medico legale
Connect with us
Pubblicità

Trento

Il medico legale a Trento. Attore protagonista del diritto alla difesa previsto anche nella Costituzione

Pubblicato

-

Nella foto il dottor Andrea Moar

Analizzando la consulenza tecnica medico-legale abbiamo incontrato il dott Andrea Moar di Trento, tra i più giovani medico legali in Trentino Alto Adige che ci conferma il ruolo centrale della figura del perito in ambito medico.

Prestigio ma anche impegno notevole.

Il dott Andrea Moar, si è laureato in medicina presso la facoltà di Verona e successivamente ha conseguito l’ambito titolo specialistico in medicina legale e delle assicurazioni (scuola di specializzazione a numero chiuso), è fortemente attivo sia a Trento che in Alto Adige.

Pubblicità
Pubblicità

Ad oggi riveste ruolo di consulente medico legali per molti privati e risulta fiduciario per alcune delle più importanti compagnie assicurative.

L’impegno e la determinazione nelle studio accompagnati dalla serietà e professionalità lo hanno portato ad avere un ottima visibilità ed autorevolezza in un settore veramente complesso.

Le funzioni del medico legale non sono infatti solo quelle di fare autopsie nel ruolo americano del “coroner” ma principalmente di valutare le ripercussioni sull’integrità psicofisica che le persone riportano in seguito ad esempio ad un incidente stradale, ad un infortunio, a qualsiasi evento che risulta impattante sull’entità biologica del soggetto.

Il dottor Moar ci ha confermato le specifiche del suo ruolo precisando alcune cose.

Le finalità del medico legale posso essere molteplici ma la più comune ed attuale è rappresentata dallo studio del caso per redigere una perizia inclusiva di attività di consulenza al fine di poter valutare correttamente l’equità di un possibile risarcimento, nonché la valorizzazione dello stesso.

La medicina in tribunale – Il dr. Moar ci conferma la centralità del ruolo anche in relazione con il mondo legale, infatti una buona perizia è sempre maggiormente valorizzata.

La consulenza tecnica di parte nel procedimento giudiziale infatti costituisce, a pieno titolo nel quadro delle garanzie costituzionali, il fondamentale diritto alla difesa di cui all’art. 24 Cost.

Il consulente tecnico di parte interviene nel processo quale “difensore tecnico” della parte, con il compito di fornire le proprie cognizioni tecniche relativamente ai fatti per l’accertamento o la valutazione dei quali il Giudiceha nominato un consulente tecnico d’ufficio.

Per effettuare un adeguato controllo sull’operato del c.t.u. i legali delle parti si possono rivolgere ad un proprio tecnico con il compito di fornire un supporto scientifico rispetto alla relazione dell’ausiliario del giudice.

Infatti a livello procedurale il giudice, con la stessa ordinanza di conferimento dell’incarico al c.t.u., assegna alle parti un termine entro il quale le parti possono nominare un proprio consulente (art. 201 c.1 c.p.c.).

La nomina del consulente di parte viene effettuata dall’avvocato difensore, fornito del mandato ad litem, e la scelta può essere fatta senza ricorrere a dei professionisti iscritti ad albi professionali, ma possono nominare un soggetto con una specifica abilitazione nella materia oggetto della consulenza tecnica. Inoltre la parte che sia professionalmente competente può svolgere la funzione di consulente di parte nel proprio interesse.

Il ruolo del consulente tecnico di parte (c.t.p.) è centrale in tutti campi ed in quello medico è particolarmente delicato e importante.

Il consulente di parte non presta giuramento e non è soggetto alla norma relativa alla ricusazione e alla astensione, ma può rendersi responsabile dei reati di infedeltà nei confronti del proprio cliente.

Comunque resta fermo nel nostro ordinamento il principio secondo cui la consulenza di parte costituisce “… pur inerendo all’istruzione probatoria, non costituiscono mezzi di prova ma semplici allegazioni difensive a contenuto tecnico, prive di autonomo valore probatorio; che coerentemente, dunque, la norma impugnata autorizza la nomina dei consulenti tecnici di parte solo nel caso di nomina del consulente tecnico d’ufficio, le cui funzioni parimenti sono preordinate, non ad accertare fatti rilevanti ai fini della decisione, bensì ad acquisire elementi di valutazione ovvero a ricostruire circostanze attraverso una specifica preparazione, a scopo di controllo sugli elementi di prova forniti dalle parti e in funzione ausiliaria del giudice; che peraltro rimane sempre salva la possibilità di produrre in causa perizie stragiudiziali, integranti anch’esse ​semplici mezzi di difesa come le deduzioni e argomentazioni dell’avvocato, soggette al libero apprezzamento del giudice”

Anche in assenza di CTU, rimane salva la possibilità di produrre in causa perizie stragiudiziali, che dal punto di vista giuridico rappresentano un semplice mezzo difensivo, al pari delle deduzioni e delle argomentazioni dell’avvocato, e sono soggette al libero apprezzamento del Giudice, che è tenuto quindi a motivare adeguatamente ove le risultanze di tale perizia siano alla base della decisione; mentre non incorre in vizio di motivazione laddove le disattenda senza confutarle ed analizzarle specificamente.

Con riferimento poi ai fatti che il consulente asserisce di aver accertato, la perizia stragiudiziale non ha valore probatorio, non essendo prevista dall’ordinamento la precostituzione fuori del giudizio di un siffatto mezzo di prova, ma solo valore indiziario.

Il consulente tecnico di parte effettua, nell’ambito della consulenza tecnica d’ufficio affidata all’esperto del giudice, una funzione che lo assimila a quella del legale, avendo il compito di assistere la parte che lo ha nominato per le proprie competenze tecniche, mentre l’avvocato può definirsi un tecnico del diritto.

Il consulente tecnico di parte ai sensi dell’art. 201 c.p.c. svolge le seguenti attività:

• assiste alle operazioni peritali del consulente tecnico d’ufficio;
• può presentare osservazioni ed istanze nel corso delle attività del CTU;
• partecipa all’udienza e alla camera di consiglio quando interviene il CTU;

In generale le osservazioni fatte dal c.t.p. sulla relazione presentata dal c.t.u. riguardano sostanzialmente aspetti tecnici, metodologici, logici e scientifici che il giudice deve valutare nelle sue determinazioni giuridiche.

Di conseguenza eventuali critiche da parte del c.t.p. devono risultare pertinenti, precise e circostanziate, fornendo dati e dimostrazioni in grado di evidenziare gli errori commessi dall’ausiliario del giudice.

Il consulente di parte opera negli interessi del cliente mediante un contratto di prestazione d’opera intellettuale (art. 2230 c.c.) e le obbligazioni assunte sono obbligazioni di mezzi e non di risultato e l’eventuale inadempimento per mancanza di diligenza prescritta dall’art. 1176 c.c. comporta una colpa lieve.

Il giudice ha l’obbligo di prendere in esame le valutazioni della consulenza tecnica di parte, ma non è tenuto a confutarne le argomentazioni e può disattendere le analisi effettuate.

Negli anni recenti le consulenze tecniche medico legali hanno assunto una crescente importanza nei processi civili e riguardano in particolare il risarcimento del danno, specie nella materia della responsabilità medico-sanitaria, dove la natura dei fatti allegati dalle parti impone delle conoscenze tecnico-scientifiche che il giurista, magistrato o avvocato, non possiede.

Tuttavia, la loro esecuzione soffre spesso di irritualità ed incertezze, causate da divergenze interpretative e, ancor più, dalla trascuratezza delle norme processuali, con effetti negativi sul contraddittorio e quindi sul giusto processo.

La Cassazione ritiene che vada esente da responsabilità “ l’esercente la professione sanitaria che nello svolgimento della propria attività si attiene a linee guida e buone pratiche accreditate dalla comunità scientifica” non c’è motivo per escludere in sede di responsabilità civile l’analisi relativa alla sussistenza del nesso eziologico, anche con riferimento a prassi e linee guida adottate dal magistrato nell’esercizio delle sue funzioni.

Evoluzione della normativa sanitaria –   Il dr. Moar ribadisce la centralità dello studio e dell’aggiornamento costante ai fini di ottenere dei buoni risultati in un contesto in continua evoluzione e legato sia alle leggi che alla giurisprudenza.

Il legislatore nel 2012, al fine di rallentare l’impetuosa crescita della responsabilità civile nell’ambito sanitario, è intervenuto con il c.d. decreto Balduzzi che all’art. 3, comma 1 precisa: “l’esercente la professione sanitaria  che nello svolgimento della propria attività si attiene a linee guida e buone pratiche accreditate dalla comunità scientifica non risponde penalmente per colpa lieve. In tali casi resta comunque fermo l’obbligo di cui all’articolo 2043 del codice civile. Il giudice, anche nella determinazione del risarcimento del danno, tiene debitamente conto della condotta di cui al primo periodo”. 

In questo intervento viene posto particolare attenzione alle linee guida e sulle buone pratiche accreditate dalla comunità scientifica; il giurista tradizionale non è abituato né a questo linguaggio, né tantomeno alla comprensione di queste regole tra le fonti del diritto.

Ma il fenomeno non riguarda esclusivamente l’ambito medico e ma tutta l’attività dei professionisti è sempre più interessata da una cospicua normativa di settore non riconducibile al diritto positivo propriamente inteso.

Nel decreto viene fatto riferimento alla c.d. soft law di derivazione anglo-sassone che prende in considerazione in tema di responsabilità, delle linee guida e delle buone pratiche che vengono accreditate dalla comunità scientifica ed inoltre nel decreto è previsto un meccanismo di intervento a tutela del medico di tipo assicurativo.

Le linee guida e buone pratiche sono delle norme che integrano nel giudizio di responsabilità il quadro di riferimento previsto dalla legislazione che riguarda il dovere di diligenza, di perizia e di prudenza.

La legge Balduzzi ha modificato sul piano delle fonti delle regole che prima dovevano essere apprezzate nella verifica della colpa in senso soggettivo, ora sono diventate diritto positivo, a tutti gli effetti. Ciò comporta che l’errata qualificazione di una norma ivi contenuta o la sua inosservanza da parte del giudice del merito, legittima il ricorso per cassazione, ai sensi dell’art. 360, n. 3, c.p.c., come se si trattasse di una comune norma di diritto positivo.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Ieri la festa di addio per il console onorario di Romania Maurizio Passerotti

Pubblicato

-

La Comunità romena del Trentino Alto Adige ha salutato ieri pomeriggio con una festa che si è tenuta nella sua residenza di Cadine, Maurizio Passerotti Console Onorario della Romania per la regione che volontariamente non ha rinnovato il mandato.

Passerotti è stato il riferimento per tutta la comunità per 11 anni, quelli più difficili.

Un periodo nel quale i romeni dovevano vincere l’innata diffidenza dei Trentini, trovare un posto di lavoro con quale mandare i soldi alle famiglie rimaste a casa, ma anche risolvere le tante piccole problematiche quotidiane.

Pubblicità
Pubblicità

Passerotti è andato al di la della carica istituzionale, diventando un padre per tanti romeni che gli si sono rivolti per le più disparate richieste.

Il Console ascoltava, rassicurava e poi dava il via a quell’azione che quasi sempre risolveva il problema.

A 11 anni di distanza la realtà è cambiata del tutto.

I romeni sono imprenditori, proprietari di case, lavorano e sono integrati e forse è anche giusto che alla figura paterna di Passerotti, se ne sostituisca una che sia meno coinvolta nella realtà quotidiana.

Rifiutando il rinnovo del mandato consolare, Passerotti ha chiuso un ciclo e ieri nel parco della sua residenza è stato salutato con la malinconia e la tristezza che i romeni sanno combattere facendo festa.

Si è mangiato, ballato consapevoli che Passerotti non sarà più il punto di riferimento col quale la comunità romena è cresciuta.

Ma perché ha lasciato?Ho 75 anni ed avrei concluso questo terzo mandato a 80, troppi. Poi ci sono dei motivi famigliari, ma non per ultimo il fatto che 6 mesi fa ci ha lasciato “Gigi” Giuriato che era la mia spalla operativa. Un amico della Romania sempre disponibile a darmi una mano. Sento la sua mancanza e quando sono andato sulla sua tomba a sei mesi dalla morte, gli ho detto: “Gigi mi hai costretto ha non fare più il Console, senza di te sarebbe tutto più difficile”.

Nulla si sa nulla sul suo successore, quello che è certo è che fino al 7 ottobre Maurizio Passerotti resterà in carica.

A mandato scaduto invierà il dossier del candidato al Corpo Diplomatico del governo romeno e da quel momento inizierà la pratica della nomina del nuovo console. “ La revedere Maurizio”, è stato il saluto che ieri pomeriggio è partito dal cuore di tutti i romeni del Trentino Aldo Adige.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Tasse nuovo governo: in arrivo la nuova «eco stangata»

Pubblicato

-

Ancora una volta il destino degli italiani è affidato ad un governo totalmente distante dalla realtà quotidiana che vive il suo popolo.

L’ultimo esempio? La prospettata “Eco stangata”.

Si partirebbe da un ulteriore (micro) tassa applicata sui biglietti arei, compensata da una detassazione del 10% dei viaggi in treno.

Pubblicità
Pubblicità

Ma questi ministri rosso gialli hanno la minima idea delle condizioni nelle quali sono ridotte le nostre ferrovie e dei tempi di percorrenza sia ferroviari che stradali di un’ipotetica tratta Verona – Roma?

La seconda poi parrebbe una battuta.

Rottamare gli Euro 4 con un bonus da spendere obbligatoriamente in abbonamenti dell’autobus.

Ora chi viaggia con un mezzo Euro 4, lo fa certo non per vezzo, ma per mancanza degli euro necessari per acquistare una macchina più recente.

Ora cosa se ne fa ”il poveretto” di 2 mila euro di bonus rottamazione corrispondente ad un credito d’imposta utilizzabile nel quinquennio successivo in abbonamenti di trasporto pubblico locale.

Bene senza andare in altre zone d’Italia, rimaniamo in Trentino per vedere se è possibile far collimare orari di lavoro con quelli degli autobus sulla linea Aldeno – Trento.

Un esempio, ma quante altre corse sono calcolate sul rientro a casa di ipotetici lavoratori e non sul percorso inverso?

Che dire poi dell’eliminazione degli incentivi che indirettamente finanziano i combustibili fossili?

La prima conseguenza sarebbe l’equiparazione del costo del diesel a quello della benzina verde anch’essa inquinante.

Sfugge evidentemente che il trasporto merci avviene ancora per quasi la sua totalità su gomma, in considerazione dell’inadeguatezza delle linee ferroviarie.

E che nell’ambito del trasporto persone a sbaragliare la concorrenza è il vecchio pullman che si è ripreso il mercato con tariffe competitive, mezzi puliti e puntualità del servizio.

Allora di che aumenti vogliamo parlare?

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

È Allarme fuochi nei parchi urbani di Trento

Pubblicato

-

“Nel tardo pomeriggio ero nei pressi del campetto dell‘oratorio di Povo quando vedo una fiammata e due ragazzi che scappano… hanno dato fuoco a dei giornali usando delle piccole candele (quelle della chiesa o del cimitero?) e hanno acceso questo fuoco su un tavolo di legno posto tra la canonica e l’ex scuola elementare… per fortuna che sono intervenuta prontamente aiutata dai miei figli e con gli annaffiatoi del cimitero lo abbiamo spento sul nascere, ma i legni del tavolo già dopo un minuto stavano per cominciare a bruciare”.

E’ la denuncia di una signora (non l’unica purtroppo) che ieri si trovava nei pressi dell’oratorio di Povo che conferma come ormai sia allarme fuochi nei parchi urbani della città.

Una cattiva abitudine, oltretutto vietata e sanzionabile, ma che evidentemente viene vista da qualcuno come una sfida alla comunità.

Pubblicità
Pubblicità

Fino a quando non succederà qualcosa di grave, accentuato dalla generalizzata mancanza di grandi quantità di acqua nei nostri giardini pubblici.

Le foto allegate testimoniano la situazione dei Giardini Massimiliano I° d’Asburgo di Lung’Adige Braille dove dopo il barbecue serale, del quale abbiamo parlato in un precedente articolo, i falò vengono accesi direttamente sul prato sotto gli alberi, dove sono state vandalizzate anche due panche pic nic.

Infine abbiamo già scritto del parco di Cognola, quello che si trova sotto la chiesa dove anche in questo caso, alcuni giovani hanno preso l’abitudine di riunirsi attorno al fuoco.

Situazioni a rischio, vietate e sanzionabili che però sono tollerate dall’amministrazione comunale.

Infatti il sindaco cosa fa? Anche in questo caso nulla, ma se succede qualcosa di grave la responsabilità di chi è?

Parco di Cognola

Parco Braille Cristo re

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza