante le pulizie o sotto la doccia, in palestra mentre ci si allena e si fatica, ed in macchina alla radio con i brani preferiti: la musica sembra accompagnare e addolcire da sempre le giornate, diventando spesso colonna sonora di momenti importanti ed indimenticabili della nostra vita. In molti casi, le canzoni a […]
  • “Glamping”: la nuova alternativa glamour e chic al campeggio
    La natura con la sua bellezza ha la straordinaria capacità di avere una forte reazione ed un effetto diretto sulle nostre emozioni invitando ogni anno molti viaggiatori a viverla appieno per migliorare i propri momenti di pausa dalla vita frenetica, attraverso una semplice passeggiata all ombra delle fronde di un bosco o meglio, trascorrendo un’intera […]
  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]

Categorie

di tendenza