Connect with us
Pubblicità

Trento

I complimenti di Fugatti e Failoni alla squadra dei Vigili del Fuoco Allievi

Pubblicato

-

Si sono allenati a lungo, con impegno, e alla fine hanno conquistato il podio, con il terzo posto alle “Olimpiadi” per allievi Vigili del Fuoco, i Giochi Internazionali CTIF che si sono tenuti dal 14 al 21 luglio a Martigny, in Svizzera.

Ieri sera, nel palazzo della Provincia, assieme ad un attestato per la partecipazione alle “Olimpiadi”, hanno ricevuto i complimenti del presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti, dell’assessore allo sport Roberto Failoni e del presidente della Federazione dei Corpi dei Vigili del Fuoco Volontari della Provincia di Trento Tullio Ioppi.

Sono i dieci giovani selezionati per rappresentare il Trentino e l’Italia in una competizione che richiede capacità tecnica e di lavoro in squadra, proprio le caratteristiche richieste ai Vigili del Fuoco nei loro interventi. Con loro anche tecnici ed accompagnatori.

PubblicitàPubblicità

“Grazie – ha detto il presidente Fugatti – per aver tenuto in alto il nome del Trentino dimostrando che i nostri giovani impegnati come allievi dei Vigili del Fuoco sono capaci di mettersi in gioco e in grado di dare continuità ad una realtà unica nel panorama del volontariato e della Protezione Civile.

 E’ un ottimo risultato sportivo – ha sottolineato l’assessore Failoni – ma è anche un grande ritorno di immagine per i nostri Vigili del Fuoco e per il Trentino. Vigili del Fuoco e allievi rappresentano un grande orgoglio per la nostra comunità, una realtà a cui abbiamo dato e vogliamo continuare a dare grande attenzione, consapevoli della sua importanza”.

“Questi ragazzi – ha aggiunto Ioppi – hanno dimostrato un impegno e una costanza non comuni, che hanno portato ad un grande risultato in una competizione molto impegnativa. Ancora una volta è stato piantato un seme da cui potrà crescere una grande pianta”.

I Giochi Internazionali dei Vigili del Fuoco Allievi organizzati dal CTIF sono giunti quest’anno alla 22° edizione; la prossima sarà in Slovenia nel 2021.

La manifestazione prevede la partecipazione di squadre di Vigili del Fuoco Allievi delle nazioni iscritte al CTIF, con un massimo di 3 squadre per nazione (4 squadre per chi organizza e per chi ha vinto l’edizione precedente) purché almeno una sia femminile.

A Martigny si sono sfidate 56 squadre provenienti da 23 nazioni.

L’Italia era rappresentata dalla formazione del Trentino, con dieci atleti, e da due dell’Alto Adige, una mista e una femminile.

La competizione si è svolta in due fasi: una manovra tecnica su un percorso da 75 metri e una staffetta di 400 metri.

Il terzo posto del Trentino è il frutto della preparazione della squadra durata 10 mesi, a cadenza pressoché settimanale, e dell’impegno dei tecnici, accompagnatori e istruttori che hanno seguito i giovani in questo percorso.

Per entrare in squadra gli allievi, provenienti da ogni valle del Trentino, hanno dovuto superare delle selezioni in base all’attitudine fisico-sportiva.

Al di là del risultato agonistico, è un bel segnale per una realtà, quella degli allievi Vigili del Fuoco Volontari, chiamata a dare continuità ad un’esperienza – il volontariato di Protezione Civile – che in Trentino vanta una tradizione e raggiunge numeri senza pari nel Paese.

Della squadra Trentina facevano parte: Francesco Battistoni– Corpo VVF Besenello, Gabriele Bertelli– Corpo VVF Ragoli, Marco Calliari– Corpo VVF Mezzolombardo, Alessia Cova– Corpo VVF Bleggio Inferiore, Sebastiano Covi– Corpo VVF Fondo, Maira Franceschetti– Corpo VVF Bersone, Emanuele Girardi– Corpo VVF Zambana, Angelo Paoli– Corpo VVF Ragoli, Emily Tonni– Corpo VVF Lardaro e Michele Valentini– Corpo VVF di Tione.

Con loro il preparatore atletico Daniel Sansoni, i tecnici Antonio Dalrì e Tiziano Brunelli, gli accompagnatori-preparatori Hayram Lorenzini e Giacomo Bresadola. Alla manifestazione hanno partecipato, come giudici, anche Danilo Dalprà e Corrado Paoli.

Il CTIF (Comitato tecnico internazionale di prevenzione ed estinzione del fuoco) è stato fondato a Parigi nel 1900 ad opera di unioni di Vigili del Fuoco di diversi paesi europei.

Il suo scopo è realizzare un programma di scambi di esperienze e creare una rete di amicizie e conoscenze nel settore dei servizi antincendio.

Le gare sono state organizzate a partire dal 1951, ed hanno l’obiettivo tra l’altro di migliorare il livello di addestramento dei vari Corpi.

Ogni paese membro del CTIF può partecipare alle gare nelle categorie “Tradizionale”, che si svolgono ogni quattro anni, e “Allievi”, che si svolgono ogni due anni.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Giappone propone vacanze quasi gratis per rilanciare il turismo
    Negli ultimi mesi, il Giappone come tutti gli altri Stati del mondo, ha subito un forte rallentamento dal punto di vista turistico a causa dell’emergenza sanitaria da Covid – 19, arrivando ad un calo del 99.9% del turismo locale con neanche 3 mila arrivi durante il mese di aprile. Inoltre, considerando che il 2020 avrebbe […]
  • Coronavirus: distributori automatici di mascherine gratuite
    Nel periodo in cui la massima attenzione all’igiene e al distanziamento sociale sono la priorità principale per ogni Governo del mondo, la città di Singapore in stato di lockdown fino a giugno, ha deciso di contenere la diffusione da Covid – 19, garantendo a tutti i cittadini mascherine gratuite attraverso particolari distributori automatici. La caratteristica […]
  • NASA, progetta il sistema per prevedere alluvioni e siccità fino a 60 giorni prima
    Vista dallo spazio la Terra appare come un Pianeta Blu grazie alle grandi distese di acqua in continuo movimento che ricoprono il 70% dell’intera superficie. Da quando evapora, fino a quando cade pioggia alimentando le falde acquifere, l’intero ciclo dell’acqua dolce è così importante da essere al centro di alcuni programmi di ricerca internazionali volti […]
  • Borghi italiani dimenticati: incentivi, bonus e aste a partire da 1 euro per ripopolarli
    Da nord a sud l’Italia intera è costellata di Borghi che conservano, identità, mestieri e saperi di un patrimonio immateriale e materiale di una storia unica al mondo certificata dall’Unesco. Alcuni di questi, vengono chiamati “comuni a rischio scomparsa” a causa delle loro ridottissime dimensioni, eppure fanno parte del patrimonio storico e artistico italiano, rappresentando […]
  • Covid, oltre 60.000 perdono il lavoro: lo Stato li assume per un importante progetto
    L’emergenza sanitaria da Coronavirus con le misure preventive, indubbiamente necessarie al fine di contrastare la pandemia, hanno gravemente frenato i consumi mondiali, con pensanti ripercussioni sull’intero tessuto imprenditoriale. Tutto questo, ha portato inevitabili e devastanti conseguenze non solo per le abitudini sociali, ma anche e sopratutto per il settore produttivo ed economico. Nel mondo infatti, […]
  • Coronavirus: da nord a sud l’Italia ringrazia con vacanze gratis ai sanitari impegnati nella battaglia
    Nonostante l’emergenza sanitaria, lo abbia pesantemente logorato, esiste un pezzo del settore turistico italiano che vuole ringraziare tutti i medici, operatori sanitari e ausiliari che, durante questi mesi sono stati impegnati, spesso senza tregua per salvare le vite di moltissime persone affette da Coronavirus dedicando loro una splendida ed esclusiva vacanza gratuita. Infatti, in vista […]
  • Civita Bagnoregio: l’incredibile borgo sospeso sulla Valle dei Calanchi
    Tra il lago Bolsena e la Valle del Tevere, nel Comune di Bagnoregio in provincia di Viterbo, si estende un’ immensa area lunare che regala un paesaggio davvero particolare caratterizzato da una successione di rocce argillose in erosione per effetto degli agenti atmosferici detti “calanchi”. Quello dei calanchi è un ambiente decisamente unico che offre […]
  • La Vespa Samurai usata in agricoltura contro il “nemico”, la cimice asiatica
    Arrivata in Italia nel 2012, la cimice marmorata (Halyomorpha halys) detta anche cimice asiatica, è una specie invasiva aliena proveniente dalla Cina che, nel corso del 2015 dopo una rapida e capillare diffusione in quasi tutte le Regioni italiane, ha causato ingenti danni sopratutto alle produzioni ortofrutticole concentrandosi su meli, peri, peschi e ciliegi. A seguito […]
  • Australia in lockdown e senza turisti: i sub decidono di ripopolare la Grande Barriera Corallina
    Quando, a causa di un’emergenza sanitaria mondiale i turisti non ci sono, la natura risorge e ne approfitta per riappropriarsi degli spazi o, più incredibilmente concedere alla mano umana di rallentare il declino di alcune delle zone più belle del mondo. Si tratta della Grande barriera Corallina al largo delle coste australiane che, a causa […]

Categorie

di tendenza