Connect with us
Pubblicità

Trento

Assegni familiari statali: il Dipartimento per le politiche della famiglia affiancherà la Provincia

Pubblicato

-

Le misure di welfare provinciale e la loro integrazione con quelle nazionali erogate dall’Inps sono state al centro dell’incontro avvenuto venerdì a Roma presso il Dipartimento per le politiche della famiglia, al quale hanno preso parte l’assessore alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia:

Stefania Segnana, il dirigente del Dipartimento della salute e delle politiche sociali Giancarlo Ruscitti e il dirigente Gianfranco Zoppi di Apapi.

Al termine dell’incontro, i tecnici del Ministero hanno assicurato alla delegazione che la struttura affiancherà la Provincia autonoma di Trento nel portare all’attenzione dell’Inps la questione.

Pubblicità
Pubblicità

“Siamo al lavoro perché la situazione, che interessa in particolare le famiglie numerose, trovi quanto prima una soluzione consentendo dunque la coesistenza delle due misure di sostegno al reddito” ha evidenziato Segnana al termine dell’incontro che è servito anche per affrontare la questione relativa ai contributi locali e nazionali per l’abbattimento delle rette per gli asili nido.

Secondo l’Inps, infatti, chi riceve un sostegno provinciale alla natalità e alla famiglia per più di 1.032 euro l’anno (86 al mese) potrebbe vedere ridotto il proprio assegno familiare nazionale.

I due sussidi non si escludono a vicenda, ma superando tale soglia figurano come redditi anche i contributi alla famiglia erogati su iniziativa delle Province autonome di Trento e Bolzano e ciò comporta un aumento del reddito totale su cui si calcola il sussidio nazionale, che verrebbe quindi ridotto.

Una norma, comunque, non retroattiva. Ora il Dipartimento per le politiche della famiglia affiancherà dunque la Provincia autonoma di Trento per risolvere il nodo al tavolo con l’Inps.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Trento

Orrore sopra Cognola: candele e cadaveri di animali senza testa, forse resti di rituali Voodoo

Pubblicato

-

Almeno cinque carcasse abbandonate a terra, altrettante teste mozzate di galline e galli, resti di candele intorno a un focolare di sassi, noci di cocco spaccate a metà insieme a piume e sangue sparsi qui e là sul terreno circostante.

E’ questa la macabra scoperta fatta questa mattina da alcuni escursionisti, sul sentiero che dalla parte finale dell’abitato di Cognola porta verso il Calisio.

Resti certi di un rituale, la cui derivazione rimane tuttavia da accertare (le rimanenze delle noci di cocco potrebbero far pensare a un rituale voodoo) le cui tracce negli ultimi anni restano sempre più spesso visibili nelle zone di montagna o nelle campagne trentine.

Pubblicità
Pubblicità

Sul posto Daniele Demattè, che con una diretta su Facebook ha potuto documentare quanto è possibile vedere nelle immagini che alleghiamo a questo articolo.

Ho allertato le forze dell’ordine che presto saranno sul posto – ha detto Demattè – . Sono scene queste che lasciano sconvolti per il loro carattere cruento. Intollerabile inoltre la violenza inferta a questi poveri animali. Tutto questo non appartiene alla gente trentina“.

 

Pubblicità
Pubblicità

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Consegnati ieri i diplomi delle professioni alla presenza dell’assessore Roberto Failoni

Pubblicato

-

L’assessore alla promozione, sport e turismo Roberto Failoni ha partecipato nel pomeriggio alla cerimonia di consegna dei diplomi delle professioni: guida alpina, accompagnatore di montagna e maestri di sci in provincia di Trento.

“Questo pezzo di carta ha un grande valore per voi giovani che siete il nostro futuro. Spetta a voi portare vivacità e novità in questi comparti della montagna che sono fondamentali per il turismo trentino. La macchina organizzativa del turismo trentino si chiama Trentino Marketing, voi siete delle risorse preziose. Vi chiedo di fare il vostro lavoro nel migliore dei modi come senz’altro sapete fare”, ha detto l’assessore Failoni complimentandosi con tutti coloro che, quest’anno, hanno conseguito il diploma.

“Saper raccontare ciò che vi sta intorno alle persone che portate a sciare, che accompagnate in montagna e in qualsiasi altra attività svolgiate sul territorio – ha proseguito l’assessore Failoni – è il più bel messaggio che potete dare, sappiate emozionare. L’augurio che vi faccio è di iniziare al meglio queste vostre professioni, molto belle e accattivanti e molto importanti per il turismo trentino”

Pubblicità
Pubblicità

A ‘fare gli onori di casa’ e introdurre i vari relatori il dirigente del servizio turismo e sport Giorgio Cestari.

Sono intervenuti il presidente dei maestri di sci Mario Panizza, quello delle guide alpine Martino Peterlongo, la presidente dell’Associazione accompagnatori di media montagna Tina Stolcis, il presidente dell’Associazione maestri di sci Alberto Kostner, il dirigente scolastico dell’Istituto de Carneri di Civezzano Claudio March e la presidente della commissione d’esame Eva Dandrea, direttore dell’ufficio ricettività e professioni turistiche

Sono 84 gli abilitati nelle varie professioni disciplinate dalla legge provinciale 23 agosto 1993, n. 20 ‘Ordinamento della professione di guida alpina, accompagnatore di media montagna e di maestro di sci in provincia di Trento‘.

Ecco suddivisi per diplomi:

Pubblicità
Pubblicità

8 sono i nuovi abilitati all’esercizio della professione di “guida alpina – maestro di alpinismo”;

10 sono i nuovi “aspiranti guida” ( 9 maschi e 1 femmina) di cui 3 proveniente dal Liceo della montagna;

20 sono i diplomati della figura professionale dell’accompagnatore di media montagna, fra i quali, 14 provenienti dal Liceo della Montagna (7 femmine e 7 maschi); e 6 dall’Istituto “de Carneri” di Civezzano (2 femmine e 4 maschi)

31 sono i maestri di sci delle discipline alpine (15 femmine e 16 maschi) di cui 7 provenienti dal Liceo della Montagna;

3 sono i maestri di sci delle dello snowboard tutti provenienti dal Liceo della Montagna (1 maschio e 2 femmine);

12 sono i maestri di sci delle discipline del fondo, di cui 2 provenienti dal Liceo della Montagna (9 maschi e 3 femmine)

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Domani torna la neve in Trentino.

Pubblicato

-

Il bel tempo e il sole, e in alcune ore anche le temperature miti per il periodo non dureranno molto.

Questa notte e nella mattinata di domani è previsto infatti molto nuvoloso con alcune deboli precipitazioni, nevose, anche a quote molto basse e schiarite già dal pomeriggio. Domani e venerdì calano anche le temperature massime. 

Venerdì e sabato sono attese però ulteriori precipitazioni, sempre deboli e nevose anche a quote molto basse. Domenica tornerà il sole su tutto il Trentino

PubblicitàPubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza