Connect with us
Pubblicità

Io la penso così…

Chi vuole trasformare la Chiesa in una Ong? – di Claudio Cia

Pubblicato

-

Spett.Le Direttore,

sono mesi che assistiamo a un dibattito surreale tra chi manifesta il proprio credo religioso anche in politica e chi invece condanna tale esternazione.

Non sono mancate prese di posizione di politici, giornalisti e dell’intellighenzia ideologicamente schierata.

Pubblicità
Pubblicità

Non ha voluto far mancare la sua condanna neppure una certa élite clericale che, a mio avviso, ha peggiorato i toni della discussione, turbato gli animi e, così facendo, allargato il solco che la separa dal sentire comune dei fedeli

Non mi preoccupa affatto, permettetemi, chi esibisce un crocifisso, evoca i Santi che appartengono alla nostra storia, affida l’Italia al Cuore Immacolato di Maria... questo non mi preoccupa.

Io invece, da cattolico, mi preoccupo di una Chiesa che esonda dal suo ruolo, che fa troppa politica e si occupa troppo poco di fede, polarizza e divide il mondo cattolico in linea con quello che avviene in politica.

Pubblicità
Pubblicità

Una Chiesa che ha rinunciato alla terzietà a cui Dio la chiama, al punto di identificare il bene della stessa con posizioni politiche contingenti e questionabili. Appare sempre più una Chiesa che ha rinunciato alla “teologia” a favore della “sociologia d’accatto, una Chiesa ridotta a strumento con fini secolari, una Chiesa che sta perdendo il suo popolo, mentre i preti si stanno estinguendo.

Mi preoccupano relativismo e soggettivismo che caratterizzano l’azione e le parole di pastori che si sono spogliati di sacralità per essere più moderni, più mondialisti, al passo con i tempi, senza comprendere che così facendo vanno contro se stessi oltre che minare la credibilità del loro stesso impegno e prestare il fianco a quanti vogliono ridurre all’insignificanza la forza del pensiero e i simboli cristiani.

Mi preoccupano questi signori quando parlano in modo dilettantesco di questioni teologiche. Impressiona sentirsi dire che si è cristiani o no a seconda che si voti uno schieramento – peraltro tradizionalmente anticattolico – piuttosto che un altro. Sono sempre meno guide spirituali e sempre più espressione di correnti di pensiero politico.

Se oggi sono altri a proporci i simboli propri del cristianesimo, l’anomalia sta in chi da tempo vi ha rinunciato, preferendo ad essi altri vessilli e trasformando la Chiesa in una Ong, svuotata di Cristo, e riempita di altro.

La crisi che sta vivendo la Chiesa non è tanto dovuta alla carenza di vocazioni, quanto semmai alla perdita della propria identità.

Personalmente preferisco chi difende la tradizione cristiana e ne parla in Italia e in Europa, fosse anche per ottenere consenso, a quanti sono invece all’opera per schierarla con i propri più inveterati avversari (aborto, eutanasia, droga libera, distruzione della famiglia naturale, ecc...) e per minimizzarne l’essenza se non addirittura cancellarla.

Più “mea culpa” e meno “demonizzazioni” sarebbero più appropriati. Questo è il mio pensiero, quello di un cristiano semplice e disorientato.

Claudio Cia – consigliere provinciale 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Piccoli angoli di paradiso immersi nella natura incontaminata, una perfetta alternativa al mare
    La bellezza incontaminata della natura fatta di scrigni selvaggi e posti da favola, accende la passione per l’Italia e per le sue straordinarie mete che spesso, nascondono scenari incredibili. Non solo acqua di mare, ma anche fiumi, cascate e canyon diventano un luogo ed un’alternativa perfetta per fare il bagno e rilassarsi. Infatti, per chi vuole […]
  • Nuotare nel Reno: un’esperienza unica nel suo genere
    Dalle montagne spettacolari, agli immensi boschi fino alle gole selvagge, la Svizzera circondata dalla sua natura incontaminata diventa inevitabilmente sinonimo di sostenibilità. Questa attenzione si riflette sui consumi, sulla lungimiranza nel riciclaggio della popolazione, ma anche sul turismo. Infatti, il turismo svizzero spinge i suoi visitatori ad entrare quanto più possibile a contatto con l’ambiente […]
  • Kylie Skin, la linea beauty di Kylie Jenner
    “La cura della pelle e il trucco vanno di pari passo e Kylie Skin è qualcosa che ho sognato subito dopo Kylie Cosmetics. Ci ho lavorato per quella che sembra una vita, quindi non posso credere che sia finalmente arrivato! Costruire la mia linea di trucco da zero mi ha insegnato molto e sono così […]
  • The Ordinary – The Balance Set: la skin care di qualità adatta a tutte le tasche
    The Ordinary è un marchio di DECIEM (società ombrello di brand focalizzati su trattamenti avanzati di bellezza) in continua evoluzione di trattamenti per la skin care. The Ordinary offre trattamenti clinici elettivi di cura per la pelle a prezzi onesti. The Ordinary è “Formulazioni cliniche con onestà”. Tutti i prodotti DECIEM,  compresi quelli del brand The Ordinary, […]

Categorie

di tendenza