Connect with us
Pubblicità

Trento

Giornata dell’autonomia, Fugatti: «Inizio nuovo governo preoccupante»

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Quello del governatore Trentino Maurizio Fugatti ieri alla giornata dell’autonomia è stato un intervento di attacco e molto critico nei confronti del nuovo governo.

Ha ricordato che l’alleanza PD – 5 stelle ha subito impugnato la legge anti migranti del Friuli Venezia Giulia con la motivazione che la normativa va oltre le competenze della Regione e contiene norme discriminatorie nei confronti dei migranti.

«Lo sapevamo – ha detto Fugatti – il nuovo governo formato da M5s e PD non è amico delle Regioni del Nord e delle autonomie. Il suo primo provvedimento è stato quello di impugnare una delibera di un’autonomia speciale. Nel precedente governo era la Lega a portare avanti la partita autonomista, ora vedremo come andrà a finire, certo è che l’esordio è preoccupante».

Pubblicità
Pubblicità

Il governatore ha ricordato anche alcune tappe della sua gestione: come lo stop ai corsi d’Italiano inutili, ai viaggi gratuiti sui mezzi di trasporto pubblici e il ridimensionamento di Cinformi. Provvedimenti che mettono prima gli italiani.

L’esempio è quello degli studenti che viaggeranno a metà prezzo e gli anziani che che non dovranno pagare per spostarsi con gli autobus, le corriere e i treni.

Fugatti durante il suo intervento si è soffermato sull’accordo De Gasperi – Gruber, firmato a Parigi il 5 settembre del 1946, che rappresenta un caso unico nella storia, frutto innanzitutto della situazione geopolitica che si è venuta a creare in Europa dopo la fine del secondo conflitto mondiale, ma anche delle aspirazioni delle popolazioni interessate.

Pubblicità
Pubblicità

Ricorrente, negli interventi delle autorità, è stato anche il tema dell’importanza dell’investimento in cultura e in consapevolezza di cosa sia l’autonomia e di quali siano le sue potenzialità. In questa cornice si inserisce il percorso di ricerca e formazione dedicato a “Storia, autonomia, cittadinanza”, promosso da Iprase in collaborazione con la Fondazione Museo storico del Trentino.

Il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti ha evidenziato quale sia la rilevanza strategica del rapporto tra le Province di Trento e di Bolzano, della collaborazione regionale e di quella euroregionale, definite “garanzie di sviluppo della nostra autonomia”.

Ha invitato a lavorare assieme sulla consapevolezza di vivere in un territorio particolare e sulla conoscenza dell’autonomia. “Il tema – ha detto – è importante tanto per la classe dirigente quanto per la comunità, in un momento in cui talvolta si ha la sensazione che siano affievoliti senso di appartenenza e responsabilità”.

In particolare si deve lavorare sui giovani, ha aggiunto, per rinnovare l’interesse su una pagina di storia che riporta momenti di alta politica.

“L’accordo – ha detto Fugatti – segnò un momento di discontinuità rispetto a come si era trattata la situazione dei territori nel primo dopoguerra; come soluzione per impostare una pacifica convivenza”.

Il presidente ha inoltre posto l’accento sulla “questione trentina”, l’aspirazione autonomistica sviluppata attraverso esperienze di autogoverno.

“De Gasperi – ha ricordato Fugatti – ha difeso e sostenuto l’autonomia trentina tanto nei confronti dell’Austria, quanto, anni dopo, nei confronti dell’Italia”.

Oggi, ha concluso, il tema deve essere declinato in modo nuovo e attualizzato, ricordando che l’autonomia non è un privilegio ma una risorsa.

Il presidente della Provincia autonoma di Bolzano Arno Kompatscher, anche nella sua veste di presidente della Regione autonoma Trentino Alto Adige/Südtirol, ha ricordato come il compromesso sia l’unica strada per pacificare i conflitti e che l’autonomia ha offerto benessere, pace e sviluppo.

Anche l’Europa, ha sottolineato, è il risultato del lavoro di persone che hanno avuto il coraggio di fare compromessi.

Il presidente del Consiglio della Provincia autonoma di Trento Walter Kaswalder ha invitato ad impegnarsi contro i segnali di disaffezione e di distanza tra le persone e la politica. Ha rimarcato l’importanza di riportare il Trentino alla partecipazione e all’impegno politico facendo conoscere ai cittadini, partendo dai giovani, le istituzioni e le possibilità dell’autonomia.

Il presidente del Consiglio delle autonomie locali Paride Gianmoena ha citato i valori dell’attaccamento al territorio, dell’armonico sviluppo, della fiducia nell’essere comunità, come elementi distintivi di chi presidia zone di montagna, dove la marginalità invita a mettere assieme le forze.

Tra le sfide più attuali ha citato le politiche di contrasto allo spopolamento, il tema della governance dei territori, la semplificazioni normativa e il sostegno, soprattutto ai piccoli Comuni.

A seguire si è tenuta la “Lectio magistralis” di Andrea Di Michele, storico della Libera Università di Bolzano, sul tema “L’Accordo De Gasperi – Gruber nell’Europa dell’immediato secondo dopoguerra”, introdotta da Giuseppe Ferrandi, direttore generale della Fondazione Museo storico del Trentino.
Ferrandi ha evidenziato l’importanza di colmare il divario tra dotazioni e consapevolezza dell’autonomia, anche attraverso una conoscenza storica regionale.

Andrea Di Michele ha invitato a leggere l’accordo De Gasperi – Gruber partendo dalla situazione che si è determinata nell’ immediato dopoguerra attraverso il ruolo delle potenze vincitrici.

Determinanti furono la volontà di pacificare l’Europa, i timori rispetto a dichiarazioni troppo impegnative sul tema dell’autodeterminazione, la particolare situazione dell’Italia, paese cobelligerante e in una posizione strategica, il diffuso sentimento anti tedesco. Per questo, individuando collaborazioni tra territori e popolazioni, l’accordo si configura come un atto particolare che in qualche modo ha anticipato temi che si sarebbero imposti più tardi nella cornice europea.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento2 ore fa

Basta catene ai cani, multe fino a 800 euro. Claudio Cia: «Disegno di legge di civiltà»

Val di Non – Sole – Paganella3 ore fa

Messa in sicurezza della SS421, la soddisfazione di Denis Paoli: «Appalto del secondo lotto previsto a inizio 2023»

Val di Non – Sole – Paganella3 ore fa

Vigili del Fuoco Val di Sole: quest’anno 1.500 interventi per 380 pompieri effettivi

Fiemme, Fassa e Cembra4 ore fa

Ospedale Cavalese: la Giunta dichiara l’interesse pubblico

Val di Non – Sole – Paganella4 ore fa

Bentornato sci: a Pontedilegno-Tonale aprono gli impianti, via a una nuova stagione invernale

Val di Non – Sole – Paganella4 ore fa

Melinda vince il premio «Vivere a spreco zero 2022» nella categoria ortofrutta

Sport5 ore fa

Morto il ciclista Davide Rebellin: è stato travolto da un camion

Piana Rotaliana6 ore fa

Living LAB alla FEM «Vite e clima: quali scenari futuri?»

Trento7 ore fa

Trento terza nella classifica italiana delle città più digitalizzate ICity Rank ‘22

Bolzano7 ore fa

Rubano i vestiti ad un anziano in ospedale: l’azienda sanitaria chiede lo scontrino per risarcire

economia e finanza7 ore fa

L’indice di fiducia dei consumatori trentini rimane negativo. Cala anche il potere d’acquisto dei consumatori

Ambiente Abitare7 ore fa

Lupi, Enpa: «un’altra conferma che l’allarme-lupo è strumentale»

Trento7 ore fa

APT: Pinè e Cembra cambiano casa e si uniscono con Trento

Val di Non – Sole – Paganella8 ore fa

Caso Iob: David Dallago rimane in carcere

Trento8 ore fa

Manifesti contro il gender all’Università di Trento, Coordinamento DAria: «Propaganda gender business sulla pelle delle persone»

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Monica Cadau perde il ricorso al TAR e dovrà risarcire il comune di Borgo e il Ministero

Trento2 settimane fa

A Trento è arrivata “Pokè Monade”, la Poke trentina!

Trento1 settimana fa

Avvistato un branco di lupi tra Centa San Nicolò e Caldonazzo

Trento3 settimane fa

Occupa abusivamente 3 parcheggi da anni e nessuno fa nulla

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Morte neonato a Cles: era già successo 42 anni fa

Trento1 settimana fa

I pendolari della sanità trentina: «È l’unico modo per curarsi e rimanere in vita»

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Massimiliano Lucietti è morto mentre era a terra per sparare

Trento3 settimane fa

Le sconcertanti e imbarazzanti parole di Antonio Ferro sulle Oss trentine

Le ultime dal Web2 settimane fa

Tesla Model Y impazzita uccide due persone – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Non più lezioni, ma esperienze in montagna. A Molveno apre la nuova «Non scuola di sci»

Trento3 settimane fa

Non poteva essere l’avvocato della Provincia di Trento. La corte dei Conti chiede 113 mila euro di risarcimento a Giacomo Bernardi

Trento2 settimane fa

Gardolo: autobus va contro un’auto, manda a quel paese il guidatore e scappa

Trento2 settimane fa

Trento in lutto, è morto Rinaldo Detassis fondatore di Elettrocasa

Trento3 settimane fa

Paura in Trentino per una scossa di Terremoto

Rovereto e Vallagarina5 giorni fa

Via libera per la costruzione della mega stalla a Terragnolo. La polemica però continua

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza