Connect with us
Pubblicità

Spettacolo

76°Mostra del Cinema: Martin Eden, il film italiano più atteso, capolavoro pedagogico

Pubblicato

-

Presentato oggi Martin Eden, il film di uno dei registi italiani più apprezzati soprattutto all’estero, Pietro Marcello, che ha scatenato un lungo applauso al termine della proiezione in Sala Grande e i complimenti dei giornalisti in conferenza stampa.

Il film prende spunto dal romanzo di Jack London, e ne fa una rivisitazione in chiave italo – francese, ambientando la vicende a Napoli.

La storia affascinante, è quella di un ragazzo autodidatta, che tenta di emanciparsi attraverso la cultura, seguendo una sua vena poetica e la passione naturale per la scrittura.

Pubblicità
Pubblicità

La scenografia si sviluppa tutta attorno alle vicende del protagonista, tracciando di significato tanti temi che ne qualificano di contenuto, tanto da definirlo come un’opera ad alto valore pedagogico da proporre per le scuole.

Il regista Pietro Marcello ha spiegato come Jack London nel suo romanzo originale, abbia sviluppato il tema dell’individualismo seguendo la filosofia di Spencer, suo mentore ideologico.

Il liberale viene percepito come un anarchico senza solidarietà per il prossimo. Il rischio dell’individualismo è quello di creare delle persone troppo narcisiste e egotoniche, ma allo stesso tempo nel confronto con il socialismo, le preserva dall’annullamento che l’adesione ad un’ identità collettiva comporta.

Pubblicità
Pubblicità

La sua è una visione quasi profetica rispetto all’evolversi della storia delle ideologie del XX°secolo.

Il protagonista Martin Eden, nella sua sete di riscatto sociale, e di farsi accettare da una classe diversa dalla sua originaria, finisce per contaminare il suo talento con la politica legata ai temi socialisti della lotta di classe, che lui rielabora secondo la sua esperienza di vita di ragazzo che viene dal basso e dalla sua preparazione di autodidatta.

Questo ne condiziona lo stile letterario e poetico, nel senso di aderire troppo alla realtà, rischiando l’abiura di un sistema editoriale che non gradisce i temi troppo marcati legati alla sofferenza e alle diseguaglianze sociali.

Ma ne determina anche il successo come voce indipendente e originale nel panorama degli scrittori. E la storia d’amore con Elena, ne rappresenta l’essenza, visto che lei rimane imprigionata nei modi e nei pregiudizi della sua cultura di provenienza, e non riesce ad accettare Martin nel momento del bisogno.

Per poi cercare di conquistarlo quando ha raggiunto il successo.

E’ un film poetico, con la grande capacità di veicolare empatia, e per questo ha un pubblico di riferimento primario, che sono i giovani. Nella società edonistica del Grande Fratello, di modelli consumistici imposti dalla cultura di massa, è pressante la richiesta da parte dei giovani di nuovi riferimenti culturali e modelli per emanciparsi. Il cambiamento avviene attraverso la differenzazione.

Quindi se le cose cambiano in fretta, anche il mondo del cinema può dare il suo contributo, con questo tipo di produzioni. Ha così sottolineato il regista. Aumentare la consapevolezza rispetto a tante ipocrisie consumistiche, costituisce un momento fondamentale di crescita culturale. La conoscenza ha così il compito di portare all’emancipazione, non all’omologazione di pensiero. Perché la padronanza di pensiero aiuta a capire e dare significato alla propria identità.

Il tema del talento in combinato disposto con la passione è un elemento fondamentale del film.

Visto che lo stesso Jack London ha penato non poco per affermarsi.

I giovani non devono fermarsi davanti alle prime difficoltà, e la scuola, come portavoce della conoscenza, deve avere un approccio più diretto alla persona e non solo ai protocolli, per riconoscere il talento e la passione, al di là delle forme rigide dei programmi. L’importante per emanciparsi e crescere, è capire che bisogna andare oltre le cose, e aver davanti il proprio futuro, e non il proprio passato.

Il regista Pietro Marcello, nel 2016 ha vinto i Nastri d’argento e il David di Donatello come Miglior attore non protagonista per Lo chiamavano Jeeg Robot, un film che ha fatto epoca.

Nel 2019 ha avuto una nomination al David di Donatello, come Miglior attore protagonista per Fabrizio De André – Principe libero.

Il film uscirà nelle sale italiane il 4 settembre, per cui un’occasione ottima di vedere questo piccolo capolavoro. Consigliatissimo. Un premio lo prenderà anche qui al Festival.

Regia: Pietro Marcello

Attori: Luca Marinelli (Martin Eden), Jessica Cressy (Elena Orsini), Vincenzo Nemolato (Nino), Marco Leonardi, Denise Sardisco, Isabella Ragonese

Soggetto: Jack London – (romanzo)

Sceneggiatura: Maurizio Braucci, Pietro Marcello

Durata: 129′

Genere: Drammatico

Pubblicità
Pubblicità

Spettacolo

Tre film trentini parteciperanno alla Festa del Cinema di Roma

Pubblicato

-

Riconoscimento importante per il cinema “made in Trentino”: quest’anno infatti alla Festa del Cinema di Roma saranno tre le pellicole sostenute dalla Film Commission.

Saranno infatti presenti due film che sono stati girati in parte sul territorio trentino, uno in concorso ufficiale: “Il ladro di giorni” di Guido Lombardi e uno nella sezione autonoma del festival “Alice nella Città“: “La volta buona” di Vincenzo Marra.

In quest’ultima sezione si trova anche, per la prima volta, un documentario di un regista trentino, Manu Gerosa, presente con il suo film “One more jump”.

Pubblicità
Pubblicità

Il Festival, in programma nella capitale dal 17 al 27 ottobre, rappresenta una kermesse prestigiosa, durante la quale si alternano proiezioni, incontri, eventi, mostre, installazioni, convegni e dibattiti che hanno il fulcro nell’Auditorium Parco della Musica, struttura firmata da Renzo Piano.

L’evento si intreccia con il MIA, il Mercato Internazionale Audiovisivo, a Roma dal 16 al 20 ottobre, con il quale Trentino Film Commission ha una partnership importante legata all’ottenimento della certificazione ISO 20121, lo standard internazionale per la certificazione dei sistemi di gestione sostenibile per eventi.

Questa edizione del MIA – Mercato Internazionale Audiovisivo, grazie a Trentino Film Commission, sarà per la prima volta sostenbile; del resto l’impegno della Film Commission nel campo della sostenibilità ambientale ha fatto scuola grazie a T-Green Film, il primo fondo regionale in Europa che premia e certifica le produzioni cinematografiche che lavorano nel rispetto dell’ambiente.

Il ladro di giorni” di Guido Lombardi. In concorso al Festa del Cinema di Roma
Cast:Riccardo Scamarcio, Massimo Popolizio, Augusto Zazzaro, Giorgio Careccia, Vanessa Scalera, Carlo Cerciello
Produzione: Bronx Film, Indigo FilmCon il contributo di Trentino Film Commission
Riprese in Trentino: agosto e settembre 2018, a Trento e Riva del Garda

Pubblicità
Pubblicità

Sinossi: Salvo, undici anni, vive con gli zii in Trentino. Il giorno della sua prima comunione, mentre gioca a pallone con gli amici, compare inaspettatamente a bordo campo un uomo: è suo padre Vincenzo. Salvo lo riconosce a stento. Non lo vede, infatti, da sette anni, da quando due carabinieri lo avevano portato via dalla loro casa in Puglia. Vincenzo è ora uscito di prigione e dice di voler passare qualche giorno con il figlio: insieme partono per il sud. Durante questo viaggio lungo l’Italia, scandito da molti incontri e ricordi, Salvo imparerà a conoscere suo padre, ma dovrà fare i conti anche con i suoi segreti e il suo passato.

“One more jump” di Emanuele Gerosa. In concorso – Alice nella città
Produzione Locale Trentina: Oneworld DocuMakers di Emanuele Gerosa con il contributo di Trentino Film Commission
Distribuzione: Fandango
Riprese: il film è stato girato tra la Palestina e l’Italia.

Sinossi: Jehad e Abdallah, fondatori del Gaza Parkour Team, sono divisi da scelte di vita diverse, ma con lo stesso amore per il Parkour e per la loro terra assediata; nati e cresciuti in una prigione, devono oggi cercare ben oltre ai loro sogni, uno nella Striscia di Gaza e l’altro in Italia, quale sia la strada che conduce alla libertà.

“La volta buona” di Vincenzo Marra
Sezione Panorama Italia – Alice nella città
Cast: Massimo Ghini, Ramiro Garcia, Max Tortora, Francesco Montanari, Gioia Spaziani, Massimo Wertmuller
Produzione: Lotus Production con il contributo di Trentino Film Commission
Riprese in Trentino: maggio 2019 a Dimaro (Val di Sole)

Sinossi: Bartolomeo, ex procuratore sportivo, vive di espedienti e piccoli imbrogli.

La vita non è stata troppo generosa con lui, il vizio del gioco gli ha fatto perdere soldi e famiglia e ora passa le giornate nei campetti di periferia sperando di trovare il nuovo Messi. Sempre alla ricerca del colpo di fortuna, un giorno riceve una telefonata: in Uruguay c’è un ragazzino, Pablito, che è un vero fenomeno, un fuoriclasse che sicuramente sfonderà nel calcio italiano. Per Bartolomeo è finalmente arrivata l’occasione per riprendersi tutto quello che ha perso. Per Pablito si può realizzare il sogno di giocare in un grande club. Per entrambi questa è la volta buona…

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Spettacolo

Arriva dalla Val di Fassa la première ufficiale del nuovo film di Giacomo Gabrielli

Pubblicato

-

Mercoledì 23 ottobre, la Val di Fassa farà da cornice ad un evento unico. Il cinema di Canazei, la mattina, e il ‘PalaDolmites‘ di Mazzin, la sera, ospiteranno la première ufficiale del nuovo film di Giacomo Gabrielli, giovane cineasta di Moena, istruitosi a Roma, ora alla ribalta nel Regno Unito.

Il Cinema ‘Marmolada‘, durante un matinée dedicato a studenti, stampa e autorità, ospiterà la prima proiezione del giorno, dalle 9 del mattino.

Filmart e Giacomo Gabrielli presenteranno il nuovo film “A Journey” (Un Viaggio), progetto sull’Olocausto rimasto a lungo in lavorazione, creato dal regista fassano col supporto di Treno della Memoria, Terra del Fuoco Trentino, Auschwitz-Birkenau Memorial and Museum, Auschwitz Study Group, Comun General de Fascia e Scola Ladina de Fascia.

Pubblicità
Pubblicità

Progetto che, solo dopo il trasferimento di Giacomo in Inghilterra, a Londra, ha preso realmente forma. Ora infatti vede integrata alle riprese girate nel 2017 da Gabrielli tra Italia, Repubblica Ceca e Polonia, una rara e toccante intervista ad uno dei pochi che ancora oggi portano sul braccio il numero tatuato assegnatoli ad Auschwitz: Arek Hersh, ebreo polacco di 91 anni, protagonista del film assieme alla giovane Aurora Volcan, anch’essa di Moena e aspirante regista.

Arek Hersh, oggi residente a Leeds, in Gran Bretagna, è tutt’ora incredibilmente lucido e disponibile, come davvero altri pochi superstiti rimasti al mondo, a condividere la sua importante storia affinché non si cada nel tanto temuto errore di dimenticare e, quindi, di ripetere.

Nel Regno Unito e non solo, infatti, Arek partecipa ad eventi organizzati da scuole ed associazioni per portare a tutti, giovani in primis, un messaggio forte e ancora tristemente attuale, in un mondo sempre più minato dall’odio per le minoranze e la paura della diversità.

A Journey” è la storia di due percorsi, il racconto di due storie parallele così distanti nel tempo e nei fatti, eppure così complementari. Il viaggio dei ragazzi di oggi con il Treno della Memoria e quello di Arek Hersh, deportato ad Auschwitz dalle SS ad appena 11 anni, si intrecciano fino a raggiungere la meta di Birkenau, il più letale dei campi di sterminio del Terzo Reich.

Pubblicità
Pubblicità

Le potenti musiche di Marco Mattia, altro talento emergente fassano, fedele collaboratore di Gabrielli, accompagnano alla perfezione una sceneggiatura drammatica in costante crescita, che narra la storia vera di Arek e gli eventi che fanno parte del periodo più buio della storia recente, amalgamati con il punto di vista dei cosiddetti “millennials” e “post-millennials”.

Sin da ragazzino, quando ancora girava con in spalla una cinepresa fatta di cartone, il regista ladino ha tratto la sua ispirazione e formazione da ‘Schindler’s List’, capolavoro assoluto di Spielberg,

«Perché -così dichiara il regista- è il ritratto cinematografico perfetto e insuperato dell’Olocausto. Tutto ciò che una cinepresa sa dare per raccontare e documentare una storia vera e cruda, renderla viva e palpabile per il grande pubblico, lo si trova in Schindler’s List».

“A Journey” fa anche confluire costantemente due mondi: quello della grande storia dell’umanità e quello locale ladino fassano.

Gabrielli infatti spazia fra location di interesse storico di livello mondiale e la Val di Fassa, includendo anche dialoghi in lingua ladina, accreditandola, pur essendo lingua di minoranza, fra le grandi lingue del mondo.

Da qui parte anche il contributo concesso dalla Consulta Ladina che ha, con ragione, riconosciuto l’importanza culturale del film, che inoltre vede tra i protagonisti, attuali ed ex studenti della Scola Ladina de Fascia, dei quali la protagonista Aurora Volcan faceva parte fino all’anno scorso.

Un grande supporto quindi anche dalle istituzioni, in particolare dal Comun General de Fascia nelle persone di Matteo Iori, giovane assessore che sin da subito ha sostenuto e voluto la presenza di Arek Hersh, ma anche Franz Pitscheider, la senatrice e procuradora Elena Testor, Sabrina Rasom dei Servizi Culturali del CGF e la sorastanta delle scuole ladine di Fassa Mirella Florian.

Un’occasione unica nel suo genere per la rarità della testimonianza e per la qualità del film, che viene presentata in una location, la Val di Fassa, fortemente voluta da Giacomo Gabrielli, essendoci cresciuto ed avendoci la base della sua società di produzione Filmart S.r.l.

In coda alla proiezione del film vi sarà il privilegio di scambiare un Q&A (domande e risposte) con il superstite di Auschwitz in persona, ospitato in valle appositamente dall’Inghilterra assieme alla moglie Jean, che supporta il marito in tutti i suoi viaggi e incontri.

Il co-produttore e coordinatore delle riprese inglesi Vincent Frattini, inoltre, farà da interprete durante il dibattito e lo scambio di informazioni con gli studenti della Scola Ladina de Fascia, il pubblico e Arek.

Proprio la grande dimestichezza con la lingua d’oltre Manica dell’ormai anglo-italiano Vincent, e il suo ottimo lavoro di pubbliche relazioni, hanno reso possibile l’incontro tra la produzione del film e Arek.

Come preparazione alla proiezione, gli studenti fassani avranno la possibilità di confrontarsi innanzitutto con i loro professori durante le ore di lezione a scuola nei giorni precedenti all’evento, così da comprendere meglio ed essere pronti a guardare negli occhi chi quelle cose le ha vissute per davvero.

La sera dello stesso 23 ottobre, dalle 18.30, sempre grazie al Comun General de Fascia con la Cooperativa Sociale “Inout” e a Filmart, l’evento, stavolta aperto a tutti e con ingresso libero, viene replicato al teatro del “PalaDolomites” di Mazzin, con la speciale presenza di Arek alla quale seguirà la proiezione, alle 20, di quello che, come dice questo speciale testimone, è: «Un film che dovrebbe essere visto da tutte le generazioni».

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Spettacolo

Nadia Toffa, stasera a Le Iene le ultime parole prima della morte. «Non è quanto vivi, ma come vivi, sto facendo di tutto per ritardare la mia morte»

Pubblicato

-

Stasera, martedì 1 ottobre, andrà in onda la prima puntata de Le Iene e, in apertura, verrà lanciato un video inedito della durata di 20 minuti con l’ultimo progetto della giornalista, scomparsa lo scorso 13 agosto.

Ad annunciarlo è stata la redazione del programma con una frase simbolo di Nadia pubblicata su tutti i canali ufficiali: “Non è quanto vivi, ma come vivi”.

Quest’anno per noi niente sarà più come prima. Inizieremo con uno speciale ricordo alla nostra Nadia Toffa. Un video inedito di 20 minuti che ha voluto, scelto e pensato lei. Un ricordo commovente e intenso“.

Pubblicità
Pubblicità

Così viene presentato l’ultimo progetto di Nadia.

A voler girare questo video è stata proprio la conduttrice de Le Iene e lo ha fatto nel dicembre 2018.

Sapeva che non le restava molto tempo, così ha chiamato Giorgio Romiti, l’autore con cui ha collaborato più spesso, e gli ha chiesto di aiutarla a girare un filmato per salutare tutte le persone care.

«La sorpresa è che vorrei incontrare amici, vecchi, nuovi, persone care, colleghi che hanno lasciato un segno in questo mio ultimo anno tremendo, persone che contano davvero. Li voglio vedere ora perché questo ultimo anno sono cambiata tantissimo. Non è quanto vivi, ma come vivi. Io sto facendo il possibile per ritardare la mia morte. Vedremo quanto tempo avrò ancora, credo non molto».

Pubblicità
Pubblicità

Per la redazione del programma si tratta di un vero e proprio testamento, una “eredità di sorrisi”, oltre ad essere un ricordo commovente ed intenso. Inoltre, fanno sapere dalla redazione, Nadia continuerà a salutare il suo pubblico alla fine di ogni puntata nella sigla finale dedicata a lei.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza