Connect with us
Pubblicità

Io la penso così…

Trent’anni fa ci lasciava Enrico Pruner. Cia (AGIRE): “Personaggio chiave della storia trentina del dopoguerra”.

Pubblicato

-

Spett. Le Direttore,

«Lei è trentino o italiano? Sono di nazionalità trentina e di cittadinanza italiana.

Uno stato trentino è non è un’utopia? E’ un’utopia se non è inserito in una federazione di stati in funzione europea».

Questo è solo un piccolo passaggio di un’intervista fatta ad Enrico Pruner da Giorgio Dal Bosco, in Trentatré trentini, Cles, 1987

Trent’anni fa, l’8 settembre 1989, ci lasciava Enrico Pruner.

Personaggio chiave della storia trentina del dopoguerra, presidente e consigliere del Pptt (Partito del Popolo Trentino Tirolese), con la sua attività ha profondamente influenzato il modo di fare e di concepire la politica nella nostra Provincia (e non solo).

Politico di caratura internazionale (basti pensare ai suoi contatti con il mondo della CSU bavarese – Franz Josef Strauss ndr.) fu anticipatore su molti temi ancora attualissimi: dall’idea di Unione Europea come federazione di Stati (fu presidente dell’UPEF – Unione per un’Europa Federale, senza dimenticare l’aggiunta delle lettere U.E. dopo Pptt., a dimostrare la particolare attenzione al tema) ai problemi dell’inquinamento, ad una politica trasparente e coerente ecc.

Autonomista con la “A” maiuscola (anche se sarebbe meglio dire federalista) riuscì a stringere alleanze con tutti i movimenti autonomisti d’Italia ed Europa (dall’Union Valdôtaine di Bruno Salvadori, al Partito Sardo d’Azione, all’Unione Slovena ecc.) dando un’identità tutta sua al Pptt – e non una sudditanza alla SVP (troppo succube – per sue parole – alla Democrazia Cristiana). Anticomunista viscerale, a chi gli chiedeva “A” di Autonomia come cosa? Lui rispondeva come “L” di libertà. Memorabile la volta in cui – su Autonomia Integrale (giornale del Pptt.UE) – accostò le foto dei figli dei contadini espropriati “appesi al reticolato democristiano di Martignano” a quelle dei lager sovietici.

Pubblicità
Pubblicità

Teorizzatore di slogan come “Prima i trentini”, quando si parlava di insegnanti all’interno delle nostre scuole, di posti di lavoro e di case popolari, il dott. Pruner era una persona assolutamente buona e disponibile con tutti (e molto stimato per la sua coerenza). Consapevole che spesso i giornali sono un po’ sordi alle denunce delle opposizioni era spesso costretto a calcare la mano sulle parole usate – sia in Consiglio sia fuori – suscitando emozioni contrastanti in chi ascoltava/leggeva i suoi interventi.

Ebbe anche l’occasione di dimostrare le sue competenze in materia di Scienze Forestali e di Governo dell’Autonomia quando – dal 1960 al 1964 – fu nominato Assessore regionale all’Economia montana e foreste. Questi furono anni pieni di soddisfazioni che gli valsero il soprannome “Heinrich der Grüne”. Sbaglia però chi, a tutti costi, tenta di intestare al dott. Pruner una politica “verde” come quella che si intende oggi. Egli, assieme a Domenico Fedel e al cav. Sergio Casagranda, si sforzava di portare avanti le istanze dell’”uomo di montagna”.

In questo senso il PPTT poteva vantare una particolare attenzione alle periferie, al ruolo sociale del contadino di montagna che rappresenta – oggi come allora – un custode dell’ambiente naturale che permette la salvaguardia del paesaggio agricolo trentino, così come la stabilità del suolo, il mantenimento delle opere di bonifica e di miglioramento fondiario, la flora e la fauna: il tutto a favore della collettività.

Sempre disponibile ad incontrare chiunque, i trentini sapevano che – bastava un suo occhiolino – e la cosa si poteva fare.

Negli ultimi giorni abbiamo sentito da più parti chiedere: “Dove sono finiti gli autonomisti?”, a questa domanda hanno provato a dare risposta in molti. Ebbene io credo che l’essenza del Pptt – e di Enrico Pruner – sia un po’ in tutti i partiti (tranne quelli centralisti naturalmente) e un po’ in nessuno, stante il fatto che – al momento – nessuno parla più di “Autonomia Integrale” per il nostro Trentino e di tutela dell’uomo di montagna.

Claudio Cia – consigliere provinciale
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Coronavirus: molto richiesti i saturimetri, a qualcuno servono davvero
    Dall’inizio dell’allarme coronavirus la corsa ai principali dispositivi di protezione individuale sembrava inizialmente limitarsi alle mascherine ed ai gel disinfettanti per le mani, diventati poi introvabili sia nelle farmacie che sui portali online, ma ultimamente il fenomeno parrebbe essersi allargato anche a strumenti prettamente sanitari come il saturimetro. Infatti, il particolare dispositivo a pinzetta facilmente […]
  • Coronavirus: L’Italia spegne i motori e i delfini tornano nei porti italiani
    La recente emergenza sanitaria ha reso l’Italia, Paese noto per la sua vivacità e il suo calore una penisola pressoché deserta obbligando negozi, centri commerciali e molte aziende a bloccarsi per intere settimane e costringendo milioni di italiani a guardare l’arrivo della primavera unicamente dalla finestra della propria abitazione. All’ombra di tutto questo, Madre Natura […]
  • Coronavirus: dalla Cina arrivano i caschi termoscanner per la polizia
    Da qualche mese, partendo dalla Cina e allargandosi come una macchia d’olio fino all’Italia, il mondo intero si è trovato improvvisamente a combattere una guerra contro un nemico veloce ed invisibile che non sta risparmiando niente e nessuno, colpendo non solo persone ma l’economia di interi Paesi, costringendo l’unione e l’impegno di tutte le forze […]
  • Coronavirus: 3 fasi per sanificare correttamente casa
    Candeggina, gel disinfettanti, alcol e spray si stanno rivelando i migliori alleati, nonché le armi più utilizzate in questo periodo per riuscire a combattere l’invisibile nemico che da settimane sta costringendo a casa milioni di italiani. Oltre alle ormai note raccomandazione di igiene emanate dal Governo, ai dispositivi di protezione individuale come le introvabili mascherine […]
  • Cascata “rosso sangue” in Antartide, uno spettacolo della natura
    Sono passato 109 anni dal primo avvistamento di questo macabro fenomeno situato nei pressi del lago (ovviamente ghiacciato) di Bonney, in Antartide. Nonostante questa cascata dal colore ramato fosse stata avvistata per la prima volta nel 1911 dal geologo Griffith Taylor durante una spedizione, soltanto qualche anno fa alcuni studiosi sono riusciti a risalire all’origine […]
  • Cenare sotto il mare: “Under” il primo ristorante sott’acqua d’Europa
    Attraversando i quattro angoli del mondo, sono molte sono le eccentricità dal punto di vista architettonico che si incontrano, ma pochi hanno lo stile e l’originalità del primo ristorante subacqueo di Baly, lungo le coste della Norvegia, candidato a diventare uno dei più spettacolari progetti architettonici mai concepiti in fondo al mare. “Under”si presenta come […]
  • Viaggiare rimanendo a casa: dall’arte ai paesaggi, vedere il mondo con i tour virtuali
    La veloce diffusione del Coronavirus in Italia e in Europa ha costretto milioni di persone a casa, obbligandoli ad annullare progetti e piani precedentemente programmati o a posticipare prenotazioni di viaggi a data da destinarsi. Ad oggi, la fine della quarantena sembra un giorno troppo lontano e la voglia di lasciare i confini della propria […]
  • Coronavirus: sanificare le mascherine per riutilizzarle in mancanza di nuove
    Da molti giorni l’Italia sta vivendo l’ormai nota emergenza Coronavirus che, oltre al periodo di quarantena forzata richiede l’utilizzo in caso di spostamenti, di particolari presidi di protezione individuale come il disinfettante per le mani o le tipiche mascherine. Mascherine che, dall’inizio dell’allarme hanno subito un aumento vertiginoso della domanda rendendole non solo introvabili, ma […]
  • Italia: Paese “green” e leader delle rinnovabili
    Troppo spesso, l’Italia è abituata ad occupare gli ultimi posti nelle classifiche europee, alimentando i pregiudizi sul Bel Paese che in alcuni settori, quando vuole, sembra essere incredibilmente ed indubbiamente qualificato. Infatti, secondo il rapporto condotto dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale ( ISPRA) seguito poi da un’analisi dell’Agenzia Nazionale per l’Energia, […]

Categorie

di tendenza