Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Una scuola tutta nuova per gli alunni di Denno e Sporminore

Pubblicato

-

Una scuola tutta nuova, luminosa, funzionale. Il luogo ideale dove crescere e imparare.

Bisognerà attendere ancora un po’ per il taglio del nastro, in programma in autunno, ma la nuova scuola elementare di Denno, che va ad aggiungersi al già realizzato e attivo plesso della scuola media, è ormai realtà.

A settembre, quando suonerà la prima campanella, gli 87 bambini di Denno e Sporminore potranno usufruire di un edificio moderno, comodo, razionale e di colorate aule inondate di luce.

Pubblicità
Pubblicità

Insieme alla struttura della scuola media, con la quale verranno condivisi alcuni spazi come la mensa, la palestra e l’auditorium, costruita qualche anno fa e aperta nel 2014, la nuova scuola elementare forma così un polo scolastico innovativo che serve tutta la bassa Val di Non.

Pubblicità
Pubblicità

Un complesso che il prossimo anno scolastico ospiterà in tutto 277 alunni.

I lavori per la realizzazione di questo nuovo polo dell’istruzione hanno visto una spesa totale di 10,5 milioni di euro, di cui 2,7 milioni per le elementari, finanziati al 90% dalla Provincia.

Pubblicità
Pubblicità

Si tratta di un’opera fondamentale, che ha impegnato molto l’amministrazione comunale. “È stato un intervento complicato e oneroso, dal punto di vista economico ma anche realizzativo – spiega il sindaco di Denno Fabrizio Inama –. Soprattutto per quanto riguarda i lavori del primo lotto, non è stato semplice far convivere la scuola con il cantiere. Siamo passati anche attraverso un fallimento, ma per fortuna abbiamo sempre potuto contare sul supporto della Provincia”.

Le aule, come detto, sono già state predisposte con i nuovi arredamenti, nella parte esterna è stato realizzato il campo da pallavolo in erba sintetica e sono stati installati due tavoli con delle panche, utilizzabili anche da parte dei bambini disabili, in plastica riciclata.

All’appello mancano ancora alcuni mobili e l’attrezzatura tecnica dei laboratori e delle aule speciali, così come della cucina allestita grazie al contributo dell’allora Cassa Rurale Bassa Anaunia, che saranno completati per l’inizio della scuola.

È in fase di realizzazione, poi, il parcheggio esterno che porterà i posti auto a una settantina in totale, consentendo anche le manovre in sicurezza dei pullman.

Il dirigente scolastico Massimo Gaburro si dice soddisfatto di avere finalmente a disposizione una struttura moderna e funzionale: “Siamo naturalmente più che felici di avere un polo scolastico unico – rivela Gaburro –. Questo ci agevola molto, possiamo mettere in comune degli spazi e siamo facilitati ad esempio nelle attività di continuità verticale per i ragazzi di quinta in condivisione con quelli delle medie. Tutto sarà più ordinato e organizzato”.

Si tratta quindi di un luogo dove poter far crescere ed educare i cittadini di domani, come ci tiene ad evidenziare il sindaco Fabrizio Inama.

Credo sia stato un investimento lungimirante, che ha portato alla realizzazione di una struttura che serve tutta la bassa valle – conclude il primo cittadino –. Abbiamo fatto degli investimenti importanti in istruzione e cultura. Dal mio punto di vista i settori in cui investire sono proprio questi, con la speranza che da queste strutture escano cittadini preparati e consapevoli”.

Pubblicità
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Ancora precaria la situazione sulla Statale 421 per Molveno

Pubblicato

-

Nonostante l’attivazione immediata delle opere di messa in sicurezza, e un lavoro ininterrotto da parte dei servizi provinciali e di una ditta specializzata in disgaggi, si prolunga la chiusura della statale 421 interessata due settimane fa da una frana.

Questa mattina I tecnici del Servizio Gestione Strade e del Servizio Geologico della Provincia, con l’impiego dell’elicottero dei Vigili del Fuoco, hanno eseguito un sopralluogo sul versante a monte della Strada statale per verificare se esistono le condizioni di sicurezza per riaprire la strada al transito.

Purtroppo i controlli hanno evidenziato che successivamente ai lavori di disgaggio iniziati subito dopo l’evento verificatosi sabato 23 novembre sono avvenuti ulteriori crolli.

Pubblicità
Pubblicità

Il materiale caduto è risultato importante sia in termine di volume che di dimensioni tanto da richiedere un ulteriore intervento da parte dei rocciatori per il disgaggio delle aree interessate dal movimento franoso.

Tale intervento è già stato avviato e successivamente si procederà all’adeguamento delle opere di difesa temporanea già realizzate. “Questo imprevisto – spiegano i tecnici della Provincia – non consente quindi di poter garantire la sicurezza necessaria alla riapertura della strada“.

Pubblicità
Pubblicità

Nei primi giorni della settimana prossima saranno eseguite ulteriori verifiche ed un aggiornamento del programma dei lavori anche al fine di accelerare la riapertura al traffico della SS 421 ripristinando in via stabile il collegamento tra gli abitati di S. Lorenzo in Banale e Molveno.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

La Val di Rabbi si tinge di magia e si trasforma nella “Valle dei Presepi”

Pubblicato

-

Nel cuore del Parco Nazionale dello Stelvio per seguire un suggestivo percorso che conduce alla Natività, ambientata in un tipico “maso”. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Cles, via alle prenotazioni delle sorti legna: domande entro il 31 dicembre

Pubblicato

-

Attraverso un avviso pubblicato sul sito internet comunale, il Comune di Cles ha reso noto che all’Ufficio Ragioneria sono aperte le prenotazioni sorti legna da ardere e fabbisogni anno 2020, dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 12. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza