Connect with us
Pubblicità

Trento

Calendario vaccinale: ecco tutti gli aggiornamenti approvati

Pubblicato

-

Una protezione più ampia a bambini e ragazzi per il meningococco, con l’introduzione del vaccino quadrivalente ACWY nel secondo anno di vita e l’offerta gratuita del B alle coorti di nascita 3-17 anni; l’introduzione del quadrivalente MPRVar contro morbillo, parotite, rosolia e varicella; l’offerta gratuita del vaccino contro il virus del papilloma umano alle donne che hanno subito recenti trattamenti per lesioni HPV; nonché la raccomandazione, per le donne in gravidanza, di effettuare il vaccino dTp e antinfluenzale.

Sono queste le principali novità contenute nell’aggiornamento del calendario provinciale delle vaccinazioni dell’infanzia, dell’adolescenza e dell’adulto, approvato dalla Giunta provinciale su indicazione dell’assessore alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia, Stefania Segnana.

“Abbiamo provveduto ad ampliare l’offerta vaccinale per offrire una migliore copertura alla popolazione di malattie prevenibili con vaccino, – sono le parole dell’assessore Segnana -.

Pubblicità
Pubblicità

“Si tratta di un’opportunità in più per salvaguardare il bene primario della salute, uno strumento ulteriore dal punto di vista della prevenzione e della tutela, che nulla ha a che fare con le disposizioni in materia di obbligo vaccinale fissate dalla legge nazionale 119 del luglio 2017, e che verrà accompagnato da adeguate iniziative di comunicazione, sensibilizzazione e counseling per un’adesione consapevole della popolazione”.

L’aggiornamento del calendario provinciale delle vaccinazioni dell’infanzia, dell’adolescenza e dell’adulto offre alla popolazione una migliore copertura vaccinale finalizzata alla prevenzione di diverse malattie infettive.

Inoltre esso è accompagnato da adeguate iniziative di comunicazione, sensibilizzazione e counseling per un’adesione consapevole della popolazione, tra cui la realizzazione del sito VaccinaSi in Trentino, collegato con quello nazionale, un’indagine sulla percezione dei cittadini nei confronti delle vaccinazioni, serate informative, diffusione di materiale informativo.

Queste le principali modifiche al calendario vaccinale:

Pubblicità
Pubblicità

Meningococcico quadrivalente ACWY – Viene offerto gratuitamente il vaccino coniugato antimeningococcico quadrivalente ACWY – in sostituzione di quello coniugato antimeningococcico C – ai nuovi nati al 13° mese di vita, a partire dalla coorte di nascita 2019, nonché per la fascia di età 11-17 anni; l’offerta gratuita è anche per i soggetti di tutte le età ad alto rischio di malattia invasiva da meningococco.

Meningococcico B – Viene offerto gratuitamente il vaccino antimeningococco B per le coorti di nascita 3-17 anni e per i soggetti a rischio.

Quadrivalente MPRVar – Viene offerto gratuitamente il vaccino quadrivalente MPRVar, contro morbillo-parotite-rosolia-varicella al 13° mese di vita, a partire dalla coorte di nascita 2019, consentendo ai genitori la scelta del vaccino trivalente MPR+ varicella che sarà somministrato in sedi anatomiche diverse.

HPV – Viene offerto gratuitamente, a partire dal 1° gennaio 2020, il vaccino contro il virus del papilloma umano (HPV) alle donne che hanno subito recenti trattamenti per lesioni HPV correlate.

Il vaccino era già offerto gratuitamente per ambo i sessi fino al compimento del 18esimo anno di età.

Vaccinazioni in gravidanza – Viene fortemente raccomandata la somministrazione delle vaccinazioni contro difterite, tetano, pertosse e influenza (qualora la gestazione si verifichi nel corso di una stagione influenzale).

Queste vaccinazioni sono sicure per la madre e il nascituro e devono essere ripetute ad ogni gravidanza.

In particolare la pertosse è una malattia che, se contratta dal neonato nei primi mesi di vita può essere molto grave o persino mortale, la fonte di infezione per il neonato è frequentemente la mamma.

Il periodo raccomandato per effettuare la vaccinazione è il terzo trimestre di gravidanza, ciò consente di proteggere il neonato fino all’epoca della somministrazione del vaccino.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Lavoratori accoglienza: il mistero dei 18 disoccupati irreperibili

Pubblicato

-

Dal botta e risposta numerico tra l’assesssore Spinelli ed i sindacati sul numero degli ex lavoratori del comparto dell’accoglienza che hanno trovato una seconda occupazione, emerge un dato perlomeno curioso.

Secondo i sindacati dei 98 lavoratori disoccupati, 18 risulterebbero irreperibili.

Ma come, erano titolari di contratti a tempo indeterminato e piuttosto che rispondere alle chiamate dell’Agenzia del Lavoro (lo hanno fatto in 33 dei quali 14 hanno legittimamente rifiutato la proposta di lavoro) in 18 hanno chiuso baracca e burattini e si sono dati alla macchia?

Pubblicità
Pubblicità

Ma chi erano e in particolar modo perché hanno preso questa decisione?

Per i sindacati quei 98 neo disoccupati sono tutti giovani professionisti qualificati ed allora perché scappare?

Com’è possibile che le potenti banche dati in uso agli uffici pubblici non riescano a rintracciarli, anche se residenti fuori città. C’è molto che non torna.

Il primo sospetto è che potessero avere qualcosa da nascondere, ma cosa?

Pubblicità
Pubblicità

Avanziamo delle ipotesi: è possibile che il “giro” dei lavoratori dell’accoglienza possa essere stato in parte virtuale e che quindi non avrebbe potuto superato un controllo amministrativo?

Di ipotesi fantasiose se ne possono fare molte, ma sarebbe bello che qualcuno spiegasse chi sono i 18 lavoratori irreperibili.

La disoccupazione è sempre comunque un dramma, però nel caso del comparto dell’accoglienza, la responsabilità è di chi ha creato un carrozzone che stava in piedi solo con i finanziamenti pubblici e che non ha prodotto nessun reddito o risorsa per la comunità.

Un carrozzone assemblato su quella che era dichiarata come un’emergenza umanitaria e come tale, temporanea.

In questo caso una parte dei sindacati e i politici di centro sinistra dovrebbero solo fare autocritica.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Chiusi i presidi periferici della polizia municipale al Magnete e in san Martino

Pubblicato

-

La Polizia Municipale ha chiuso i presidi periferici del Magnate e di San Martino.

Il Comune ha inoltre chiesto il parere favorevole al consiglio di circoscrizione Centro Storico – Piedicastello per chiudere la sala civica del Magnete che ha risposto in modo negativo.

Azioni totalmente opposte alla richiesta di sicurezza e legalità dei cittadini.

Pubblicità
Pubblicità

I due presidi della Polizia Municipale erano da tempo inattivi dopo che erano partiti con due vigili e passati poi in seguito ad uno solo.

I residenti del Magnete ricordano con particolare nostalgia solamente di una vigilessa attiva sul territorio, ma talmente attiva da essere stata trasferita.

Il problema è che se c’è chi segnala delle criticità, su queste poi bisogna poi intervenire: è proprio questo quello che l’amministrazione comunale di centro sinistra non ha mai voluto fare.

Il Magnete è un quartiere estremamente a rischio, dove il crimine è per la maggioranza extra comunitario e quindi è meglio non correre il rischio di vedere o sentire.

Pubblicità
Pubblicità

La giustificazione ufficiale è che la necessità dei presidi è venuta meno con i vigili o carabinieri di quartiere ed anche con i vigili ciclisti.

La sala civica del Magnete è sotto utilizzata, ma alla pari di tante altre sale comunali sparse sul territorio.

Se l’amministrazione comunale volesse parlare di redditività, dovrebbe chiuderle quasi tutte.

Ed allora perché solo quella del Magnete?

E’ di certo strana questa volontà di disimpegno dell’amministrazione dalla periferia che sarebbe invece la parte della città che avrebbe più bisogno di sostegno.

Ovvio che il parere negativo espresso dal consiglio circoscrizionale non è vincolante per il Comune, ma forse adesso sarà più difficile togliere una possibilità di espressione e aggregazione per il quartiere del Magnete.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Dramma sul Lagorai, muore Marco Guadagnini 69 enne di Trento

Pubblicato

-

Marco Guadagnini di 69 anni, mentre era in compagnia di 2 amici, è scivolato sull’erba umida precipitando per quasi 200 metri a valle dalla Cima Ziolera.

I due amici che erano con lui hanno confermato quanto successo.

Un incidente mortale del tutto simile era successo già due anni fa quando un 65 enne di Bassano del Grappa, era precipitato per 150 metri in un canalone.

PubblicitàPubblicità

I soccorsi si sono mossi subito, il coordinatore dell’Area operativa Trentino orientale del Soccorso Alpino e Speleologico ha chiesto l’intervento dell’elicottero, il quale ha portato sul luogo dell’incidente l’equipe medica e, in una seconda rotazione, due operatori della Stazione Bassa Valsugana.

Per l’uomo purtroppo non c’era ormai nulla da fare, troppo gravi i traumi riportati.

Il medico non ha potuto fare altro che constatarne il decesso.

Una volta ottenuto il nulla osta delle autorità, la salma è stata recuperata e portata alla camera mortuaria di Borgo Valsugana.

Pubblicità
Pubblicità

Residente a Trento e da 5 anni in pensione Marco Guadagnini aveva passato una vita lavorando con revisore per la Federazione della Cooperazione ed era un grande appassionato di sport e di escursioni in montagna.

Era componente del direttivo della sezione del Trentino Alto Adige dell’Aiac, l’Associazione italiana allenatori calcio e allenatore dei «Primi passi» del Mezzocorona Calcio.

Per lui il calcio era da sempre la sua grande passione.

Proprio nel tardo pomeriggio di ieri di ritorno dall’escursione sul Lagorai avrebbe dovuto partecipare all’allenamento dei piccoli nella piana Rotaliana che però lo hanno atteso invano sul campo di calcio.

 L’ex revisore della casse rurali trentine lascia la moglie sposata a giugno dell’anno scorso, Patrizia, che lavora all’Inps, e un figlio avuto dalla prima moglie.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza