Connect with us
Pubblicità

Trento

Fugatti: “Acli, patrimonio importante per la crescita del Trentino”

Pubblicato

-

Formazione, lavoro, welfare, agricoltura e solidarietà.

Sono i temi al centro del confronto che il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti e l’assessore alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia Stefania Segnana hanno promosso con la presidenza delle Acli trentine, guidata da Luca Oliver, ed i responsabili dei Servizi.

Da entrambe le parti è emersa la piena disponibilità a proseguire il rapporto di dialogo costruttivo sia sul piano tecnico sia su quello politico.

Pubblicità
Pubblicità

“Le Acli rivestono un ruolo importante per la crescita e lo sviluppo del Trentino. Per questo, l’amministrazione provinciale intende coltivare con la vostra realtà un rapporto istituzionale costruttivo; va peraltro detto che, come voi, ci rifacciamo ai valori cristiani che ognuno interpreta con una propria sensibilità – ha evidenziato il governatore.”

“A noi stanno a cuore i temi di cui la vostra realtà si fa portatrice, tanto che tra le politiche promosse da questa Giunta ci sono misure in favore della natalità e del sostegno agli anziani.”

“In questi giorni constatiamo come stia suscitando grande interesse da parte delle famiglie il sostegno per l’abbonamento allo scuolabus, accanto al bonus bebè: chi decide di mettere al mondo dei figli merita di essere sostenuto, perché pone le basi per garantire un futuro alla nostra terra”.

L’assessore Segnana ha ringraziato i rappresentanti delle Acli, che hanno messo in luce punti di forza e aspetti da migliorare per il bene della comunità trentina:

Pubblicità
Pubblicità

“Ho imparato in prima persona ad apprezzare i servizi di qualità che fornite ai cittadini trentini.”

“La vostra realtà rappresenta un supporto importante, alla luce dell’esperienza maturata nel corso dei decenni di attività sul territorio nazionale e provinciale, anche per consentire alla nostra amministrazione di incidere positivamente per il bene della comunità trentina”.

L’incontro, che si è svolto nella sede provinciale delle Acli trentine, è stato introdotto dal presidente Luca Oliver, che ha presentato l’organizzazione dell’associazione che si articola sul territorio grazie ai patronati.

In Trentino si contano 68 circoli Acli per un totale di 20mila soci del sistema e 200mila utenti dei servizi che ogni giorno ricevono risposta alle proprie richieste grazie al lavoro di 700 collaboratori dipendenti e 800 volontari.

“Secondo lo Statuto, la nostra associazione si ispira al messaggio evangelico ed opera con l’obiettivo di promuovere lo sviluppo integrale dei lavoratori e delle persone in una società giusta e democratica”.

Fondamentale viene ritenuto il mantenimento di un rapporto di sano confronto con la politica del territorio “affinché l’esperienza maturata negli anni, che rappresenta un importante patrimonio per la nostra terra, possa essere trasformato in azioni” ha evidenziato Oliver.

Le varie attività sono state presentate direttamente dai responsabili dei servizi promossi dalle Acli sul territorio: formazione professionale con le Enaip, tutela dei diritti degli anziani, sostegno dei lavoratori e dei disoccupati, rappresentanza dei piccoli e medi agricoltori e attenzione agli ultimi.

Un lavoro complesso, di cui i rappresentanti dell’esecutivo provinciale si sono congratulati, evidenziando la necessità di coltivare un rapporto di dialogo e confronto per il bene della comunità trentina.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

A22: code e rallentamenti tra Trento Sud e Rovereto Sud

Pubblicato

-

Traffico intenso sulle strade del Trentino, in questa domenica che coincide con la Festa dell’Immacolata, ecco il quadro della situazione aggiornato alle ore 17.00.

Sull’Autostrada del Brennero si segnalano code e rallentamenti tra Trento Sud e Rovereto Sud in direzione Sud. Viene consigliato per chi è diretto a Sud l’ingresso in A22 al casello di Ala Avio.

Sulla statale 12, rallentamenti tra Trento Sud e Rovereto in direzione Sud. Sulla provinciale 90 rallentamenti e code tra Nomi e Villalagarina, sempre in direzione Sud. Infine, sulla statale 240, rallentamenti tra Nago Torbole e Mori in direzione Rovereto.

PubblicitàPubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

Consegnato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri il certificato Family Audit

Pubblicato

-

Il segretario generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Roberto Chieppa, nell’ambito del Festival della Famiglia, ha ricevuto venerdì in Provincia a Trento, dall’assessore Mirko Bisesti, il certificato Family Audit, con il quale si riconosce alla Presidenza del Consiglio l’avvio di un piano di misure di conciliazione fra vita e lavoro che verranno attuate fra i propri dipendenti nei prossimi anni.

Family Audit è uno strumento che ha l’obiettivo di attivare un cambiamento culturale nelle imprese e nelle pubbliche amministrazioni attraverso azioni innovative a sostegno delle famiglie.

E’ uno standard che innesca un ciclo virtuoso di miglioramento continuo e che offre la possibilità di entrare in un network di aziende che mirano a diventare ambienti di lavoro eccellenti.

PubblicitàPubblicità

E’ molto importante – ha detto Chieppa, accompagnato dal vicesegretario Francesca Gagliarducci – che un ente come la Presidenza del Consiglio dei Ministri riesca ad adottare prassi innovative in questo campo, dimostrando come anche la pubblica amministrazione possa cambiare al fine di garantire una maggiore conciliazione fra i tempi di vita e di lavoro dei propri dipendenti, offrendo, di conseguenza, un servizio più efficiente ai cittadini. Ringraziamo quindi – ha concluso – la Provincia autonoma di Trento per questo riconoscimento, che non premia tanto un lavoro fatto, ma l’inizio di un lavoro da fare”.

“Il Trentino sta puntando molto – ha detto l’assessore Bisesti – sulle politiche a sostegno della famiglia. Ci fa molto piacere quindi che un ente importante come la Presidenza del Consiglio dei Ministri abbia espresso questa sensibilità aderendo al modello Family Audit che sta trovando sempre maggiore attenzione fra le imprese e le pubbliche amministrazioni”.  

 

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

Fiamme dentro la chiesa di santa Maria Maggiore durante la messa. La fuga dei fedeli

Pubblicato

-

Paura in Santa Maria Maggiore verso le 11.00 di oggi quando un candeliere ha preso fuoco. Qualche fedele ha provato a spegnere l’inizio dell’incendio usando l’acqua ma l’iniziativa purtroppo ha peggiorato le cose. Altri dopo aver preso un estintore hanno generato una nube che ha creato  un pochino di panico fra  tutti i fedeli riuniti per la messa che si sono dati alla fuga verso l’esterno.

Polizia e vigili del fuoco sono arrivati solo successivamente per far fuoriuscire le persone rimaste ancora all’interno con la densa nube di fumo. Non risulta esserci nessun ferito.

PubblicitàPubblicità

 

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza