Connect with us
Pubblicità

Trento

Aree inquinate Trento Nord: le precisazioni di Appa

Pubblicato

-

“L’intervento di Andrea Maschio, consigliere comunale – spiega Appa – prende lo spunto dalla vicenda della bonifica dell’area di proprietà della società Sequenza che deve essere bonificata in quanto contaminata da piombo tetraetile, dietile e trietile. Tali sostanze si trovano anche nel sito di interesse nazionale ex Sloi. Di qui la scelta del Comune di impedire l’edificazione dell’area fino all’avvenuta bonifica dell’ex Sloi. 

L’analisi di rischio, sulla base di analisi effettuate da Sequenza e validate da Appa, è stata approvata dalla Provincia nell’aprile 2018. Ad oggi la società Sequenza non ha ancora presentato il progetto di bonifica.

Il Ministero, sollecitato proprio da Appa, che lamentava uno stallo sulla bonifica del SIN di Trento nord, ha chiesto che si rifacessero le analisi anche sul sito Sequenza. Ciò al fine di valutare se sia necessaria un’ordinanza di messa in sicurezza del sito a carico del Consorzio di bonifica Trento Nord”.

PubblicitàPubblicità

L’Agenzia conferma inoltre che i piezometri sistemati in quell’area non funzionano, come dimostrano le foto scattate a maggio.Chi li abbia tappati con cemento non è dato sapere “ dichiara Appa, che ricorda come abbia dovuto disboscare l’area per accedere e attivarsi per poterli rifare, già nei prossimi giorni.

Risale a ieri inoltre la comunicazione inviata al Ministero, al Comune e a tutti interessati che informa di una nuova serie di campionamenti programmata a metà settembre. Prima, come i tecnici ben sanno, i pozzi dovranno essere resi funzionanti.

Appa sta procedendo dunque con una precisa tabella di marcia e sarebbe stato sufficiente chiedere agli uffici per avere l’informazione corretta che l’Agenzia è disponibile a fornire e non ha mai negato.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Fondazione Museo Storico: confermato il presidente Giorgio Postal

Pubblicato

-

Ieri la Giunta, su indicazione dell’assessore all’istruzione, università e cultura Mirko Bisesti, ha confermato come presidente della Fondazione Museo storico del Trentino, Giorgio Postal e ha contestualmente nominato i componenti del Collegio dei revisori dei conti, rappresentanti della Provincia per i prossimi quattro esercizi.

Si tratta di Danilo Chemolli, in qualità di presidente, e di Giorgio Appoloni, designato dalle minoranze del Consiglio provinciale; Davide Pasqualini è stato nominato componente supplente.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

Costituito il tavolo di coordinamento provinciale Dolomiti UNESCO

Pubblicato

-

L’assessore all’ambiente Mario Tonina è da qualche mese presidente della Fondazione Dolomiti UNESCO.

Ieri mattina,  su sua proposta, la Giunta provinciale ha deliberato in merito alla costituzione di un Tavolo di coordinamento provinciale dedicato al Bene Naturale Patrimonio Mondiale che coinvolga le strutture dell’Amministrazione e gli enti strumentali competenti.

Obiettivo del lavoro di gruppo, affinché possa esserci un coordinamento fortemente sinergico, è il perseguimento e l’attuazione, nel territorio provinciale, delle misure, azioni, progetti e iniziative di ambito sovra provinciale concordate e definite dalla Fondazione Dolomiti UNESCO. Il Tavolo, peraltro, coordinerà anche le iniziative, i progetti e le azioni che si realizzeranno a livello provinciale inerenti le Dolomiti UNESCO.

Pubblicità
Pubblicità

Sarà il rappresentante del Servizio sviluppo sostenibile e aree protette, Romano Stanchina, il responsabile del coordinamento del Tavolo di lavoro, a cui siederanno i rappresentanti di: Agenzia provinciale per la protezione dell’ambiente (APPA), Agenzia provinciale per le risorse idriche e l’energia (APRIE), Servizio urbanistica e tutela del paesaggio, Servizio foreste e fauna, Servizio turismo e sport, Servizio trasporti pubblici, Ufficio stampa, Trentino marketing, Trentino School of Management e MuSe, Museo delle Scienze.

Alle riunioni del tavolo di coordinamento partecipa il direttore della Fondazione Dolomiti UNESCO (Marcella Morandini) o un suo delegato e possono essere convocati, quali membri aggiunti, un rappresentante della Società Alpinisti Tridentini (SAT), uno delle associazione ambientaliste ed uno del Consiglio delle autonomie locali e, a seconda delle esigenze, eventuali altre strutture provinciali o istituzioni del territorio.

Il vicepresidente Tonina ha espresso il suo ringraziamento a Fabio Scalet, fino a poco tempo fa dirigente generale della Provincia, che ha raggiunto da poco l’età della pensione e alla dirigente Giuliana Cristoforetti, che ha seguito finora il tema, per il loro prezioso contributo dato all’evoluzione del progetto Dolomiti Unesco.

 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Scuole dell’infanzia: dal 3 al 10 febbraio le iscrizioni per l’anno scolastico 2020/2021

Pubblicato

-

La Giunta provinciale ha approvato i termini e le modalità di iscrizione alla scuola dell’infanzia per l’anno scolastico 2020/2021.

Le iscrizioni saranno aperte da lunedì 3 febbraio 2020 a lunedì 10 febbraio 2020.

Hanno diritto all’iscrizione i bambini residenti o domiciliati in provincia di Trento che compiono il terzo anno di età entro il 31 gennaio 2021 e fino all’età d’inizio dell’obbligo scolastico.

PubblicitàPubblicità

Anche per l’anno scolastico 2020/2021 la domanda di iscrizione dovrà essere presentata on line mediante l’accesso al portale  – area infanzia, scuola e formazione.

TEMPI E CRITERI – Il periodo per la raccolta delle iscrizioni va dal 3 al 10 febbraio 2020. Le iscrizioni on line sono effettuabili dalle ore 8.00 del 3 febbraio 2020 fino alle ore 20.00 del 10 febbraio 2020, attraverso l’accesso al portale www.servizionline.provincia.tn.it – area infanzia, scuola e formazione, mediante SPID, utilizzando le credenziali fornite dal proprio gestore. In alternativa è ancora possibile utilizzare la Tessera sanitaria/Carta Provinciale dei Servizi, in precedenza abilitata presso gli sportelli presenti sul territorio (sportelli periferici della provincia, comuni, azienda provinciale per i servizi sanitari).

Il completamento delle operazioni di iscrizione a cura dei richiedenti si esplica con la compilazione delle schede predefinite e successivo invio telematico delle stesse.

Si può presentare domanda presso una sola scuola dell’infanzia. Possono essere iscritti i bambini residenti o domiciliati in provincia di Trento che compiono il terzo anno di età entro il 31 gennaio 2021 e fino all’età di inizio dell’obbligo scolastico (bambini nati nel periodo dal 1° gennaio 2015 al 31 gennaio 2018).

Pubblicità
Pubblicità

Anche per l’anno scolastico 2020/2021particolare attenzione viene riservata alle famiglie di bambini residenti e domiciliati fuori dall’area di utenza della scuola, per i quali la scelta della scuola è legata alla sede di lavoro di almeno uno dei due genitori, o in caso di genitori entrambi lavoratori, da fattori di organizzazione familiare legati all’accudimento dei bambini da parte dei nonni residenti o domiciliati nell’area di utenza della scuola individuata.

PRE-ISCRIZIONI – Le domande di pre-iscrizione per i bambini che compiono i tre anni di età fra il 1° febbraio e il 31 marzo 2021, residenti o domiciliati in provincia di Trento, sono da presentare negli ordinari termini fissati dal 3 al 10 febbraio 2020 presso la scuola dell’infanzia dell’area d’utenza.

La pre-iscrizione consentirà alle famiglie di acquisire la precedenza nell’assegnazione dei posti disponibili per gennaio 2021, salva la necessità di conferma della domanda dal 1 al 7 ottobre 2020. Nella pianificazione del servizio scolastico provinciale, tenuto conto delle esigenze manifestate dalle famiglie e dell’offerta sul territorio dei servizi socio-educativi per la prima infanzia, si porrà particolare attenzione alle iscrizioni dei bambini nati nel periodo febbraio-marzo 2018 al fine di favorire l’ingresso anticipato alla scuola dell’infanzia dal mese di gennaio 2021.

ORARIO PROLUNGATO – Come stabilito dalla Giunta provinciale, il concorso finanziario per l’utilizzo del servizio dell’orario prolungato resterà invariato rispetto alle tariffe dell’anno in corso. La riduzione interessa sia le tariffe massime che le tariffe agevolate, su base Icef, del servizio di orario prolungato. La tariffa mensile agevolata per un’ora di prolungamento ulteriore rispetto alle 7 ore ordinarie di servizio di scuola dell’infanzia, andrà da un minimo di 7,50 euro ad un massimo di 20 euro; per due ore di servizio giornaliere si pagheranno da 15,00 a 40 euro al mese, mentre per 3 ore massime di servizio giornaliero si pagheranno dai 22,50 euro ai 60 euro. Le tariffe annuali sono determinate moltiplicando le tariffe mensili per dieci mesi, durata massima di fruizione del servizio.

ACCESSO AI PERCORSI “MONTESSORI” – Il provvedimento stabilisce inoltre i criteri per l’accesso ai percorsi “Montessori”, garantendo l’accesso anche ai bambini esterni al bacino d’utenza della scuola. Per l’ammissione ai percorsi sono stabiliti  criteri di priorità che tengono conto in primo luogo della pregressa esperienza educativa di impostazione montessoriana di scuola dell’infanzia sul territorio provinciale (reiscrizioni) e della continuità familiare.

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE VACCINALE – La legge prevede specifici adempimenti vaccinali nella fascia di età fra i 0 e i 16 anni, stabilendo in particolare che la presentazione della documentazione attestante la regolarità della posizione vaccinale è requisito di accesso ai servizi educativi/scolastici.

Nella Provincia autonoma di Trento la verifica della regolarità vaccinale dei bambini iscritti alle scuole dell’infanzia provinciali ed equiparate è effettuata tramite la trasmissione all’Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari degli elenchi dei bambini iscritti. Lo stato di conformità vaccinale è condizione per l’ammissione alla frequenza del servizio di scuola dell’infanzia.

Per le iscrizioni ordinarie le famiglie dei minori risultanti non in regola con gli adempimenti vaccinali saranno invitate a depositare, entro il 10 luglio 2020, la documentazione comprovante lo stato di conformità vaccinale, pena la decadenza dall’iscrizione prevista dalla citata normativa per l’anno scolastico 2020/21.

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza