Connect with us
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Il Jeep Camp ha danneggiato prati, pascoli e foreste, Zanotelli: «Per questo i responsabili pagheranno»

Pubblicato

-

Il Jeep Camp ha “sconfinato” non rispettando le autorizzazioni con veicoli che hanno attraversato aree e sentieri vietati, danneggiando prati, foreste e pascoli del Primiero.

Per questo i responsabili della manifestazione dovranno provvedere al ripristino del territorio pagando le sanzioni previste ancora in via di quantificazione.

È quanto emerge dalla risposta scritta di Giulia Zanotelli, titolare dell’assessorato provinciale all’agricoltura e alle foreste, a un’interrogazione presentata dal capogruppo del Movimento 5 stelle Filippo Degasperi e sottoscritta anche dal collega Marini.

Pubblicità
Pubblicità

Degasperi chiedeva un “bilancio ambientale” del Jeep Camp 2019 svoltosi dal 12 al 14 luglio scorso a San Martino di Castrozza.

Bilancio da fare a più di un mese di distanza dall’evento, visto che la Giunta, una settimana dopo la manifestazione, non aveva espresso una “valutazione definitiva sull’opportunità dell’iniziativa”, non avendo una “piena conoscenza dei contenuti”.

Pubblicità
Pubblicità

L’interrogazione, corredata da 7 foto che mostrano i gravi danni arrecati all’ambiente dal Jeep Camp che – come documentato da testimonianze e immagini – ha interessato anche aree di proprietà del Comune di Imer e altre zone dove i mezzi non erano autorizzati a transitare, chiedeva conto alla Giunta delle verifiche effettuate ex post per accertare il rispetto di regole ed impegni.

Tra le domande poste con l’interrogazione, Dagasperi voleva anche sapere se nell’area interessata dal tracciato del Jeep Camp esistano lotti interessati dai lavori per il recupero degli schianti provocati dalla tempesta Vaia (“fatto – commentava il consigliere – che apparirebbe singolare dato che le piante sono ancora tutte a terra). Infine il penatstellato sollecitava l’esecutivo a pronunciarsi ora, sulla base degli elementi acquisiti, in merito all’opportunità dell’iniziativa.

Zanotelli risponde che in seguito all’accertamento di quanto accaduto, per la precisione, in località Monte Vederna nel Comune di Imer, la Stazione forestale di Primiero ha provveduto a quantificare il danno causato al patrimonio silvo–pastorale dal transito dei veicoli.

Danno che, prosegue la nota, riguarda 600 metri quadrati circa di cotico erboso del pascolo, 900 metri quadrati circa di suolo forestale, 26 alberi (radici o chiome).

Quanto ai risarcimenti, prosegue Zanotelli, “ferme restando le sanzioni conseguenti, la quantificazione economica del danno ai fini del ripristino dipenderà anche dalle sistemazioni che saranno eventualmente fatte nei trenta giorni successivi all’evento da parte del soggetto responsabile della manifestazione, che comunque ha depositato una cauzione di 5.000 euro”.

Per la Provincia insomma, riconosce l’assessora, vi è stata effettivamente una violazione delle norme, in particolare di quanto era stato autorizzato l’8 luglio scorso, qualche giorno prima dell’evento, con una determinazione del dirigente del servizio polizia amministrativa. “Infatti – prosegue – i mezzi (le Jeep) circolavano in aree non autorizzate dal provvedimento e per questo è al vaglio la possibilità di contestazione della violazione anche di altre norme, quale la legge provinciale 11 del 2007, sulle foreste e la protezione della natura”.

Zanotelli conferma pure che la violazione ha coinvolto particelle di proprietà del Comune di Imer. Ciò in quanto “il nulla osta al transito rilasciato dal Comune di Imer con nota 3 luglio 2019, era riferito – per la località Monte Vederna – solamente alla viabilità forestale e non alle aree pascolive e boscate contermini”.

L’assessora precisa che in merito alle interferenze tra la manifestazione e le attività conseguenti alla tempesta Vaia, “nell’area del Monte Vederna non erano in esecuzione attività di taglio ed esbosco di lotti per il recupero degli schianti”.

Di fatto “però – conclude – una parte dei percorsi effettuati in difetto di autorizzazione ha interessato piste di esbosco già esistenti”.

Da ultimo, Zanotelli non si pronuncia sull’accaduto, rinviando alle “competenze collegiali della Giunta” la valutazione di opportunità richiesta dall’interrogazione.

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]
  • Si viaggerà ad idrogeno anche in Italia: dal 2021 al via i nuovi treni
    Negli ultimi anni, le soluzioni green per il trasporto pubblico si sono moltiplicate e concretizzate sempre di più attraverso la produzione di treni riciclabili a basse emissione oppure con l’entrata in servizio di Bus ibridi. A questo si aggiunge l’ultimissimo accordo siglato tra uno dei maggiori colossi di infrastrutture energetiche, Slam e una delle più […]
  • La Nasa riprogramma la strada verso la Luna testando “il razzo più potente di sempre”
    Dopo l’ultima missione di Apollo del 1972, l’agenzia aerospaziale americana Nasa si prepara a riportare l’uomo sulla Luna, testando nel deserto di Utah quello che ha definito “ il razzo più potente di sempre”, lo Space Launch System. Questo razzo farà parte della missione Artemide che in un solo lancio riuscirà a portare l’equipaggio insieme […]
  • Petit Pli: il vestito che cresce insieme ai bambini
    I bambini crescono rapidamente e spesso i loro vestitini hanno vita molto breve diventando stretti o troppo piccoli. Un’ulteriore costo che incide sulle tasche delle famiglie e dell’ambiente. A risolvere questo problema ci ha pensato il designer Ryan Yasin attraverso dei tessuti elastici che adattandosi perfettamente al corpo riescono a coprire ben 6 differenti taglie. […]

Categorie

di tendenza