Connect with us
Pubblicità

Trento

Nissan contromano in tangenziale, evitata per miracolo una tragedia

Pubblicato

-

Poteva finire in tragedia un contromano effettuato stamane poco prima delle 10.00 sulla tangenziale di Trento da una Nissan Qashqai bianca.

L’autovettura ha preso in contromano la rotatoria della tangenziale, all’altezza dell’uscita dell’autostrada Nord di Trento e nonostante gli avvertimenti dei conducenti ha continuato imperterrita la sua strada.

Solo per miracolo alcune autovetture hanno evitato lo scontro ed alcune per evitare la Nissan si sono dovuti mettere di traverso sulla carreggiata rischiando di essere tamponati dalle vetture che sopraggiungevano.

Pubblicità
Pubblicità

A denunciare la cosa è stato il consigliere provinciale Devid Moranduzzo sulla sua pagina social.

«Se me lo avessero raccontato non ci avrei creduto, io e un mio amico eravamo fermi allo stop in uscita da Spini di Gardolo e siamo riusciti a riprendere l’accaduto! Nessun morto, nessun ferito e nessun incidente, però c’è da dire che prima di mettersi alla guida di un veicolo, le persone dovrebbero imparare il codice stradale!» Spiega un testimone

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Sait, dopo la totale ristrutturazione riapre il negozio di via Grazioli a Trento

Pubblicato

-

È uno dei riferimenti più cari per i cittadini di Trento, il particolare nella zona di via Grazioli, attivo fin dalla metà degli Anni Sessanta.

Il negozio di Sait in via Grazioli all’angolo con via Brigata Acqui – con l’insegna Famiglia Cooperativa – da oggi appare a soci e clienti completamente ristrutturato e riorganizzato nei reparti di vendita.

In primo piano, appena dopo l’ingresso, si trova il reparto della frutta e verdura, poi banco carne raddoppiato, e nuovi settori come il pesce fresco, i piatti pronti, e dolci.

Pubblicità
Pubblicità

In generale, è stata data grande importanza ai prodotti freschi, con un nuovo percorso di spesa più facile e intuitivo.

Sono stati rifatti tutti gli impianti tecnologici, sostituita la scaffalatura, installati banchi frigo a risparmio energetico e una nuova illuminazione a led a basso consumo.

L’interno, che si sviluppa su una superficie di circa 220 metri quadrati, appare più luminoso, moderno e accattivante.

Il Sait è presente in via Grazioli fin dagli anni Sessanta con questo negozio di prossimità a servizio della popolazione che vive o lavora nella zona.

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Escalation violenza e droga a Trento: ringraziamo i buonisti e il «Politically correct»

Pubblicato

-

Spesso penso che la mia città sia bella ma anche molto strana.

Bella perché composta di persone intraprendenti, tenaci, amanti del bene comune e rispettose della libertà e delle idee altri.

Strana perché viene messa in testa alle classifiche della cosi detta vivibilità pur sapendo che ormai questa è solo una bufala gigantesca.

PubblicitàPubblicità

Per eventuali conferme fatevi due passi nelle periferie e in qualche parco cittadino 

La mia è una città dove la figlia di una mia amica, mamma attenta e anche troppo perbene, ha iniziato ad assumere eroina a tredici anni, e la prima dose gliel’ha data un suo compagno di classe, e quando ha assunto la droga al Parco di Santa Chiara era con altre tre sue amiche, minorenni come lei.

Poi il livello si è alzato e questa tredicenne insieme alle amiche ormai assuefatte e fuori controllo hanno cominciato a frequentare piazza Dante dove spesso si vendevano per una dose o diventavano cavalli da consegna per ogni tipo di droga, per finire così sfruttate dai tunisini senza scrupoli.

Palline di stupefacente portate in giro da queste minorenni nascoste negli antri più sporchi della città, ingoiate e vomitate dai nord africani per sfuggire ai controlli delle forze dell’ordine, oppure peggio finite nel deretano di qualche ovulatore nigeriano.

È questo che vogliamo per i nostri figli? È questa la città che abbiamo imparato ad amare? Sono davvero gli spacciatori nullafacenti Albanesi, marocchini, nigeriani e tunisini che vogliamo ospitare nella nostra Trento?  

Già, i tunisini. Simpatici, ben vestiti con capi di tendenza, scarpe firmate e bizzarri occhiali colorati e naturalmente i soldi per stare ore al bar ad ubriacarsi.

Bar in centro, affollati di nordafricani in generale, che si muovono su biciclette nuovissime che mai nessuno ruberà. Chissà perché. E sembra quasi stupido che noi si lavora.

Sapete dove finiscono i loro enormi proventi della droga? Tutti nei paesi di origine dove famigliari e amici li spendono per l’acquisto di terreni, aziende e case.

Ma la cosa che fa ancora più rabbia è che le famiglie sanno benissimo cosa vengono a fare i figli qui in Italia, e ne sono anche felici, perché così loro «con lo spaccio della droga avvelenano gli infedeli trentini e italiani».

Ho conosciuto una ragazza, studentessa insospettabile al terzo anno di Economia, che ogni settimana saliva da Riva del Garda per comprarsi eroina da sniffare.

Sapeva dove abitava il suo pusher e andava direttamente a casa sua.

Spesso, mi confidò, c’erano altri amici magrebini, e la invitavano a sballarsi con loro.

Poi, strafatta, tornava a Riva del Garda. A studiare.

In sé la cosa pur rivoltante, perché risparmio i particolari di quello che succedeva dopo lo sballo in casa dei magrebini, non sarebbe nemmeno così strana.

La cosa strana è che i soldi per l’eroina glie li dava sua nonna, alla quale aveva confessato tutto. Cosa non si fa per i nipoti.

L’altra cosa strana è che quando l’ho incontrata e le ho chiesto come potesse abbassarsi a condividere la sua dignità con gente che viene spesso da contesti dove apprezzano che le donne vengano lapidate dopo essere state violentate, mi ha risposto che non conoscendoli non potevo capire quanto erano simpatici. Forse era strafatta.

Di studentesse che si drogano è pieno il nostro ridente Trentino. E se qualcuno ha dei dubbi vada a parlare con qualche operatrice dell’UEPE di Trento dove la metà dei frequentatori che vi accedono per trovare le misure alternative alla detenzione dopo una condanna sono proprio universitari condannati per droga.

Ma la domanda è come sia possibile ridursi così in breve tempo?

La risposta la fornisce uno dei più illuminati servizi al cittadino presenti sul territorio, la collaborazione Carabinieri-S.Patrignano.

Pensate, la tecnica unita al dolore.

Nelle loro conferenze i Carabinieri spiegano cos’è la droga mentre San Patrignano, composta da genitori di tossicodipendenti, racconta il dolore di tale esperienza.

Se andate ad una di queste conferenze vi sgorgheranno le lacrime, ma se siete genitori inizierete a guardare i figli come potenziali bersagli di gente senza scrupoli. Perché è così.

I più attendibili report, pubblicati su tutti i giornali locali dicono che la soglia di inizio dell’assuefazione da tossicodipendenza si abbassa sempre di più.

Alcuni a dodici anni, anche a dieci, come la bambina della notizia su tutti i giornali dei giorni scorsi.

Allora mi chiedo come è possibile che in questa nostra città vi siano bambine che iniziano a usare gli stupefacenti a tredici anni?

E’ quasi ovvio. Si inizia con lo spinello, un modo figo per sentirsi grandi, e non pericoloso a sentire i genitori che lo hanno fumato prima di loro.

Solo che oggi non è tanti anni fa, dove non c’erano molte opportunità e occasione di prendere altro e dove ogni angolo non pullulava di spacciatori e criminali stranieri. Per questo oggi lo spinello è letale.

Ma c’è anche un’altro motivo del perché lo spinello è l’anticamera della dipendenza e la strada del tunnel senza ritorno.

Negli anni scorsi i paesi produttori distribuivano hashish di qualità, sempre devastante ma meno letale di quello odierno.

Ed il perché l’Hashish odierno sia più devastante risiede nel fatto che viene addizionato con le peggiori sostanze, dai copertoni grattugiati alla pasta di vetro, ma la cosa letale è che ci mettono sostanze oppiacee, cosi chi fuma uno spinello ha subito voglia di eroina.

Ed ora non possiamo non parlare del bellissimo giardino che si chiama piazza Dante, la porta della città di Trento ubicato di fronte ai palazzi della regione e della provincia.

Il comune ha speso oltre 800 mila euro per renderlo il biglietto da visita della città di chi esce dalla stazione di fronte, ma nemmeno una lira per metterla in sicurezza.

Perché secondo qualche illuminato politico la criminalità e lo spaccio di combattono con la valorizzazione degli ambienti e la ristrutturazione delle piazze.

Hai tuo figlio che si droga? Nessun problema, ristruttura la casa e valorizza il giardino.

E pensare che tutti i quartieri attorno mandavano in questa piazza i figli a giocare da soli, non molti anni fa.

Ora è terra di nessuno. Per uno spacciatore arrestato ne arrivano altri cento o mille. È una guerra impossibile da vincere finché le cose rimangono così.

Perché spacciare è molto meglio che lavorare e il carcere è molto meglio che la strada o certi appartamenti dove i “cavalli” si affollano sul pavimento in attesa di spacciare per conto dell’albanese con il Cayenne.

Già, c’è anche l’albanese. Una recente operazione ne ha arrestati un sacco. Spacciavano alla grande, chili importati dal loro ridente paese e venuti direttamente dall’Afghanistan.

Avevano il Q7 dell’Audi con il Cayenne a Tirana. Ma qui giravano in Ford Focus. Mica scemi. Tutti avevano un lavoro fittizio, manovali, conducenti di furgoni.

Mogli, suocere, mamme e padri, figli, tutti in case ITEA.

La cosa strana era il morboso rapporto con i datori di lavoro, ammirati, ma forse è meglio dire spaventati, dalla loro intraprendenza nel gestire gli impegni professionali.

Forse erano già a conoscenza del “clanismo“, quello che se tocchi uno del clan, prima o poi ti capita qualcosa. Ecco spiegata tanta accondiscendenza, ecco spiegata la facilità di assunzioni.

Quello che non si spiega è la facilità per gli spacciatori di ottenere case dall’ITEA o dalla Curia. Ho capito che devi aiutare il fratello ma la Bibbia, il libro dei Libri dice anche altro. Se droghi mia figlia è occhio per occhio dente per dente.

Più cattivi degli albanesi sono i nigeriani. Loro hanno la forza delle credenze tribali e il colore della pelle.

Direte cosa c’entra il colore della pelle. Ma è perché la Curia è impietosita da questa idea del Kunta Kinte perenne, tanto da offrire loro appartamenti dove potevano dedicarsi alla gestione delle prostitute importate dalla Nigeria dopo un lungo viaggio fatto di stupri e botte da orbi, e continuare con lo stesso tenore anche qui.

Recentemente gli arresti in regione hanno confermato tutto quanto scritto sopra. Con qualcosa in più. La fredda determinazione a eliminare fisicamente la famiglia di una nigeriana costretta a prostituirsi e che si era ribellata alla legge tribale della fattura.

Ora mi chiedo perché le Curia abbia dato gli appartamenti ai nigeriani, con tutti i padri separati trentino che dormono in macchina.

Lo so che direte che non ci son dati, il PD dice che non ci sono dati. Invece è inutile mentire, i padri separati trentini dormono in macchina mentre gli spacciatori dormono nelle case ITEA.

E’ la follia delle assegnazioni, lo spacciatore viene da noi con moglie, (Velata) suocera figli a seguito e viene accolto con tutti gli onori sbagliati di casa.

Ma l’onore sbagliato cos’è? Semplice, è il Politically correct, questa cretinata per cui ogni balordo spacciatore che lavora nel nostro territorio viene accolto con ogni favore.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

L’abbraccio del presidente Fugatti ai carabinieri in congedo

Pubblicato

-

“Sappiamo quanto averte lavorato in favore della comunità trentina indossando la divisa. Oggi mettete disposizione del territorio la vostra esperienza, operando quotidianamente come volontari: per il vostro impegno vi rivolgo un grazie sincero anche a nome di tutti i trentini”.

Il presidente della Provincia autonoma Maurizio Fugatti ha salutato con queste parole la rappresentanza della sezione del capoluogo dell’associazione nazionale dei carabinieri in congedo “Generale Michele de Finis”, che lo ha accolto nella propria sede in viale dei Tigli.

Oltre al governatore, hanno accettato l’invito dell’associazione guidata dall’ufficiale Silvano Fedi anche il presidente del Consiglio provinciale Walter Kaswalder e l’omologo in Consiglio regionale Roberto Paccher.

Pubblicità
Pubblicità

L’ufficiale Fedi e il segretario della sezione Francesco Azzola hanno presentato agli ospiti l’organizzazione dell’associazione, che conta circa 400 soci (250 carabinieri in congedo) e una ventina di appartenenti al gruppo dei volontari.

Tutti – è stato detto – sono a disposizione della cittadinanza.

Il presidente del Consiglio provinciale Kaswalder ha ricordato l’importanza del lavoro svolto dai rappresentanti dell’Arma nel capoluogo come nei piccoli centri delle valli, dove anche dopo il congedo vengono riconosciuti come figure di riferimento. “Un carabiniere è per sempre. Sempre tra la gente, a disposizione di chi ha bisogno di un aiutoha evidenziato il presidente del Consiglio regionale Roberto Paccher, che ha aggiunto: “Il vostro impegno accanto ai cittadini non è stato per voi solo un lavoro, ma una missione. Per questo vi ringraziamo”.

Dopo aver posato per le foto di rito, i tre massimi rappresentanti delle istituzioni trentine e regionali hanno lasciato una dedica sul libro dei visitatori.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza