Connect with us
Pubblicità

Fiemme, Fassa e Cembra

Svelati date e programma della 62esima edizione della Festa dell’Uva

Pubblicato

-

Anche quest'anno la sfilata dei carri allegorici sarà il momento clou della Festa dell'Uva

A un mese dal taglio del nastro la Pro Loco di Giovo ha svelato il programma della 62esima edizione della Festa dell’Uva, storica kermesse che rende omaggio all’uva e alla cultura del vino della Val di Cembra e che quest’anno si terrà dal 20 al 22 settembre.

Un evento che dagli anni Cinquanta la popolazione di Giovo, piccolo centro della Val di Cembra, non ha mai abbandonato, e che è diventato un vero e proprio emblema della cultura e dell’identità della valle. Si tratta infatti del più antico evento trentino dedicato alla vendemmia.

Pubblicità
Pubblicità

I suoi ingredienti, neanche a dirlo, sono l’uva e le tante sfaccettature che essa assume nella vita della comunità locale: dalla dimensione naturale e paesaggistica, di chi la coltiva e la vendemmia, a quella enologica, di chi la trasforma in pregiati vini, a quella godereccia di chi la degusta nelle caneve, a quella estetica di chi ne ha fatto una musa per le proprie sculture, poesie, video, fotografie e altre forme d’arte.

Pubblicità
Pubblicità

La Festa dell’Uva rende visibili tutti questi aspetti attraverso un’offerta variegata e articolata. Cuore dell’evento è la grande Sfilata dei carri allegorici, in programma domenica 22 settembre alle 14.30, unica rimasta in Trentino: una spettacolare e tradizionale parata tra le vie del paese realizzata da centinaia di ragazzi in costume.

Sempre nel solco della tradizione si colloca il Palio dei Congiai, dove i concorrenti si sfidano riempiendo le botti d’acqua e correndo tra le vie del paese.

Ma l’uva diventa anche fonte d’ispirazione, come suggeriscono le mostre di fotografia e scultura in legno e il concorso letterario indetto dal Comune, la cui premiazione avverrà sabato 21 settembre alle 11.

Un ruolo di primo piano sarà assunto poi, ovviamente, dall’aspetto enologico, con lo stand di degustazione di vini della Valle di Cembra e Colline Avisiane che proporrà un’offerta di oltre 40 etichette locali selezionate, accompagnato da un ventaglio di proposte gastronomiche estremamente ampio e variegato, con 12 stand che cucineranno piatti per tutti i gusti.

Dall’apertura dell’evento, venerdì 20 settembre alle 18, fino alla chiusura, affidata alla solenne premiazione del migliore carro del 2019, domenica 22 alle 18.30, sarà un susseguirsi di spettacoli, laboratori per i più piccoli, piece teatrali e circensi, musica e danza.

E per chi desidera vivere appieno l’esperienza della festa scoprendo anche il contesto territoriale dove nasce, da non perdere è la 31esima Marcia dell’Uva, corsa non competitiva tra vigneti e masi nei dintorni di Giovo, in programma domenica 22 settembre alle 9.30.

Come ogni anno, l’evento è organizzato dalla Pro Loco di Giovo con il supporto di 400 volontari  e la collaborazione di Azienda per il Turismo Altopiano di Pinè Valle di Cembra, Federazione Trentina Pro Loco  e loro Consorzi e Trentino Wine Fest.

Il programma completo è disponibile su www.festadelluva.tn.it.

Pubblicità
Pubblicità

Fiemme, Fassa e Cembra

Festa dell’Uva di Verla di Giovo: 15 mila le presenze. L’ultimo rintocco è il carro vincente

Pubblicato

-

Con le premiazioni dei carri della tradizionale sfilata si chiude la 62° edizione della Festa dell’Uva di Verla di Giovo.

15.000 le presenze nella tre giorni, 1.100 i partecipanti alla Marcia dell’Uva in mezzo ai vigneti.

Pubblicità
Pubblicità

Con un totale di 116 punti, è L’ultimo rintocco de Le Cavezare il carro vincente della 62° sfilata della Festa dell’Uva di Verla di Giovo. Una creazione che ha voluto affrontare un tema di stringente attualità, ovvero il rispetto dell’ambiente e la necessità di progettare un futuro sostenibile. Attraverso questa opera, infatti, il gruppo Le Cavezare – che lo scorso anno si era già distinto con un carro posizionatosi al secondo posto – ha reso protagonista il nostro pianeta, ma diviso a metà. Da una parte il mondo nella sua bellezza, così come dovrebbe essere, mentre dall’altra il mondo nero e sporco, così come l’indifferenza dell’uomo lo sta trasformando.

Pubblicità
Pubblicità

Due parti che nel corso della performance si sono allontanate mostrando al centro un grande orologio le cui lancette scorrevano all’impazzata, simbolo del tempo che passa inesorabilmente e che rende l’inversione di rotta l’unica via per rimediare agli sbagli commessi.

Ad accompagnare il carro, un gruppo di personaggi vestiti di bianco, segno di purezza, colore, gioia e luce, e altri vestiti di nero, cupi e aggressivi, con abiti abilmente realizzati grazie a materiali di recupero. Allo spettatore il compito di scegliere da che parte stare.

Al secondo posto, con 97 punti, gli Scorlaperi con L’eterna uva, omaggio all’importanza dell’uva, a partire dalla preistoria, quando veniva raccolta solo per mangiarla, fino a quando la necessità di conservare provviste di cibo consentì di scoprire che, dopo alcuni giorni, fermentava dando vita ad un liquido che può essere considerato un antenato del vino che oggi conosciamo.

Terzo posto, a soli tre punti di distanza, per I Botticelli – nuovo gruppo composto da 30 ragazzi under 15 – con Incanto di Luna, fiaba d’amore che racconta il profondo legame tra Uomo e Natura e che richiama la tradizione di un tempo di sposarsi alla fine della vendemmia intonando la sera prima alla propria amata una serenata.

Quarti i New Man, anch’essi  giovanissimi e alla loro prima esperienza, con Rami e radici; quinti i Picaciuk con Il paese dell’uva meraviglia e sesti Le brasche, con L’uva nel mondo di Oz.

Curiosi e divertenti gli intermezzi affidati ad alcune frazioni di Giovo, in cui gli abitanti si sono raccontati attraverso le loro caratteristiche distintive.

E così, i Paluderi (Palù), chiamati “aseni” nonostante il loro sia il paese edificato nell’unica conca pianeggiante della valle, si sono presentati in sella a delle bici da corsa, visto che hanno il vanto di aver dato i natali a grandi campioni come i Moser e Simoni.

I Vileri (Ville) hanno voluto mostrare la loro anima “nobile” legata alla presenza nel proprio territorio del Castello della Rosa. I Mosaneri (Mosana) non potevano che dedicare la loro parata alla mosa, piatto tradizionale da cui prendono il nome, che hanno servito agli spettatori, mentre gli abitanti dei Serci si sono prodigati a distribuire pane, formaggio e salame agli spettatori, nel segno dell’ospitalità.

Una sfilata ricca e, come da tradizione, altamente partecipata, che ha chiuso nel migliore dei modi un weekend di grande festa per Verla di Giovo, con migliaia di persone accorse a visitare gli stand enogastronomici e degustare le specialità 100% locali servite, e partecipare alle iniziative messe in campo, dai concerti che hanno rallegrato le serate alla nuovissima Escape Room, fino all’immancabile Marcia dell’Uva, che ha visto 1.100 iscritti.

Uva e dintorni, organizzata dalla Pro Loco di Giovo con il supporto di Trentino Marketing e il coordinamento della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino, nell’ambito della promozione delle manifestazioni enologiche provinciali denominate #trentinowinefest, si conferma dunque appuntamento atteso non solo dalla comunità di Giovo, che partecipa attivamente alla buona riuscita con il prezioso contributo di oltre 400 volontari e l’impegno di 180 persone alla realizzazione dei carri, ma anche dal resto del Trentino e, sempre più, da fuori provincia.

Un’occasione dunque unica per accendere i riflettori su un territorio unico e dalla grande tradizione vitivinicola come la Valle di Cembra, che sicuramente contribuisce a stimolarne la crescita turistica.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Fiemme, Fassa e Cembra

Nuovo incidente col parapendio. Sul col Rodella un pilota salvato per miracolo

Pubblicato

-

Pochi minuti dopo lo schianto mortale avvenuto sempre sul Col Rodella, che ha visto la morte di un pilota di nazionalità straniera (il terzo in pochi giorni in Trentino) i soccorsi hanno dovuto intervenire ancora.

Poco prima, verso le 15.20, l’Area operativa Trentino settentrionale del Soccorso Alpino è intervenuta per un incidente ai danni di un pilota di parapendio a cui si è chiusa la vela mentre stava sorvolando il Col Rodella (Val di Fassa).

Pubblicità
Pubblicità

L’uomo è precipitato sulle rocce ed è rimasto appeso con la vela alla parete.

Pubblicità
Pubblicità

Sul posto si sono portati l’elicottero del Nucleo Elicotteri della Provincia Autonoma di Trento e due operatori della Stazione Alta Val di Fassa del Soccorso Alpino.

È stata quindi attrezzata una sosta che ha permesso al Tecnico di Elisoccorso, all’equipe medica e ai due soccorritori di calarsi in corda doppia fino al paziente.

Dopo essere stato messo in sicurezza, l’uomo è stato stabilizzato, imbarellato e recuperato a bordo dell’elicottero con il verricello per essere trasportato in codice rosso, con gravi politraumi, all’ospedale Santa Chiara di Trento.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Fiemme, Fassa e Cembra

Si schianta sulla Marmolada col parapendio. È il terzo morto in pochi giorni in Trentino

Pubblicato

-

Un pilota di parapendio svedese di 43 anni ha perso la vita precipitando sulla Marmolada.

È la terza vittima in pochi giorni in Trentino che muore col parapendio.

Pubblicità
Pubblicità

L’uomo, dopo aver perso presumibilmente il controllo della vela, è andato a sbattere sulle rocce della parete nord della Marmolada ed è scivolato fino ad adagiarsi sul ghiacciaio del Piccolo Vernel.

Pubblicità
Pubblicità

L’allarme al Numero Unico per le Emergenze 112 è stato lanciato poco dopo le 16.

Il coordinatore dell’Area operativa Trentino settentrionale del Soccorso Alpino ha chiesto l’intervento dell’elicottero dell’Aiut Alpin Dolomites, il quale ha caricato a bordo due operatori della Stazione Alta Val di Fassa per portarli sul luogo dell’incidente insieme all’equipe medica.

Per l’uomo non c’era ormai nulla da fare e dopo il nulla osta delle autorità la salma è stata ricomposta ed elitrasportata alla camera mortuaria di Canazei.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza