Connect with us
Pubblicità

Spettacolo

76°Mostra del Cinema: Martin Eden, il film italiano più atteso, capolavoro pedagogico

Pubblicato

-

Presentato oggi Martin Eden, il film di uno dei registi italiani più apprezzati soprattutto all’estero, Pietro Marcello, che ha scatenato un lungo applauso al termine della proiezione in Sala Grande e i complimenti dei giornalisti in conferenza stampa.

Il film prende spunto dal romanzo di Jack London, e ne fa una rivisitazione in chiave italo – francese, ambientando la vicende a Napoli.

La storia affascinante, è quella di un ragazzo autodidatta, che tenta di emanciparsi attraverso la cultura, seguendo una sua vena poetica e la passione naturale per la scrittura.

Pubblicità
Pubblicità

La scenografia si sviluppa tutta attorno alle vicende del protagonista, tracciando di significato tanti temi che ne qualificano di contenuto, tanto da definirlo come un’opera ad alto valore pedagogico da proporre per le scuole.

Il regista Pietro Marcello ha spiegato come Jack London nel suo romanzo originale, abbia sviluppato il tema dell’individualismo seguendo la filosofia di Spencer, suo mentore ideologico.

Pubblicità
Pubblicità

Il liberale viene percepito come un anarchico senza solidarietà per il prossimo. Il rischio dell’individualismo è quello di creare delle persone troppo narcisiste e egotoniche, ma allo stesso tempo nel confronto con il socialismo, le preserva dall’annullamento che l’adesione ad un’ identità collettiva comporta.

La sua è una visione quasi profetica rispetto all’evolversi della storia delle ideologie del XX°secolo.

Il protagonista Martin Eden, nella sua sete di riscatto sociale, e di farsi accettare da una classe diversa dalla sua originaria, finisce per contaminare il suo talento con la politica legata ai temi socialisti della lotta di classe, che lui rielabora secondo la sua esperienza di vita di ragazzo che viene dal basso e dalla sua preparazione di autodidatta.

Questo ne condiziona lo stile letterario e poetico, nel senso di aderire troppo alla realtà, rischiando l’abiura di un sistema editoriale che non gradisce i temi troppo marcati legati alla sofferenza e alle diseguaglianze sociali.

Ma ne determina anche il successo come voce indipendente e originale nel panorama degli scrittori. E la storia d’amore con Elena, ne rappresenta l’essenza, visto che lei rimane imprigionata nei modi e nei pregiudizi della sua cultura di provenienza, e non riesce ad accettare Martin nel momento del bisogno.

Per poi cercare di conquistarlo quando ha raggiunto il successo.

E’ un film poetico, con la grande capacità di veicolare empatia, e per questo ha un pubblico di riferimento primario, che sono i giovani. Nella società edonistica del Grande Fratello, di modelli consumistici imposti dalla cultura di massa, è pressante la richiesta da parte dei giovani di nuovi riferimenti culturali e modelli per emanciparsi. Il cambiamento avviene attraverso la differenzazione.

Quindi se le cose cambiano in fretta, anche il mondo del cinema può dare il suo contributo, con questo tipo di produzioni. Ha così sottolineato il regista. Aumentare la consapevolezza rispetto a tante ipocrisie consumistiche, costituisce un momento fondamentale di crescita culturale. La conoscenza ha così il compito di portare all’emancipazione, non all’omologazione di pensiero. Perché la padronanza di pensiero aiuta a capire e dare significato alla propria identità.

Il tema del talento in combinato disposto con la passione è un elemento fondamentale del film.

Visto che lo stesso Jack London ha penato non poco per affermarsi.

I giovani non devono fermarsi davanti alle prime difficoltà, e la scuola, come portavoce della conoscenza, deve avere un approccio più diretto alla persona e non solo ai protocolli, per riconoscere il talento e la passione, al di là delle forme rigide dei programmi. L’importante per emanciparsi e crescere, è capire che bisogna andare oltre le cose, e aver davanti il proprio futuro, e non il proprio passato.

Il regista Pietro Marcello, nel 2016 ha vinto i Nastri d’argento e il David di Donatello come Miglior attore non protagonista per Lo chiamavano Jeeg Robot, un film che ha fatto epoca.

Nel 2019 ha avuto una nomination al David di Donatello, come Miglior attore protagonista per Fabrizio De André – Principe libero.

Il film uscirà nelle sale italiane il 4 settembre, per cui un’occasione ottima di vedere questo piccolo capolavoro. Consigliatissimo. Un premio lo prenderà anche qui al Festival.

Regia: Pietro Marcello

Attori: Luca Marinelli (Martin Eden), Jessica Cressy (Elena Orsini), Vincenzo Nemolato (Nino), Marco Leonardi, Denise Sardisco, Isabella Ragonese

Soggetto: Jack London – (romanzo)

Sceneggiatura: Maurizio Braucci, Pietro Marcello

Durata: 129′

Genere: Drammatico

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]

Categorie

di tendenza