Connect with us
Pubblicità

Fiemme, Fassa e Cembra

Sulla Marmolada si è celebrato il 40° anniversario della salita in vetta del Santo Padre Giovanni Paolo II

Pubblicato

-

Il 26 agosto in Marmolada si è svolto il 40° anniversario della salita in vetta del Santo Padre Giovanni Paolo II.

Lino Zani, guida e accompagnatore del Papa, ha ricordato con emozione il suo amore per la montagna.

Nel 1979 per ricordare l’elezione del predecessore Papa Albino Luciani avvenuta l’anno prima, Giovanni Paolo II decise di salire sulla Marmolada e di consacrare la statua della Madonna da lui intitolata Regina delle Dolomiti, che è ancora oggi presente nella Cappella Grotta di Punta Rocca a 3265 metri.

Pubblicità
Pubblicità

Molte le persone che hanno preso parte all’evento. In particolare Lino Zani durante la manifestazione intitolata “Una montagna per due Papi” ha voluto regalare un video per far rivivere il ricordo di quella visita di quarant’anni fa.

Era il 26 agosto 1979 e molte persone tra cui parecchi bambini erano accorsi alla stazione funiviaria di Malga Ciapela per dare il benvenuto a Giovanni Paolo II. Sono passati quarant’anni ma quell’episodio è rimasto nella mente di molti.

Pubblicità
Pubblicità

La messa è stata celebrata dal vescovo di Belluno-Feltre monsignor Renato Marangon nella Cappella Grotta della Madonna.

Da quella prima salita il Pontefice decise di salire altre volte: passeggiate e sciate come una persona qualsiasi, sempre pronto a rivolgere un saluto a quanti lo riconoscevano.

Pubblicità
Pubblicità

Secondo quanto detto da Lino Zani, per Giovanni Paolo II la montagna era un luogo di divertimento ma soprattutto di preghiera. Il silenzio della montagna era la cosa più bella perchè gli permetteva di immergersi in preghiere profonde.

Pubblicità
Pubblicità

Fiemme, Fassa e Cembra

Ambienti flessibili per l’apprendimento: a Cavalese il 1° seminario di rete

Pubblicato

-

Si terrà a Cavalese, sabato 18 gennaio 2010, presso la Biblioteca Comunale, il primo incontro formativo su didattica innovativa e ambienti di apprendimento, voluto dalla Rete I.d.e.a.

Innovazione didattica e ambienti di apprendimento”. La Rete I.d.e.a. nasce con l’intento di sviluppare e mettere a sistema le pratiche innovative che le scuole ritengono particolarmente efficaci.

L’appuntamento richiamerà a Cavalese un centinaio di insegnanti appartenenti alla rete, provenienti dagli Istituti Comprensivi: Cavalese (capofila), Ladino di Fassa, Trento 5, Trento 6, Rovereto Nord, Avio, Borgo Valsugana e Riva 2. Il seminario avrà inizio alle ore 9.00 e si concluderà alle 17.00.

Pubblicità
Pubblicità

I.d.e.a. è la prima di una serie di reti di scuole legate allo sviluppo della didattica innovativa sul territorio trentino.

Questa prima rete è stata realizzata a seguito di incontri mirati tra la Sovrintendente scolastica Viviana Sbardella, i dirigenti scolastici, alcuni docenti e Iprase. La convinzione da cui si parte è condividere le buone prassi già in atto in alcune scuole, affinché diventino patrimonio comune e possano così produrre effetti positivi sulla qualità del sistema di istruzione.

Pubblicità
Pubblicità

Tema del primo incontro di rete saranno gli “ambienti flessibili” per l’apprendimento. La giornata di studio, che si terrà presso la biblioteca di Cavalese, si terrà sabato 18 gennaio 2020, avrà inizio alle ore 9.00 e sui concluderà alle 17.00.

Tra i relatori interverranno: Elena Mosa, Raffaella Carro, Silvia Panzavolta e Maria Guida di INDIRE, Alessandra Galletti e Beate Weyland dell’Università di Bolzano. Le relazioni degli esperti saranno intervallate da momenti di approfondimento e da workshop di condivisione di idee progettuali.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Fiemme, Fassa e Cembra

Via alla realizzazione della Ciclo Pedonale di Fassa e Fiemme. La giunta stanzia 1,9 milioni di euro

Pubblicato

-

Ieri nella prima tornata dei lavori del consiglio provinciale sono state presentate le interrogazioni a risposta immediata.

Fra queste anche quella del consigliere dell’associazione Fassa Luca Guglielmi (foto) che voleva sapere quando sono previsti i lavori per il completamento della pista ciclo-pedonale di Fassa e Fiemme nel tratto compreso fra i Comuni di Mazzin e di Canazei.

La Giunta ha premesso che l’inserimento dell’opera in oggetto è rimasto a lungo sub iudice a causa di un ricorso.

Pubblicità
Pubblicità

In ogni caso la Provincia autonoma di Trento ha reinserito in programmazione le risorse per l’intervento con l’assestamento di bilancio 2019 aggiornando anche l’importo inizialmente previsto.

Attualmente è in corso la progettazione esecutiva dell’intervento e nel 2020 sarà avviato l’appalto.

Pubblicità
Pubblicità

Guglielmi ha espresso soddisfazione per la risposta che conferma la programmazione dell’opera oggetto della sua interrogazione.

In serata attraverso una breve nota è arrivata anche la soddisfazione della senatrice Elena Testor

Pubblicità
Pubblicità

«Sono veramente soddisfatta per la risposta della Giunta della provincia autonoma di Trento all’interrogazione di oggi del nostro consigliere Luca Guglielmi sullo stato dell’arte e il completamento dei lavori della pista ciclabile della Val di Fassa e Fiemme. Nell’assestamento del bilancio provinciale erano state integrate le risorse necessarie per il completamento dei lavori che attualmente ammontano a 1,9 milioni di euro. Ora è in corso la progettazione esecutiva dell’intervento» – Scrive Elena Testor di Forza Italia Procuradora del Comun general de Fascia.

«Un risultato davvero soddisfacente – aggiunge la senatrice – frutto del grande impegno dell’amministrazione del Comun General de Fascia e di tutti i soggetti interessati, ai quali, da Procuradora, vanno i miei più sentiti ringraziamenti per l’ottimo lavoro. Attendiamo per quest’anno l’avvio della gara di appalto e l’esecuzione dei lavori per la realizzazione dell’opera»

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Fiemme, Fassa e Cembra

Fassa e Fiemme: trovati alla guida ubriachi, rischiano l’arresto e 6.000 euro di multa

Pubblicato

-

Nei giorni scorsi, nell’ambito dei controlli del Distaccamento Polizia Stradale di Predazzo gli agenti hanno fermato due automobilisti e ritirato due patenti di guida per la violazione dell’art. 186 del codice della strada, (guida in  stato di ebrezza) con il sequestro di un’autovettura.

Il primo episodio è avvenuto alle ore 21,00 circa di domenica 12 gennaio u.s. ed ha riguardato una ragazza, conducente ventiseienne, residente in valle di Fiemme, che, reduce da una festa privata di compleanno, si stava recando presso un locale pubblico per continuare la serata in allegria.

La 26 enne ha evidenziato un tasso alcolemico di 1,97 ed 1,88 grammi per litro, superando di quasi 4 volte il limite massimo consentito di 0,5 g/L.

Pubblicità
Pubblicità

Il veicolo, appartenente alla conducente, è stato sequestrato ai fini della confisca.

Il secondo episodio si è verificato alle ore 15,00 circa di lunedì 13 gennaio u.s., in località San Giovanni di Fassa quando è stato sottoposto ad alcoltest un conducente quarantenne residente in val di Fassa, che è risultato aver superato di ben oltre cinque volte il tasso consentito, con valori rispettivamente di 2,59 e 2,80 g/L.

Pubblicità
Pubblicità

Il conducente proveniente dalla sua abitazione, si stava recando, nonostante il tasso alcolemico elevato, presso una vicina discarica di materiali.

In entrambi i casi, la pena prevede un’ammenda da euro 1.500 a euro 6.000 e l’arresto da sei mesi ad un anno, nonché la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da uno a due anni; nel secondo caso, poiché il veicolo non era di proprietà del conducente, non è stato effettuato il sequestro ma il raddoppio della durata di sospensione della patente di guida.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza