Connect with us
Pubblicità

Trento

La battaglia contro il cancro di Gianenrico Sordo continua: «Il coraggio delle scelte e l’aiuto di Padre Pio»

Pubblicato

-

«Per lei non c’è più niente da fare, al posto suo andrei a fare un bel giro intorno al mondo per poi tornare ed attendere la morte».

Sono state queste le parole pronunciate da un medico a Gianenrico Sordo alla fine di febbraio 2018 l’indomani dell’intervento dove nel tentativo di combattere un cancro gli viene asportato il colon discendente il sigma e un pezzo di retto.

Gianenrico Sordo scopre di avere un cancro il 2 febbraio 2018 dopo una colonscopia e viene immediatamente operato il 13 febbraio nell’ospedale di Monza.

Pubblicità
Pubblicità

Sembra andare tutto bene, dopo 7 giorni il ritorno a casa e l’inizio della riabilitazione dove riprende a fare piano piano la sua vita con tutte le abitudini giornaliere di prima.

Sembra però, infatti il male non è sconfitto, anzi, riprende più forte di prima e aggredisce il fegato: la diagnosi è senza speranza, metastasi al fegato inoperabile.

Ma questa è solo una sintesi della prima parte della storia che abbiamo già raccontato in un precedente articolo datato il 20 aprile 2018. (clicca qui per leggerlo)

Ma come sarà finita la storia? Ora ve lo raccontiamo. 

Gianenrico Sordo nonostante l’ultima terribile diagnosi non si da per nulla per vinto, anche se sa bene che la battaglia è impari.

La situazione infatti è davvero grave e le metastasi sono bilobari cioè in entrambi i lobi del fegato e due sono attaccate alla vena porta. La situazione è gravissima.

E che lo sia per davvero Gianenrico lo scopre rivolgendoci ai migliori centri oncologici e chirurgici in Italia.

Dall’Istituto dei tumori di Milano, alla clinica universitaria di Padova, all’azienda ospedaliera di Verona, all’ospedale di Ancona, fino ad arrivare in Israele leader nella immunoterapia la risposta è sempre la stessa: «Purtroppo vengo classificato come paziente inoperabile a causa delle lesioni multiple e della loro collocazione»spiega lo stesso Gianenrico

Per lui è il momento delle gradi riflessioni sulla vita ma anche sul da farsi: procedere con la Chemioterapia o trovare vie alternative?

«Personalmente non ho mai creduto molto nella Chemioterapia  – sottolinea Gianenrico – sapevo infatti che è devastante e che poteva non portare a nulla se non a peggiorare definitivamente le mie condizioni portandomi ad uno stile di vita pessimo negli ultimi mesi di vita»

Ma anche se con poca convinzione opta per procedere con della chemioterapia neo adiuvante e adiuvante eseguita con farmaci molto pesanti.

Ma la via seguita è molto impervia e rischiosa, infatti le analisi biologiche e alcuni mutamenti classificano Gianenrico come paziente non ideale alla chemioterapia ed in particolare ai nuovi farmaci biologici monoclonali. Ma c’è anche di peggio: la stabilità dei micro satelliti da poche speranze che la terapia immunitaria possa avere successo su di lui.

Ma ormai siamo alla disperazione e il tempo stringe. 

Gianenrico comincia il primo ciclo di chemioterapia e gli effetti sono devastanti. Il farmaco usato per via endovenosa è un derivato del platino. Per assorbire meglio il bombardamento della chemioterapia dovrebbe prendere delle pastiglie che però possono risultare letali e portarlo subito alla morte.

Per lui pare non esserci una via d’uscita, deve solo scegliere come morire. Una tristezza.

Ed è proprio in quel momento che sceglie la via, che insieme al destino, lo porterà a sconfiggere la morte.

Non continua più la Chemioterapia in accordo con il primario dell’ospedale di Bolzano «Lo stesso primario mi disse che su di me gli effetti erano troppo tossici» – ricorda Gianenrico.

Dopo il ritorno a casa gli effetti devastanti si fanno ancora sentire e  deve farsi ricoverare all’ospedale di Borgo. «Avevo la lingua, le braccia e le gambe paralizzate, febbre altissima e avevo perso il 30% dell’udito, ormai ero un vegetale»

Dopo alcune settimane si riprende e comincia a combattere nuovamente contro la malattia. Scegliendo però un’altra strada, quella della conoscenza.

«Decido di prendere in mano la situazione ed inizio a studiare la malattia leggendo testi di medicina e tutte le pubblicazioni medico scientifiche su protocolli alternativi così inizio a seguire dei cambiamenti radicali nel mio stile di vita che in realtà non era mai stato comunque irrispettoso della mia salute. Inizio a nutrirmi unicamente di frutta e verdura eliminando completamente gli zuccheri raffinati, elimino i carboidrati utilizzando esclusivamente poche farine integrali, elimino la carne e i latticini ed inizio ad utilizzare dei prodotti alternativi tra cui due diventano importantissimi: il Synchro levels rigeneratore cellulare scoperto dal Professsor Bovia, prodotto che reputo fondamentale nel mio percorso, e l’ascorbato di potassio con ribosio con alcuni funghi in particolare Reishi e dosi importanti di vitamina D».

Gianenrico prende in quel momento un’altra decisione che gli salverà la vita. Si rivolge al nostro giornale per raccontare la sua storia, perché pensa che possa aiutare altri malati a non mollare. Detto fatto. L’articolo esce il 20 aprile 2018, (leggi qui) viene letto da oltre 40 mila lettori e scatena una gara di solidarietà sui social.

Fra questi c’è anche un amico dello staff del professor Torzilli, Direttore del Dipartimento di Chirurgia Generale e Direttore della Divisione di Chirurgia Epatobiliare  di Humanitas, ospedale ad alta specializzazione, centro di Ricerca e sede di insegnamento universitario di Milano che incuriosito da quanto scritto contatta Gianenrico chiedendo di incontrarlo. È la svolta incredibile.

«Dopo vari incontri con il suo staff apprendo dal professor Torzilli, uomo di un’umanità incredibile, che non solo sono operabile, ma anche che sta sperimentando uno dei prodotti su cui si basa il mio protocollo personale, il synchro levels. Questo rafforza la mia convinzione sul percorso da seguire anche perché mi stavo riprendendo molto bene dalla chemioterapia e i controlli risultavano positivi e le metastasi non erano cresciute». 

Nel frattempo Gianenrico riprende il lavoro con una certa energia e corre anche per una decina di chilometri ogni due giorni. «Mi sentivo bene, e volevo lottare fino in fondo, la mia idea era quella di continuare la vita normale come non fossi malato, per questo non ho mai cambiato le mie abitudini, nemmeno quando stavo male»

In pieno accordo con il professor Torzilli il 21 agosto 2018 viene operato eseguendo una resezione epatica con un’intervento molto pesante in cui vengono asportate 8 fette di fegato e 15 metastasi epatiche, la totalità delle metastasi visibili in sede intra operatoria.

Il dopo intervento è molto pesante, a causa della toracotomia, dolori pesantissimi a causa del taglio dei muscoli addominali e dorsali e taglio delle nervature.

«Ero molto motivato a guarire presto, e già al terzo giorno mi sono alzato ed ho cominciato a camminare trasportando i drenaggi in 5 damigiane poste su un carrellino. Sentivo molto dolore ma la voglia di recuperare in fretta era più forte.»

Dopo 9 giorni di ricovero viene dimesso ma anche in questo caso il recupero che pare veloce s’interrompe quasi subito.

Ad ottobre viene ricoverato nuovamente per colpa di un importante versamento pleurico. Il polmone destro è in atelettasia, massacrato da oltre 3 litri di versamento. Negli esami clinici vengono individuati anche dei noduli aspecifici al polmone oggi non più evidenti.

Nei mesi successivi riprendono il lavoro e le sue uscite a correre all’area aperta. I chilometri e la resistenza aumentano ogni giorno anche se per sei lunghi mesi è aggredito da una fastidiosa febbre che sale la sera. Intanto gli esami del sangue migliorano di giorno in giorno.

E così passano i mesi, gli esami di controllo che ogni volta creano un pochino di patos, fino all’appuntamento importante del 30 novembre.

In quel frangente saranno eseguiti la RMN all’ addome con contrasto e il controllo del fegato.

L’esame è perfetto, non ci sono recidive.

«Il prof. Torzilli mi disse di andare cauto e non stappare bottiglie di champagne perché avevo solo il 2/3% di probabilità di non presentare recidive nei prossimi mesi, e che la sopravvivenza fino a 5 anni è bassissima»

Ma per uno che avrebbe dovuto già essere morto da un pezzo è senza dubbio una bella botta di ottimismo.

È normale pensare che ci possa essere quindi qualcosa di soprannaturale in quando sta succedendo.

Gianenrico questo però lo svelerà molto tempo dopo e con una certa reticenza e solo alle persone più care.

«Ricordo benissimo la risonanza magnetica del 30 novembre, si, perché dentro quella macchina mi comparve Padre Pio e fu un’emozione incredibile che cominciò ad avvicinarmi a Dio»

Ma padre Pio era già apparso molte volte in sogno a Gianenrico, specie nei momenti più drammatici, e per questo aveva deciso di andare a pregare a San Giovanni Rotondo. Anche li pare sia successo qualcosa, ma di questo lui non ha mai voluto parlare con nessuno.

Ma torniamo alla riabilitazione.

Il tempo passa, e tutti i controlli sono sempre negativi, e la capacità polmonare aumenta ogni giorno riuscendo a correre 10/15 chilometri ogni 2 giorni come faceva prima della malattia.

Il 7 maggio del 2019,a  distanza di 7 mesi, arriva una nuova risonanza magnetica al fegato. «Esco dalla macchina e vedo piangere di felicità mia sorella – ricorda commosso Gianenrico – è la terza volta che la vedo piangere ma capisco che piange per la felicità. È tutto negativo e non appaiono lesioni epatiche evidenti di nessun tipo. Questa volta al controllo chirurgico il prof. Torzilli ha un bel sorriso stampato sulle labbra. Sono il suo miglior paziente mi dice. La cicatrice è quasi scomparsa, i polmoni sono perfetti, gira il monitor verso mia sorella e dice, “guardi i polmoni, suo fratello è il classico caso di auto guarigione, nessuna traccia di versamento, di atelettasia. E guardi il fegato, se non sapessi che è stato operato perché l’ho operato io non si vedrebbe”…»

Poi il primo di agosto 2019 è la volta della PET e anche questa risulta negativa

Intanto Gianenrico continua quello che lui chiama «protocollo», che è un nuovo stile alimentare che a suo dire serve per non alimentare le cellule tumorali. In proposito viene a conoscenza che tale tipo di nutrizione viene studiata da più di un medico.

Ora sta bene e la sua vita è ritornata come prima, «anzi – osserva – meglio di prima perché sono diventato consapevole di molte cose»

La sua è una storia incredibile e per certi versi terribile, di un uomo che doveva essere morto ad aprile del 2018.

Un racconto che però non è ancora finito «Ora sto bene ma so che per guarire definitivamente devo superare almeno i 5 anni, ma intanto mi sono regalato quasi 2 anni più di vita»

Ma quanto raccontato da Gianenrico apre ancora per l’ennesima volta nuovi scenari ed interrogativi sulla medicina oncologica.

E qui tornano in ballo «il tradimento della medicina in nome del profitto»«il business assassino delle case farmaceutiche» e i vecchi interrogativi legati alla medicina alternativa.

Il problema è che spesso il malato si trova in uno stato di shock tale che non riesce a riflettere sul da farsi.

A noi quasi sempre non è data nessuna possibilità di scelta e al contempo non è permesso, oppure viene fortemente ostacolato, ogni tipo di ricerca e sperimentazione sulle terapie alternative.

La chemioterapia continua a mietere vittime, al pari dei grandi genocidi del ventesimo secolo.

Nel caso di Gianenrico la chemioterapia sarebbe stata una pratica assassina che non guarisce dal cancro, un qualcosa che lo avrebbe ucciso.

Giungere a questa conclusione è inevitabile, se si analizzano i dati ufficiali forniti dalla ricerca e soprattutto se si pone attenzione alla storia e alla formazione del potere medico negli ultimi cento anni.

Medicina, psichiatria, interessi farmaceutici e conflitti mondiali si intersecano e creano le condizioni fondamentali per la creazione del sapere chemioterapico, di fronte al quale il cittadino comune non riesce e non può opporsi. La libertà di scelta terapeutica non è in alcun modo contemplata dal nostro sistema.

Se qualcuno ha ancora dei dubbi legga qui cosa dice il Prof. Ermanno Leo – oncologo di fama mondiale. «Tutti sanno che la soluzione del cancro non sarà la chemioterapia.»

Ma veniamo, per ora almeno, al lieto fine di quella che vogliamo chiamare «la seconda puntata» di un percorso inaspettato di guarigione sentendo le parole di Gianenrico Sordo.

«Quando ho scoperto di avere il cancro ed in particolare dopo la diagnosi di metastasi – spiega –  in un primo momento mi è crollato il mondo addosso: io imprenditore, due partite IVA, agente di commercio per un produttore di alluminio e amministratore unico di una società con molto futuro di fronte a me non sapevo più che fare, alla mia età non potevo più sognare.» 

«È vero, il destino mi ha guidato nelle scelte, ho incontrato le persone giuste al momento giusto, come per esempio la Voce del Trentino che ha avuto il coraggio di raccontare la mia storia senza nessuna paura e che grazie a questo mi ha fatto trovare il professor Torzilli che mi ha salvato la vita»

«I pochi giorni persi di lavoro sono stati quelli da ricoverato, – continua – ma anche in ospedale il mio fedele P.C era sempre con me permettendomi di lavorare. Ho affrontato il cancro con coraggio e determinazione, prendendo decisioni difficili. Ho rifiutato medicine, farmaci antidolorifici, ho combattuto come un guerriero facendo cose incredibili di cui mi sono stupito, ma soprattutto mi sono avvicinato a Dio accompagnato nel mio percorso da un grandissimo santo, Padre Pio. Oltre un anno fa ero classificato malato terminale senza speranza con inabilità al lavoro del 100%, oggi sono ancora vivo e in grandissima forma fisica, grazie a professori comprensivi, meravigliosi ma soprattutto competenti».

E ancora: «Continuo il mio protocollo ogni giorno, cerco di aiutare gli altri malati con comprensione e aiuto. La mia strada non è finita, ne sono perfettamente consapevole, è ancora lunga, il cancro metastatico è viscido, subdolo, potrei morire nei prossimi mesi o vivere fino a 100 anni, ma ora lo faccio in modo diverso perché  ho capito il sapore della vita, il piacere di svegliarsi la mattina, il piacere di andare a lavorare con gioia e passione».

«Il cancro non è un dono, – conclude Gianenrico – anzi, ma in certe situazioni capisci quanto vali, ho imparato a soffrire con dignità, ho imparato a vivere il presente, a non perdere nemmeno uno solo minuto con persone inutili e dietro cose inutili. Ho imparato che siamo ciò che mangiamo e ciò che pensiamo e corro, corro più che posso, non mi interessa la competizione, la competizione è con me stesso, corro perché è il mio modo di pregare, di essere riconoscente per ciò che la vita mi ha dato e mi ha reso»

Ho vissuto il calvario di Gianenrico molto da vicino, ogni giorno ed ogni ora, prima da semplice spettatore, poi da editore di un giornale, ed infine, spero, da amico.

E c’è stato un solo momento dove ho pensato di perderlo per sempre, quando ha cominciato la chemioterapia.

In quella tragica telefonata che lui mi fece e che ricorderò per tutta la vita, mentre era ancora sotto l’effetto del trattamento ho sentito la sua voce ferma e autorevole trasformarsi in flebile ed insicura, la sua voglia di vivere e combattere in voglia di farla finita il più presto possibile.

Ed allora ho pensato: «Come può esistere una cosa così devastante che dicono potrebbe guarirti?»

Quando questa cosa non la vivi in prima persona certe volte non sai che dire e che fare e attendi passivamente il normale svolgersi delle cose.

Pur animati dalle migliori intenzioni, amici e parenti possono fare e dire cose che invece di incoraggiare, rinfrancare e confortare il loro caro, risultano controproducenti.

Credo che il malato di cancro abbia il diritto di sentirsi un essere umano alla pari di tutti.

Gianenrico ha fatto la scelta di essere uguale agli altri e di fare la stessa vita alla pari degli altri, certo sforzandosi e provando a volte un grande dolore. In oltre 16 mesi non ho mai sentito uscire dalla sua bocca una sola parola di sconforto, di paura, di tristezza. Un’esperienza sconvolgente per me, figuriamoci per lui. 

Per chi ha deciso di stare vicino a lui in questo lungo percorso è stato un grande insegnamento di vita, già, una vita che continua meglio di prima e che vuole a tutti i costi vedere  nascere il sole al mattino e sconfiggere le tenebre per sempre.

Sembra una terribile pagina di vita di chi vive nel grande stagno dell’umanità dove a volte senza nessun riguardo vengono violate le più semplici regole della vita e dove vivere o morire, diventano solo coincidenze, particolari, piccole cose che volano via in un piccolo istante.

A cura di Roberto Conci (roberto.conci@lavocedeltrentino.it)

 

 

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Non solo cellulari: i cittadini digitali riparano il modello lineare dell’economia

Pubblicato

-

Nella “Piazza digitale“, grande affluenza e interesse per il laboratorioAggiusta il tuo rapporto con l’elettronicaproposto da HIT nel pomeriggio di sabato 21 settembre in Piazza Duomo.

Numerosi i cittadini che hanno risposto alla chiamata lanciata e che si sono cimentati nell’apprendimento di tecniche di progettazione e razionalizzazione di iniziative innovative e per riparare ciò che non funziona più: dal vecchio cellulare… al modello economico dell’usa-e-getta.

Essere cittadini digitali non significa solo conoscere le “istruzioni per l’uso” dei tanti e diversi strumenti tecnologici con cui abbiamo a che fare tutti i giorni, ma anche quelle “oltre al loro uso”.

Pubblicità
Pubblicità

Per questo motivo l’edizione 2019 della Trento Smart City Week ha dedicato particolare attenzione al tema della sostenibilità ambientale ed in particolare alla corretta gestione dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE), organizzando diversi laboratori nel Villaggio Digitale di Piazza Duomo.

Tra questi anche “World Cafè: aggiusta il tuo rapporto con l’elettronica”, l’evento organizzato da Hub Innovazione Trentino ed inserito nel più ampio progetto europeo REFER (Raw Engagement for Electronics Repair) finanziato dalla KIC EIT RAW Materials  in collaborazione con 6 partner internazionali.

Un vero e proprio successo da sold-out. Sabato 21 settembre sono stati 25 – il massimo numero consentito – i “cittadini digitali” che hanno testato le proprie doti di riparazione provando a disassemblare piccole apparecchiature elettroniche, dal vecchio GameBoy Advance al case di un computer. Successo anche per l’attività di bigiotteria e di ri-utilizzo creativo delle componenti elettroniche contenute nei RAEE.

L’evento ha catturato l’interesse di un pubblico variegato: da appassionati della riparazione a non addetti ai lavori inclusi studenti universitari, famiglie con bambini, adulti curiosi… e anche qualche “senior”.

La motivazione comune?

Tutti aiutati passo a passo dai facilitatori e dagli esperti tecnici di HIT e degli enti partner APS Carpe Diem, CoderDolomiti, FabLab UNITN, Enactus, MUSE FabLab e Kaleidoscopio.

A partire dalle 19:00, con uno schiocco di dita l’officina itinerante si è trasformata in un vecchio Cafè – per la precisione un World Cafè, una tecnica di discussione tanto semplice quanto rivoluzionaria per stimolare conversazioni autogestite e riflessioni condivise su progetti complessi… Ma in modo divertente ed informale.

Tre i temi sui quali i partecipanti hanno ragionato – scarabocchiando, appiccicando post-it sui cartelloni e disegnando: la necessità di promuovere la corretta gestione dei RAEE, la sostenibilità economica della riparazione e le potenzialità nascoste dei FabLab.

L’appuntamento con la riparazione è rinnovato per sabato 28 settembre, con il prossimo Repair Cafè organizzato in Via Belenzani 13 in collaborazione con Civico13.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Cambio di comando al XXXI Battaglione Guastatori “Iseo”

Pubblicato

-

Il 19 settembre 2019 è avvenuto il cambio al Comando del XXXI battaglione guastatori “Iseo” presso la Caserma Cesare Battisti, unità dipendente dal 2° reggimento genio guastatori alpini e presente nella stessa sede.

Il Tenente Colonnello Marco Arculeo cede il testimone al parigrado Adriano Visintin, dopo due anni di impegnata condotta dei suoi uomini.

La Cerimonia presieduta dal Colonnello Gaetano Celestre, Comandante del reggimento di casa, ha visto la preziosa partecipazione del Sindaco della Città di Iseo accompagnato dal rispettivo Gonfalone, da numerosi vessilli delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma, le Sezioni ANA di Trento, Brescia, con diversi dei propri gruppi, l’ANGET di Trento, l’ANSI, l’ANARTI, fedeli amici sempre vicini ai reparti in armi.

Pubblicità
Pubblicità

Nel discorso di commiato, il Tenente Colonnello Arculeo ha salutato e ringraziato definitivamente l’unità, composta da 3 compagnie guastatori ed una compagnia supporto allo schieramento.

Assetti, questi, impegnati costantemente a turnazione nell’Operazione “Strade Sicure” ed attualmente sulla piazza di Roma, sotto il Comando della sovraordinata Brigata alpina “Julia”.

Il battaglione  guastatori “Iseo” nel 2018 è stato impiegato in Libano nell’Operazione “Leonte”, sotto l’egida della stessa Brigata, per la prima volta in conformazione MLF DECI, ovvero con elementi multinazionali Sloveni, Ungheresi ed anche Croati ed Austriaci.

Un capitolo importante questo per la storia del battaglione, preparatosi prima della missione con un crosstraining (addestramento congiunto) preciso e dedicato, durante l’amalgama delle forze presso l’Area Addestrativa “Paolo Caccia Dominioni” in Roverè della Luna.

Il personale del battaglione è costantemente impegnato anche nel frangente del DUAL USE, la particolare capacità dell’Esercito Italiano ad intervenire a salvaguardia della popolazione in eventi calamitosi ed emergenze territoriali.

Infatti, aliquote specialistiche del XXXI “Iseo” sono state impiegate nel Veneto durante l’ottobre – novembre 2018 a seguito degli eventi meteorologici della “tempesta VAIA”, contestualmente nell’opera di preparazione del sito per il nuovo Museo Nazionale Storico degli Alpini, sul Doss Trento ed anche nei lavori di preparazione e ricondizionamento dei siti nell’attività di neutralizzazione residuati bellici: da menzionare in particolare l’Operazione CARMENTA, bonifica complessa di una bomba d’aereo nella Provincia di Padova, avvenuta nell’autunno scorso.

Parimenti, sono stati dispiegati assetti nel veronese per l’esercitazione di Protezione Civile VARDIREX 2018, attività organizzata dal Comando Truppe Alpine per operare in via sperimentale congiunta con i raggruppamenti della Associazione Nazionale Alpini nel soccorso di pubbliche calamità.

Nuclei dei genieri di Trento, inoltre, continuano nelle attività di ripristino e sistemazione delle aree addestrative ed operative della zona, appartenenti al Comando Truppe Alpine di Bolzano.

 

 

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

Ieri la festa di addio per il console onorario di Romania Maurizio Passerotti

Pubblicato

-

La Comunità romena del Trentino Alto Adige ha salutato ieri pomeriggio con una festa che si è tenuta nella sua residenza di Cadine, Maurizio Passerotti Console Onorario della Romania per la regione che volontariamente non ha rinnovato il mandato.

Passerotti è stato il riferimento per tutta la comunità per 11 anni, quelli più difficili.

Un periodo nel quale i romeni dovevano vincere l’innata diffidenza dei Trentini, trovare un posto di lavoro con quale mandare i soldi alle famiglie rimaste a casa, ma anche risolvere le tante piccole problematiche quotidiane.

Pubblicità
Pubblicità

Passerotti è andato al di la della carica istituzionale, diventando un padre per tanti romeni che gli si sono rivolti per le più disparate richieste.

Il Console ascoltava, rassicurava e poi dava il via a quell’azione che quasi sempre risolveva il problema.

A 11 anni di distanza la realtà è cambiata del tutto.

I romeni sono imprenditori, proprietari di case, lavorano e sono integrati e forse è anche giusto che alla figura paterna di Passerotti, se ne sostituisca una che sia meno coinvolta nella realtà quotidiana.

Rifiutando il rinnovo del mandato consolare, Passerotti ha chiuso un ciclo e ieri nel parco della sua residenza è stato salutato con la malinconia e la tristezza che i romeni sanno combattere facendo festa.

Si è mangiato, ballato consapevoli che Passerotti non sarà più il punto di riferimento col quale la comunità romena è cresciuta.

Ma perché ha lasciato?Ho 75 anni ed avrei concluso questo terzo mandato a 80, troppi. Poi ci sono dei motivi famigliari, ma non per ultimo il fatto che 6 mesi fa ci ha lasciato “Gigi” Giuriato che era la mia spalla operativa. Un amico della Romania sempre disponibile a darmi una mano. Sento la sua mancanza e quando sono andato sulla sua tomba a sei mesi dalla morte, gli ho detto: “Gigi mi hai costretto ha non fare più il Console, senza di te sarebbe tutto più difficile”.

Nulla si sa nulla sul suo successore, quello che è certo è che fino al 7 ottobre Maurizio Passerotti resterà in carica.

A mandato scaduto invierà il dossier del candidato al Corpo Diplomatico del governo romeno e da quel momento inizierà la pratica della nomina del nuovo console. “ La revedere Maurizio”, è stato il saluto che ieri pomeriggio è partito dal cuore di tutti i romeni del Trentino Aldo Adige.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza