Connect with us

Trento

Degrado canile comunale: Lombardini furibondo con Ianes minaccia una querela

Pubblicato

-

Marco Ianes consigliere comunale dei Verdi deposita un’interrogazione sulle condizioni di vita dei cani ospiti della nuova struttura del canile comunale della Vela nella quale sottolinea alcune criticità, anche molto gravi.

Dopo che il Servizio Veterinario dell’Azienda Sanitaria aveva fatto un’ispezione a sorpresa trovando la situazione del tutto normale, Luca Lombardini presidente della sezione trentina della lega del Cane che gestisce il canile, risponde domanda per domanda ai quesiti posti da Ianes.

Ma non è certo una risposta diplomatica in quanto si conclude con la minaccia di querela ai danni del consigliere comunale verde.

Pubblicità
Pubblicità

Nel Febbraio del 2019 anche Ornella Dorigatti delegata di OIPA per il Trentino non aveva lesinato critiche nei confronti della gestione del canile (qui articolo)

Ora parte un nuovo attacco direttamente dall’interno del consiglio comunale a suon di interrogazioni.

Di seguito il testo integrale del comunicato stampa:

«Apprendiamo con stupore delle criticità che sono emerse agli occhi di Marco Ianes, consigliere comunale di Trento, in visita al canile di Trento.

Il consigliere riferisce in una interrogazione, nella seduta del Consiglio Comunale di Trento del 23 agosto 2019, e oggi riportata da un quotidiano locale, di aver effettuato una visita e di aver riscontrato “condizioni igieniche indecenti e pietose, che costringono gli animali a vivere a diretto contatto con gli escrementi che si trovano sul pavimento” , “che, dai rilievi effettuati molti animali vengono fatti dormire su pallets in legno, anziché in adeguate cucce predisposte”.

E’ evidente che in Consiglio Comunale a Trento c’è uno scontro politico in atto e noi siamo usati in questa diatriba. Quanto dichiarato dal Consigliere è assolutamente forviante rispetto alla realtà delle cose e lesivo della reputazione dell’Associazione. Spiace, inoltre, che non sia stata chiesta l’opinione del gestore in merito a quanto riportato.

Le osservazioni da fare sono comunque due: una in risposta ai tempi di consegna, fine lavori, etc.

l’altra, in risposta alla cattiva luce della gestione che non ha alcun riscontro oggettivo.

Vediamo quindi di rispondere in modo puntuale alle domande –  e alle criticità – sollevate dal consigliere Ianes.

Quando è prevista la consegna della parte dedicata al passaggio dei cani, visto che i cani “sono rinchiusi in gabbia e non escono mai”

Immaginiamo si riferisca alle aree sgambatoio. Ianes sa che in Commissione Ambiente la data fissata per la consegna era stata indicata per il 31 luglio 2019. Nulla può fare il Gestore se non aspettare che avvenga la consegna. Ma non è assolutamente vero che i cani “rimangono chiusi in gabbia”. Tutti i cani escono quotidianamente 7 giorni su 7 in passeggiata. E’ evidente che quando sarà completata l’opera gli spazi esterni consentiranno molto più movimento agli ospiti.

E’ mai stata verificata la condizione igienico sanitaria del canile che dalle foto appare insostenibile.

Qui si vede l’assoluta non conoscenza delle modalità gestionali e l’assoluta pretestuosità della domanda.

Sono 10 anni che l’associazione gestisce il canile municipale. E’ certificata ISO; ha un veterinario libero professionista che 1 volta in settimana visita i cani; i veterinari dei servizi veterinari provinciali controllano ed ispezionano il canile.

Se l’amministrazione intende verificare questa “eclatante situazione di degrado”.

Incredibile!!! Se si viene la mattina alle 7 a fare 3 foto è evidente (e chi ha animali lo può comprendere) che si troveranno feci e pipì, visto che la notte non ci sono gli operatori. Ma se si passa alle 9.30 si troverà un canile lindo e pulito con gli operatori e i volontari presenti atti alla gestione/pulizia dei box. Residui di feci e urina dentro i box di un canile non sono una cosa anomala così come la presenza di insetti.

Se il gestore nutre regolarmente e con cibi di qualità gli animali?

Rimaniamo basiti da questa richiesta. Siamo l’associazione che riceve in accordo con aziende leader del settore più donazioni di cibo di alta qualità in Trentino. Abbiamo sempre alimentato i cani con prodotti di primissima scelta. E le donazioni in eccesso vengono utilizzate per aiutare privati in difficoltà e associazioni bisognose.

Se l’amministrazione ha intenzione di verificare se i finanziamenti dati all’associazione siano correttamente impiegati per garantire condizioni igienico sanitarie minime che le foto allegate sembrano non garantire.

I nostri bilanci sono pubblici. Il Comune sa quanto fatichiamo e quante risorse dobbiamo reperire esternamente per arrivare ad un pareggio di bilancio. Solo con i finanziamenti pubblici, saremmo in perdita di circa 30.000 euro all’anno.

Infine diciamo al Consigliere che abbiamo acquistato volutamente i pallets in legno e le cucce di plastica ovoidali (entrambe di altissima qualità). Molti cani non vogliono entrare nelle cucce perche’ non abituati e non socializzati.

Sarebbe sempre buona e corretta cosa confrontarsi prima di scrivere determinate accuse e critiche. Accuse di cui il consigliere Ianes si dovrà assumere piena responsabilità».

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Torino: l’evento è annullato, ma la primavera regala i 100 mila protagonisti
    Da nord a sud l‘effetto del Coronavirus in Italia e, quindi, delle misure restrittive adottate dal Governo per contenere la pandemia, mostrano intere città, strade, paesi e stazioni completamente deserte, costringendo a casa milioni di persone e lasciando la primavera l’unica ad essere libera di proseguire indisturbata il suo naturale percorso. Come molte attività commerciali, […]
  • Ricette di Pasqua semplici e veloci, da fare in compagnia!
    Pasqua si avvicina e, molto probabilmente, in questo 2020 non ci saranno grandi ritrovi tra amici e parenti. Tuttavia, questo non è un valido motivo per impigrirsi e non cucinare niente di particolare. Soprattutto in queste giornate, per chi ha dei figli piccoli la vita non è proprio semplice: come far passare, quindi, il tempo […]
  • Coronavirus e stampanti 3D: Mercedes Benz pronta alla produzione di dispositivi medici
    Un periodo così instabile ed incerto come quello del recente allarme sanitario da Covid- 19, costringe ad una stretta coalizione internazionale che riesca a coinvolgere ed unire il maggior numero di forze e di aiuti possibili per riuscire contenere l’emergenza. Per questo, la nota casa automobilistica tedesca Mercedes Benz scende da protagonista in campo, mettendo […]
  • Fratellini soli a casa in quarantena: il Paese li aiuta “adottandoli”
    L’allarme sanitario che da settimane sta lasciando dolorose ferite, obbligando l’isolamento e la distanza dalle persone care, sta facendo riscoprire all’Italia un senso di vicinanza ed un’insaziabile bisogno di aiutarsi per riuscire ad arrivare il più velocemente possibile alla fine di un’emergenza che sta attraversando senza freni l’intero territorio nazionale. A confermare e dimostrare l’estrema […]
  • Dalle piume d’oca ai petali di fiori: La prima produzione di giacconi 100% naturali
    Esisteranno sempre alcuni capi di cui non se ne potrà mai fare a meno, e come non non si può affrontare il caldo estivo senza occhiali da sole e bermuda, così non si può superare il freddo invernale senza, il protagonista indiscusso dei mesi più gelidi: il piumino. Dalle classiche piume d’oca, alla più recente […]
  • Coronavirus: molto richiesti i saturimetri, a qualcuno servono davvero
    Dall’inizio dell’allarme coronavirus la corsa ai principali dispositivi di protezione individuale sembrava inizialmente limitarsi alle mascherine ed ai gel disinfettanti per le mani, diventati poi introvabili sia nelle farmacie che sui portali online, ma ultimamente il fenomeno parrebbe essersi allargato anche a strumenti prettamente sanitari come il saturimetro. Infatti, il particolare dispositivo a pinzetta facilmente […]
  • Coronavirus: L’Italia spegne i motori e i delfini tornano nei porti italiani
    La recente emergenza sanitaria ha reso l’Italia, Paese noto per la sua vivacità e il suo calore una penisola pressoché deserta obbligando negozi, centri commerciali e molte aziende a bloccarsi per intere settimane e costringendo milioni di italiani a guardare l’arrivo della primavera unicamente dalla finestra della propria abitazione. All’ombra di tutto questo, Madre Natura […]
  • Coronavirus: dalla Cina arrivano i caschi termoscanner per la polizia
    Da qualche mese, partendo dalla Cina e allargandosi come una macchia d’olio fino all’Italia, il mondo intero si è trovato improvvisamente a combattere una guerra contro un nemico veloce ed invisibile che non sta risparmiando niente e nessuno, colpendo non solo persone ma l’economia di interi Paesi, costringendo l’unione e l’impegno di tutte le forze […]
  • Coronavirus: 3 fasi per sanificare correttamente casa
    Candeggina, gel disinfettanti, alcol e spray si stanno rivelando i migliori alleati, nonché le armi più utilizzate in questo periodo per riuscire a combattere l’invisibile nemico che da settimane sta costringendo a casa milioni di italiani. Oltre alle ormai note raccomandazione di igiene emanate dal Governo, ai dispositivi di protezione individuale come le introvabili mascherine […]

Categorie

di tendenza