Connect with us

Trento

Trentino Trasporti: non è stato rinnovato il contratto all’autista aggredito da un nord africano

Pubblicato

-

Nella foto Nicola Petrolli della Uil Trasporti

L’autista di Trentino Trasporti ha ricevuto la comunicazione verbale dai vertici dell’azienda pochi giorni fa ed è rimasto a dir poco di sasso.

Non sono stati forniti dei chiarimenti nel merito.

Quanto successo è una grave incongruenza se pensiamo che Trentino Trasporti sta cercando disperatamente autisti che sono difficili da trovare per i rischi di aggressioni che ormai sono giornalieri su tutte le linee.

Pubblicità
Pubblicità

E nessuno vuole rischiare la vita per 1.400 euro al mese. 

L’autista era salito alla ribalta della cronaca 4 mesi per aver invitato un nord africano che voleva salire sull’autobus senza pagare a scendere.

Lo straniero l’aveva presa male però, e dopo averlo pesantemente insultato gli aveva sputato più volte sul viso per poi darsi alla fuga.

Il dipendente di Trentino Trasporti era stato accompagnato subito al pronto soccorso per essere sottoposto a delle analisi per scongiurare l’eventuale contrazione di qualche virus legato alle epatiti.

«In quel frangente nessuno dell’azienda mi ha mai chiamato manifestandomi un minimo di solidarietà, anzi, sembravano quasi infastiditi che la cosa fosse successa. È quasi una contraddizione se si pensa che prima di metterci alla guida di un autobus ci fanno una testa così spiegandoci tutto il regolamento che deve essere seguito alla lettera» – Spiega L’autista

Pubblicità
Pubblicità

Ma i problemi con Trentino trasporti non sarebbero finiti qui.

Infatti l’autista per un guasto tecnico del suo mezzo era dovuto rimanere fermo per 10 minuti. Per questa sosta della quale non era responsabile aveva ricevuto una lettera di diffida.

L’autista, che si era sentito offeso, aveva subito allertato il suo sindacato che aveva inviato una pec all’azienda per contestare le false accuse.

Trentino Trasporti ha dichiarato di non aver mai ricevuto nulla, ma Nicola Petrolli della UIL conferma invece  l’invio della Pec.

L’autista peraltro era stato protagonista di altre aggressioni per le quali non ha mai ricevuto nessuna telefonata di solidarietà da parte dell’azienda.

Secondo l’azienda pare che l’unica colpa del povero autista sia quella di voler assolutamente mettere in pratica il regolamento e di essere quindi fin troppo ligio.

«Le cito un esempio: una donna voleva salire con il suo cane senza museruola e guinzaglio al mio rifiuto si è innervosita. Ho ritenuto comunque di chiedere un parere ad un mio superiore che mi ha risposto di chiudere un occhio e farlo tenere in braccio durante il trasporto. Ma se poi questo morde qualcuno denunciano me perché non ho seguito il regolamento. Noi autisti alla fine siamo sempre in mezzo all’incudine e il martello. Per l’azienda dovremmo stare sempre zitti ed eclissarci»  – termina l’autista

Interpellato Nicola Petrolli della Uil Trasporti dichiara che: «siamo sul piede di guerra con Trentino Trasporti quando si tratta di aggressione all’ autista. L’autista da quando è partita la bigliettazione a bordo con controllo a vista è preda di attacchi da parte di persone di tutti i generi, spesso anche per futili motivi. Questo fenomeno di aggressioni fisiche è un po’ diminuito con le telecamere a bordo, quello verbale non ancora. Manca proprio il rispetto delle persone che un tempo cera per chi lavorava in modo onesto».

Sul problema dell’autista Petrolli è chiaro: «l’azienda non si degna nemmeno di chiedere come sono andati i fatti e se lo fa’ chiede un rapporto scritto. Manca proprio il contatto umano, ci sentiamo dei numeri posti su di un tabellone come soldatini. Questo è uno dei tanti problemi che frenano all’assunzione di altri autisti che hanno paura. Per non parlare delle numerose lamentele che arrivano in azienda da parte degli utenti che segnalano disservizi inventati da parte dei poveri autisti. L’autista si deve prendere la briga spesso di giustificare cose che non ha fatto. Chi protesta per disservizi inventati dovrebbe essere identificato per così dare la possibilità agli autisti di essere denunciato per diffamazione. Molti utenti infatti per svariati motivi scrivono in azienda per ritardi o anticipi inventati, risposte poco cordiali, ecc ecc.»

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Torino: l’evento è annullato, ma la primavera regala i 100 mila protagonisti
    Da nord a sud l‘effetto del Coronavirus in Italia e, quindi, delle misure restrittive adottate dal Governo per contenere la pandemia, mostrano intere città, strade, paesi e stazioni completamente deserte, costringendo a casa milioni di persone e lasciando la primavera l’unica ad essere libera di proseguire indisturbata il suo naturale percorso. Come molte attività commerciali, […]
  • Ricette di Pasqua semplici e veloci, da fare in compagnia!
    Pasqua si avvicina e, molto probabilmente, in questo 2020 non ci saranno grandi ritrovi tra amici e parenti. Tuttavia, questo non è un valido motivo per impigrirsi e non cucinare niente di particolare. Soprattutto in queste giornate, per chi ha dei figli piccoli la vita non è proprio semplice: come far passare, quindi, il tempo […]
  • Coronavirus e stampanti 3D: Mercedes Benz pronta alla produzione di dispositivi medici
    Un periodo così instabile ed incerto come quello del recente allarme sanitario da Covid- 19, costringe ad una stretta coalizione internazionale che riesca a coinvolgere ed unire il maggior numero di forze e di aiuti possibili per riuscire contenere l’emergenza. Per questo, la nota casa automobilistica tedesca Mercedes Benz scende da protagonista in campo, mettendo […]
  • Fratellini soli a casa in quarantena: il Paese li aiuta “adottandoli”
    L’allarme sanitario che da settimane sta lasciando dolorose ferite, obbligando l’isolamento e la distanza dalle persone care, sta facendo riscoprire all’Italia un senso di vicinanza ed un’insaziabile bisogno di aiutarsi per riuscire ad arrivare il più velocemente possibile alla fine di un’emergenza che sta attraversando senza freni l’intero territorio nazionale. A confermare e dimostrare l’estrema […]
  • Dalle piume d’oca ai petali di fiori: La prima produzione di giacconi 100% naturali
    Esisteranno sempre alcuni capi di cui non se ne potrà mai fare a meno, e come non non si può affrontare il caldo estivo senza occhiali da sole e bermuda, così non si può superare il freddo invernale senza, il protagonista indiscusso dei mesi più gelidi: il piumino. Dalle classiche piume d’oca, alla più recente […]
  • Coronavirus: molto richiesti i saturimetri, a qualcuno servono davvero
    Dall’inizio dell’allarme coronavirus la corsa ai principali dispositivi di protezione individuale sembrava inizialmente limitarsi alle mascherine ed ai gel disinfettanti per le mani, diventati poi introvabili sia nelle farmacie che sui portali online, ma ultimamente il fenomeno parrebbe essersi allargato anche a strumenti prettamente sanitari come il saturimetro. Infatti, il particolare dispositivo a pinzetta facilmente […]
  • Coronavirus: L’Italia spegne i motori e i delfini tornano nei porti italiani
    La recente emergenza sanitaria ha reso l’Italia, Paese noto per la sua vivacità e il suo calore una penisola pressoché deserta obbligando negozi, centri commerciali e molte aziende a bloccarsi per intere settimane e costringendo milioni di italiani a guardare l’arrivo della primavera unicamente dalla finestra della propria abitazione. All’ombra di tutto questo, Madre Natura […]
  • Coronavirus: dalla Cina arrivano i caschi termoscanner per la polizia
    Da qualche mese, partendo dalla Cina e allargandosi come una macchia d’olio fino all’Italia, il mondo intero si è trovato improvvisamente a combattere una guerra contro un nemico veloce ed invisibile che non sta risparmiando niente e nessuno, colpendo non solo persone ma l’economia di interi Paesi, costringendo l’unione e l’impegno di tutte le forze […]
  • Coronavirus: 3 fasi per sanificare correttamente casa
    Candeggina, gel disinfettanti, alcol e spray si stanno rivelando i migliori alleati, nonché le armi più utilizzate in questo periodo per riuscire a combattere l’invisibile nemico che da settimane sta costringendo a casa milioni di italiani. Oltre alle ormai note raccomandazione di igiene emanate dal Governo, ai dispositivi di protezione individuale come le introvabili mascherine […]

Categorie

di tendenza